Navigation – Plan du site
Confraternite e città in Italia fra tardo medioevo...

Le strutture associative romane del primo Rinascimento: dalle confraternite alle «sodalitates» umanistiche

Charitable organizations in Rome during the Early Renaissance: from confraternities to humanistic «sodalitates»
Anna Esposito
p. 33-38.

Résumés

Il saggio vuole mettere in evidenza l’importanza delle strutture associative che si vennero a creare a Roma tra fine ’300 e i primi decenni del ’500, in un ventaglio diversificato di tipologie di offerte caritative, che rispecchiavano la varietà delle realtà e dei bisogni sociali di coloro che vivevano a Roma (cittadini, forestieri, pellegrini, curiali etc.). Se non vi è dubbio che le istanze dei più antichi sodalizi siano rivolte in primo luogo al conforto spirituale e all’assistenza materiale (ricovero, cure sanitarie, etc.), con la fine del ’400 si assiste alla nascita di nuove fondazioni o alla trasformazione di quelle già esistenti, tutte connotate dall’intento di venire incontro alle necessità di una città parzialmente mutata dal punto di vista sociale, economico e culturale, com’era Roma nell’età del Rinascimento. In questo contesto si è cercato di illustrare non solo le reti di solidarietà dei cives romani e quelle proprie dei forestieri/stranieri e la loro progressiva (ma pur sempre parziale) convergenza, ma anche istituzioni del tutto peculiari, come la Sodalitas Parionis, una via di mezzo tra l’accademia umanistica e un sodalizio confraternale, i cui soci (tutti italiani, con un’unica eccezione) erano uniti non solo dalla comune residenza nel centrale rione di Parione, dalle stesse frequentazioni curiali ma anche dall’amore per la cultura e per l’antico: un gruppo di persone, dunque, già legate da rapporti trasversali di vario genere, rapporti che si potrebbe definire esemplari di quelle reti di solidarietà che a più livelli dovevano intersecarsi anche nella società romana del tardo medioevo.

Haut de page

Texte intégral

1Se si esamina lo stato delle relazioni interpersonali, dei legami di solidarietà, dei rapporti sociali – verticali e orizzontali – in una città complessa come era Roma nell’età rinascimentale, non possiamo non mettere in luce da una parte processi ampiamente riproducibili altrove, dall’altra situazioni del tutto peculiari.

  • 1 M. Gazzini, Confraternite e società cittadina nel Medioevo italiano, Bologna, 2006, p. 207.

2Come altrove, anche a Roma parenti, amici, vicini, soci nel lavoro costituivano «l’orizzonte entro il quale era spontaneo sorgessero le relazioni sociali»1. La scarsità della documentazione relativa alla realtà rionale e parrocchiale cittadina non permette però di ricostruire l’esistenza di una vitale rete di relazioni di vicinato basate sulla contrada, sul rione o sulla parrocchia. Perciò, se si vuole indagare sulle reti di solidarietà nella realtà cittadina di Roma utilizzando una documentazione che nel xv secolo è certamente più ricca e articolata di quella del secolo precedente, non vi è dubbio che si deve partire dalle istituzioni confraternali e dai loro archivi.

3In questo saggio cercherò dunque, nel dare un brevissimo profilo delle fondazioni confraternali romane del ’400, di metterne in luce le caratteristiche socio-devozionali ed in particolare la tipologia del reclutamento, la composizione sociale, l’articolazione dell’offerta caritativa, i suoi fruitori e i legami di patronato ad essa collegati, la presenza sul territorio urbano.

  • 2 Per un quadro dell’associazionismo confraternale romano si deve ancora far riferimento a M. Maroni (...)
  • 3 Sono pervenuti statuti dei sec. xiv e xv per i seguenti sodalizi devozionali : i Raccomandati del S (...)
  • 4 Cfr. A. Esposito, Statuti confraternali italiani del tardo Medioevo. Aspetti religiosi e comportame (...)
  • 5 P. Pavan, Gli statuti... cit., p. 66, cap. XIX.
  • 6 P. Pavan, Gli statuti... cit., p. 47, 49.
  • 7 Cfr. A. Esposito, Le confraternite e gli ospedali... cit., p. 163, cap. 14. Anche altrove si rileva (...)

4A Roma nel sec. xv il laico devoto aveva una scelta abbastanza articolata di sodalizi devozionali a cui afferire2, tutti con un reclutamento a base cittadina e rivolto a tutte le categorie sociali, ad eccezione ovviamente delle confraternite nazionali e quelle di mestiere, che avevano finalità specifiche. In tutti gli statuti confraternali tramandati3 era prevista, prima della cooptazione di un nuovo socio, una indagine, da parte di una commissione, de eius fama, vita et moribus4. Una volta accertata la buona fama, criterio preferenziale di ammissione in alcune confraternite era il rapporto di parentela con un membro della società. Così nel sodalizio del Salvatore si stabilisce già negli statuti del 1331 (dove peraltro si prevedeva anche un numero chiuso per laici ed ecclesiastici) che loco defunti, filius aut frater... in societate admictatur5. Ciò mostra la precoce vocazione di questa confraternita, «che vede nell’omogeneità sociale uno dei più potenti strumenti di solidarietà e coesione e che con le reformationes del 1474 introdurrà ulteriori criteri restrittivi chiedendo ai soci di non appartenere ad altre confraternite6. Quest’ultimo elemento era presente solo per questo sodalizio, che non a caso era il più elitario della città, quello in cui fin dalla sua costituzione si raccoglieva gran parte della classe emergente cittadina. Invece nelle altre istituzioni confraternali non si ponevano limiti di sorta, anzi dal tardo Quattrocento si cercò d’incrementare in vario modo la presenza di esponenti dei ceti più abbienti, dell’aristocrazia laica ed ecclesiastica, ad esempio accogliendoli senza nessun accertamento della loro «moralità, invece obbligatorio per gli altri, come viene chiaramente dichiarato negli statuti della società di S. Maria de vita eterna, dove le «egregie persone e noti de nobiltà, fama et conditione» potevano essere ammessi nella compagnia «senza altra discussione et examine»7.

  • 8 Archivio di Stato di Roma (=ASR), SS. Annunziata, b. 3, nr.201(bolla con la concessione di indulgen (...)
  • 9 Cfr. rispettivamente A. Esposito, Le confraternite e gli ospedali... cit. ; A. Esposito, Le ‘confra (...)

5Di fatto, se dai testi normativi si passa ad analizzare gli elenchi delle matricole e i libri delle congregazioni, è possibile rendersi conto che a fine Quattrocento a Roma esistevano fraternite dalla composizione sociale in parte diversa: alcuni, come i Raccomandati del Salvatore o la compagnia della SS. Annunziata alla Minerva, erano formate in prevalenza da persone provenienti dai ceti economicamente e socialmente emergenti, da membri di famiglie della tradizionale nobiltà municipale e, soprattutto dalla seconda metà del secolo xv, da una significativa percentuale di iscritti costituita da barones, militares, nobiles e da curiales quamplurimi in dicta urbe habitantes in numero copioso et similiter aliqui ex sancte romane Ecclesie cardinalibus8, che svolgevano un ruolo dprestigio e di appoggio ai bisogni economici dei sodalizi. In altri, come S. Maria della Consolazione ed il Gonfalone, formatisi entrambi dall’unione di piccole confraternite mariane attive già nel Trecento, la componente artigianale e mercantile di più modeste o recenti fortune rimase prevalente ancora per tutto il Quattrocento9.

  • 10 A. Vauchez, I laici nel Medioevo. Pratiche ed esperienze religiose, Milano, 1989, p. 131-133.
  • 11 Cfr. i saggi del volume Roma capitale 1447-1527, a cura di S. Gensini, Pisa, 1994.
  • 12 P. Hurtubise, La présence des étrangers à la cour de Rome dans la première moitié du xvie siècle, i (...)
  • 13 Sulla diffusione di questo sistema nell’età moderna cfr. M. Piccialuti, La carità come metodo di go (...)
  • 14 Questa era prassi comune a tutti i sodalizi romani di fine ’400.

6È possibile verificare che un numero significativo di homines novi, che si affermano nel corso di questo secolo sia dal punto di vista economico che sociale, trovavano più opportuno aggregarsi e operare concretamente in sodalizi dove più aperta era la gestione degli affari comunitari e dove potevano fare sentire la propria influenza, ferma restando la possibilità di iscriversi anche ad altre compagnie – la pluralità di iscrizioni era del resto una pratica frequente non solo in Italia10 – o di farvi iscrivere membri della propria famiglia. È inoltre da tener presente un elemento non secondario per comprendere la trasformazione che sta avvenendo nella composizione sociale di questi organismi, segnati in gran parte a fine ’400 da una eterogeneità diffusa per quanto riguarda le provenienze, più marcata nelle confraternite di recente fondazione, come la SS. Annunziata, ma comunque evidente anche in quelle più antiche e prestigiose come il Salvatore: l’interesse dei pontefici – oramai signori assoluti della città, divenuta sede di una corte internazionale e capitale di una stato11 – era quello di indebolire le associazioni che tradizionalmente aggregavano le diverse componenti sociali cittadine, come erano appunto le confraternite di devozione, con il favorire l’ingresso e la partecipazione di elementi ’estranei’, come erano in gran parte i ‘curiali’, cioè il personale della curia pontificia, e le alte sfere del mondo ecclesiastico12. L’obbiettivo era determinare un più stretto legame con il papato scompaginando le antiche strutture sociali di impronta municipale, e attuare un maggior controllo sulla città proprio attraverso le istituzioni caritative13. Del resto le richieste alle autorità ecclesiastiche di ’favori’ da parte dei sodalizi, dalla concessione di indulgenze all’esenzione fiscale – richieste che divengono sempre più pressanti nel corso del Quattrocento –, rendeva preziosa la presenza nella compagine confraternale di persone vicine al pontefice, che potessero sollecitarne e con più facilità ottenerne la soddisfazione14.

  • 15 Per la citazione cfr. A. Vauchez, I laici... cit., p. 130 ; cfr. anche G. Alberigo, Contributi alla (...)

7Ma anche altre esigenze potevano motivare un individuo all’’affiliazione ad una particolare confraternita: ad esempio dal desiderio di rimanere nel solco della tradizione familiare e di mantenere, anche attraverso la consuetudine confraternale, i legami stretti con le famiglie legate a quel sodalizio, di cui si condividevano alleanze e schieramenti consortili; poteva altresì costituire un fattore d’integrazione e di «rispettabilità sociale per individui o per interi gruppi ai margini della società benestante o di recente insediamento in città: «fare corpo», in questo caso, significava davvero «pervenire ad una esistenza riconosciuta»15.

  • 16 R. Weissman, Ritual Brotherhood... cit. ; C. Vincent, Des charités bien ordonnées. Les confréries n (...)
  • 17 A questo proposito cfr. le osservazioni di P. Pavan, La confraternita del Salvatore nella società r (...)
  • 18 Ch. Black, Italian Confraternities... cit., p. 80

8Passando alle dinamiche interne, teoricamente qualsiasi iscritto poteva essere eletto a qualsiasi carica sociale: in realtà anche a Roma si verifica l’accentramento delle cariche più prestigiose nelle mani di un numero ristretto di famiglie, che venivano così a gestire praticamente tutti gli affari della confraternita e in particolare l’amministrazione del patrimonio – spesso cospicuo per i frequenti lasciti e donazioni di beni immobili e fondiari, fenomeno peraltro ampiamente messo in luce anche per altre città dalla storiografia più recente16. La situazione meglio conosciuta a questo riguardo è, ancora una volta, quella relativa alla confraternita del Salvatore, in cui l’ufficio del guardianato era certamente un posto di potere in quanto comportava la gestione del vasto patrimonio immobiliare e fondiario dell’Ospedale lateranense e costituiva una roccaforte delle famiglie cittadine più eminenti, identificabili con quelle che nel Trecento avevano avuto responsabilità nel governo comunale e che ancora nel secolo successivo ricoprivano magistrature nell’amministrazione cittadina. Dall’analisi dei nomi degli ufficiali espressi nei libri sociali per un periodo che va dal 1428 al 1500, si ricava che meno di una ventina sono le famiglie che ricoprono con più frequenza l’ufficio di guardiano e quello – pure importante – di camerario, cariche che risultano di fatto intercambiabili: in questo modo alcuni individui riuscivano a gestire gli affari confraternali anche diversi anni di seguito; spesso dopo un certo lasso di tempo troviamo loro stessi o membri della loro famiglia o consorteria ricoprire di nuovo questi uffici oppure far parte del consiglio dei Tredici boni viri. Pure nella più giovane confraternita dell’Annunziata, di cui rimangono i libri sociali dal 1476, vediamo succedersi alla direzione della confraternita membri delle famiglie più in vista della Roma quattrocentesca, alcuni dei quali erano aggregati al Salvatore almeno fino al 1474, anno in cui questo sodalizio deliberò l’esclusività dell’iscrizione. Dunque, soprattutto nel tardo Quattrocento, a Roma le famiglie dei ceti emergenti municipali, ormai emarginate sia dalla politica attiva sia dai più ampi circuiti economici e finanziari, che facevano capo alla curia e a gruppi di finanziatori esterni, cercarono, attraverso le istituzioni confraternali e assistenziali, di «riaffermare la propria identità ed il proprio ruolo in un contesto urbano che sembra lasciare sempre minori spazi d’intervento17. Ricoprire dei ruoli direttivi e delle cariche di responsabilità all’interno di queste organizzazioni era certamente importante per chi veniva di fatto escluso dalla vita politica, ormai sempre più appannaggio del personale della curia, e certamente frenato sul piano economico dalle limitate potenzialità produttive di una città come Roma; fenomeno peraltro evidenziato anche per altre realtà – soprattutto durante il Cinquecento –, quando in Italia si andò riducendo il numero delle entità statali e «fewer people were involved in politically or administratively responsible roles (even if there was a growth in bureau cracies)»18.

9Da quanto detto spero risultino delineate con sufficiente chiarezza le motivazioni che spingono una parte non insignificante – e certamente quella più attiva e impegnata – della popolazione romana a far parte di organismi confraternali. Un sincero desiderio di vita religiosa più intensa, pur nello specifico laicale, frequenti riunioni devote, la commemorazione dei soci defunti e il mutuo soccorso nei momenti di difficoltà assicurano – un po’ per tutti i sodalizi cittadini – una reale solidarietà di gruppo e ciò si traduce in una pregnanza e dinamicità d’intervento nel tessuto urbano che non possono non far pensare alla mentalità imprenditoriale che contraddistingue le élites di queste associazioni.

  • 19 Sulle fondazioni nazionali cfr. A. Esposito, Gli ospedali romanitra iniziative laicali e politica p (...)
  • 20 Per la bolla cfr. P. Micheloni, Quattro secoli di medicina in Roma e nello Stato Pontificio attrave (...)

10Ciò vale anche per i sodalizi a carattere nazionale, che sorgono numerosi, eredi delle antiche schole peregrinorum e che vengono ad articolare ulteriormente il panorama dei sodalizi cittadini e dei relativi ospedali e a costituire, proprio per la dimensione che il fenomeno ebbe a Roma a partire dalla metà del Trecento, un fattore di novità rispetto ad altre realtà urbane italiane19. Fondate con lo scopo dichiarato di costituire dei punti di riferimento per i propri connazionali, soprattutto per i viaggiatori e i pellegrini, le associazioni di forenses avevano per lo più sede nei rioni centrali sulle vie di maggior comunicazione della città (e non più solo nei pressi dei più famosi luoghi di culto, come le antiche scole altomedievali). Se certamente in istituzioni di questo tipo l’attenzione è posta in modo particolare sull’accoglienza negli ospizi, è interessante notare che, specialmente a fine ’400 in quelle relative a comunità nazionali numericamente consistenti e da tempo presenti a Roma, i soggetti di riferimento non sono più solo i pellegrini, ma i residenti pauperes et infirmi della nazione, come è detto espressamente, ad esempio, nella bolla di fondazione del 1471 dell’ospedale di S. Ambrogio dei Lombardi, e come si può ricavare dalla documentazione relativa alle fondazioni tedesche20. Non vi è dubbio che in questi sodalizi i legami di solidarietà fossero ancora più stretti proprio perché rivolti a persone che in molti casi non avevano a Roma altri punti di riferimento, anche se da un esame delle matricole e dei libri sociali delle tradizionali confraternite romane si può notare già nel tardo ’400 un progressivo aumento delle adesioni di stranieri e forestieri, segno di un desiderio d’integrazione in quelle che erano sentite come le ‘vere’ associazioni cittadine di riferimento, e non solo per le pratiche devozionali.

  • 21 Cfr. M. Mollat, En guise de préface : les problèmes de la pauvreté, in di M. Mollat (dir.), Études (...)
  • 22 P. Pavan, La confraternita del Salvatore... cit., p. 85.

11Anche per la maggior parte delle confraternite dei romani l’opera caritativa per eccellenza era costituita dal conforto e dall’aiuto dei più poveri e sofferenti e quindi dall’allestimento e dalla conduzione di un proprio ospedale, seguendo del resto un’evoluzione comune a tanti sodalizi e destinata a fare del laicato l’organizzatore principale se non esclusivo dell’assistenza21. Senza moltiplicare gli esempi, del resto ben noti, di fondazioni ospedaliere gestite dal laicato devoto romano, a partire dall’ospedale di S. Angelo al Laterano dei Raccomandati del Salvatore, due sono i punti che mi preme sottolineare: il primo riguarda la presenza sul territorio urbano degli edifici ospedalieri, che nel corso del ’400 subiscono trasformazioni e ampliamenti sempre più vistosi – almeno quelli gestiti dai sodalizi più importanti –, mostrando anche all’esterno la presenza – se così si può dire – lo spazio urbano; il secondo riguarda gli utenti dell’attività assistenziale, che di sapore ancora vagamente corporativo nel primo Trecento, si era presto rivolta a tutti i pauperes et infirmi della città ed estesa anche ai pellegrini stranieri, a cui venivano prodigate cure sia materiali che spirituali, «segno di sensibilità al tema della carità, ma anche risposta concreta alla diffusa esigenza di ordine pubblico»22.

  • 23 ASR, Ospedale del Salvatore, reg. 373, c.4r; cass.413, nr.9; cass. 418, nr.14.
  • 24 A. Esposito, Le ‘confraternite’ del Gonfalone... cit., p. 129, cap. 47, ma cfr. anche P. Pavan, Sta (...)
  • 25 La società del Salvatore distribuiva pane ai carcerati del Campidoglio e a diverse chiese cittadine (...)
  • 26 Per Firenze, v. J. Henderson, Pietà e carità nella Firenze del basso Medioevo, tr. it., Firenze, 19 (...)
  • 27 Cfr. A. Esposito, Amministrare la devozione. Note dai libri sociali delle confraternite romane (sec (...)
  • 28 Si vedano a questo proposito sia gli statuti della SS. Annunziata che quelli della SS. Concezione, (...)

12L’attenzione per le «persone inferme et debilo vero abbandonate, soprattutto precarie e non autosufficienti dal punto di vista economico, e non più sorrette da legami familiari adeguati, riflette un problema tipico delle società urbane del tardo Medioevo, a cui si cercava di far fronte anche con altri mezzi: in primo luogo per i più derelitti con l’istituzione di domus pauperum da parte di privati, spesso gestite e controllate da confraternite, come nel caso dei Raccomandati del Salvatore, che ne amministravano quasi una decina23, oppure per le persone di ceto più elevato ma ridotte in povertà la costituzione di sedi appositamente riservate per i confratelli che volevano darsi «insieme con le loro robe nelle nostre mano», cioè farsi oblati delle società di appartenenza, come è ad esempio documentato per il Gonfalone, che negli statuti del 1495 disponeva il ricovero delle donne in S. Maria Maddalena e degli uomini in S. XL Martiri, nei cui ospizi dovevano essere «con diligentia manutenuti secondo le loro robe, le quali non bastando selli debia subvenire dalle nostre entrate24. L’attività ospedaliera non era certamente l’unica: infatti non manca l’attestazione per molti sodalizi di distribuzione di elemosine in denaro, di vettovaglie soprattutto pane e fave, di vesti25, per non parlare della carità della dotazione delle fanciulle povere, che a Roma nel secondo ’400 si afferma come finalità peculiare ed esclusiva per nuovi sodalizi, come quelli della SS. Annunziata e della SS. ConcezionDa quanto detto, emerge un problema non secondario: chi erano i reali fruitori dell’assistenza confraternale? A somiglianza di quanto avveniva in altre realtà urbane, come Firenze o Milano26, mentre il ricovero ospedaliero era di norma riservato a persone esterne al sodalizio, in molti casi forestiere (per i confratelli l’assistenza – anche medica – era di solito a domicilio), anche a Roma la beneficenza in denaro (spesso sotto forma di mutui ‘agevolati’) o in alimenti era in primo luogo destinata ai soci in difficoltà, e solo in seconda istanza anche agli altri. Come ha messo bene in evidenza John Henderson per Firenze, gli ufficiali dei grandi sodalizi spesso conoscevano personalmente le persone da beneficiare, oppure ricevevano informazioni dai rettori delle parrocchie sulle famiglie in difficoltà. Questo – come rivelano sondaggi fatti nei registri confraternali di entrate e uscite – è riscontrabile anche per le principali fondazioni romane,27 dove si può dire che la gran parte dei beneficiati – pur non iscritti – era comunque in relazione (familiare, di vicinato, di lavoro) con i gestori dell’istituzione, per non parlare delle fanciulle da dotare, che venivano scelte di preferenza tra le figlie dei membri più economicamente deboli dei sodalizi, o tra le orfane di soci defunti28. Dunque anche il caso romano viene a sostenere la tesi della creazione di reti di patronato da parte dei sodalizi: la beneficenza sarebbe servita a creare legami tra ceti sociali non solo in senso orizzontale ma anche in senso verticale.

  • 29 Su questa peculiare istituzione cfr. A. Esposito, Tra accademia e confraternita : la Sodalitas Pari (...)

13Ma è possibile recuperare altri indizi delle reti di solidarietà all’interno della società romana rinascimentale. Ne offre l’opportunità il fortunato ritrovamento degli statuti e della matricola di una peculiare fondazione, una via di mezzo tra l’accademia umanistica e un sodalizio confraternale: la Sodalitas Parionis, fondata nel 1517 da un esponente dell’aristocrazia municipale, Pietro Mattuzzi, che pure era iscritto in due sodalizi cittadini, ma che sente l’esigenza di dar vita ad un’istituzione col fine di essere ricordato dopo la sua morte non solo con una cerimonia religiosa ma con una sorta di certamen letterario29.

  • 30 M. Alberini, I Ricordi, a cura di D. Orano, Roma 1901, p. 279.
  • 31 M. Ceresa, Goritz (Küritz), Johann, detto Coricio, in Dizionario biografico degli Italiani, 58, Rom (...)

14Cosa mette in luce questa documentazione, ed in particolare la matricola – costituita da 85 iscritti più o meno contemporanei – su cui ho condotto approfondite ricerche prosopografiche? In primo luogo la comune residenza nel rione Parione, uno dei più centrali della città, e nelle zone limitrofe dei rioni S. Eustachio e Ponte; quindi l’appartenenza di buona parte dei sodali alla parrocchia di S. Lorenzo in Damaso e alla confraternita della SS. Concezione, che lì aveva sede; il comune interesse per la cultura, come prova l’appartenenza di molti sodali ad altri circoli umanistici romani; il far parte sia dell’apparato burocratico curiale sia di quello municipale e anche, per alcuni membri, di avere stabilito tra loro legami di tipo personale, come ad esempio quelli matrimoniali. E infine, motivo non secondario in una Roma ormai cosmopolita, dove – a dirla con l’Alberini – «la minor parte in questo popolo sono i romani»30, il fatto di essere i membri tutti italiani, in buona parte romani, e di avere un unico iscritto straniero: il famoso umanista tedesco Johann Goritz detto Coricio31, che peraltro lascerà Roma dopo il Sacco. Dunque un gruppo di persone – quelle iscritte alla Sodalitas Parionis – che erano già legate da rapporti trasversali di vario genere, rapporti che potremmo definire esemplari di quelle reti di solidarietà che a più livelli dovevano intersecarsi anche nella società romana del pieno medioevo.

Haut de page

Notes

1 M. Gazzini, Confraternite e società cittadina nel Medioevo italiano, Bologna, 2006, p. 207.

2 Per un quadro dell’associazionismo confraternale romano si deve ancora far riferimento a M. Maroni Lumbroso e A. Martini, Le confraternite romane nelle loro chiese, Roma, 1963.

3 Sono pervenuti statuti dei sec. xiv e xv per i seguenti sodalizi devozionali : i Raccomandati del Salvatore, la confraternita di S. Maria delle Grazie, S. Maria de vita eterna, il Gonfalone, la SS. Annunziata alla Minerva, la SS. Concezione in S. Lorenzo in Damaso. Per le loro edizioni cfr. rispettivamente P. Pavan, Gli statuti della società dei Raccomandati del Salvatore ad Sancta Sanctorum, in Archivio della società romana di storia patria, 101, 1978, p. 35-96 ; M. Pelaez, La fraternita di S. Maria delle Grazie e il suo statuto in volgare roma nesco, in Archivio della società romana di storia patria, 69, 1946, p. 73-89 ; A. Esposito, Le confraternite e gli ospedali di S. Maria in Portico, S. Maria delle Grazie e S. Maria della Consolazione a Roma (secc. xv-xvi), in Ricerche di storia sociale e religiosa, n.s. 17-18, 1980, p. 145-172 ; Ead., Le ‘confraternite del Gonfalone (secoli xiv-xv)’, in Ricerche per la storia di Roma, 5, 1984, p. 91-136 ; Ead., Le confraternite del matrimonio. Carità, devozione e bisogni sociali a Roma nel tardo Quattrocento (con l’edizione degli Statuti vecchi della Compagnia della SS. Annunziata), in L. Fortini (ed.), Un’idea di Roma. Società, arte e cultura tra Umanesimo e Rinascimento, Roma 1993, p. 7-51 ; R. Barone, La confraternita della SS. Concezione in S. Lorenzo in Damaso di Roma (con l’edizione degli statuti del 1494), in Archivio della società romana di storia patria, 126, 2003, p. 69-135.

4 Cfr. A. Esposito, Statuti confraternali italiani del tardo Medioevo. Aspetti religiosi e comportamentali, in G. Drossbach (a cura di) Von der Ordnung zur Norm : Statuten in Mittelalter und Früher Neuzeit, Monaco-Vienna-Zurigo, 2009, p. 297-309.

5 P. Pavan, Gli statuti... cit., p. 66, cap. XIX.

6 P. Pavan, Gli statuti... cit., p. 47, 49.

7 Cfr. A. Esposito, Le confraternite e gli ospedali... cit., p. 163, cap. 14. Anche altrove si rilevano trattamenti privilegiati per i nobiles, cfr., ad esempio, per Padova G. De Sandre Gasparini, Statuti di confraternite religiose di Padova nel Medioevo, Padova, 1974, p. XLV-XLVIII ; per Venezia L. Sbriziolo, Per la storia delle confraternite veneziane : dalle deliberazioni miste (1310-1476) del Consiglio dei dieci. Le scuole dei battuti, in Miscellanea Gilles Gérard Meersseman, II, Padova, 1970, p. 734-736. Sul determinarsi di « una specie di aristocrazia all’interno delle confraternite cfr. La Chiesa al tempo del Grande Scisma e della crisi conciliare, a cura di E. Delaruelle, P. Ourliac, E. R. Labande, ed. it. a cura di G. Alberigo, XIV/2, Torino, 1971, p. 873-874

8 Archivio di Stato di Roma (=ASR), SS. Annunziata, b. 3, nr.201(bolla con la concessione di indulgenze emanata da Sisto IV nel 1473). Cfr. A. Esposito, Le confraternite del matrimonio... cit.

9 Cfr. rispettivamente A. Esposito, Le confraternite e gli ospedali... cit. ; A. Esposito, Le ‘confraternite del Gonfalone... cit.

10 A. Vauchez, I laici nel Medioevo. Pratiche ed esperienze religiose, Milano, 1989, p. 131-133.

11 Cfr. i saggi del volume Roma capitale 1447-1527, a cura di S. Gensini, Pisa, 1994.

12 P. Hurtubise, La présence des étrangers à la cour de Rome dans la première moitié du xvie siècle, in Forestieri e stranieri nelle città bassomedievali. Atti del Convegno internazionale, Bagno a Ripoli 4-8 giugno 1984, Firenze, 1988, p. 57-80.

13 Sulla diffusione di questo sistema nell’età moderna cfr. M. Piccialuti, La carità come metodo di governo. Istituzioni caritative a Roma dal pontificato di Innocenzo XII a quello di Benedetto XIV, Torino, 1994.

14 Questa era prassi comune a tutti i sodalizi romani di fine ’400.

15 Per la citazione cfr. A. Vauchez, I laici... cit., p. 130 ; cfr. anche G. Alberigo, Contributi alla storia delle confraternite dei Disciplinati e della spiritualità laicale nei secc. xv e xvi, in Il movimento dei Disciplinati, Perugia, 1962, p. 180-181 ; R. Morghen, Le confraternite dei Disciplinati e gli aspetti della religiosità laica nell’età moderna, in Risultati e prospettive di ricerca sul movimento dei disciplinati, Convegno Internazionale di Studio, Perugia 5-7 dicembre 1969, Perugia, 1972, p. 321. Sull’uso politico delle confraternite a Firenze cfr. R. Weissman, Ritual brotherhood in Renaissance Florence, New York 1982, p. 164-173 ; J. Henderson, Le confraternite religiose nella Firenze del tardo Medioevo : patroni spirituali e anche politici ?, in Ricerche storiche, 15, 1985, p. 77-94.

16 R. Weissman, Ritual Brotherhood... cit. ; C. Vincent, Des charités bien ordonnées. Les confréries normandes de la fin du xiiie siècle au début du xvie siècle, Parigi, 1988, p. 234-235 ; Ch Black, Italian confraternities in the Sixteenth Century, Cambridge, 1989, p. 80-81.

17 A questo proposito cfr. le osservazioni di P. Pavan, La confraternita del Salvatore nella società romana del Tre-Quattrocento, in Ricerche per la storia religiosa di Roma, 5, 1984, p. 89.

18 Ch. Black, Italian Confraternities... cit., p. 80

19 Sulle fondazioni nazionali cfr. A. Esposito, Gli ospedali romanitra iniziative laicali e politica pontificia (secc. xiii-xv), in A. J. Grieco e L. Sandri (a cura di), Ospedali e città. L’Italia del Centro-Nord, xiii – xvi secolo, Atti del Convegno internazionale di studio tenuto presso l’Istituto degli Innocenti e Villa i Tatti, Firenze 27-28 aprile 1995, Firenze, 1997, p. 233-25 ; Ead., Accueil et assistance à Rome, in Mediévales, 40, 2001, p. 29-41

20 Per la bolla cfr. P. Micheloni, Quattro secoli di medicina in Roma e nello Stato Pontificio attraverso Bandi, Editti, Decreti e altri documenti vaticani (1470-1845), Roma 1949 ; per le fondazioni tedesche cfr. C.W. Maas, The German community in Renaissance Rome. 1378-1524, Roma-Friburgo-Vienna 1981.

21 Cfr. M. Mollat, En guise de préface : les problèmes de la pauvreté, in di M. Mollat (dir.), Études sur l’histoire de la pauvreté (yen Âge-xvi siècle), I, Parigi, 1974, p. 29.

22 P. Pavan, La confraternita del Salvatore... cit., p. 85.

23 ASR, Ospedale del Salvatore, reg. 373, c.4r; cass.413, nr.9; cass. 418, nr.14.

24 A. Esposito, Le ‘confraternite’ del Gonfalone... cit., p. 129, cap. 47, ma cfr. anche P. Pavan, Statuti..., p. 60.

25 La società del Salvatore distribuiva pane ai carcerati del Campidoglio e a diverse chiese cittadine (ASR, Ospedale del Salvatore, reg. 374, c.8r) ; inoltre durante la quaresima dava pane e fave bollite ai poveri che si presentavano all’ospedale (ASR, Ospedale del Salvatore, 1009, c.2r). Anche il Gonfalone in occasione della festa dei SS. XL Martiri donava pane e fave « infra povere persone, mentre per la sagra al santuario dell’Annunziata di via Oratoria la prima domenica di maggio faceva distribuire non solo pane, ma anche vino pesci, fave e olio, cfr. A. Esposito, Il cibo nel mondo confraternale del tardo Medioevo, in Archivio Storico Italiano, CLXI, 2003, p. 411-424. Per le vesti da darsi ai poveri, si veda lo statuto della SS. Concezione, cfr. R. Barone, La confraternita della SS. Concezione... cit., cap.33, p. 126.

26 Per Firenze, v. J. Henderson, Pietà e carità nella Firenze del basso Medioevo, tr. it., Firenze, 1998, p. 438-439 ; per Milano cfr. M. Gazzini, Confaternite. e società cittadina... cit.

27 Cfr. A. Esposito, Amministrare la devozione. Note dai libri sociali delle confraternite romane (secc. xv-xvi), in Il buon fedele. Le confraternite tra medioevo e prima età moderna, Verona, 1998 (Quaderni di storia religiosa, V), p. 195-223.

28 Si vedano a questo proposito sia gli statuti della SS. Annunziata che quelli della SS. Concezione, cit. a nota 3.

29 Su questa peculiare istituzione cfr. A. Esposito, Tra accademia e confraternita : la Sodalitas Parionis nel primo Cinquecento romano (con l’edizione degli statuti e della matricola), in Roma nel Rinascimento, 2007, p. 295-323.

30 M. Alberini, I Ricordi, a cura di D. Orano, Roma 1901, p. 279.

31 M. Ceresa, Goritz (Küritz), Johann, detto Coricio, in Dizionario biografico degli Italiani, 58, Roma, 2002, p. 69-72.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Anna Esposito, « Le strutture associative romane del primo Rinascimento: dalle confraternite alle «sodalitates» umanistiche », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge, 123-1 | 2011, 33-38..

Référence électronique

Anna Esposito, « Le strutture associative romane del primo Rinascimento: dalle confraternite alle «sodalitates» umanistiche », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge [En ligne], 123-1 | 2011, mis en ligne le 20 février 2013, consulté le 23 octobre 2017. URL : http://mefrm.revues.org/658 ; DOI : 10.4000/mefrm.658

Haut de page

Auteur

Anna Esposito

La Sapienza Università di Roma, anna.esposito@uniroma1.it

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org