Navigation – Plan du site
Mélanges

Alcune riflessioni sullo stato delle conoscenze sulla ceramica d’età islamica in Sicilia occidentale (m. ix-s.m. xi secolo)

Some reflections on the state of the question concerning Islamic period ceramics in eastern Sicily (9th to 11th century)
Antonio Rotolo
p. 545-560

Résumés

La valutazione della trasformazioni prodottesi a partire dallo sbarco delle popolazioni islamiche in Sicilia, i tempi e i modi dei processi di acculturazione, sono le tematiche che interessano maggiormente la nostra ricerca. Sulla base di uno spoglio bibliografico, l’articolo si centra su alcune problematiche relative alla ceramica islamica nella Sicilia occidentale, ponendo particolare attenzione agli aspetti cronologici e tecnologici, ai processi di acculturazione, alle reti di diffusione e ai commerci. I cambiamenti nella cultura materiale, di cui la ceramica è un fedele indicatore, sembrano convergere nell’indicare nei secoli viii e soprattutto ix un momento d’importanti trasformazioni, riconoscibili con chiarezza solo a partire dalla metà del x-xi secolo, quando la Sicilia ha già subito un profondo processo di islamizzazione. Questa lettura suggerisce di riflettere su alcune attribuzioni cronologiche, considerando le relazioni che tali trasformazioni in Sicilia stabiliscono con il coevo panorama della cultura materiale nel Mediterraneo.

Haut de page

Texte intégral

Premessa

  • 1 Il Progetto ARPATRA, acronimo di Archeologia del Paesaggio nel territorio della Provincia di Trapan (...)

1Studiando i materiali medievali dell’»Idrisi Project» – ARPATRA1, ci siamo trovati ad affrontare per la prima volta diverse problematiche sulla ceramica d’età islamica in Sicilia. Per questa ragione abbiamo sentito l’esigenza di tracciare, inizialmente per nostra necessità e chiarezza, una panoramica delle conoscenze sul tema, in particolare in relazione alla nostra area di studio. Svolgendo questo lavoro di revisione bibliografica abbiamo individuato una serie di interrogativi che crediamo possano risultare utile sottoporre al dibattito. I dati qui presentati e le problematiche sollevate sono coerenti con gli interessi di ricerca che stiamo seguendo, ma non hanno velleità superiori rispetto a quelle esplicitamente indicate.

  • 2 Orton, Tyers, Vince 1997.

2Nell’avvicinarci ai materiali abbiamo cercato di intendere la ceramica come «un brodo di idee», così come è stata definita da Orton, Tyers e Vince2, per le molteplici e preziosissime informazioni che può apportare alla ricostruzione storica di una società. Abbiamo cercato di studiare i materiali per ottenere informazioni differenti. In prima istanza ci siamo interessati degli aspetti cronologici, per comprendere le dinamiche di popolamento degli insediamenti che stiamo studiando. In secondo luogo stiamo cercando, tramite lo studio della ceramica, di rendere più articolata e precisa la nostra interpretazione storica, concentrandoci sulle trasmissioni tecnologiche, sui processi di acculturazione, sui circuiti commerciali, sui prodotti commerciati, sulle distanze di questi commerci, sul tipo di dieta e soprattutto sulla struttura socio-economica della società islamica nella Sicilia occidentale.

3Stante questa premessa, nella prima parte di questo lavoro introdurremo alcune problematiche che riguardano le conoscenze sui materiali altomedievali in Sicilia, poi presenteremo l’approccio che stiamo adottando nel nostro studio, discutendo specificamente i casi di alcune classi di materiali e contestualmente presenteremo alcune domande specifiche sulla ceramica d’età islamica in Sicilia, con cui stiamo cercando di confrontarci nel nostro lavoro.

4Quasi tutti gli studi, che nell’ultimo trentennio si sono occupati di produzioni ceramiche altomedievali siciliane, sono preceduti da una formula giustificatoria, divenuta ormai di rito : la mancata conoscenza delle seriazioni di materiali tra la seconda metà del vii e la prima metà del x secolo. A ben vedere, nell’ultimo decennio, grazie all’ap-porto della nuova generazione di studiosi (ma soprattutto studiose), questa formula giustificatoria introduce spesso studi di importante valore che, avendo sollevato nuove problematiche e chiarito alcune questioni spinose, iniziano a gettare luce sui «secoli bui», di conoscenze, del medioevo siciliano. Grazie soprattutto ai lavori di Lucia Arcifa e Salvina Fiorilla la situazione è oggi più chiara per la Sicilia orientale, mentre per la metà occidentale dell’isola, nonostante gli sforzi finora fatti, soprattutto da Alessandra Molinari e Fabiola Ardizzone, il quadro è meno delineato.

5In questo articolo ci occuperemo di ceramica d’età islamica, ma alcune delle riflessioni che formuleremo sono riferibili anche all’ultima epoca bizantina, ugualmente impercettibile a livello di registro archeologico.

6Crediamo di potere individuare nell’etichetta «ceramica arabo-normanna» l’origine della confusione che ancora oggi molti non specialisti continuano a fare nella definizione della ceramica d’età islamica. Per quanto una definizione di ceramica d’età islamica possa risultare ridondante, crediamo che non sia superflua e che aiuti ad evitare ulteriori equivoci. Per ceramica d’età islamica, o semplicemente islamica, in Sicilia intendiamo semplicemente l’insieme dei prodotti fittili realizzati durante il periodo della dominazione islamica, tra la metà del ix secolo e l’ultimo quarto dell’xi secolo. Di questa scansione cronologica, escluse pochissime eccezioni di cui discuteremo, non conosciamo materiali che si datano prima della seconda metà del x secolo.

Alcune problematiche

7Gli studi archeologici sulla Sicilia occidentale in epoca medievale sono ancora troppo ridotti numericamente e, sfortunatamente, non si dispone ancora di sequenze di materiali altomedievali, né si conosce un singolo contesto di ix secolo. Abbiamo quindi fatto tesoro del poco a disposizione, per impiantare un ragionamento sui materiali.

8La prima riflessione è che, per quanto vaghe siano le nostre conoscenze e scarsi i contesti di cui disponiamo, c’è da credere che sia altamente probabile che, tra le stratigrafie e i materiali pubblicati, ci siano dei contesti di viii e ix secolo e quindi dei materiali altomedievali, bizantini e islamici.

9L’altomedioevo quindi potrebbe essere già sotto i nostri occhi, ma erroneamente classificato o interpretato. Il problema è come riuscire a distinguerlo. Nell’affrontare la questione crediamo che sia importante riflettere su quali possano essere stati i meccanismi che hanno condotto al suo mancato riconoscimento, per poi approntare una strategia che permetta di avanzare nella ricerca.

10Per riconoscere dei materiali ipoteticamente mal classificati crediamo possa essere sensato studiare in prima battuta quelle sequenze stratigrafiche, o aree di frammenti nel caso di materiali provenienti da ricognizione, che abbiano cronologie immediatamente anteriori o posteriori al periodo in questione. Il passo successivo potrebbe essere quello di incrociare le informazioni e confrontare i vari contesti, per stabilire delle sequenze relative e poi provare a incrociare le nuove sequenze relative con i pochi punti certi.

  • 3 Per Cefalù vedi Tullio 1989, p. 13-114. Per Marettimo cfr. tracciato un quadro d’insieme sugli anfo (...)

11Il primo problema nell’applicazione della strategia è che la ceramica bizantina, dopo la sparizione delle ceramiche sigillate, è quasi completamente ignota nella Sicilia occidentale. Gli unici contesti attribuiti all’VIII e forse anche al IX provengono dagli scavi del duomo di Cefalù e da Marettimo3, ma non abbiamo nessuna sequenza completa, né informazione di come queste sequenze si leghino a quelle islamiche. A fronte della scarsa conoscenza delle fasi bizantine, e quindi della fase immediatamente anteriore a quella islamica, si fa ancora più complicata la possibilità di riconoscere il periodo di cui stiamo trattando.

  • 4 Patitucci Uggeri, Uggeri 2009, p. 274. In generale sul ruolo politico giocato dalla Sicilia nelle r (...)
  • 5 Molinari 2010a, in particolare a p. 217.
  • 6 Maurici 2002, p. 46.
  • 7 Maurici 2011.
  • 8 Molinari 2002, p. 331.
  • 9 È stato argutamente proposto da Vito Internicola (Internicola, Corso 1993, p. 30) di identificare l (...)
  • 10 Lo studio dei materiali raccolti durante le attività di ricognizione del 2011, al momento in corso, (...)

12Che certi materiali di epoca bizantina, comunemente datati al vi-vii secolo, possano avere cronologie più lunghe, e giungere anche all’viii ix secolo, è suggerito da Stella Patitucci : «la topografia e l’archeologia della Sicilia bizantina finora sono rimaste ancorate convenzionalmente al vi e al vii secolo, trascurando che in realtà la Sicilia era ancora più intimamente legata a Costantinopoli nell’viii e nel ix secolo, non solo militarmente ed economicamente, ma anche nella sfera culturale, religiosa e liturgica»4. Per quanto questa riflessione fosse riferita esplicitamente alla maggiormente grecizzata Sicilia orientale, dove lo scambio commerciale con le aree bizantine sembra un dato abbastanza chiaro5, la presenza bizantina nella Sicilia occidentale deve avere avuto un suo peso, quantunque inferiore rispetto a quello della Sicilia orientale e ancora poco apprezzabile dal punto di vista archeologico. Al riguardo bisogna anche tenere in conto che, in seguito alla conquista musulmana della Tunisia e poi di Pantelleria, per effetto del nuovo ruolo di avamposto ricoperto dall’area di Lilibeo e Trapani nella strategia bizantina rispetto alla pressione musulmana, è possibile che la presenza bizantina aumentasse, sia per effetto di immigrazione di cristiani dal nord Africa nel vii e viii secolo, che per iniziativa centrale6. Sfortunatamente i maggiori centri della cuspide occidentale dell’isola : Lilibeo, Trapani e Mazara, non hanno ancora restituito testimonianze archeologiche importanti per queste fasi7. Per quanto riguarda i dati del mondo rurale, dai lavori diretti da Alessandra Molinari nel territorio di Segesta, sappiamo che una continuità di occupazione anche in epoca bizantina è registrata nei siti di Rossignolo, di Acquae Segestanae e Segesta, anche se in forma molto ridotta rispetto alle fasi classiche, fino al vii secolo, mentre nel caso dei siti di Ponte Bagni e di località Canichiddeusi l’occupazione sembra giungere all’viii secolo8. Nel territorio dei Monti di Trapani che stiamo studiando nell’»Idrisi Project»-ARPATRA, la presenza bizantina, per quanto non massiccia, è ipotizzabile tramite il dato toponomastico. Un casale Sancte Iryni9, menzionato come insediamento abbandonato nel 1241, potrebbe essere il frutto di una sovrapposizione di una popolazione islamica ad un precedente insediamento bizantino in qualche modo dedicato alla santa greca, o di una rioccupazione di epoca islamica o normanna10, tuttavia abbiamo rilevato pochissime tracce di insediamenti databili all’viii-ix secolo. La mancata conoscenza dei materiali bizantini tardi ci preclude, nella maggioranza dei casi, la possibilità di procedere per esclusione tra l’anteriore e il posteriore.

  • 11 Molinari 1995, p. 192.

13L’impostazione utilizzata dalla maggior parte degli studiosi che si sono confrontati con il problema è stata quella di ragionare a ritroso : partire da materiali ipoteticamente ben datati all’epoca normanna e cercare di risalire verso le fasi islamiche. Lavorando in questo modo e ampliando la casistica degli scavi, si sono fatti numerosi passi avanti nelle conoscenze. Alcuni materiali tradizionalmente datati ad un generico xi-xii secolo hanno infatti visto rialzata la propria cronologia. Alessandra Molinari già nel 1995 aveva proposto di datare i catini carenati decorati in policromia verde e bruna sotto vetrina, con i cuori incatenati o con il motivo della pavoncella, al x-xi secolo, arrivando ad affermare : «controversa la datazione di questa produzione. Considerata fino ad oggi della fine dell’xi-xii secolo, non sembra vi siano elementi oggettivi per considerarla tale»11.

14Sfortunatamente questo processo di revisione delle cronologie più antiche non ha ancora portato ad una revisione completa delle datazioni dei materiali (e non ha condotto neppure all’esautorazione di certe vecchie cronologie), con il risultato di un ampliamento della forchetta cronologica. Si è assistito, da parte soprattutto degli archeologi meno addentro al dibattito, ad attribuzioni cronologiche che «per sicurezza» coprissero tutto l’arco dal x al xii secolo e, paradossalmente, ad una minore comprensione della situazione.

  • 12 Arcifa, Lesnes 1997.
  • 13 Precedenti tentativi di organizzazione delle cronologie dei materiali di epoca medievale in Molinar (...)
  • 14 Molinari 1997b.

15Questo implica che, nell’affrontare uno studio su un insieme di materiali medievali in Sicilia, bisogna scegliere bene i punti di riferimento per le cronologie. Tra gli scavi che riteniamo restituiscano le sequenze stratigrafiche più chiare e attendibili quello del Castello – S. Pietro a Palermo12, i cui materiali sono organizzati e presentati con uno sforzo di sintesi che nonostante gli anni trascorsi rimane molto attuale13, rappresenta un confronto stringente con i contesti che stiamo studiando. Per i materiali di epoca normanna e sveva il contesto più affidabile è certamente costituito dagli scavi di Segesta (centro peraltro vicinissimo al territorio del nostro progetto), pubblicati da Alessandra Molinari14, che sfortunatamente non hanno restituito materiali di fasi precedenti al xii secolo. In tutti gli altri casi, in presenza di leggeri sfasamenti cronologici, abbiamo cercato sempre di verificare la qualità del dato stratigrafico o limitato i confronti alla semplice somiglianza formale.

  • 15 Nelle due campagne di ricognizione finora effettuate nel progetto ARAPATRA negli anni 2009/10, abbi (...)

16Nel progetto che stiamo sviluppando15 abbiamo proceduto attribuendo delle cronologie ai materiali dei singoli siti, facendo riferimento alla bibliografia. Successivamente abbiamo provato a alle cronologie in uso riusciamo a datare nella maggioranza mettere in discussione queste attribuzioni cronologiche confrontando i siti tra di loro, valutando in ciascun sito quali tipi di materiali fossero presenti e quali assenti, cercando di individuare eventuali evoluzioni all’interno di una classe o differenze tra le tipologie degli insediamenti. Da questo laborioso lavoro di confronto tra insiemi di materiali, e di valutazione delle loro associazioni abbiamo potuto trarre poche conclusioni, ma abbiamo individuato un certo numero di problematiche su cui ci interessa concentrarci.

  • 16 Si tratta nella maggioranza dei casi di villaggi aperti, menzionati nella documentazione come casal (...)
  • 17 Per il Platani Survey si veda Rizzo 2004 ; su Casale Nuovo Molinari, Valente 1995 e Molinari 2010a  (...)

17I siti che abbiamo individuato16 restituiscono materiali che trovano confronti stringenti con molti altri contesti della Sicilia occidentale e principalmente con quegli insediamenti interpretati come casali islamici descritti nella «Platani Survey», con il villaggio di Casale Nuovo (Mazara del Vallo), con quello di Contrada San Nicola a Carini, per citarne solo alcuni, ma anche con i contesti urbani di Castello – S. Pietro e Via Torremuzza a Palermo17.

I materiali

  • 18 Questa lucerna, chiamata anche « vandala », trova confronto con la forma Atlante I, p. 206, XVI. Po (...)

18Come accennavamo, non ci sono fossili guida per le prime fasi islamiche (precedenti al x secolo). Gli unici indicatori cronologici per i contesti prekalbiti, sono le lucerne «a coupelle», che in Sicilia sono proprie dei contesti di fine ix – inizi x secolo18e le olle con corpo globulare e orlo a tesa subverticale, datate a partire dalla prima metà del x, con un’evoluzione tipologica che ci permette di seguirle fino all’xi secolo. Il resto dei materiali è datato spesso in archi cronologici meno precisi, mentre la ceramica da mensa associata, è databile solo a partire dalla seconda metà del x secolo.

19Partendo da queste premesse presenteremo adesso la situazione dei materiali per classe di uso, perché ognuna presenta problematiche distinte, partendo dalla ceramica da cucina.

  • 19 Morfologicamente identico ad Ardizzone, Garofano, Greco 1997-98, p. 673, A17.

20Nei contesti che abbiamo indagato, la forma che risulta più diffusamente attestata a partire dal principio del x secolo è l’olla. È caratterizzata da un tipo di tecnologia altamente standardizzato, che ritroviamo anche in altre forme da cucina (tegami, pentole e coperchi), ma non solo. È possibile che questa tecnologia venisse applicata anche per la realizzazione di contenitori destinati ad usi differenti dalla cottura dei cibi, come crediamo possa essere accaduto molto probabilmente nel caso di un frammento di un’ansa di anfora, del tipo con solcatura centrale affiancata da due costolature aggiuntive19 e forse anche nel caso di un fondo piano, appena risaltato, appartenente ad una forma chiusa, forse una brocca. Questi impasti sono caratterizzati da un colore del nucleo che varia dal grigio chiaro al grigio scurissimo e da superfici, sia interne che esterne, rosso mattone/ arancione. La presenza di abbondante calcite non fusa di medie e grandi dimensioni è un altro degli elementi che caratterizza questa produzione. Dal confronto tra i contesti urbani di Palermo (Via Torremuzza e Castello – S. Pietro) e da molti insediamenti rurali, emerge un alto grado di standardizzazione morfologica, che confermiamo nei nostri contesti, anche se le nostre olle non sembrano condividere lo stesso impasto e tecnologie di fabbricazione con i tipi palermitani. Morfologicamente l’orlo delle olle sembra essere la parte che subisce le maggiori trasformazioni nel tempo e sembra rappresentare un indicatore cronologico affidabile nell’evoluzione del tipo. Gli esemplari più antichi sarebbero caratterizzati da un orlo a tesa subverticale (fig. 1, n. 1), che si estroflette progressivamente (fig. 1, n. 2), mentre gli esemplari dell’ultima fase dovrebbero presentare un semplice ingrossamento del bordo esternamente (fig. 1, n. 3). Le pareti sono quasi sempre corrugate o leggermente corrugate, mentre i fondi, quasi sempre assenti, suggeriscono che si tratti di esemplari a fondo convesso.

  • 20 Ardizzone 2004, p. 376.
  • 21 Fabiola Ardizzone sospetta che si tratti dello stesso accorgimento tecnico che si ritrova nelle oll (...)
  • 22 Casseruole in Arcifa 2004.
  • 23 Ardizzone 2004, p. 378-379, fig. 2.
  • 24 Da ultima Arcifa 2010, p. 120-121.

21Queste olle, e la tecnologia che le caratterizza, sembrano al momento una cifra tipica dell’epoca islamica, a partire almeno dall’inizio del x secolo. In questo caso, visto che ne abbiamo la possibilità, è opportuno osservare la situazione delle nostre conoscenze rispetto all’epoca immediatamente precedente. Gli unici materiali da cucina di viii secolo che conosciamo per la Sicilia occidentale provengono dai contesti di Cefalù e di Marettimo. Nel caso di Cefalù sono state documentate olle a tesa piana o subverticale con un «fabric» di colore rosso arancio e argille di probabile provenienza locale20. Da Marettimo provengono invece olle con orli a tesa inclinata con impasti di colore grigio scuro ricco in calcite : un espediente che troviamo anche nelle nostre olle di x secolo21. Sempre all’viii secolo sono riferite le pentole/casseruole22provenienti ancora da Cefalù e da Marettimo, riconoscibili per l’orlo ingrossato e rientrante, l’impasto ricco di calcite, la cottura in ambiente riducente e la realizzazione a mano o a tornio lento23, che si ritiene possano essere un indicatore affidabile per il ix secolo nella Sicilia occidentale. Questo tipo di pentole è ben documentato in contesti di ix secolo nella Sicilia orientale, dove è riconosciuto per la decorazione a stuoia e ad impressione e sembra essere un fossile guida affidabile per i contesti dell’ultima epoca bizantina24.

  • 25 Arcifa 2010, p. 122.

22Ci domandiamo quindi a quale tradizione tecnologica appartengano le olle di x secolo, che incontriamo anche nei nostri contesti. Dobbiamo considerarle un frutto dell’evoluzione di modelli isolani precedenti, come le pentole di Marettimo di viii secolo, o si tratta di una novità da mettere in relazione con i nuovi conquistatori islamici? Sicuramente possiamo affermare che si tratti di una tecnologia distinta rispetto alle pentole/casseruole a stuoia dell’ultima epoca bizantina, che ha però in comune l’ambiente di cottura e l’uso della calcite. Per quanto ci è noto, tutti i siti documentati come casali islamici presentano queste olle di x secolo e pochissime altre forme per la cottura, ma nessuno di questi casali in Sicilia occidentale sembra restituire pentole/casseruole a stuoia. Il fatto che la produzione delle olle risulti così standardizzata, che appaia in maniera sincronica in tanti siti, è un elemento importante per capire se sia legata ad una produzione precedente o se sia frutto di una nuovo apporto, come si potrebbe sospettare. È probabile, come ritiene Lucia Arcifa che, inoltrandoci nel corso del ix secolo, per la Sicilia orientale «la diversa situazione politica tra una Sicilia islamica e un Val Demone ancora in piena resistenza bizantina possa avere determinato una scarsa circolazione di merci e di esperienze tecnologiche, sacche di resistenza e rinnovati contatti con le province ancora in mano all’impero quali la Calabria e la Puglia»25. Apporti più consistenti dal mondo islamico nordafricano potrebbero invece avere interessato la metà occidentale dell’isola. Riteniamo che, in via preliminare, dato l’alto livello di standardizzazione di questa produzione e le particolarità tecnologiche, si possa ipotizzare un apporto esterno, introdotto forse a partire dalla conquista dell’isola e forse per opera di artigiani specializzati immigrati nell’isola. D’altronde il passaggio dall’uso di forme più basse e aperte come le pentole (o casseruole) di ix secolo, come quelle documentate a Cefalù e Marettimo, all’olla profonda e chiusa implica, oltre che un cambio nella morfologia, anche un cambio nella modalità di preparazione dei cibi e nella dieta, elemento che potrebbe suggerire anche trasformazioni nella produzione agro/pastorale e quindi forse anche un cambio sociale ed economico.

Fig. 1 – Ceramica da cucina (1-3 olle, 4-5 pentole invetriate, 6 pentola realizzata a mano); tegole (7-9 tegole pettinate, 10-11 tegole con paglia); lucerne (12 lucerna a coupelle, 13 lucerna a becco).

  • 26 Come nel caso di Mazara, Molinari 2010a, p. 212.
  • 27 Arcifa, Lesnes 1997, p. 406.
  • 28 Ricordiamo che si tratta di materiali di superficie e che non abbiamo potuto effettuare studi quant (...)
  • 29 Ardizzone 2004.
  • 30 Molinari 2010a.

23A partire dall’xi secolo, durando per tutta l’epoca normanna, farebbero la loro comparsa, prima in associazione e poi in sostituzione delle forme di x secolo appena descritte, due nuove tipologie di ceramica da cucina. Da un lato ci sono le pentole cilindriche, con anse «ad orecchia», con fondi piani, generalmente foggiate a mano (ma in certi casi anche al tornio veloce26), che pur presentando spesso un impasto ricco di calcite, non sembrano presentare quasi mai la tecnica di cottura riducente. Dall’altro lato si diffondono pentole realizzate al tornio, cotte in ambiente ossidante e rivestite da invetriatura interna, che presentano spesso un orlo bifido per l’alloggiamento di un coperchio27. Attestazioni di queste produzioni sono frequenti in Sicilia occidentale, sia in ambito urbano che rurale. Compaiono sia a Palermo, che a Carini, a Casale Nuovo, a Mazara e nella Valle del Platani, ma nei contesti che stiamo indagando, ci risultano estremamente inferiori in quantità (fig. 1 n. 4-6)28. Ci domandiamo quindi se ci siano differenze culturali, economiche o cronologiche tra il mondo rurale e quello urbano nella diffusione di queste tipologie e quale sia l’origine dell’invetriatura sulle pentole. La presenza delle pentole realizzate a mano è stata interpretata come un tratto culturale degli apporti delle popolazioni berbere29, ma, per quanto sia suggestiva l’ipotesi, crediamo che non sia possibile legare una produzione in maniera univoca a un gruppo etnico30. Quello che ci sembra importante rilevare è la presenza di due bagagli tecnologici e probabilmente anche di due circuiti paralleli di circolazione : uno, quello in cui gravitano le pentole invetriate, sicuramente artigianale e con un alto grado di specializzazione tecnologica e forse con una diffusione più ampia, l’altro, quello delle pentole cilindriche o troncoconiche, legato ad una produzione domestica o artigianale di minore specializzazione, di cui non siamo ancora capaci di definire la circolazione.

  • 31 Wilson 1979, p. 23.
  • 32 D’Angelo 1989.
  • 33 Arcifa 2010, p. 108.
  • 34 Rizzo 2004, p. 147.

24Un’altra classe particolarmente interessante è quella delle tegole. Dalla bibliografia apprendiamo che dai tipi ascritti ad epoca bizantina e caratterizzati da un pettinatura sulla superficie superiore (fig. 1, n. 7-9), datati dal v secolo in poi, ma senza un termine finale ben definito31, si passerebbe ad esemplari con vacuoli (fig. 1, n. 10-11), prodotti dalla combustione della paglia, che dovrebbero essere di epoca islamica32. Lucia Arcifa ha recentemente dimostrato che la situazione è ben più complessa e sfaccettata : tegole con vacuoli sono documentate già nell’viii secolo in diversi contesti della Sicilia orientale, mentre quelle pettinate risulterebbero già residuali33. Nella «Platani Survey»34infine sono documentati anche esemplari ibridi, che presentano contemporaneamente sia la paglia che la pettinatura e che probabilmente andrebbero a collocarsi tra le due produzioni. Non sappiamo se tra le due metà della Sicilia ci siano sfasamenti cronologici, ma al momento sembra che almeno in qualcuno dei siti che abbiamo indagato, le tegole pettinate compaiano in associazione al repertorio di materiali che verrebbe comunemente datato a partire dal x secolo, in assenza di sigillate tarde o di altri materiali di vii secolo o successivi. D’altra parte i materiali di viii secolo sono praticamente sconosciuti e le tegole potrebbero risultare associate anche a materiali che per motivi stocastici o per scarsa riconoscibilità non vengono individuati come tali. Le possibilità sono : a) ammettere la diffusione di tegole bizantine pettinate ancora in epoca islamica, assumendo come termine finale una datazione al x secolo, tenendo anche in considerazione la possibilità che in epoca islamica circolassero anche altre classi di materiali di tradizione bizantina; b) considerare queste tegole pettinate come indicatori di fasi di vii e viii secolo, chiaramente nei casi in cui queste non si presentino associate esclusivamente alle meglio note ceramiche di v-vi secolo. Questa seconda ipotesi implicherebbe sia la necessità di rivedere la cronologia iniziale delle tegole con vacuoli di paglia, che non potrebbero più essere considerate come indicatori di fasi dal x secolo in poi, sia quella di individuare i materiali delle fasi tardobizantine associati sia alle tegole pettinate che a quelle con paglia, tenendo conto che i materiali associati alle tegole con vacuoli di paglia potrebbero non essere necessariamente di epoca islamica.

  • 35 Arcifa 2010, p. 109.

25La questione è aperta, ma è significativo notarne la problematicità. Probabilmente, come proposto da Lucia Arcifa35, studiando approfonditamente le dimensioni delle tegole striate e i tipi di pettinatura, saremo capaci di elaborare delle sequenze tipologiche, ma sarà necessario avere anche sequenze stratigrafiche per osservare come si leghino le due produzioni nella Sicilia occidentale. A questo proposito le tegole ibride, pettinate e con vacuoli di paglia, potrebbero risultare dirimenti, perché rappresenterebbero un fossile guida nell’individuazione di quei siti in cui può essere osservato il passaggio e la sua cronologia.

  • 36 D’Angelo 1976.
  • 37 In Ardizzone, Garofano, Greco 1997-98, la studiosa individua alcune tipologie di epoca tardo islami (...)
  • 38 Ardizzone, Garofano, Greco 1997-98, passim.
  • 39 Molinari 2010b, p. 161-165 e bibliografia e Molinari 2010c, p. 240.
  • 40 Bresc 1993, p. 292-295 e Arcifa 2008.
  • 41 Molinari 2010c, p. 240 e Molinari 2010b, p. 162.

26La ceramica da trasporto e da conservazione propone ugualmente problemi interpretativi. Il processo di studio ha visto un tendenziale arretramento di alcune cronologie dall’epoca normanna verso quella islamica. Studi d’insieme e di classificazione sono stati proposti per la Sicilia occidentale da Franco D’Angelo36 e più recentemente da Fabiola Ardizzone37, ma alcune forme, soprattutto quelle dove manca l’aiuto della decorazione nella definizione cronologica, hanno datazioni ancora poco precise. Quello che colpisce della classe tra x e xii secolo è la varietà morfologica, altissima anche nei nostri contesti (fig. 2, n. 1-7), dipendente sia dalla destinazione d’uso di ogni singola forma, come suggerito da Fabiola Ardizzone38, che da trasformazioni nel tempo. Molti elementi e nuovi ritrovamenti suggeriscono che l’ampio spettro della produzione agricola e i prodotti trasformati trovassero sfogo commerciale nei porti del Tirreno e della Tunisia, dove le anfore di produzione siciliana sono attestate a partire dalla fine del x secolo e durante l’xi39. Le merci commerciate sono soprattutto prodotti di qualità come miele, pesce salato, zucchero e frutta secca, ma anche, soprattutto a partire dall’xi secolo, grano40e ipoteticamente anche vino41.

  • 42 La solcatura è però documentata sia in Sicilia orientale in anse di contesti di fine viiie ix secol (...)
  • 43 Arcifa, Lesnes 1997, p. 408.
  • 44 Arcifa 2010, p. 122.
  • 45 Arcifa 2004, p. 223.
  • 46 Se effettivamente si tratta inequivocabilmente di materiali databili solo a partire dal X.

27Le anse, contraddistinte spesso da una solcatura mediana, risultano un elemento particolarmente caratterizzante di questa produzione (fig. 2, n. 4-5)42. Alcune anfore di epoca islamica presentano inoltre decorazioni dipinte e il tipo di decorazione sembra costituire un indicatore cronologico significativo. Seguendo il parere di Lucia Arcifa gli esemplari più antichi, della prima metà del x secolo, sono spesso caratterizzati da un repertorio decorativo a bande larghe e spirali di colore rosso-bruno. Questo repertorio si manterrebbe in uso fino alla prima metà del xii secolo, ma gli esemplari più tardi della produzione sarebbero caratterizzati da bande brune più sottili e da un tratto affrettato43. L’introduzione di questo tipo di anfore dipinte presuppone una differenza rispetto alle anfore tardoantiche. Osservando la situazione della Sicilia orientale, anche in questo caso meglio conosciuta, notiamo come sia attestata (a Taormina per esempio) una circolazione, per quanto scarsa, di anfore con decorazione a cappi e bande nell’viii e ix secolo44, ed anche di anfore prove-mentabile anche in questo caso, come in quello nienti dal mediterraneo orientale45. Sembra docu-della ceramica da cucina e da costruzione, una differenza tra la Sicilia orientale e quella occidentale a partire dal ix secolo, dove non ci risulta che anfore con decorazione a cappi siano ancora state documentate. Come vanno considerate quindi le anfore, dipinte e non, che ritroviamo nei contesti occidentali a partire dall’inizio del x secolo46? Si tratta di anfore prodotte in Sicilia da tipi precedenti non ancora identificati o, almeno nella prime fasi dell’epoca islamica, si tratta di importazioni?

Fig. 2 – Ceramica da trasporto e conservazione (1-3 bordi di anfora, 4-5 anse con solcatura mediana, 6-7 fondi); catini (8-9 catini carenati con bassa parete verticale, 10 carenato con alta parete verticale, 11 catino con orlo bifido, 12 catino emisferico, 13-15 catini con bordo ingrossato esternamente, leggera carenatura e calotta emisferica schiacciata interna).

  • 47 Arcifa 2010, p. 115-116 e Tullio 1989, p. 94-95, fig. 125-126.
  • 48 Molinari 2002, p. 331.

28L’indicatore cronologico più affidabile per l’altomedioevo è soprattutto la ceramica da illuminazione; sfortunatamente le segnalazioni di lucerne sono piuttosto rare. Ascrivibili all’viii secolo, ed in questo momento limitate ai soli contesti bizantini, sono le lucerne a ciabatta documentate in alcuni contesti della Sicilia orientale, negli scavi di Cefalù47 e in alcuni siti nel territorio di Segesta (due in località Pontebagni e uno a Canichiddeusi)48.

  • 49 I frammenti che provengono dagli scavi con le sequenze più chiare sono segnalati a : Castello – S. (...)
  • 50 Si vedano al riguardo le interessanti considerazioni di Elena Pezzini. Pezzini 2004, p. 362-363 e r (...)

29Tipica delle fasi islamiche, probabilmente delle prime, ma documentata solo a partire dalla fine del ix secolo è la lucerna «a coupelle», realizzata al tornio e non invetriata (fig. 1, n. 12)49. Questa è sostituita, alla metà del x secolo, da quelle con becco allungato, generalmente invetriate (fig. 1, n. 13). Dalla fine dell’xi secolo – inizio del xii si diffondono quelle a vasca aperta, ampiamente documentate a Segesta, ma già appartenenti a contesti pienamente normanni. È evidente in questo caso il «salto» tecnologico tra le lucerne a ciabatta e quelle «a coupelle» realizzate al tornio. Anche in questo caso ci domandiamo se ci si trovi di fronte ad una forma che si afferma in Sicilia dal-l’evoluzione di tipi precedenti, al momento mancanti, o se sia al contrario frutto di nuovi apporti dall’esterno. Sembra che questa forma sia riconducibile ad un ambito culturale bizantino, come sostenuto da diversi autori, anche perché le attestazioni in nord Africa risultano al momento piuttosto rare nei siti islamici50, ma è pur vero che questa forma per il momento sembra fare la sua comparsa in Sicilia solo in concomitanza con la prima epoca islamica e, a giudicare dai dati pubblicati finora, soprattutto nella metà occidentale dell’isola.

  • 51 Termine introdotto nel Piano Paesaggistico Territoriale dell’Ambito 1 della Provincia di Trapani, p (...)
  • 52 Molinari 1997a.

30La ceramica fine da mensa pone invece problemi di natura distinta. Sia in contesti urbani che rurali, come anche nei casali che abbiamo individuato nell’area dei Monti di Trapani51, la ceramica da consumo è costituita principalmente da catini invetriati, che sono anche la forma meglio conosciuta. I centri di produzione di questa classe possono essere identificati in fornaci a barre, come quella individuata a Mazara del Vallo52. La successione della ceramica da mensa risulta abbastanza certa, almeno per quanto riguarda i catini. Dai tipi con bassa parete verticale e carenatura accentuata (dalla s.m. del x secolo, fig. 2, n. 8-9) si passerebbe a quelli con parete verticale più alta, anche con orlo bifido (fine X – primi dell’XI, fig. 2, n. 10-11) e poi farebbero la loro comparsa quelli a calotta emisferica (inizio – metà dell’XI, fig. 2, n. 12). Gli esemplari della fase successiva (nel corso del XII) sarebbero caratterizzati dal bordo che tende a ingrossare ed ispessirsi esternamente, da una leggera carenatura esterna e da una calotta emisferica interna leggermente schiacciata (fig. 2, n. 13-15). Caratteristiche dei contesti del XII sarebbero anche le invetriate monocrome e le solcate sotto vetrina.

  • 53 Couleurs de Tunisie 1994, p. 116, schede 56-65, Gayraud 1993. Altri frammenti di ceramica dipinta s (...)
  • 54 Castillo, Martinez 1993 e Íñiguez, Mayorga 1993.

31La datazione di alcuni materiali provenienti dai siti che stiamo indagando, come il frammento di lucerna «a coupelle» (di fine IX-inizio X) o le olle globulari con orlo a tesa subverticale, permettono di proporre una cronologia che cominci almeno al principio del x secolo. Come spiegare lo sfasamento di un cinquantennio tra la ceramica invetriata e le altre classi che le sono associate? È possibile ipotizzare che l’introduzione dell’invetriatura, e quindi la datazione dei primi catini, vada anticipata di qualche decennio, in sincronia con la cronologia del resto dei materiali o sarebbe più corretto ipotizzare che per le prime fasi dell’epoca islamica ci siano delle forme che non conosciamo? La risposta a questo problema è probabilmente da ricercare in Ifrīqiya, dove la tecnica dell’invetriatura è testimoniata già dalla seconda metà del ix secolo53, così come nella penisola iberica dove le prime sperimentazioni su ceramica da fuoco nei siti di Pechina e Malaga rimontano alla metà del ix secolo54.

32Al margine di questa problematica cronologica, la ceramica da mensa e in particolar modo i catini pongono problemi di natura non solo tecnologica e decorativa, ma anche sociale e culturale. Il catino è un piatto da portata e da servizio comune, mentre non documentiamo servizi da mensa individuali a partire dal x secolo fino alla fine del xii. La presenza diffusissima di questa forma sembrerebbe implicare un importante ed omogeneo processo di acculturazione per lo meno in tutta la Sicilia occidentale. Le domande più urgenti da risolvere ci sembrano quindi : Quali sono le forme che hanno ricoperto questa funzione tra la sparizione delle sigillate e la comparsa dei catini invetriati? La società bizantina in che tipo di forme da mensa consumava i pasti nell’viii e ix secolo? È lecito considerare la presenza di catini in tutti i contesti (urbani o rurali) come indice di un cambio culturale?

33Ipoteticamente ammetteremmo che, se la popolazione più o meno islamizzata che abitava la Sicilia nel x secolo non produceva servizi singoli e consumava i pasti in comune da un unico piatto da portata, è possibile che la popolazione che conquistò la Sicilia nel ix secolo facesse uso di catini di questo tipo anche prima di conquistare l’isola. Dobbiamo legare la presenza esclusiva di questi manufatti alla diffusione dell’islamizzazione, anche parziale e non necessariamente religiosa, dei costumi? Se i catini invetriati sono databili a partire dalla seconda metà del x secolo, in quali forme si consumavano i pasti nella prima epoca islamica? Quali sarebbero i presunti antecedenti africani?

  • 55 L’economia di mercato e la circolazione di questi beni è favorita anche dal sistema di tassazione i (...)

34In ogni caso la diffusione capillare, anche in ambito rurale, di ceramica fine da mensa (ma anche l’omogeneità delle altre classi di materiali è indicativa in questo senso) implica per lo meno : a) la presenza di centri di produzione altamente specializzati (Palermo sembra finora il centro di distribuzione principale); b) la presenza di una rete commerciale che permetta anche ai contadini di accedere a questi beni di qualità; c) un eccedente produttivo nelle campagne sufficiente da reggere il commercio di questi beni; d) la circolazione di moneta e un’economia di mercato55.

  • 56 Molinari 2010a, p. 205-217.

35Su queste problematiche si è recentemente espressa Alessandra Molinari, mettendo a confronto un campione di materiali proveniente da Mazara del Vallo e un altro dal coevo e vicino sito di Casale Nuovo56. Nonostante le somiglianze tra i due contesti datati tra la seconda metà del x e l’inizio dell’xi secolo, emergono alcune differenze che permettono di inferire riflessioni sui circuiti di diffusione e approvvigionamento dei centri urbani e rurali. L’insediamento di Casale Nuovo sembra avere prodotto localmente solo le ceramiche da cucina, con importazione di abbondante vasellame dal mercato palermitano, più che da quello della vicinissima Mazara; Mazara invece sembra avere avuto un’importazione ridottissima, capacità produttive sufficienti a soddisfare il proprio fabbisogno interno, ma non tali da soddisfare il mercato delle aree vicine. Da questo risulterebbe un migliore inserimento del piccolo centro rurale nelle reti di scambio di medio raggio e interne alla Sicilia e la capacità di penetrazione nel tessuto commerciale di questa parte dell’isola della produzioni palermitane. Mazara al contrario risulta un centro artigianale con capacità sufficienti all’autoconsumo e al mantenimento di una produzione di ceramica di lusso, ma non bastevoli a penetrare nei commerci dell’immediato hinterland.

36I nostri contesti di studio dell’area dei Monti di Trapani, come accennavamo presentano per il x e xi secolo somiglianze formali molto stringenti con i contesti palermitani di Castello – S. Pietro e Palazzo Torremuzza, ed è probabile che gravitassero, nel rifornimento di vasellame, verso l’area palermitana, in modo non dissimile da Casale Nuovo. Ancora una conferma quindi del fatto che in ambito rurale si osservano campionari ceramici accostabili agli standard urbani, comunità contadine con un alto grado di benessere e inserite in reti commerciali articolate.

Conclusioni

37In questo breve contributo abbiamo individuato un gruppo di problematiche che lo studio della ceramica medievale siciliana pone agli studiosi. Si tratta di temi con cui ci stiamo confrontando nel nostro caso di studio nella zona dei monti di Trapani, a cui speriamo di potere aggiungere ulteriori spunti nella prosecuzione della ricerca.

38Oltre a risolvere questioni di natura meramente cronologica, il dibattito dovrà fornire spiegazioni su molti altri aspetti, come i processi di acculturazione, le trasmissioni del sapere tecnologico e le reti commerciali di diffusione di questi manufatti. Nell’ultima decade, e soprattutto nell’ultimo quinquennio, le nostre conoscenze sul medioevo siciliano sono notevolmente aumentate e questo fa ben sperare per gli sviluppi futuri, ma crediamo che certi paradigmi rappresentino un limite che deve essere superato.

  • 57 Arcifa 2010, p. 106.
  • 58 Molinari 1997a, p. 375 ; Molinari 2002, p. 334.
  • 59 Alessandra Molinari, in un recente contributo, non ha escluso la possibilità che queste cronologie (...)
  • 60 Caratteristica su cui hanno insistito a più riprese Fabiola Ardizzone e Lucia Arcifa. È significati (...)

39Oggi possiamo affermare che, in assonanza con quanto proposto da Lucia Arcifa, alcune differenze emergono in maniera chiara tra la Sicilia orientale e quella occidentale. Per la metà orientale si può assumere che «il terremoto politico connesso alla conquista nel corso del ix secolo» non abbia necessariamente portato «ad una cesura netta e pienamente percepibile nella cultura materiale dell’Isola, partecipe di un processo di cambiamento già in atto»57che potrebbe avere manifestato i suoi primi effetti a partire dall’viii secolo. Per la parte occidentale il panorama è meno chiaro, ma, per lo meno, sappiamo che è parzialmente diverso da quello della Sicilia orientale. È possibile che ci siano delle differenze cronologiche tra le due metà, degli attardamenti in certe produzioni e una cesura importante con l’islamizzazione, testimoniata dai rilevanti cambi tecnologici e da quelli culturali e sociali da questi implicati e suggeriti. Non sappiamo ancora bene indicare quando sia avvenuta l’accelerazione dei processi che portarono come esito la trasformazione radicale della cultura materiale, nel senso della sua islamizzazione. Alessandra Molinari propone di identificare questo momento di «grandi cambiamenti tecnici e formali nelle produzioni ceramiche siciliane tra la seconda metà/fine del x e la prima metà dell’xi secolo»58, e cioè sostanzialmente con la presunta introduzione delle invetriate dipinte, ma, con i dati che abbiamo oggi a disposizione, forse si potrebbe verificare se non ci siano elementi che non suggeriscano di anticiparla di qualche decennio, come ci sembra sia possibile59. L’omogeneità di certe produzioni e la loro diffusione su scala regionale, in modo quasi improvviso e simultaneo, fa pensare che ci si trovi di fronte ad apporti esterni. Quindi, se concordiamo sul fatto che la cultura della prima epoca islamica si inserisca all’interno di una koinè mediterranea60, dall’altro lato non possiamo non avvertire le caratteristiche sociali e culturali proprie e peculiari della formazione sociale islamica che non possono non riflettersi ed essere individuabili nella cultura materiale; l’uso di servizi da mensa da centro o l’uso di olle profonde per la preparazione degli alimenti, potrebbero essere alcune di queste.

  • 61 Arcifa, Lesnes 1997, p. 411 fig. 3.5.

40A questo proposito rileviamo un’altra problematica. Alcune forme, che fino ad oggi compaiono poco negli studi sui materiali di epoca islamica, perché decisamente meno rappresentate e quindi meno distinguibili, potrebbero fornirci informazioni importanti sui cambi culturali in atto in epoca altomedievale. Il caso dei vasi da noria è esemplare. Alcuni frammenti di questa forma sono stati documentati a Palermo in contesti antecedenti all’introduzione della ceramica invetriata e datati pertanto alla fine del ix-inizio x secolo61. L’uso dei vasi da noria nelle periferie di Palermo già dalla fine del ix secolo testimonia indubbiamente l’esistenza di ruote idrauliche per l’estrazione dell’acqua, la pratica di un’agricoltura irrigua e con ogni probabilità anche un sistema di manufatti idraulici (estrazione/distribuzione/conservazione dell’acqua), la probabilissima introduzione di nuovi coltivi, la presenza di una formazione sociale con conoscenze tecniche sufficienti per impiantare un tipo di agricoltura irrigua e un ordine sociale capace di garantirla e mantenerla. Questi elementi ci permetterebbero di per sé di ipotizzare un cambio culturale importante a Palermo già dalla fine del ix secolo. Come le norie anche gli anafres o i tannures, pochissimo documentati in Sicilia, potrebbero fornire informazioni interessanti sui cambiamenti culturali. Crediamo che la documentazione di forme di questo tipo potrebbe mostrare dove, all’interno della koinè mediterranea, si annidano gli elementi di novità e di cambio culturale.

  • 62 Molinari 2010a.
  • 63 Patterson 1995 ; Alaimo, Giarrusso 2004a ; Alaimo, Giarrusso 2004b e Alaimo et al. 2010.

41Per rispondere a questi quesiti bisognerà indubbiamente aumentare il numero di stratigrafie verticali e ampliare la casistica, ma rivedere le sequenze stratigrafiche di vecchi scavi e i materiali non ancora editi potrebbe anche aiutare a gettare nuova luce sulla questione e riservare sorprese anche sulle cronologie. In questo quadro l’edizione di qualche sequenza ben databile in Nord Africa sarebbe sicuramente utilissima. L’organizzazione della produzione è un altro problema, ma la presenza di un grado tanto alto di standardizzazione in tutte le classi di materiali, come quello che si documenta improvvisamente nel x secolo nei territori che stiamo studiando, dovrebbe rendere più facile il riconoscimento dei cambiamenti culturali e l’epoca in cui questi sono avvenuti. Analisi quantitative sui materiali di scavo forniscono come illustrato da Alessandra Molinari importanti indizi nella valutazione dei circuiti commerciali e le capacità economiche dei singoli centri62. Analisi petrografiche e fisiche, che sono state sperimentate con esito in alcuni contesti63, se applicate in scala più vasta, potrebbero offrire indicazioni per rispondere ad alcune delle domande che ci siamo posti in questo testo e porne di nuove.

Haut de page

Bibliographie

Abbreviazioni bibliografiche

Ambito 1, 2009 = G. Gini, P. Misuraca (a cura di), Piano territoriale paesaggistico dell’Ambito 1 : Area dei rilievi del trapanese, Palermo, 2009

Alaimo, Giarrusso 2004 = R. Alaimo, R. Giarrusso, Indagini mineralogiche petrografiche su materiale ceramico medievale rinvenuto a Palermo in via Torremuzza, in S. Patitucci Uggeri (a cura di), Quaderni di Archeologia Medievale VI, Firenze, 2004, p. 372-374.

Alaimo, Giarrusso 2004b = R. Alaimo, R. Giarrusso, Caratterizzazione mineralogico petrografica dei campioni ceramici provenienti dagli scavi di contrada Case Romane a Marettimo (TP) e di Rocchiccella presso Mineo (CT), in S. Patitucci Uggeri (a cura di), Quaderni di Archeologia Medievale, VI, Firenze, 2004, p. 405-408.

Alaimo et al. 2010 = R. Alaimo, E. Gasparini, G. Maggiore, P. Pensabene, Produzione ceramica nell’insediamento medievale presso la Villa del Casale di Piazza Armerina, in P. Pensabene (a cura di), Piazza Armerina : Villa del Casale e la Sicilia tra tardoantico e medioevo, Roma, 2010, p. 39-60.

Arcifa 2004 = L. Arcifa, Nuovi dati riguardanti la ceramica di età islamica nella Sicilia orientale, dans MEFRM, 116, 1, 2004, p. 205-230.

Arcifa 2008 = L. Arcifa, Facere fossa et victualia reponere. La conservazione del grano nella Sicilia medievale, in MEFRM, 120, 1, 2008, p. 39-54.

Arcifa 2010 = L. Arcifa, Indicatori archeologici per l’alto Medioevo nella Sicilia orientale, in P. Pensabene (a cura di), Piazza Armerina. Villa del Casale e la Sicilia tra tardoantico e medioevo, Roma, 2010, p. 105-128.

Arcifa, La Rosa 1991 = L. Arcifa, V. La Rosa, I materiali. Per il casale di Milocca : ceramiche medievali dalla contrada Amorella, in L’età di Federico II nella Sicilia Centro Meridionale (Gela 1990), Agrigento, 1991, p. 405-412.

Arcifa, Lesnes 1997 = L. Arcifa, É. Lesnes, Primi dati sulle produzioni ceramiche palermitane dal x al xv secolo, in VI Congrès International sur la Céramique Médiévale (Aix-en-Provence 1995), Aix-en-Provence, 1997, p. 405-412.

Ardizzone 1999 = F. Ardizzone, Le anfore recuperate sopra le volte del palazzo della Zisa e la produzione di ceramica comune a Palermo tra la fine dell’xi ed il xii secolo, in MEFRM, 111, 1, 1999, p. 7-50.

Ardizzone 2000 = F. Ardizzone, Rapporti commerciali tra la Sicilia occidentale ed il tirreno centro-meridionale nell’viii secolo alla luce del rinvenimento di alcuni contenitori da trasporto), in G. P. Brogiolo (a cura di), Atti del II Congresso Nazionale di Archeologia Medievale. Pré-tirages (Brescia, 28 settembre-1 ottobre 2000), Firenze, 2000 p. 402-407.

Ardizzone 2004 = F. Ardizzone, La ceramica da fuoco altomedievale della Sicilia occidentale (secc. VIII-XI), in S. Patitucci Uggeri (a cura di), Quaderni di Archeologia Medievale VI, Firenze, 2004, p. 375-386.

Ardizzone, Bonacasa Carra, Macaluso 1991 = F. Ardizzone, R. M. Bonacasa Carra, R. Macaluso, Due nuove fornaci medievali ad Agrigento, in L’età di Federico II nella Sicilia Centro Meridionale (Gela 1990), Agrigento, 1991, p. 217-228, tav. p. 309-313 e fig. p. 346-350.

Ardizzone, Di Liberto, Pezzini, Mammina 1998 = F. Ardizzone, R. Di Liberto, E. Pezzini, G. Mam-mina, Il complesso monumentale in contrada «Case Romane» a Marettimo (Trapani). La fase medievale : note preliminari, in S. Patitucci Uggeri (a cura di), Scavi medievali in Italia 1994-1995, [Atti della prima conferenza italiana di archeologia medievale, Cassino, 14-16 dicembre 1995], in Quaderni di Archeologia Medievale, Suppl. 1, Roma-Friburgo-Vienna, 1998, p. 387-424.

Ardizzone, Garofano, Greco 1997-98 = F. Ardizzone, I. Garofano, C. Greco, Indagini nel territorio di Carini, in Kokalos, 43/44, 1997/98, p. 645-677.

Arthur, Patterson 1998 = P. Arthur, H. Patterson, Local pottery in southern Puglia in the sixth and seventh centuries, in L. Saguì (a cura di), Ceramica in Italia : vi-vii secolo. Atti Convegno in onore di J. W. Hayes. Roma 11-13 maggio 1995, Firenze, 1998, p. 511-530.

Bresc 1993 = H. Bresc, Le marchand, le marché et le palais dans la Sicile des xe-xiie siècles, in Mercati e mercanti nell’alto medioevo : l’area eurasiatica e l’area mediterranea (XL settimana di studio del Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo), Spoleto, 1993, p. 285-320.

Caracausi 1993 = G. Caracausi, Dizionario onomastico della Sicila, 2 vol., Palermo, 1993.

Castillo Martínez 1993 = F. Castillo Galdeano, R. Martínez Madrid, Producciones cerámicas en Bayˆyˆa¯na, in

A. Malpica Cuello (a cura di) La cerámica altomedieval en el Sur de Al-Andalus, Granada, 1993, p. 67-116.

Cirelli 2006 = E. Cirelli, Classificazione e quantificazione del materiale ceramico nelle ricerche di superficie, in N. Mancassola, F. Saggioro (a cura di), Medioevo. Paesaggi e metodi, Mantova, 2006, p. 169-178.

Couleurs de Tunisie 1994 = Couleurs de Tunisie. 25 siècles de céramique (Paris, Institut du monde arabe, 13 décembre 1994 -26 mars 1995; Toulouse, Musée des Augustins, 24 avril – 31 juillet 1995), Parigi, 1994, p. 116, schede 56-65.

Cressier, Rammah 2006 = P. Cressier, M. Rammah, S. al-Mansuriya. Une nouvelle approche archéologique, in Comptes-rendus des séances de l’Académie des Inscriptions et Belles-Lettres, 150e année, 1, 2006, p. 613-633.

D’Angelo 1976 = F. D’Angelo, Ceramica d’uso domestico della Sicilia medievale proveniente dalla Zisa (Palermo xii secolo), in Atti del ix Convegno internazionale della Ceramica, Albisola, 1976, p. 53-61.

D’Angelo 1989 = F. D’Angelo, Malta per tegole, in Sicilia Archeologica, XXII, 1989, p. 55-59.

D’Angelo 2004 = F. D’Angelo, La ceramica islamica in Sicilia, in La Sicile à l’époque islamique. Questions de méthode et renouvellement récent des problématiques, in MEFRM, 116, 1, 2004, p. 129-143.

Fiorilla 1990 = S. Fiorilla, Schede, in S. Scuto (a cura di), Castelli, fornaci, pozzi dell’età di mezzo. Primi contributi di archeologia medievale nella Sicilia centro-meridionale, Museo Archelologico di Gela 9 giugno-31 dicembre 1990, Agrigento, 1990.

Fogagnolo 2004 = S. Fogagnolo 2004, Un contesto ceramico di viii secolo dal Lungotevere Testaccio, in L. Paroli, L. Vendittelli (a cura di), Roma dall’antichità al medioevo, in Roma dall’Antichità al Medioevo. Archeologia e Storia, Roma, 2004, p. 569-573.

Fulford, Peacock 1984 = M. G. Fulford, D. P. S. Peacock, Excavations at Carthage. The British Mission, 1-2. The Avenue du Président Habib Bourguiba, Salammbô. The pottery and other ceramic objects from the site, Sheffield, 1984.

Gayraud 2003 = R. P. Gayraud, La transition céramique en Égypte. viie-ixe siècles, in viie Congrès international sur la céramique médiévale en Méditerranée, [Thessaloniki, 11-16 Octobre 1999], Atene, 2003, p. 558-563.

Íñiguez, Mayorga 1993 = M. C. Íñiguez Sánchez, J. F. Mayorga Mayorga, Un alfar emiral en Málaga, in A. Malpica Cuello (a cura di), La cerámica altomedieval en el Sur de Al-Andalus, Granada, 1993, p. 117-139.

Internicola, Corso 1993 = G. V. Internicola, S. Corso, Storia del paesaggio. Sopravvivenze prenormanne da Castellammare a Scopello, estratto da La Fardelliana, XII, 1993, p. 161-187, (Ampliato e ripubblicato con il Patrocinio del Comune di Castellammare del Golfo, p. 1-36).

Lesnes 1993 = É. Lesnes, La céramique médiévale du cloitre de San Domenico à Palerme, in MEFRM, 105, 1, 1993, p. 549-603.

Louhichi 2003 = A. Louhichi, La céramique de l’Ifriqiya du ixe au xie siècle d’après une collection inédite de Sousse, in Actes du VIIe Congrès international sur la céramique médiévale en Méditerranée (Thessaloniki, 11-16 ottobre 1999), Atene, p. 669-682.

Maccari Poisson 1984 = B. Maccari Poisson, La céramique médiévale, in J.-M. Pesez (a cura di), Brucato. Histoire et archéologie d’un habitat médiéval en Sicile, Roma, 1984, p. 247-250.

Maurici 2002 = F. Maurici, Medioevo trapanese. Gli insediamenti nel territorio della provincia di Trapani dal tardo antico alle soglie dell’età moderna, Palermo, 2002.

Molinari 1992 = A. Molinari, La ceramica dei secoli x-xiii nella Sicilia occidentale : alcuni problemi di interpretazione storica, en Atti delle Giornate Internazionali di Studi sull’Area Elima, Pisa, 1992, p. 501-522.

Molinari 1994b = A. Molinari, La produzione ed il commercio in Sicilia tra il x ed il xiii secolo : il contributo delle fonti archeologiche, in Archeologia Medievale, XXI, 1994, p. 99-119.

Molinari 1995 = A. Molinari, La produzione e la circolazione delle ceramiche siciliane nei secoli x-xiii, in Actes du Ve Colloque sur la Céramique Médiévale en Méditerranée occidental (Rabat 1991), Rabat, 1995, p. 191-204.

Molinari 1997a = A. Molinari, Momenti di transizione nelle produzioni ceramiche siciliane, en VI Congrès international sur la céramique médiévale, Aix-en-Provence 1995, Aix-en-Provence, 1997, p. 375-382.

Molinari 1997b = A. Molinari, Segesta II. Il castello e la moschea, Palermo, 1997.

Molinari 2002 = A. Molinari, Insediamento rurale e fortificazioni nella Sicilia occidentale. Vecchi e nuovi dati su Segesta e Selinunte, in R. M. Bonacasa Carra (a cura di), Byzantino-Sicula IV. Atti del I Congresso internazionale di archeologia della sicilia bizantina, Palermo, 2002, p. 323-353.

Molinari 2010a = A. Molinari, La ceramica siciliana di età islamica tra interpretazione etnica e socio-economica, (con una appendice di D. Cassai), in P. Pensabene (a cura di), Piazza Armerina : Villa del Casale e la Sicilia tra tardoantico e medioevo, Roma, 2010, p. 197-228.

Molinari 2010b = A. Molinari, La ceramica siciliana di x e xi secolo tra circolazione interregionale e mercato interno, in S. Gelichi, M. Baldassarri (a cura di), Pensare-classificare : studi e ricerche sulla ceramica medievale per Graziella Berti, Firenze, 2010, p. 159-170.

Molinari 2010c = A. Molinari, Paesaggi rurali e formazioni sociali nella Sicilia islamica, normanna e sveva (secoli x-xiii), in Archeologia Medievale, 37, 2010, p. 229-245.

Molinari, Valente 1995 = A. Molinari, I. Valente, La ceramica medievale proveniente dall’area di Casale Nuovo (Mazara del Vallo) (seconda metà x/xi secolo), in Actes du 5e Colloque sur la céramique médiévale en Méditerranée occidentale (Rabat 1991), Rabat, 1995, p. 416-420.

Nef, Prigent 2006 = A. Nef, V. Prigent, Per una nuova storia dell’altomedioevo siciliano, in Storica, anno XII, 2006, p. 9-64.

Orton, Tyers, Vince 1997 = C. Orton, P. Tyers, A. Vince, La cerámica en arqueología, Barcelona, 1997.

Orssaud, Sodini 1997 = D. Orssaud, J.-P. Sodini, Les lampes tournees de Qal’at Sem’an et leurs paralleles dans le bassin méditerranéen, in G. Démians D’Archimbaud (a cura di), La céramique médiévale en Méditerranée. Actes du VIe Congrès de l’AIECM2 Aix-en-Provence (13-18 novembre 1995), Aix-en-Provence (1997), p. 63-72.

Patitucci Uggeri, Uggeri 2009 = S. Patitucci Uggeri, G. Uggeri, Per una periodizzazione dell’insediamento bizantino nella Sicilia orientale, in P. Favia, G. Volpe (a cura di), Atti del V Congresso nazionale di archeologia medievale. Palazzo della Dogana, Salone del Tribunale (Foggia); Palazzo dei Celestii, Auditorium (Manfredonia); 30 settembre-3 ottobre 2009, Firenze, 2009, p. 274-278.

Patterson 1995 = H. Patterson, Analisi mineralogiche sulle ceramiche medievali di alcuni siti della Sicilia occidentale, in Actes du 5e Colloque sur la céramique médiévale (Rabat, 1991), Rabat, 1995, p. 218-223.

Pavolini 1998 = C. Pavolini, Le lucerne in Italia nel vi-vii secolo d. C. : alcuni contesti significativi, in L. Saguì (a cura di), La ceramica in Italia : vi-vii secolo : atti del convegno in onore di John W. Hayes. Roma, 11-13 maggio 1995 (Vol. 1-2), Firenze, 1998, p. 123-139.

Pellegrini 1972 = G. B. Pellegrini, Gli arabismi nelle lingue neolatine con speciale riguardo all’Italia, Brescia, 1972.

Pezzini 2004 = E. Pezzini, Ceramica di x secolo da un saggio di scavo in via Torremuzza a Palermo, in S. Patitucci Uggeri (a cura di), Quaderni di Archeologia Medievale VI, Firenze, 2004, p. 355-371.

Rizzo 2004 = M. S. Rizzo, L’insediamento medievale nella Valle dei Platani, Roma, 2004.

Rotolo, Martín, Bonet cds = A. Rotolo, J. M. Martín Civantos, T. M. Bonet García, Idrisi Project – ARPATRA : Risultati preliminari del progetto «Archeologia del paesaggio medievale a Castellammare del Golfo e Buseto Palizzolo (TP)», in corso di stampa.

Tullio 1989 = A. Tullio, I saggi di scavo, in La basilica cattedrale di Cefalù, in Materiali per la conoscenza storica ed il restauro. La ricerca archeologica. Preesistenze e materiali reimpiegati, 3, Palermo, 1989, p. 13-114.

Wilson 1979 = R. J. A. Wilson, Brick and tile in Roman Sicily, in A. McWhirr (a cura di), Roman brick and tile, Oxford, 1979 (British Archaeological Reports, 68), p. 11-43.

Haut de page

Notes

1 Il Progetto ARPATRA, acronimo di Archeologia del Paesaggio nel territorio della Provincia di Trapani, finanziato dal Ministerio de Cultura de España, ha come responsabile scientifico Jose María Martín Civantos (Università di Granada). È stato approvato dal Servizio Soprintendenza dei Beni Culturali di Trapani, sotto la responsabilità scientifica di José Ma Martín Civantos ed Elisabetta de Minicis e diretto sul campo dallo scrivente. Il suo ambito di studio è il territorio compreso tra Monte Sparagio e Monte Inici, nei Comuni di Castellammare del Golfo e Buseto Palizzolo. Il Progetto ARPATRA si inserisce inoltre nel più ampio « Idrisi Project », che è finalizzato allo studio della Sicilia in epoca islamica e include la realizzazione della tesi di dottorato dello scrivente, svolta all’Università di Granada. Ringraziamo per la disponibilità offertaci e il vivo interesse dimostrato : Sebastiano Tusa, Soprintendente al Servizio Soprintendenza BB.CC.AA. di Trapani, Rossella Giglio Dirigente dell’Unità Operativa VIII per i Beni Archeologici e Giuseppina Mam-mina, Esperto Catalogatore Archeologo. Ringraziamo inoltre i Comuni di Castellammare del Golfo e Buseto Palizzolo. Vogliamo infine esprimere la nostra gratitudine a tutti quelli che hanno, con prodigalità di consigli, aiutato a rendere questo lavoro migliore, restando la responsabilità di quanto scritto totalmente a nostro carico. Ringraziamo in particolare : Ferdinando Maurici, Lucia Arcifa, Jose Cristobal Carvajal López, Salvina Fiorilla e Franco D’Angelo. Per una sintesi preliminare dei risultati del progetto si veda Rotolo, Martín, Bonet cds.

2 Orton, Tyers, Vince 1997.

3 Per Cefalù vedi Tullio 1989, p. 13-114. Per Marettimo cfr. tracciato un quadro d’insieme sugli anforacei altomedievali Ardizzone, Di Liberto, Pezzini 1998, p. 387-424. Fabiola Ardizzone 2000, p. 402-407 e successivamente sulla cera-Ardizzone a partire da questi rinvenimenti ha recentemente mica da fuoco Ardizzone 2004.

4 Patitucci Uggeri, Uggeri 2009, p. 274. In generale sul ruolo politico giocato dalla Sicilia nelle relazioni tra Roma e Bisanzio nell’viii e ix secolo, si faccia riferimento a Nef, Prigent 2006, p. 34-37.

5 Molinari 2010a, in particolare a p. 217.

6 Maurici 2002, p. 46.

7 Maurici 2011.

8 Molinari 2002, p. 331.

9 È stato argutamente proposto da Vito Internicola (Internicola, Corso 1993, p. 30) di identificare l’agiotoponimo Sancte Iryni nell’odierno toponimo Lisciandrini. Il toponimo possibilmente di origine bizantina, potrebbe avere subito, una mutazione del fonema s in š, dando quindi come esito un ipotetico šant iryni e si sarebbe fossilizzato in italiano nel suono sc (Pellegrini 1972, I, p. 240-241.), la presenza di un articolo avrebbe poi convertito il toponimo in Li Sciantirini, fino a giungere all’attuale esito Lisciandrini.

10 Lo studio dei materiali raccolti durante le attività di ricognizione del 2011, al momento in corso, sembrerebbe permetterci di orientare le nostre ipotesi di studio in questo senso, anche se risulta attualmente impossibile ipotizzare un continuità anche per i secoli viii – inizio x. In un altro sito, durante la campagna di ricognizione del 2011, abbiamo raccolto anche anse a fascia con solcatura mediana (Arcifa 2004 e Arcifa 2010), che dovrebbero indicare fasi di vita altomedievali, ma lo studio di questi materiali non è stato ancora ultimato.

11 Molinari 1995, p. 192.

12 Arcifa, Lesnes 1997.

13 Precedenti tentativi di organizzazione delle cronologie dei materiali di epoca medievale in Molinari, Valente 1995 e Molinari 1992.

14 Molinari 1997b.

15 Nelle due campagne di ricognizione finora effettuate nel progetto ARAPATRA negli anni 2009/10, abbiamo effettuato raccolte quanto più possibile meticolose, con lo scopo di creare collezioni di confronto estese. Trattandosi di materiali da ricognizione abbiamo deciso di utilizzarli per studi qualitativi, limitandoci a valutare presenze e assenze, ma non le quantità. Inoltre, per quanto scrupolosa sia stata la nostra raccolta, non possiamo dirci certi di avere ottenuto in ogni sito una rappresentatività completa del record archeologico, che per differenti ragioni potrebbe non presentare in superficie tutte le sue fasi. Per una presentazione delle metodologie e dei risultati preliminari del progetto ARPATRA si veda Rotolo, Martín, Bonet cds., sui limiti delle possibilità nello studio dei materiali di superficie si veda Cirelli 2006, in particolare a p. 174.

16 Si tratta nella maggioranza dei casi di villaggi aperti, menzionati nella documentazione come casalia o rihal, che in base dei casi tra il x secolo e la s.m. del xii.

17 Per il Platani Survey si veda Rizzo 2004 ; su Casale Nuovo Molinari, Valente 1995 e Molinari 2010a ; su Carini si veda Ardizzone, Garofano, Greco 1997-98 ; su Castello – S. Pietro e via Torremuzza rispettivamente Arcifa, Lesnes 1997 e Pezzini 2004.

18 Questa lucerna, chiamata anche « vandala », trova confronto con la forma Atlante I, p. 206, XVI. Potrebbe trattarsi di una forma di origine orientale (Orssaud, Sodini 1997) o derivare da tipi nordafricani del V secolo. Tra vi e viii secolo trova una relativa diffusione a Roma nei contesti della Crypta Balbi di viii secolo (Pavolini 1998, p. 128-129-135) e del Lungotevere Testaccio, sempre nell’viii secolo (Fogagnolo 2004, p. 570-573), ma trova anche confronto con i prodotti delle fornaci di Otranto di vi-vii secolo (Arthur, Patterson 1998, p. 512-524). Esemplari più rari provengono dal nord Africa, da Cartagine (Fulford, Peacock 1984, p. 140), Tagdempt e Mila (Pezzini 2004, p. 363). In Sicilia sembra fare la sua comparsa tra la seconda metà del ix e la prima metà del x secolo in diversi contesti, perdurando invetriata fino agli inizi dell’xi secolo (vedi infra). Su questa produzione in Sicilia sono recentemente ritornate Pezzini 2004, p. 362-363 e Arcifa 2010, p. 123-124.

19 Morfologicamente identico ad Ardizzone, Garofano, Greco 1997-98, p. 673, A17.

20 Ardizzone 2004, p. 376.

21 Fabiola Ardizzone sospetta che si tratti dello stesso accorgimento tecnico che si ritrova nelle olle di x secolo, ma non ci informa del colore della superficie delle pentole di Marettimo. Le olle che documentiamo nei contesti che abbiamo ricognito nel trapanese sono caratterizzate oltre che dalla cottura in ambiente riducente e dall’impasto ricco di calcite, anche da una forte ossidazione delle superfici. Ardizzone 2004, p. 376.

22 Casseruole in Arcifa 2004.

23 Ardizzone 2004, p. 378-379, fig. 2.

24 Da ultima Arcifa 2010, p. 120-121.

25 Arcifa 2010, p. 122.

26 Come nel caso di Mazara, Molinari 2010a, p. 212.

27 Arcifa, Lesnes 1997, p. 406.

28 Ricordiamo che si tratta di materiali di superficie e che non abbiamo potuto effettuare studi quantitativi.

29 Ardizzone 2004.

30 Molinari 2010a.

31 Wilson 1979, p. 23.

32 D’Angelo 1989.

33 Arcifa 2010, p. 108.

34 Rizzo 2004, p. 147.

35 Arcifa 2010, p. 109.

36 D’Angelo 1976.

37 In Ardizzone, Garofano, Greco 1997-98, la studiosa individua alcune tipologie di epoca tardo islamica, in Ardizzone 1999 sono proposte delle tipologie per le anfore di epoca normanna e in Ardizzone 2000, si propongono per la prima volta dati su anfore di viii secolo.

38 Ardizzone, Garofano, Greco 1997-98, passim.

39 Molinari 2010b, p. 161-165 e bibliografia e Molinari 2010c, p. 240.

40 Bresc 1993, p. 292-295 e Arcifa 2008.

41 Molinari 2010c, p. 240 e Molinari 2010b, p. 162.

42 La solcatura è però documentata sia in Sicilia orientale in anse di contesti di fine viiie ix secolo. Arcifa 2004 e Arcifa 2010, p. 115.

43 Arcifa, Lesnes 1997, p. 408.

44 Arcifa 2010, p. 122.

45 Arcifa 2004, p. 223.

46 Se effettivamente si tratta inequivocabilmente di materiali databili solo a partire dal X.

47 Arcifa 2010, p. 115-116 e Tullio 1989, p. 94-95, fig. 125-126.

48 Molinari 2002, p. 331.

49 I frammenti che provengono dagli scavi con le sequenze più chiare sono segnalati a : Castello – S. Pietro a Palermo (Arcifa, Lesnes 1997), nello scavo di Via Torremuzza da Elena Pezzini, Pezzini 2004, p. 363, fig. 2-3, n. 193, a Contrada S. Nicola a Carini (Ardizzone, Garofano, Greco 1997-98, p. 664, fig. 3 e p. 667-668) da cui provengono un frammento non invetriato e un altro sempre a coupelle ma ricoperto da vetrina incolore e decorato a tratti bruni e bande verdi e Casale Nuovo (Molinari, Valente 1995, tav. II, n. 14). Tra le segnalazioni precedenti, con un riferimento cronologico al x-xii secolo, che oggi possiamo definire meglio come di fine IX – inizio x secolo, ricordiamo che frammenti sia privi di rivestimento che con decorazione policroma sotto vetrina sono segnalati sempre a Palermo nel chiostro di S. Domenico (Lesnes 1993) e ad Agrigento (Fiorilla 1990, p. 46, fig. 17 e Ardizzone, Bonacasa Carra, Macaluso 1991, p. 222, fig. 62b). In Sicilia orientale le attestazioni sono piu rare ma non assenti, come nel caso di Milocca (Arcifa, La Rosa 1991, p. 203, tav. XVII).

50 Si vedano al riguardo le interessanti considerazioni di Elena Pezzini. Pezzini 2004, p. 362-363 e relativa bibliografia. Per i casi nordafricani in particolare Orssaud, Sodini 1997.

51 Termine introdotto nel Piano Paesaggistico Territoriale dell’Ambito 1 della Provincia di Trapani, per designare l’area dei rilievi settentrionali del trapanese, comprendente il Monte Inici, il Monte Sparagio ed i rilievi argillosi dell’entroterra busetano. Ambito 1, 2009.

52 Molinari 1997a.

53 Couleurs de Tunisie 1994, p. 116, schede 56-65, Gayraud 1993. Altri frammenti di ceramica dipinta sotto vetrina provengono da Raqqada, ma sfortunatamente hanno una datazione ancora poco precisa, tra il ix e l’xi secolo (Louhichi 2003). Nuovi dati si attendono dall’edizione dei contesti stratigrafici di Sabra al-Manu¯ riyya (Cressier, Rammah 2006).

54 Castillo, Martinez 1993 e Íñiguez, Mayorga 1993.

55 L’economia di mercato e la circolazione di questi beni è favorita anche dal sistema di tassazione in moneta aurea (Nef, Prigent 2006).

56 Molinari 2010a, p. 205-217.

57 Arcifa 2010, p. 106.

58 Molinari 1997a, p. 375 ; Molinari 2002, p. 334.

59 Alessandra Molinari, in un recente contributo, non ha escluso la possibilità che queste cronologie vadano leggermente rialzate, almeno all’inizio del x secolo. Inoltre anche Alessandra Bagnera e Annliese Nef sembra che si stiano muovendo nella stessa direzione per quanto riguarda i mate

60 Caratteristica su cui hanno insistito a più riprese Fabiola Ardizzone e Lucia Arcifa. È significativo anche il fatto che la lucerna a coupelle, « uno dei più fedeli indicatori cronologici per gli strati della prima epoca islamica » (Arcifa, Lesnes 1997, p. 408-10), sia un manufatto di origine bizantina, nato dalla koinè mediterranea tardantica-bizantina.

61 Arcifa, Lesnes 1997, p. 411 fig. 3.5.

62 Molinari 2010a.

63 Patterson 1995 ; Alaimo, Giarrusso 2004a ; Alaimo, Giarrusso 2004b e Alaimo et al. 2010.

Haut de page

Table des illustrations

Légende Fig. 1 – Ceramica da cucina (1-3 olle, 4-5 pentole invetriate, 6 pentola realizzata a mano); tegole (7-9 tegole pettinate, 10-11 tegole con paglia); lucerne (12 lucerna a coupelle, 13 lucerna a becco).
Légende Fig. 2 – Ceramica da trasporto e conservazione (1-3 bordi di anfora, 4-5 anse con solcatura mediana, 6-7 fondi); catini (8-9 catini carenati con bassa parete verticale, 10 carenato con alta parete verticale, 11 catino con orlo bifido, 12 catino emisferico, 13-15 catini con bordo ingrossato esternamente, leggera carenatura e calotta emisferica schiacciata interna).
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Antonio Rotolo, « Alcune riflessioni sullo stato delle conoscenze sulla ceramica d’età islamica in Sicilia occidentale (m. ix-s.m. xi secolo) », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge, 123-2 | 2011, 545-560.

Référence électronique

Antonio Rotolo, « Alcune riflessioni sullo stato delle conoscenze sulla ceramica d’età islamica in Sicilia occidentale (m. ix-s.m. xi secolo) », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge [En ligne], 123-2 | 2011, mis en ligne le 20 février 2013, consulté le 22 mars 2017. URL : http://mefrm.revues.org/639 ; DOI : 10.4000/mefrm.639

Haut de page

Auteur

Antonio Rotolo

Universidad de Granada, antorotolo@gmail.com

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org