Navigation – Plan du site
Les pouvoirs territoriaux en Italie centrale et dans le sud de la France. Hiérarchies, institutions et langages (XIIe-XIVe siècle) : études comparées

Comuni rurali e centri minori dell’Italia centrale tra xii e xiv sec.

Rural communities and small settlements in central Italy between the 12th and the 14th century
Gabriele Taddei
p. 319-334

Résumés

La capacità delle comunità rurali e degli insediamenti comitatini di rappresentare degli effettivi poli di organizzazione territoriale fu, tra pieno e basso medioevo, assai diseguale nelle varie contrade della porzione centrale della Penisola. Tale difformità viene analizzata attraverso una matrice di criteri che, movendo dalla constatazione di una profonda eterogeneità delle reti insediative locali, indaga i molteplici processi genetici attraverso i quali le comunità vennero strutturandosi, l’articolazione sociale interna che le caratterizzò, la loro capacità di conservare un diretto controllo sulle risorse collettive, e quella di raccordarsi a poteri superiori, fossero essi rappresentati dai limitrofi comuni cittadini o dalle autorità imperiale e pontificia.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Per definire l’area che sarà oggetto del presente studio, preferisco riferirmi all’attuale partizio (...)

1Tra la fine del xiii sec. ed i primi decenni del xiv la porzione centrale della penisola italiana oggi occupata dalle regioni amministrative della Toscana, dell’Umbria, delle Marche e del Lazio presentava profonde differenze nella propria rete insediativa, nella sua struttura socio economica e nell’articolazione dei poteri insistenti sul territorio1.

  • 2 O. Muzzi, L’organizzazione politico-territoriale della Toscana, in C. Bastianoni, G. Cherubini, G. (...)

2Caratterizzata da un vigoroso sviluppo demico e urbano, almeno nella sua parte centrale e settentrionale, la Toscana vantava una maglia strettissima di insediamenti entro la quale tutti i diversi livelli abitativi, dalla grande metropoli, alla città di pur consistente sviluppo, dal centro minore comunque dotato di un proprio districtus, al piccolo villaggio aperto, risultavano adeguatamente rappresentati. Sebbene i principali centri organizzativi del territorio risultassero essere le città vescovili, «molteplici erano le strutture in grado di organizzare politicamente e amministrativamente la regione : dalle città comunali, alle signorie laiche, dai centri minori con autonome forme comunali, alle residue signorie ecclesiastiche che interrompevano l’uniformità amministrativa dei vari comitati cittadini»2.

  • 3 A riguardo G. Pinto, Le città umbro-marchigiane, in Le città del Mediterraneo all’apogeo dello svil (...)
  • 4 Per i castelli dell’area marchigiana R. Bernacchia, Incastellamento e distretti rurali nella Marca (...)

3In Umbria e nelle Marche, a fronte del ridotto numero di grandi e medie città (Perugia, Orvieto, Ascoli ed Ancona), la caratteristica saliente dell’area era rappresentata dalla massiccia presenza di centri minori, privi di dignità vescovile, capaci comunque di darsi un’autonoma organizzazione comunale e di costituire propri territori ritagliandoli dalle diocesi entro le quali essi erano collocati. Nelle Marche, in un numero di casi superiore a quello riscontrabile nella Toscana centro-settentrionale, tra civitates e centri minori non vescovili la differenza fu solo formale non sostanziandosi sul piano demografico né su quello dell’articolazione sociale3. In un’area contraddistinta da una così massiccia presenza di centri minori dalle caratteristiche quasi urbane, scarsa risultava la visibilità di organizzazioni comunali propriamente rurali laddove i numerosissimi castra comitatini si strutturavano più usualmente secondo il modello di veri e propri consortili di castello entro i quali i rustici erano totalmente esclusi da ogni partecipazione4.

  • 5 « Nel contado di Perugia, nel 1285, una superficie di 1 600 Km2 è divisa in 242 ville e castelli ch (...)
  • 6 J.-C. Maire Vigueur, Comuni e signorie... cit., p. 8.

4Al contrario il Lazio e la porzione più meridionale della Toscana, dalla natura prettamente, se non esclusivamente, agricola, presentavano un panorama totalmente diverso, costituito da una rete insediativa assai rada, del tutto priva di poli urbani di una certa rilevanza. Nel Lazio meridionale, area fortemente deurbanizzata, la caratteristica saliente consisteva nella diffusione di grandi villaggi rurali di centinaia di famiglie ognuno5 dove gli abitanti si dedicavano esclusivamente ad attività agricole e «conducevano una vita che [...] non si differenziava molto da quella che poteva essere in un piccolo villaggio del contado di Perugia»6.

  • 7 La citazione di Bartolo da Sassoferrato in Ph. Jones, The Italian City-State, Oxford, 1997 dove ess (...)

5Quest’ultima considerazione, pur con la dovuta cautela, può ritenersi valida finanche per quei numerosi centri laziali, come Velletri, Alatri, Piperno, Verlo, Ferentino che, in quanto dotati di sede vescovile, risultavano essere giuridicamente delle civitates, ma il cui mancato sviluppo economico (oltre che demografico, tale almeno se confrontato con quelle delle civitates del centrosettentrione) permetteva a Bartolo da Sassoferrato di parlare di civitatuncole7. Potremmo anzi dire che queste civitatuncole laziali si trovavano in una situazione perfettamente speculare rispetto alle «quasi-città» marchigiane, centri che, sebbene privi di una propria sede vescovile, potevano vantare uno sviluppo economico, una complessità sociale, un’architettura istituzionale ed una proiezione demica e territoriale paragonabili, in linea di massima, a quelle delle città propriamente dette.

6Fin da queste considerazioni introduttive risultano evidenti due elementi : in primo luogo che la realtà insediativa della Toscana centrosettentrionale risultò, almeno nel suo esito tardomedievale, molto più gerarchizzata ed articolata di quelle delle altre aree. In secondo luogo che tra gli insediamenti della Toscana centrosettentrionale, dell’Umbria e delle Marche da un lato, del Lazio e della Toscana meridionale dall’altro esistette un notevole scarto laddove i vivaci centri minori della prima macroregione non trovavano facilmente omologhi diretti nella seconda, i cui grossi centri rurali raggiunsero sviluppi sociali, economici e politici ben più modesti.

Varietà o uniformità dei processi genetici?

  • 8 R. Caggese, Classi e comuni rurali nel medioevo italiano: saggio di storia economica e giuridica, 2 (...)
  • 9 G. Volpe, Classi e comuni rurali nel Medio Evo italiano, ora in Id., Medio Evo italiano, Roma-Bari4(...)
  • 10 G. Tabacco, Egemonie sociali e strutture del medioevo italiano, Torino, 1979.
  • 11 A. Castagnetti, Le comunità rurali dalla soggezione signorile alla giurisdizione del comune cittadi (...)
  • 12 A. I. Pini, Città, comuni e corporazioni nel Medioevo italiano, Bologna, 1986.

7Una delle prime teorie generali sulla genesi del comune rurale fu quella, del resto ben nota, elaborata dal Caggese nel 1908 : per lo storico italiano i comuni rurali rappresenterebbero un fenomeno di lotta di classe dei contadini asserviti contro i loro signori. In questa contrapposizione gli abitanti del villaggio avrebbero potuto contare sull’appoggio delle città, considerate portatrici di valori antitetici a quelli dei signori feudali nonché modello di sviluppo per i piccoli centri8. La proposta schematica del Caggese suscitò critiche metodologiche da parte del Volpe che tuttavia non ne attaccò la struttura portante9; del resto tale teoria, pur sfumata nella sua categoricità, è stata accettata e fissata da numerosi ed autorevoli studiosi tra cui il Tabacco10, il Castagnetti11, il Pini12.

  • 13 Ch. Wickham, Comunità e clientele nella Toscana del xii secolo : le origini del comune rurale nella (...)

8A dimostrare l’incongruenza dello schema genetico caggesiano nei confronti di numerosi casi specifici ha contribuito in modo determinante l’ormai celebre studio di Chris Wickham relativo alla Piana delle Sei Miglia Lucchesi13. Nel terzo decennio del xii sec., a Moriano, sei chilometri a nord di Lucca, i membri della comunità risultavano equamente inseriti nella pervasiva rete clientelare del vescovo lucchese che aveva instaurato dirette relazioni con la quasi totalità dei 57 capifamiglia del villaggio, titolari ognuno di un limitato fondo vescovile. Sarebbero allora stati i più agiati abitanti della comunità, non potendo emergere grazie ad un esclusivo legame col signore e desiderosi di porsi al riparo da una possibile invadenza lucchese, a considerare la creazione di un comune istituzionalizzato, dotato di cariche ed uffici, come l’unico strumento per vedere riconosciuta, dal basso e attraverso il consenso dei compaesani, la propria leadership. Del resto il primo documento attestante l’esistenza di un commune de Moriano, risalente all’anno 1121, dimostra come tale forma d’associazione fosse venuta creandosi in un contesto non caratterizzato da alcuna netta contrapposizione tra dominus locale e rustici, i quali ultimi, a fronte dell’impegno di non agire contro il proprio signore, senza per questo essere soggetti ad alcuna ulteriore imposizione o bannalità, detenevano la piena amministrazione della bassa giustizia.

9Cinque chilometri ad est di Lucca, il comune di Santa Margherita vede menzionare i propri consoli per la prima volta nel 1148, quando questi intervengono a fornire l’assenso ad una transizione fondiaria tra la locale chiesa parrocchiale ed il monastero di Pozzeveri. Tutta la comunità di Santa Margherita risulta costituita da affittuari o piccoli proprietari comunque costretti a spendere sudore, oltre che sulle proprie, anche su terre altrui. Del resto i più fertili terreni della zona risultano proprietà di cittadini lucchesi che vantano, comunque, parcelle così minute e frammentate da impedire a tutti loro di esercitare o reclamare un’effettiva egemonia sul villaggio. Il comune fu dunque l’organizzazione dei lavoratori locali che trovarono coesione in un ambiente caratterizzato dall’assenza di gruppi sociali antagonisti.

  • 14 G. Cherubini, Una comunità dell’Appennino dal xiii al xv secolo. Montecoronaro dalla signoria dell’ (...)

10Anche altrove, in ambito toscano, non pochi sono i processi genetici che escludono un momento di aperto scontro tra rustici e domini. Sull’Appennino tosco-romagnolo il villaggio di Montecoronaro è costituito dai fideles dell’abbazia di S. Maria del Trivio livellari di tenimenta monastici dal basso censo annuale ma dall’alto diritto d’entrata. Assumendo la concessione la forma di un acquisto, il tenens risultava nella piena disponibilità di vendere il proprio o di acquistare l’altrui tenimentum. La possibilità di un’intensa circolazione della terra permise l’emersione di una locale élite che, divenendo presto la guida politica della comunità, fu disposta, sul finire del xiii sec., a difendere la locale abbazia dall’ingerenza della famiglia faggiuolana14.

  • 15 Ch. Wickham, Dispute ecclesiastiche e comunità laiche : il caso di Figline Valdarno (xii secolo), F (...)

11Gli esempi di comuni rurali toscani che vennero istituzionalizzandosi in un contesto diverso da quello di una dicotomica contrapposizione col locale signore possono essere numerosi. Già sul finire del xii sec. la comunità di Figline si presenta come fortemente gerarchizzata al suo interno. Al vertice un’élite di milites costituita dai più abbienti proprietari terrieri con vocazione militare inseriti in ampie relazioni clientelari che investono non solo le due principali famiglie aristocratiche locali, quella dei Benzi e quella dei Tienzi, ma, ad un livello superiore, anche quella dei conti Guidi. Di rango troppo basso per aspirare ad un vero «stato aristocratico»15, ma al tempo stesso capaci di ottenere l’appoggio di quelle famiglie signorili di cui erano clienti, i milites favorirono l’istituzionalizzazione del comune per fissare la propria influenza locale all’interno di una gruppo che non erano in grado di dominare dall’esterno come aristocratici.

  • 16 O. Muzzi, Espansione urbanistica e formazione del Comune. Colle Valdelsa tra xii e xiii secolo, in (...)

12Il ruolo svolto da clientele militarizzate è ben rappresentato anche dai casi di Colle Val d’Elsa e di Gambassi. Il primo atto che attesta l’esistenza di un commune Collis è la stipulazione di una societas con San Gimignano del 1199. L’accordo fu ratificato per parte colligiana da Bonvillani consul de Colle e da Albertino Clarelli agente pro comuni. Sul finire del xii sec. convivevano dunque a Colle due strutture distinte, l’una espressione di una militia inserita con ogni probabilità nelle clientele degli Aldobrandeschi, degli Alberi, e dell’abbazia di Spugna, «gruppo di potere socialmente omogeneo al quale era affidata – da quei signori – la guida del centro castrense»16, l’altra rappresentata dal Clarelli e costituita dai rimanenti abitanti del castrum.

  • 17 A. Duccini, Il castello di Gambassi. Territorio, società istituzioni (secoli x-xiii), Castelfiorent (...)

13Agli inizi del xiii sec. a Gambassi l’istituzionalizzazione del comune risulta dalla convergente iniziativa del vescovo volterrano e di un insieme di masnaderii rimasti orfani della casa comitale cadolingia alla cui clientela avevano fino a quel momento afferito. Avviando un processo di progressive alienazioni delle loro proprietà in favore del vescovo – che andava così a ricostituire una rete clientelare capace di tutelare la comunità castrense dalla minacciosa influenza degli Alberti – i masnaderii ottennero dal presule il riconoscimento del proprio comune al cui rector veniva ora demandata l’amministrazione della bassa giustizia e la difesa del centro17.

  • 18 A. Barlucchi, Il contado senese all’epoca dei Nove. Asciano e il suo territorio tra Due e Trecento, (...)

14Ad Asciano, nei pressi di Siena, le prime esperienze comunali si avviarono nel contesto di un conflitto che oppose Siena ed il ramo maggiore dei Cacciaconti a quello cadetto della medesima famiglia cui gli homines del centro dimostrarono la propria alleanza18.

  • 19 J.-P. Delumeau, Castiglion Aretino dal castrum al Comune : l’autonomia impossibile ?, in Atti e mem (...)

15A Castiglion Aretino, oggi Fiorentino, il locale comune, in aperta ostilità con quello della vicina Arezzo, nacque all’ombra della famiglia dei Marchiones i cui membri, agli esordi della nuova istituzione, assunsero ripetutamente l’incarico podestarile19.

  • 20 Ch. Wickham, Comunità e clientele... cit., p. 194-242.

16Ciò che emerge da questa prima disamina, certo parziale e del tutto arbitraria, è, da un lato, la caleidoscopica varietà dei processi genetici dei comuni rurali della Toscana centrosettentrionale, dall’altro la scarsa incidenza di una dicotomica contrapposizione tra rustici e signori20.

17I comuni del Lazio presentano invece – almeno ad un primo esame – un’uniformità del tutto sconosciuta al contesto toscano. Qui l’aperta opposizione tra comunità e signori locali sembra essere una regola di fatto difficilmente aggirabile. Per altro questo netto contrasto ha sovente come risultato ultimo un grado di autonomia ben più modesto di quello esercitato dai centri rurali toscani.

  • 21 D. Waley, La féodalité dans la région romain dans le 2e moitié du xiiie siècle et au début du xive (...)
  • 22 A. Cortonesi, L’affermazione della signoria dei Caetani sul castello di Selvamolle, in Il Lazio mer (...)
  • 23 « I primi statuti comunali compaiono solo dalla metà del Duecento in poi e solo per i periodi succe (...)
  • 24 A. Lanconelli, Autonomie comunali e potere centrale nel Lazio dei secoli xiii-xiv, in R. Dondarini (...)

18Fenomeni di aperta opposizione nei confronti del potere signorile si riscontrano per i centri laziali di Campagnano e di Nepi, entrambi nei pressi di Bracciano, di Genazzano e di Cave, vicino a Velletri21. Selvamolle, oggi Selva dei Muli, è soggetta prima ad un eterogeneo condominio signorile quindi, dal tardo xiii sec. alla giurisdizione dei Caetani che si estende anche su Triviglino, Torre, Ninfa e, progressivamente, su numerosi altri castra22. Al di là di alcune lacune documentarie, è comunque possibile affermare che non pochi siano stati i casi di comunità rurali che, ancora nei decenni centrali del xiii sec., vedevano tanto l’alta quanto la bassa giustizia amministrata da rappresentanti del potere signorile. Dell’esiguo gruppo di statuti anteriori alle costituzioni egidiane pervenuti per il Lazio23, in tutto poco più di una dozzina, la metà di essi riguarda comunità castrensi strettamente sottoposte al dominio di signori ed il loro contenuto si esaurisce sostanzialmente nella definizione degli obblighi degli homines nei confronti dei rispettivi domini castri : a questa tipologia rispondono gli statuti di Campagnano (1270), Cave (1296 e 1307) e Sermoneta (1271), soggetti al dominio degli Annibaldi; di Vicovaro (1273) e Saccomurro (1311) degli Orsini; di Roviano (1268-1275) dei Colonna; le convenzioni fra gli abitanti di Subiaco, Roiate e Roccasecca e il monastero Sublacense; infine la convenzione tra gli abitanti di Ninfa e i Caetani24.

  • 25 Ch. Wickham, La signoria rurale in Toscana, in G. Dilcher e C. Violante (a cura di), Struttura e tr (...)
  • 26 O. Redon, Uomini e comunità nel contado senese del Duecento, Siena, 1982, p. 97.
  • 27 Ibid., p. 98.
  • 28 D. Balestracci, Signorie, comunità e città. Le autonomie nella Toscana medievale (xiii-xiv secolo), (...)
  • 29 O. Redon, Uomini e comunità... cit., p. 116-117 ; P. Cammarosano, I primordi del comune di Abbadia, (...)

19Anche in Umbria e nella Toscana meridionale, dove la signoria risulta strutturata e compatta e la comunità rurale strettamente soggetta al dominus25, il confronto tra le due parti non trova altra possibilità che quella di evolversi in netta ed aspra contrapposizione. Qui, come nel Lazio, l’eventuale emersione del comune rurale sembra di fatto avvenire attraverso un processo di competizione tra rustici e domini. È il caso di Montisi, inserito nella signoria dei Cacciaconti, dove, in un documento del 1218, il comune come tale non appare neppure nominato e la formula scelta è quella di un impegno personale di ogni titolare di podere a pagare un affictum annuale che avrebbe garantito l’affrancamento da ogni altro servizio26. Analoghe clausole sono previste dal famoso documento di Tintinnano del 1207, nel corpo del quale il conte Guido Medico, sostituendo i precedenti servizi con il pagamento annuo di un censo, «invoca nobilmente l’uguaglianza, la giustizia e la libertà che hanno fatto la grandezza di Roma»27. Né mancano casi, nella Toscana meridionale, di signori castrensi capaci di una tenace e vittoriosa resistenza nei confronti dei rustici come a Sarteano o a Chianciano28, o come ad Abbadia San Salvatore dove la comunità è lungamente impegnata in uno snervante braccio di ferro contro l’abate29.

  • 30 A. Ricci, Storia di un comune rurale dell’Umbria : Baschi, in Annali della Regia Scuola normale sup (...)
  • 31 J.-C. Maire Vigueur, Comuni e signorie... cit., p. 124.
  • 32 Ibid., p. 34.
  • 33 Ibid., p. 34-35.

20A Baschi – cinque chilometri a sud di Orvieto – il dominatus, ancora nell’anno 1235, conserva tutta la sua coesione grazie ad un vicario signorile che amministra tanto l’alta quanto la bassa giustizia e riscuote canoni la cui fissazione per iscritto sembra essere uno dei pochi traguardi raggiunti dalla comunità rurale30. A Trevi – tra Foligno e Spoleto – la locale consorteria dei lambardi vanifica ogni rivendicazione del populus31; nei pressi di Terni, ad Arrone, dove un gruppo familiare mantiene una signoria ben salda, una parte degli homines – affrancandosi dal giogo signorile – non ha altra possibilità che fondare il nuovo castrum di Montefranco32. Una strutturata e pervasiva signoria che limita fortemente ogni emergenza comunale è testimoniata anche a Chiavano (dieci chilometri a sud di Norcia), almeno fino al 1289 quando il castello è ceduto alla città di Spoleto33. Certo la sensazione che i comuni rurali del Lazio, come – almeno in parte – quelli umbri e della porzione più meridionale della Toscana, siano invariabilmente nati da forme di violenta contestazione dei poteri signorili ed abbiano comunque raggiunto forme di autonomia più limitata – quando non solamente una moderazione ed una fissazione dei diritti del dominus – può risultare non tanto da una assoluta oggettività del dato quanto da un condizionamento storiografico, essendo per lo più gli studi sui comuni rurali di queste aree rappresentati da una letteratura ormai datata e, in quanto tale, fortemente influenzata da un paradigma che voleva signoria e comune rurale entità nettamente contrapposte.

  • 34 J.-C. Maire Vigueur, Comuni e signorie... cit., p. 242-248.
  • 35 F. Pirani, Fabriano in età comunale. Nascita e affermazione di una città manifatturiera, Firenze, 2 (...)
  • 36 V. Villani, Signori e Comuni nel Medioevo marchigiano. I conti di Buscareto, Ancona, 1992 ; Id., Se (...)
  • 37 J.-C. Maire Vigueur, Comuni e signorie... cit., p. 128-129.
  • 38 A. Menchetti, Storia di un comune rurale della Marca di Ancona, Montalboddo oggi Ostra, Iesi, 1913, (...)
  • 39 Sullo spesso sottile distinguo tra consortile di castello e comune rurale cfr. G. Celata, La condiz (...)
  • 40 G. Luzzatto, Le sottomissioni dei feudatari... cit., p. 361-365. A riguardo del comune di Osimo, ol (...)

21Anche nelle Marche la giurisdizione signorile è diffusa e vitale. Non vediamo attive potenti famiglie come quelle del Lazio che, fidando sovente sull’autorità cardinalizia dei propri membri, saranno destinate a trasformare progressivamente le loro signorie castrali in compiuti principati territoriali34; si tratta al contrario di lignaggi rurali spesso notevolmente frazionati con conseguente moltiplicazione delle quote di diritti, privi di raccordi clientelari coi vescovi, ma comunque capaci di vincolarsi strettamente ai locali enti monastici35. La creazione di organismi interamente controllati da signori e strutturati su un evidente modello comunale può essere stata per tante famiglie della nobiltà rurale marchigiana una delle strade seguite per tentare di rimediare ad una situazione di disagio dovuta proprio alla proliferazione dei lignaggi, alla ricorrente conflittualità del ceto militare, alla pressione dei dipendenti36. Rispondono a questo modello i castra di Agliano, Montenereto, Urbisaglia, Treia, S. Ginnesio, centri come Conca, Nebbiano, S. Donato, Chiarmonte, Genga, Serra S. Quirico37. Pur valutando il caso di Montalboddo (oggi Ostra, venti chilometri ad ovest di Senigallia) dove i locali milites associano all’amministrazione del castrum i propri massari dopo averne ratificato gli obblighi attraverso appositi capitula38, in generale quelle marchigiane sono esperienze aggregative maggiormente ascrivibili alla categoria del consortile aristocratico piuttosto che al paradigma del comune rurale propriamente inteso, laddove i gruppi signorili escludono i propri homines da ogni partecipazione al governo della comunità39. Nella regione, del resto, anche in centri più consistenti, quale Matelica od Osimo, rispettivamente nelle diocesi di Camerino e Numana, il comune risulta espressione di consorterie di maiores costituite da gruppi familiari della piccola vassallaticità che agiscono in contrasto al loro dominus40.

  • 41 T. Codignola, La Massa Trabaria, a cura e con introduzione di G. Cherubini, Firenze, 2005, p. 98. A (...)

22Se l’ordine signorile, proprio nella declinazione di dominati comprendenti per lo più un solo castrum, costituì la forma predominante della società rurale marchigiana, rappresentano un’eccezione a questa pervasiva tipologia i centri rurali della Massa Trabaria. All’interno di questa artificiosa provincia pontificia, istituita non prima del xiii sec. e situata come un cuneo nella zona appenninica dell’Alpe della Luna a cavallo tra Marche e Toscana, in assenza di nuclei gentilizi capaci di egemonizzare il controllo sul territorio, i centri rurali che costellavano l’area – troppo deboli singolarmente per tutelare i propri interessi o resistere alla pressione delle forze contermini (Arezzo e Città di Castello, i Carpegna, i Montefeltro, i Faggiuolani...) – si costituirono in «un ente comune unico, che li abbracciava tutti e li rappresentava nei rapporti esterni [...] un fenomeno originale, che non ha nulla a che fare con le leghe di comuni, strette tante volte per determinate contingenze politiche»41. È il Commune Masse, costituito dai castra di Castel Durante, S. Angelo in Vado, Mercatello (ed altri minori) che si dota, su imitazione delle province pontificie, di un consilium generale e di uno speciale.

  • 42 J.-C. Maire Vigueur, Comuni e signorie... cit., p. 59.
  • 43 G. Muzzi, Memorie civili ed ecclesiastiche di Città di Castello, Città di Castello, 1844, vol. I, p (...)
  • 44 G. Pagnani, Terre, vassalli e signori in un documento dell’archivio comunale di Acquacanina nelle M (...)

23Se il caso del Commune Masse rappresenta un’anomalia al più generale modello del consortile di castello, largamente maggioritario nei contesti rurali dell’area marchigiana, non mancano comunque, anche per le Marche, esempi di castra che godono di una piena e matura strutturazione comunale come Ripatransone, Monterubbiano, Morrovalle....42 Tuttavia laddove le comunità sembrano raggiungere più ampi gradi di libertà, il processo che ne ha preceduto il riconoscimento contempla sempre il pagamento di pesanti indennità al signore locale : ne è esempio la vicenda di Montegiordano, dove Tano degli Ubaldini, nel 1294, rinuncia a tutti gli obblighi cui i contadini erano soggetti, nonché all’esercizio della giustizia, unicamente dietro il pagamento di 3.100 lire43; è il caso degli abitanti di Acquacanina e Bolognola che vedono i signori di Fallerone recedere dalla riscossione dei propri canoni solo in cambio di forti somme di denaro, di una parte dei mansi ceduti dai contadini affrancati e di una porzione considerevole dei beni d’uso comune44.

24In definitiva sembra non essersi verificato, diciamo con notevole limpidità a meridione del Fiora, in modo assai più sfumato ad oriente della dorsale appenninica, alcuna forma collaborativa tra domini e rustici : questi, insofferenti ai prelievi ed ai diritti di quelli, avanzano in modo più o meno virulento delle rivendicazioni, nei confronti delle quali un buon numero di signori, soprattutto nelle Marche, sembra peraltro saper reagire profittevolmente. Se a Moriano il comune rurale nasce dal condiviso interesse del vescovo lucchese e delle élites locali, concordemente interessati a difendersi dall’aggressività patrimoniale dei ricchi proprietari cittadini, se a Gambassi il primo comune si struttura grazie ad un’analoga «alleanza» tra i masmaderii un tempo inseriti nella clientela dei Cadolingi e il vescovo volterrano, tali convergenze non sembrano essersi verificate in contesti diversi da quelli della Toscana centrosettentrionale.

Complessa o modesta articolazione della società rurale?

  • 45 G. Cherubini, Il Casentino ai tempi della battaglia di Campaldino, in Id., Fra Tevere, Arno ed Appe (...)
  • 46 Id., La signoria dei Guidi in Valdambra all’inizio del Duecento, in Id., Fra Tevere, Arno ed Appenn (...)

25La mancata collaborazione tra comunità e signore, sul modello di quella teorizzata da Cherubini per le comunità casentinesi45, la mancata imbricazione tra autonomia comunale e superiore giurisdizione signorile, così come testimoniata ad esempio nel viscontado della Valdambra46, può essere conseguenza – nel Lazio e nella bassa Toscana – di una minore articolazione della società rurale. Caratteristica delle comunità della Toscana centrosettentrionale è quella di non presentarsi quasi mai come collettività informi di individui socialmente ed economicamente omogenei, ma come strutture complesse e gerarchizzate, all’interno delle quali alcuni elementi poterono di fatto aspirare a ruoli di leadership. A farsi promotrici dei primi sviluppi comunali – come abbiamo visto – sono, in quest’area, élites rustiche cha godono di un vantaggio sul resto della popolazione rurale : anche volendo tralasciare il caso di quei comuni che si istituzionalizzano dietro la spinta di milites inseriti nella clientela signorile, è la stessa classe rurale ad aver prodotte al suo interno preminenze, siano esse rappresentate da masnaderii che offrono servizio a cavallo, siano esse rappresentate da piccoli e medi proprietari terrieri che pur in un contesto di diffusa ed omogenea «copertura clientelare» possono vantare una consistenza patrimoniale ben maggiore del resto degli abitanti del villaggio. Sono queste élites a rendere le comunità della Toscana centrosettentrionale, a cavallo tra xii e xiii sec., non realtà monolitiche ma variegate e composite.

  • 47 G. Luzzatto, Rustici e signori a Fabriano alla fine del xii sec., ora in Id., Dai servi della gleba (...)

26Certo non è impossibile anche nelle Marche, dove tuttavia abbiamo visto sussistere un alto grado di conflittualità tra rustici e domini, ravvisare contesti sociali di una qualche articolazione. È ad esempio il caso del centro di Fabriano entro il quale l’emersione di un’organizzazione comunale avviene per iniziativa di un maturo ceto popolare che riesce sapientemente a sfruttare le fratture e le divisioni interne alla locale militia47. Non è però trascurabile che nel contesto marchigiano, in seno al quale poco vitali appaiano i comuni rurali, proprio Fabriano sia un centro destinato ad evolversi, di lì a breve, in una più matura organizzazione politica comportante la strutturazione di forme istituzionali complesse, l’inquadramento di ampi territori e l’inserimento in circuiti commerciali sovraregionali

  • 48 J.-C. Maire Vigueur, Comuni e signorie... cit., p. 57.
  • 49 Id., Nobiltà e popolo nei comuni del Lazio meridionale, in Il Lazio meridionale... cit., p. 203-213 (...)
  • 50 J.-C. Maire Vigueur, Comuni e signorie... cit., p. 21.

27La società rurale del Lazio e della Toscana meridionale è, in linea generale, innegabilmente più omogenea. Tanto più la condizione contadina risulta miserrima nel Lazio meridionale dove, «in assenza di una rete cittadina che faccia da polo di attrazione, la crescita demografica provoca una sovrappopolazione dei villaggi e la rigidità delle strutture agrarie non permette un aumento corrispondente nella produzione di sostanze di base»48. Del resto «la peculiarità del Lazio meridionale sta [...] in un indiscutibile ritardo nella crescita di nuove forze socio-economiche, in breve in un relativo arcaismo delle strutture della società»49. Si aggiunga che, a differenza della Toscana centrosettentrionale e dell’Umbria dove, tra i possibili contratti agrari, mediamente diffuso risulta essere l’enfiteusi con diritto di entrata molto alto ma rinnovabile ogni tre generazioni, nel Lazio tale contratto è riservato a concessioni molto estese ed è destinato dunque alla sola aristocrazia, mentre la classe contadina si deve accontentare di livelli caratterizzati sì da un modesto diritto d’entrata, ma anche da ingenti prelevamenti annuali50. La mancanza di élites rustiche realmente tali, capaci di aspirare alla guida della comunità ed al tempo stesso di inserirsi in modo non solo passivo nelle clientele signorili, rende la società rurale laziale e della Toscana meridionale nettamente bipolare riducendo le possibilità dei villaggi di raggiungere un effettivo grado di autonomia ed, al tempo stesso, imbrigliando ogni possibile confronto tra rustici e signori sui binari di uno scontro diretto spesso dall’esito non troppo lusinghiero per la comunità.

Persistenza o erosione dei beni collettivi?

28La più articolata composizione del mondo comitatino toscano e marchigiano fu certo un fattore che permise ad alcune realtà rurali di quelle regioni di emergere a più elaborati gradi di «urbanità»; ma tale fattore si accompagnò innegabilmente ad altri.

  • 51 Id., Nobiltà e popolo... cit., p. 209. Si veda comunque anche G. Falco, I comuni della Campagna e d (...)

29Una delle caratteristiche salienti dei centri laziali consistette nella progressiva erosione dei beni collettivi sovente elargiti ai milites quale compenso per i loro servizi. Il fenomeno è ben noto per molte delle civitatuncole vescovili del Lazio meridionale : ad Alatri, ad esempio, dove l’effettivo traino della società è rappresentato da una cinquantina di famiglie appartenenti alla milizia – sostanzialmente estranee a rapporti clientelari con l’aristocrazia feudale dei castra limitrofi e di fatto prive di redditi ricavati da prerogative signorili –, queste stesse famiglie, nel contesto della conflittualità ricorrente, ottengono «un risarcimento molto spesso superiore all’impegno effettivamente sostenuto e lo esigono forti della loro superiorità schiacciante negli organi comunali. Il comune si trova così più di una volta a vendere sottocosto [...] i propri beni, a concederglieli secondo enfiteusi molto vantaggiose, a garantire a quelle condizioni fiscali di privilegio»51. Il comune, in definitiva, diviene lo strumento impiegato dall’élite militare per imporre il proprio primato, ed al contempo ottenere quei vantaggi di natura economica necessari per conservare la propria leadership.

  • 52 M. T. Caciorgna, Beni comuni e istituzioni comunali a Sezze : problemi di gestione, in Il Lazio mer (...)

30Un fenomeno del tutto analogo si verifica a Sezze dove peraltro la vendita di una peschiera comunale ai locali milites, avvenuta nel 1254, sarà contestata per i troppo bassi prezzi di acquisto dagli emergenti pedites, scontro questo che provocherà persino il diretto intervento di Niccolò V52.

  • 53 P. Pirillo, I beni comuni nelle campagne fiorentine basso medievali : evidenze documentarie ed ipot (...)
  • 54 A. Barlucchi, Il contado... cit., p. 201-28.
  • 55 G. Taddei, Castiglion Fiorentino fra xiii e xv secolo. Politica, economia e società di un centro mi (...)
  • 56 A. Poloni, Comune cittadino e comunità rurali nelle campagne pisane (seconda metà xii-inizio xiv se (...)

31La progressiva erosione della proprietà collettiva in molti dei centri del Lazio meridionale si contrappone ad una maggior capacità dei comuni rurali toscani di conservare nel tempo i propri patrimoni. Se nel contado fiorentino la persistenza di una proprietà comunale sembra essere prerogativa delle realtà più marginali, «rurali» in senso proprio53, nel contado senese sono i centri comitatini più consistenti, quali ad esempio Asciano, a conservare ampi patrimoni fondiari affatto coincidenti – come usualmente si crede – con terre boschive e pascoli ma piuttosto con appezzamenti lavorativi talvolta dal valore unitario assai ragguardevole54. Ancora alla metà del xiv sec. l’appalto dei pascoli comunali rappresentava per le finanze di Castiglion Aretino un’entrata del tutto consistente paragonabile a quella derivante dall’amministrazione della giustizia criminale. Anche qui il patrimonio comunale, pur ricco di boschi e pascoli, sembra comprendesse un porto sulle Chiane. Del resto proprio la comunità di Castiglione, nel 1347, avrebbe intentato contro il vicino centro di Montecchio Vesponi una dispendiosa disputa giudiziaria per garantirsi la proprietà di alcune terre nella vicina valle di Rucavo. I tentativi di dimostrare l’appartenenza di queste ultime all’uno o all’altro centro passarono anche attraverso la pubblica esecuzione di sentenze capitali sull’area contesa55. Un’ulteriore disputa relativa a terreni d’uso collettivo vide interessato il comune di Vada finanche contro l’arcivescvo di Pisa. Azioni legali ed atti di aperta violenza si sucedettero per ben sessant’anni a partire dal 1183. Nonostante a sfavore delle rivendicazioni della comunità si fossero ripetutamente espressi tribunali cittadini e legati pontifici, nel 1242 gli homines di Vada riuscirono ad ottenere una soluzione compromissoria che pur riconoscendo i diritti dell’alto prelato sulle terre ne assegnava il godimento pressochè libero al comune56. Rispetto al contesto laziale, nella Toscana centrosettentrionale l’erosione della proprietà collettiva avvenne con più lentezza e fu operata, non tanto dai milites, quanto dalla progressiva invadenza del capitale cittadino.

  • 57 F. Pirani, Fabriano... cit., p. 54-62.

32Nell’area marchigiana, dove comunque forte fu l’erosione dei patrimoni comunali, emblematico il caso di Fabriano che, a partire dal 1293, portò avanti un programma di recupero dei propri beni. L’iniziativa, pur andando incontro a durissime resistenze da parte della nobiltà, raggiunse pienamente i suoi obiettivi in appena un lustro anche grazie al reclutamento di uno specifico magistrato (lo iudex executor) coadiuvato da una milizia popolare57. Ancora una volta non è un caso che nelle Marche, dove vitali e diffusi risultarono i centri minori, ma assai meno i comuni rurali propriamente intesi, sia proprio un centro di fatto «quasicittadino» a promuovere una siffatta operazione.

Presenza o assenza di realtà urbane realmente tali?

  • 58 Così in A. Barlucchi, Il contado... cit., p. 110 e seg.
  • 59 B. Dini, L’industria tessile italiana nel tardo Medioevo, in S. Gensini (a cura di), Le Italie del (...)

33Consideriamo ora il fatto che i centri toscani, ed in minor misura quelli umbri e marchigiani, si inserirono in un’area che tutta, a cominciare dal risveglio del xii sec., dimostrò una maggior vitalità rispetto alle altre. È evidente come l’inserimento dei centri di questa macroregione entro una maglia insediativa costituita anche da città realmente tali, con le loro consistenti necessità annonarie e la possibilità di proficue integrazioni in settori economici avanzati, abbia rappresentato una sostanziale molla di sviluppo per molte comunità comitatine : è il caso di Colle Val d’Elsa che, grazie al sapiente sfruttamento dei suoi mulini e all’organizzazione di società di vecturales per il trasporto di cereali, raggiunse un primato molitorio nella media Valdelsa ed oltre. È il caso di San Miniato che seppe profittare degli intensissimi traffici lungo il Valdarno inferiore tramite i quali Firenze si connetteva al porto di Pisa. È il caso di Asciano, il cui locale «ceto medio»58 raggiunse invidiabili condizioni economiche grazie alla coltivazione dello zafferano rivenduto poi per lo più a mercanti senesi e aretini. È il caso di Fabriano, principale centro di produzione cartiera in Europa il cui sviluppo fu peraltro dovuto non tanto ad una classe di mercanti e di uomini d’affari nei quali il «modello toscano» ci ha abituati a riconoscere la forza trainante delle economie delle città medievali, ma ad una classe di «produttori» (prima dei cartai : lavoratori dei metalli, della lana, del cuoio) all’interno della quale gli artigiani svolsero un ruolo predominante, finendo per assumere il governo attraverso corporazioni di mestiere che parteciparono all’esercizio del potere senza nessuna mediazione istituzionale altrove rappresentata dagli organismi di Popolo. Né si debbono dimenticare Tolentino, San Severino, Ripatransone, tutti centri particolarmente attivi nel settore manifatturiero (e del resto le Marche rappresentarono una delle principali aree di coltivazione delle piante tintoree di guado e robbia) commercialmente tanto vigorosi da intessere rapporti anche con la stessa Venezia59.

  • 60 Ch. M. De La Roncière, Firenze e le sue campagne nel Trecento. Mercanti, produzione, traffici, Fire (...)

34Vitali circuiti economici non favorirono soltanto l’emersione di alcuni insediamenti rurali a più alti livelli di sviluppo ma ingenerarono vantaggi anche per quei centri comunque destinati a rimanere di modeste dimensioni e ad economia esclusivamente agricola; una prova ne è l’attivo interesse che Firenze manifestò sempre per i mer-cati del suo contado : non solo per quelli principali come Empoli, Poggibonsi o Figline ma anche per quelli tutto sommato secondari di Signa, Barbischio, Campoli, Gaiole, Loro...60.

  • 61 A. Zorzi, L’organizzazione del territorio in area fiorentina tra xiii e xiv sec., in G. Chittolini (...)
  • 62 A. Poloni, Comune cittadino e comunità rurali... cit., p. 15.
  • 63 A. I. Galletti, Evoluzione dei rapporti di dipendenza nel xiii secolo : il caso dell’affrancazione (...)

35La presenza cittadina, più massiccia in Toscana ed in Umbria che altrove, non offrì solo maggiori opportunità economico-commerciali ai centri rurali di queste regioni. Da un lato, infatti, le città agirono da modello in seno ai processi di istituzionalizzazione dei comuni rurali stessi; dall’altro si fecero promotori dello sviluppo di questi ultimi tanto in funzione antisignorile, quanto – ancor più – al fine di istituire delle cellule-base per il disciplinamento e l’organizzazione amministrativa del contado. Un esempio del primo dei due fenomeni ora menzionati è quello rappresentato da Castelfiorentino, che già nel 1219 appare dotato di un consiglio maggiore e di uno speciale chiaramente improntati sul modello fiorentino61, o quello di Calci, nel pisano, che fin dal 1160 circa vanta un’architettura istituzionale complessa in seno alla quale il gruppo dirigente sussume in funzione legittimante un lessico ed un formulario giuridico chiaramente ispirato a quello di ambito urbano62. A riguardo del secondo fenomeno, se è pur vero che la partizione amministrativa del terriorio da parte delle civitates produsse direttamente una gerarchizzazione delle comunità distrettuali attraverso la creazione di una struttura di uffici e circoscrizioni, il rapporto tra comuni cittadini e rurali presenta delle forti discontinuità : nel 1249 gli homines della massa di Casilina, ribellatisi alla giurisdizione dell’abbazia perugina di S. Pietro, scontarono un pesante intervento del comune cittadino in favore dell’ente ecclesiastico, vedendo di fatto rinnovata, quando non aggravata, la propria posizione nei confronti del monastero63.

  • 64 F. Salvestrini, Proprietà della terra e dinamismo del mercato fondiario nel basso Valdarno superior (...)

36Potremmo opporre alla vicenda di Casilina ed alla scelta del comune di Perugia la strategia elaborata dal comune di Firenze nei confronti delle estese signorie ecclesiastiche del suo comitatus. Il comune del Giglio infatti, a partire dai primi decenni del Duecento, avviò una progressiva e decisa erosione dei principali diritti signorili goduti dal vescovo, dal monastero di Vallombrosa, da quello di Passignano, dalla Badia Fiorentina64. È chiaro come l’abbazia perugina di S. Pietro abbia dimostrato maggiore tenacia nell’esercizio dei suoi poteri rispetto agli enti ecclesiastici d’area fiorentina e come, al contempo, il comune di Firenze abbia agito con una risolutezza sconosciuta a quello di Perugia.

  • 65 Sull’organizzazione territoriale del contado senese O. Redon, Lo spazio di una città. Siena e la To (...)
  • 66 Id., Uomini e comunità... cit., p. 98.
  • 67 Ibid., p. 99.
  • 68 Ibid., p. 177-188.
  • 69 G. Celata, La condizione contadina... cit., p. 139-162.
  • 70 A. Barlucchi, Il contado... cit., p. 274 e sgg.
  • 71 O. Redon, Uomini e comunità... cit., p. 182-183.
  • 72 G. Cherubini, Proprietari, contadini e campagne senesi all’inizio del Trecento, in Signori, contadi (...)
  • 73 M. G. Nico – P. Bianciardi, L’Umbria tra potere pontificio e autonomie locali : Perugia e Spoleto n (...)

37Del resto la vicenda di Casilina potrebbe essere opposta anche ad alcuni esempi tratti dal distretto senese65. Nel 1254 la città della Balzana interviene a Trequanda su richiesta del conte Ildebrandino per dirimere la controversia che oppone quest’ultimo alla locale comunità rurale. Lungi dall’attribuire nettamente la ragione al conte, gli arbitri senesi convocano i rappresentanti di Trequanda, un camerarius e dieci boni homines66. L’anno successivo, il comune di Siena fa diligentemente copiare gli accordi intercorsi tra il comune di Torniella ed i locali signori richiedendo ad entrambi l’assoggettamento alla sua superiore autorità67. Si tratta di due casi evidenti in cui Siena riconosce la legittimità delle istituzioni comunali rurali, rendendole, al pari dei signori, suoi naturali interlocutori. È noto, peraltro, che Siena, dopo la redazione statutaria del 1262, abbia imposto a tutti i comuni del contado l’istituzione del sindacus e dei rettori ed abbia fatto di tali comunitates le cellule-base per la riscossione delle proprie imposte68. Sempre nel senese, allorché i rustici, preferendo rinunciare a quei pur modesti benefici derivanti dalla coesione di villaggio, pur di non essere ulteriormente vessati, decretavano «rotta» o «fallente» la propria comunità, era la stessa Dominante ad imporre ex officio la ricostituzione della comunitas69. In un contesto caratterizzato da una notevole complessità sociale dei centri rurali, la dialettica politica tra centro e periferia poté peraltro avvalersi delle affinità cetuali tra dirigenza cittadina e dirigenza comitatina. È un fenomeno ben noto per Asciano, e la Scialenga in generale, dove la classe media comitatina e la classe imprenditoriale senese si spartirono non solo le attività ed i traffici commerciali della zona, ma anche gli appalti delle imposte ed, in definitiva, tutta la gestione dell’apparato di governo70. Ricostruzioni troppo schematiche non sono però prudenti : se gli esempi ora riportati presentano Siena intenta a difendere o preservare forzatamente le strutture istituzionali dei comuni rurali impiegandole come elementi essenziali per la propria gestione del territorio, è pur vero che la stessa città, espanendosi soprattutto in direzione della Toscana meridionale, ed agendo dunque in un contesto caratterizzato da radicati poteri signorili, scelse non rare volte di intervenire a favore dei domini contro le comunità locali. È quanto avvenne, ad esempio, a metà del Duecento, nell’Ardenghesca dove i rustici, negato loro il permesso di eleggere i consoli, si videro riconoscere solo la possibilità di nominare ufficiali di rango inferiore71. Né si deve dimenticare che, a causa di impellenti esigenze fiscali, fu proprio Siena, già a partire dal primo Trecento, a favorire una nuova rifeudalizzazione, cedendo a famiglie magnatizie numerosi castra72. Del resto il comune di Perugia, che abbiamo pur visto intervenire contro la comunità di Casilina in favore della signoria dell’abate di S. Pietro, amministrò usualmente il proprio contado fondandosi sulla distrettuazione castrense : tanto gli statuti volgari del 1342, quanto i frammenti trecenteschi noti come Statuti 12 – denominazione derivata dalla loro collocazione archivistica – riportano lunghi elenchi di castra e comunità soggette cui la città invia propri podestà. I pur pochi statuti di castelli perugini, tra cui quelli di Gaiche (1318), Panicale (1386) e di Montone (1216), dimostrano come la fiscalità cittadina si imponesse attraverso la mediazione degli ufficiali locali e come l’amministrazione della giustizia prevedesse una notevole imbricazione tra autorità periferica e centrale73.

  • 74 A. Zorzi, L’organizzazione... cit., p. 294.

38Se questa è la medesima strada percorsa da Firenze, la città toscana si dimostrò a lungo decisamente cauta : agli esordi dell’espansione distrettuale, il comune gigliato evitò di impiegare termini e qualifiche che potessero esprimere un sistema di autonomie periferiche, rinunciando consapevolmente a presentare i comuni rurali quali suoi ufficiali interlocutori. «Dal comune dominante non poteva certo venire un riconoscimento di poteri che ancora maculavano il territorio comitale sul quale esso ambiva a estendere il proprio dominio»74. Nel costruire la partizione amministrativa e fiscale del proprio contado, Firenze apparve così inizialmente più propensa a reimpiegare circoscrizioni ecclesiastiche, quale quella dei pivieri e dei popoli, piuttosto che affidarsi alla rete offertagli dalle comunità rustiche. Solo dalla fine del Duecento il controllo territoriale fiorentino iniziò a favorire direttamente una gerarchizzazione delle comunità distrettuali : la creazione di una struttura effettiva di distrettuazioni pubbliche, l’invio di podestà e vicari dal centro, contribuì a polarizzare il territorio attorno ad alcuni insediamenti piuttosto che ad altri.

  • 75 A. Poloni, Comune cittadino e comunità rurali... cit., p. 17-18.
  • 76 Ibid., p. 20-38.

39Secondo una prassi almeno in parte opposta a quella del comune fiorentino, analoga ma più decisa, lineare ed intransigente di quella di Siena, Pisa, fin dalla metà del xii secolo, aveva fatto dei comuni rurali i propri referenti privilegiati riconoscendone l’esistenza politica e delegittimando contestualmente l’autorità signorile75. Del resto il caso pisano offre una riprova, apparentemente eclatante, della capacità cittadina di stimolare, o quantomeno sanzionare, una gerarchzzazione delle comunità del proprio comitatus. Se infatti, sul finire del xii secolo, la città tirrenica aveva proceduto all’istituzione di capitanie coincidenti con vaste aree dotate di una propria identità geografica e comprendenti ognuna una pluralità di abitati, a partire dal quarto decennio del Duecento il comune cittadino procedette ad elevare a capitanie singole comunità maggiori quali Vicopisano, Buti, Piombino. La «selezione» cittadina raggiunse il suo esito finale nel 1287 allorchè venne stabilito che solo le capitanie dei centri comitatini maggiori potessero dotarsi di propri statuti, quelle a base territoriale si attenessero ad un breve cittadino76.

  • 77 A. Lanconelli, Autonomie comunali... cit., p. 96.
  • 78 G. Falco, Il comune di Velletri... cit., p. 40.
  • 79 Ibid., p. 26.

40Nel Lazio, in uno spazio costituito da realtà non gerarchizzate, il problema derivante da un rapporto tra città dominante e centro rurale dominato, di fatto, non si pose. Se nessuno dei castra o delle civitatuncole riuscì concretamente ad estendere la propria giurisdizione o a disporre di un vero e proprio contado comprendente realtà insediative inferiori, è anche vero che raramente tali castra finirono per dover soggiacere in modo strutturale ad altre realtà municipali. Tra i pochi testi statutari di comuni laziali solo quelli di Fiorentino del 1298 e del 1305 presentano una normativa nella quale la soggezione a Viterbo risulta evidente in numerose rubriche77. Velletri, pur civitas episcopale, non riuscì ad imporre la propria giurisdizione sui vicini castra di Cori e di Sermoneta; del resto furono le varie signorie territoriali dell’area, quella degli Annibaldi signori di S. Pietro in Formis, dei Frangipani, dei signori d’Olevano, dei Savelli dei Monti Albani, dei Gaetani di Fondi, piuttosto che altri centri urbani o quasi urbani, a limitarne drasticamente lo sviluppo territoriale che trovò pure ostacolo nella bassa incidenza demografica di tutta la regione : «non esisteva sui colli o nella pianura circostante nessun libero comune agricolo [...] mancava quindi occasione a quelle schermaglie incessanti che con tanto accanimento si combatterono in altri regioni d’Italia»78. Del resto in un contesto insediativo a maglie tanto larghe furono proprio le civitatuncole ad essere irretite, sebben rare volte, dalle pur numericamente ridotte realtà urbane superiori : il 13 novembre 1312 la stessa Velletri si sottoponeva alla potestas del comune di Roma cui, di lì innanzi, sarebbe spettato l’invio del podestà, la conferma degli altri ufficiali e la competenza sui processi d’appello. La sottomissione di Velletri a Roma non fu conseguenza di una sconfitta militare o politica ma poté realizzarsi grazie al consenso del «medio ceto dei proprietari, dei commercianti, dei professionisti, giunti al governo durante la seconda metà del xiii sec : una classe sociale che aveva più di un interesse comune con la democrazia cittadina»79. In seno al deurbanizzato Lazio meridionale, per riscontrare fenomeni analoghi a quelli verificatesi nel comune di Asciano, per riscontrare attori sociali affini a quelli attivi in seno alla Scialenga, siamo costretti a volgere lo sguardo verso realtà istituzionali formalmente di più alto livello; lo scarto esistente tra contesto toscano e contesto laziale risulta in tutta la sua evidenza.

  • 80 Ibid., p. 91-98. Si veda comunque anche G. Ermini, La libertà comunale nello stato della Chiesa. Da (...)

41Se rari sono gli esempi di comunità inserite nella giurisdizione di realtà municipali, possiamo però affermare che, almeno a partire dal pontificato di Innocenzo III, fu la sovrapposizione tra potere centrale pontificio e le singole istituzioni locali a rappresentare l’occasione per queste ultime di divenire elemento costitutivo di una superiore organizzazione territoriale dotata di un notevole grado di articolazione e gerarchozzazione interna. A molti dei comuni minori della Campagna, della Marittima e del Patrimonio, che, in quanto soggetti ad autorità signorili, erano qualificati terre mediate subiecte, si affiancano esempi di terre immediate subiecte interessate ad un diretto rapporto con la sede apostolica. Sottoposte al rettore della rispettiva provincia, le terre immediate subiecte vedevano circoscritte le proprie facoltà normative – sovente soggette a conferma pontificia – e limitata la capacità di esprimere i magistrati, essendo la nomina di consoli e podestà spettanza dello stesso rettore provinciale. Se Acquapendente, Sutri e Radicofani, tra il 1199 ed il 1206, tentarono inutilmente di ottenere la possibilità di eleggere liberamente i propri potestà, e pur vero che centri come Civitacastellana e Sezze, almeno nel terzo decennio del xiii sec., risultano dotate di tale facoltà. Del resto, anche l’obbligo di sottoporre gli statuti all’approvazione pontificia era largamente disatteso ed i comuni avevano comunque la possibilità di ottenere la cosidetta facultas condendi statuta ampiamente diffusa alla fine del Duecento anche fra i comuni minori80.

  • 81 G. Luzzatto, L’inurbamento delle popolazioni rurali in Italia nei secoli xii e xiii, in Id., Dai se (...)
  • 82 J.-C. Maire Vigueur, Comuni e signorie... cit., p. 126-127.
  • 83 F. Pirani, Fabriano... cit., p. 51-52.
  • 84 J.-C. Maire Vigueur, Comuni e signorie... cit., p. 128-129.
  • 85 F. Pirani, Fabriano... cit., p. 86 si veda comunque anche G. Luzzatto, Le sottomissioni... cit.

42Il caso delle Marche è in qualche modo difforme. Qui i più vigorosi comuni, includendo in questa categoria anche centri non vescovili delle dimensioni di Fabriano e Tolentino, agirono risolutamente in favore di un inurbamento delle masse contadine. Piuttosto che impiegare le ville ed i castra distrettuali quali elementi costitutivi della propria organizzazione territoriale, demandando ad alcuni di essi chiari ruoli amministrativi, i centri marchigiani operarono un progressivo spopolamento degli insediamenti distrettuali, strategia questa che contribuisce a spiegare, almeno in parte, la scarsa visibilità nella regione di comuni rurali propriamente tali81. Fino al primo quarto del xiii sec. i trattati di sottomissione imposti dal comune di Tolentino ai circa dodici castra occupati, tra i quali figurarono Montenereto ed Urbisaglia, imponevano l’abbandono dell’insediamento sconfitto da parte di tutti i suoi abitanti. Non è un caso che il toponimo Agliana sia oggi scomparso e che uno dei quartieri di Tolentino abbia portato per molto tempo tale nome82. Fabriano ripropone in linea generale questa strategia : in circa cinquant’anni, a partire dall’ultimo decennio del xii sec., la città della carta espande il proprio districtus a spese di numerosi castra signorili ai cui abitanti è imposto l’inurbamento forzato. È questo il destino di Paterno, precedentemente soggetto alla signoria di Bartolo di Attone di Sacco, con ogni probabilità già abbandonato prima del 1199; è questo il destino dei castra di Conca e di Nebbiano anch’essi precedentemente soggetti a locali domini. L’inurbamento non era comunque l’unico strumento per raggruppare la popolazione entro una rete insediativa a maglie più larghe : nel 1216 gli homines di Colleponi furono obbligati a trasferirsi non entro le mura fabrianesi ma nel vicino centro di Genga, già ceduto dagli omonimi signori al comune di Fabriano83. «Quanto alla ragione per cui la conquista del contado, nelle Marche, ha avuto tendenza a svuotare le campagne dai loro abitanti per raggrupparli in un reticolo di piccole città dove continueranno, essenzialmente, a svolgere attività agricole, essa va senza dubbio cercata nella densità e nella solidità della presenza signorile nella regione. Tutti questi piccoli comuni sono infatti presi in una rete di signorie dalle maglie fittissime»84. E di fatti, i comuni maggiori assoggettando gli homines dei domini locorum, costringevano questi ultimi, in modo indiretto quanto indubbio, a rinunciare alle entrate di carattere pubblico (collecta, dativa, fodrum) cui si aggiungevano i proventi derivanti dall’esercizio della giustizia (banna, follia causae, iniure)85.

Discontinuità della rete diocesana, interventi delle autorità imperiale e pontificia

43Si deve comunque considerare che l’emersione di alcuni centri rurali a più mature forme istituzionali capaci di inquadrare politicamente ampie aree non può essere spiegato come conseguenza di una gerarchizzazione operata in seno all’organizzazione territoriale delle città vescovili. Tale emersione infatti avvenne di fatto contemporaneamente all’instaurarsi di quell’organizzazione rappresentando anzi un limite, una barriera, un segno di discontinuità allo stesso processo di comitatinanza perseguito dai comuni cittadini.

  • 86 Si veda la carta e l’elenco riportato in G. M. Varanini, L’organizzazione del territorio in Italia  (...)
  • 87 M. Ascheri, Gli statuti di Colle e gli statuti cittadini toscani, in La Toscana ai tempi di Arnolfo(...)
  • 88 O. Muzzi, L’organizzazione... cit., p. 23.
  • 89 Tutte le estensioni in A. Zorzi, L’organizzazione... cit., p. 284-285.

44Esaminando la rete diocesana che si dipanava sul territorio italiano nel medioevo centrale, in concomitanza con l’inizio di quel lungo processo che avrebbe avuto quale esito la fioritura della civiltà comunale, evidente risulta la diseguale distribuzione delle sedi episcopali : la diocesi di Chiusi apre una porzione della penisola assolutamente fitta di cattedre vescovili. Diciamo, più sinteticamente, che le aree comprese fin dal viii-ix sec. entro il Patrimonio (la Marittima e le due Pentapoli) presentano un numero di diocesi infinitamente superiore a quello degli episcopi toscani86. Ciò significa che l’estensione media di questi ultimi era sensibilmente maggiore di quella delle diocesi delle restanti parti dell’Italia centrale. Ne è un esempio il vescovado di Lucca che si spingeva molto a sud incuneandosi tra quelli di Pisa e di Firenze. È il caso della diocesi di Arezzo anch’essa assai allungata a meridione fino a lambire le pendici dell’Amiata; è il caso poi di due diocesi di altrettante civitates ridotte a ruoli marginali negli equilibri della regione : Volterra e Chiusi. È proprio nella falle di una rete vescovile tanto lasca, laddove le classi dirigenti cittadine non riuscirono a penetrare patrimonialmente e le civitates stentarono ad imporre la propria giurisdizione, che alcune comunità riuscirono a ritagliarsi importanti ambiti di autonomia imponendo un effettivo controllo su territori anche estesi. Centri come San Gimignano e Colle Val d’Elsa (la cui pieve godeva peraltro dello speciale status di nullius diocesis)87 poterono acquisire una loro proiezione territoriale fidando sul vuoto giurisdizionale lasciato da Volterra, incapace di far coincidere comitatus e diocesi. Analoghi risultano i casi di San Miniato, che seppe ritagliarsi un proprio districtus in una porzione periferica dell’episcopato lucchese, e di Montalcino, che poté fidare sulla lontananza di Arezzo. I centri ora menzionati arrivarono così, nel corso del Duecento, a controllare direttamente distretti anche assai vasti : Colle poco meno di 100 km2, San Gimignano 130, San Miniato e Montalcino 150 o più. Si tratta di aree entro le quali i magistrati di tali comuni esercitarono di fatto pieni poteri politici, giudiziari e fiscali per lo più fidando sulle ripartizioni offerte dai castra e dalle ville presenti, senza riferimento alcuno alle circoscrizioni ecclesiastiche su base pievanale impiegate invece come riferimento dalle amministrazioni territoriali dei comuni cittadini, almeno – lo si è visto – in una fase iniziale del disciplinamento dei contadi88. Si tenga comunque presente che ai centri appena ricordati se ne possono affiancare altri i quali, attratti più precocemente nei contadi cittadini, finirono all’atto della definitiva sottomissione per portare «in dote» alla Dominante distretti non irrilevanti : Castelfiorentino, Empoli, Fucecchio, Poggibonsi tra i 50 ed i 70 Km2, Certaldo e Figline tra i 75 ed i 90, San Casciano 107, Borgo San Lorenzo circa 150, solo per rimanere ai centri del distretto fiorentino senza così considerare i casi, ad esempio, di Asciano, nel contado di Siena, o di Castiglion Aretino, ai margini di quello d’Arezzo89. Insomma nel considerare lo sviluppo di molti centri rurali toscani, che seppero evolversi in forme superiori di «urbanità», non può essere trascurata l’opportunità offerta dallo scollamento tra la rete diocesana e l’effettiva capacità dei nascenti comuni cittadini di imporre la propria giurisdizione sull’interezza di diocesi spesso molto estese.

  • 90 Oltre a G. Pinto, Vescovo e città... cit., si vedano anche i vari saggi compresi in Istituzioni e s (...)

45Anche nelle Marche, dove la maglia vescovile appare comunque assai fitta, non mancarono civitates quali Fermo, Camerino e Numana, incapaci di controllare le proprie diocesi, all’interno delle quali i centri di Ripatransone, Fabriano, Tolentino e Matelica si ritagliarono autonomi distretti90. Un analogo fenomeno è riscontrabile in Umbria, dove, entro la diocesi spoletina, Cascia e Norcia raggiunsero entrambe un notevole sviluppo.

46Nel Lazio, al contrario, le fitte maglie diocesane inibirono qualsivoglia area di compromesso non offrendo così alcun possibile «bacino di espansione» entro un contesto caratterizzato da un notevole «equilibrio di forze».

  • 91 J.-P. Delumeau, Castiglion Aretino dal castrum al comune... cit.; G. Taddei, Castiglion Fiorentino. (...)
  • 92 G. Luzzatto, Le finanze di un castello nel xiii secolo, in Id., Dai servi della gleba agli albori d (...)
  • 93 F. Pirani, Fabriano... cit., p. 117-118.
  • 94 G. Falco, I comuni della Campagna e della Marittima... cit., p. 437.
  • 95 M. T. Caciorgna, Beni comuni... cit.

47A legittimare la giurisdizione di numerosi centri non vescovili entro autonomi districtus concorsero certo gli interventi delle superiori autorità imperiale e pontificia : è noto quanto in Toscana Federico II si sia appoggiato ai centri di Prato, San Miniato e Castiglion Aretino come poli di consenso alternativi alle città. La capacità dimostrata da alcune comunità di connettere la propria politica all’azione imperiale, di proporsi al sovrano quali possibili centri d’esercizio giurisdizionale non fu priva di evidenti ricadute : a Castiglion Aretino, che tra i tre castelli menzionati rappresenta il caso meno noto, tanto Federico II nel 1239 quanto Enrico VII nel 1311 concessero diplomi nei quali il districtus veniva analiticamente descritto91. Un fenomeno del tutto analogo si riscontra nelle Marche : già nel 1185 Federico I riconobbe la giurisdizione del comune di Matelica attribuendo gli la metà delle entrate giudiziarie, dei diritti di erbatico e ghiandatico; provvedimento questo poi confermato da Ottone IV.92Fabriano si vide legittimato nella propria espansione giurisdizionale da privilegi imperiali e diplomi pontifici emanati negli anni in cui più accesa divampò la contesa tra i due poteri universali. Tra il 1246 ed il 1250, pontefici ed imperatori elargirono spazi territoriali e riconoscimenti formali accompagnati da formule encomiastiche per la provata fedeltà politico-militare a questo o quel partito93. Nel Lazio, o comunque nelle aree più direttamente investite dall’autorità temporale pontificia, il fenomeno si manifestò in largo anticipo e risultò assai precedente il periodo di contrapposizione con la casata sveva : già a partire dalla metà dell’xi sec. i pontefici impegnati ad emanciparsi dalle fazioni romane, ricercarono l’appoggio di quella militia locale che rappresentava «il fondo più stabile del loro dominio». Furono proprio i pontefici a concedere a coloro che nei documenti vengono qualificati come «viri magnifici et iudices» l’immunità da ogni autorità secolare nonché l’amministrazione sul territorio circostante94. Ad avvantaggiarsi di diplomi di questa natura, ad esempio, fu il comune di Sezze, almeno a partire dai primi decenni del xiii sec95. Il fenomeno è certo noto ma rimane comunque capitale : è proprio grazie a questi riconoscimenti, in un’Italia comunale entro la quale ogni civitas si ritenne legittimata ad imporre la propria giurisdizione sul rispettivo territorio episcopale, che alcuni centri non vescovili videro comunque garantito il loro nascente controllo su aree appartenenti alle diocesi delle città contermini riducendo così quella sorta di «minorità originaria» che li contraddistingueva.

  • 96 L’espressione in Balestracci, Signorie, comunità e città... cit., p. 192.

48Saranno proprio quei centri minori la cui giurisdizione sul territorio risulterà maggiormente radicata e «legittimata» ad offrire più salda resistenza nei confronti dell’espansione cittadina, ad elaborare architetture politico-territoriali più articolate ed a conservare più a lungo autonomi ambiti di potere. Una prima «selezione darwiniana»96 tra centri rurali incapaci di evolversi in superiori strutture istituzionali e, al contrario, centri destinati ad inquadrare politicamente territori anche consistentemente ampi, a loro volta maculati dalla presenza di ville e castra soggetti, può così essere ricondotta anche a questi due fattori : la capacità, dapprima, di sfruttare le maglie più lasche di una rete diocesana entro la quale altrimenti ai centri non vescovili sarebbe stata preclusa ogni autonoma forma di espansione; la possibilità, poi, di ottenere da superiori titolari d’autorità un riconoscimento formale che legittimasse quanto di fatto già acquisto.

Haut de page

Notes

1 Per definire l’area che sarà oggetto del presente studio, preferisco riferirmi all’attuale partizione regionale. Del resto appare superfluo ricordare come ancora nei primi decenni del xiv sec. tutta questa porzione della penisola italiana potesse essere indicata col termine di Tuscia attribuito indistintamente ad aree non solo comprese entro i confini dell’attuale Toscana, ma anche dell’Umbria, del Lazio, delle Marche e della Liguria. A riguardo si veda A. Zorzi, Le Toscane del Duecento, in G. Garzella (a cura di), Etruria, Tuscia, Toscana. L’identità di una regione attraverso i secoli, II, (secoli v-xiv), Pisa, 1998, p. 87-119.

2 O. Muzzi, L’organizzazione politico-territoriale della Toscana, in C. Bastianoni, G. Cherubini, G. Pinto (a cura di), La Toscana ai tempi di Arnolfo. Atti del convegno di studi. Colle di Val d’Elsa, 22-24 novembre 2002, Firenze, 2005, p. 18.

3 A riguardo G. Pinto, Le città umbro-marchigiane, in Le città del Mediterraneo all’apogeo dello sviluppo medievale. Aspetti economici e sociali. Atti del diciottesimo Convegno internazionale di studi, Pistoia 18-21 maggio 2001, Pistoia, 2003, p. 245-272 e Id., Vescovo e città nella Marca Meridionale, in Atti del XXXIX Convegno di Studi Maceratesi, Abbadia di Fiastra (Tolentino) 22-23 Novembre 2003, Macerata, 2005, p. 227-248. Per un confronto tra i diversi sviluppi demografici degli insediamenti toscani, umbri, marchigiani e laziali M. Ginatempo e L. Sandri L’Italia delle città. Il popolamento tra Medioevo e Rinascimento (secoli xiii-xvi), Firenze, 1990.

4 Per i castelli dell’area marchigiana R. Bernacchia, Incastellamento e distretti rurali nella Marca anconitana (secoli x-xii), Spoleto, 2002.

5 « Nel contado di Perugia, nel 1285, una superficie di 1 600 Km2 è divisa in 242 ville e castelli che raggruppano una popolazione di 45 000 abitanti : ciò equivale in media a 186 abitanti e 6,5 Km2 per comunità rurale. Nella Marittima, la provincia del Lazio meridionale che si estende dai Monti Lepini al litorale, la maggioranza della popolazione vive in una decina di grossi agglomerati, situati in genere tra i 300 e i 500 metri di altitudine, sul versante dei Monti Lepini ; il territorio copre una superficie molto vasta, che comprende le alture, il versante occidentale della catena e gran parte della pianura costiera : in totale parecchie decine di Km2 ; nel 1279 a Sezze [...] si contano 996 famiglie che possono corrispondere ad una popolazione di 4-5000 abitanti, [...] le liste dei capifamiglia enumerano, sempre nella seconda metà del xiii sec., 400 persone a Sermoneta, 250 a Bassiano, poco meno di 200 a Ninfa : moltiplicate per i coefficienti abituali, 4 o 5, queste cifre danno una chiara idea dell’importanza demografica di questi castelli ». J.-C. Maire Vigueur, Comuni e signorie in Umbria, Marche e Lazio, Torino, 1987, p. 8. Sul carattere prettamente agricolo delle Marche insiste anche G. Luzzatto, Le sottomissioni dei feudatari e le classi sociali in alcuni comuni marchigiani (secoli xii-xiii) in Id., Dai servi della gleba agli albori del capitalismo, Bari, 1966, p. 353-393.

6 J.-C. Maire Vigueur, Comuni e signorie... cit., p. 8.

7 La citazione di Bartolo da Sassoferrato in Ph. Jones, The Italian City-State, Oxford, 1997 dove essa si contestualizza in una sintesi generale che vede l’Italia tardomedievale tripartita in un’area centrosettentrionale dal marcato sviluppo cittadino e comunale, un’area meridionale a connotazione rurale e monarchica ed un’area intermedia caratterizzata da centri dotati di un sviluppo, economico-sociale prima che demico, modesto in cui le città « had often the status and character of castra more than civitates » (Cfr. Ibid., p. 270-87, in special modo p. 282 dove si riporta la definizione di Bartolo da Sassoferrato).

8 R. Caggese, Classi e comuni rurali nel medioevo italiano: saggio di storia economica e giuridica, 2 voll., Firenze, 1907-08.

9 G. Volpe, Classi e comuni rurali nel Medio Evo italiano, ora in Id., Medio Evo italiano, Roma-Bari4, 2003, p. 145-189.

10 G. Tabacco, Egemonie sociali e strutture del medioevo italiano, Torino, 1979.

11 A. Castagnetti, Le comunità rurali dalla soggezione signorile alla giurisdizione del comune cittadino, Verona, 1983 e Id., Il potere sui contadini, in B. Andreolli, F. Fumagalli e M. Montanari (a cura di), Le campagne italiane prima e dopo il Mille, Bologna, 1985, p. 219-215.

12 A. I. Pini, Città, comuni e corporazioni nel Medioevo italiano, Bologna, 1986.

13 Ch. Wickham, Comunità e clientele nella Toscana del xii secolo : le origini del comune rurale nella Piana di Lucca, Roma, 1995.

14 G. Cherubini, Una comunità dell’Appennino dal xiii al xv secolo. Montecoronaro dalla signoria dell’Abbazia del Trivio al dominio di Firenze, Firenze, 1972. Sui rapporti tra signori e comunità nella Toscana appenninica, pur per un contesto cronologico relativamente alto rispetto a quello qui considerato, si veda anche F. Barbolani di Montauto, Signorie e comuni rurali nell’alta valle del Tevere nei secoli xi-xii, in I ceti dirigenti dell’età comunale nei secoli xii e xiii, a cura del comi tato di studi sulla storia dei ceti dirigenti in Toscana, Pisa, 1982, p. 101-119.

15 Ch. Wickham, Dispute ecclesiastiche e comunità laiche : il caso di Figline Valdarno (xii secolo), Figline Valdarno, 1998, si veda comunque anche Id., Figline : nobili, milites e masnadieri, in G. Pinto e P. Pirillo (a cura di), Lontano dalle città. Il Valdarno di sopra nei secoli xii-xiii, Roma, 2005, p. 379-394.

16 O. Muzzi, Espansione urbanistica e formazione del Comune. Colle Valdelsa tra xii e xiii secolo, in Miscellanea storica della Valdelsa, 104, 1998, p. 81-118 : p. 108.

17 A. Duccini, Il castello di Gambassi. Territorio, società istituzioni (secoli x-xiii), Castelfiorentino, 1998.

18 A. Barlucchi, Il contado senese all’epoca dei Nove. Asciano e il suo territorio tra Due e Trecento, Firenze, 1997.

19 J.-P. Delumeau, Castiglion Aretino dal castrum al Comune : l’autonomia impossibile ?, in Atti e memorie dell’Accademia Petrarca di Lettere, Arti e Scienze, 63-64, 2001-2002, p. 310-340.

20 Ch. Wickham, Comunità e clientele... cit., p. 194-242.

21 D. Waley, La féodalité dans la région romain dans le 2e moitié du xiiie siècle et au début du xive siècle, in Structures féodales et féodalisme dans l’Occident méditerranéen (x-xiiie siècles), Rome, 1980, p. 515-522.

22 A. Cortonesi, L’affermazione della signoria dei Caetani sul castello di Selvamolle, in Il Lazio meridionale tra papato e impero al tempo di Enrico VI. Atti del convegno internazionale. (Fiuggi, Guarcino, Montecassino, 7-10 giugno 1986), Roma, 1991, p. 169-186. A riguardo della signoria quale principale compagine di disciplinamento territoriale, sociale ed economica del contesto laziale : Id. Terre e signori nel Lazio medievale. Un’economia rurale nei secoli xiii-xiv, Napoli, 1988.

23 « I primi statuti comunali compaiono solo dalla metà del Duecento in poi e solo per i periodi succesivi dunque ci consentono di mettere in piena luce la vita delle comunità rurali e i loro rapporti più o meno consensuali col ceto signorile ; tutti aspetti sui quali la documentazione anteriore non fa altro che aprire casuali e modesti spiragli di sole. Insisto sul fatto che non ci sono statuti per castelli laziali prima della seconda metà del Duecento. Il documento pubblicato dal compianto prof. Morghen come ‘statuto di Subiaco’ del 1193, molto noto ed importante, non ha niente a che vedere con uno statuto vero e proprio : è soltanto un pactum convenientiae destinato a sistemare vertenze fiscali tra l’abate di Subiaco e la nascente comunità di castello ; un passo avanti verso lo statuto, se si vuole, niente di più ». P. Toubert, Il mondo rurale nel Lazio meridionale nella seconda metà del sec. xii, in Il Lazio meridionale... cit., p. 145-156 : p. 147.

24 A. Lanconelli, Autonomie comunali e potere centrale nel Lazio dei secoli xiii-xiv, in R. Dondarini (a cura di), La libertà di decidere. Realtà e parvenze di autonomia nella normativa locale del medioevo, Cento, 1995, p. 83-102 : p. 87-89. Il bassissimo numero di carte statutarie di comuni laziali contrasta nettamente con l’abbondanza di analoghi documenti normativi d’area toscana. Per i testi normativi toscani editi si faccia sicuro riferimento a Bibliografia delle edizioni di statuti toscani, a cura di L. Raveggi e L. Tanzini, Firenze, 2001. Per un elenco di statuti rurali del Lazio, oltre al già citato saggio di Lanconelli, cfr. Statuti cittadini, rurali e castrensi del Lazio. Repertorio (sec. xii-xix), Roma, 1993, si vedano i seguenti studi : A. Cortonesi, Sull’edizione degli statuti comunali del Lazio, in Latium, 3, 1986, p. 121-137 ; Statuti e ricerca storica, Atti del convegno. Ferentino, 11-13 marzo 1988, Ferentino, 1991 ; A. Zuppante (a cura di), Atti delle Giornate di studio per la storia della Tuscia. II : Fonti per la storia della Tuscia ; III : Gli statuti della Teverina come fonti per la storia economica e sociale, Orte, 1993.

25 Ch. Wickham, La signoria rurale in Toscana, in G. Dilcher e C. Violante (a cura di), Struttura e trasformazioni della signoria rurale nei secoli x-xiii, Bologna, 1999. S. M. Collavini, « Honorabilis domus et spetiosissimus comitatus » : gli Aldobrandeschi da conti a principi territoriali (secoli ix-xiii), Pisa, 1998.

26 O. Redon, Uomini e comunità nel contado senese del Duecento, Siena, 1982, p. 97.

27 Ibid., p. 98.

28 D. Balestracci, Signorie, comunità e città. Le autonomie nella Toscana medievale (xiii-xiv secolo), in La libertà di decidere... cit., p. 185-205 : p. 187.

29 O. Redon, Uomini e comunità... cit., p. 116-117 ; P. Cammarosano, I primordi del comune di Abbadia, in M. Ascheri e W. Kurze (a cura di), L’Amiata nel Medioevo, Roma, 1989, p. 101-137. Si veda anche M. Ascheri e D. Ciampoli (a cura di), Abbadia San Salvatore. Una comunità autonoma nella Repubblica di Siena, Siena, 1994.

30 A. Ricci, Storia di un comune rurale dell’Umbria : Baschi, in Annali della Regia Scuola normale superiore, 26, 1915, p. 1-183. G. Celata, La condizione contadina in una signoria e in un comune rurale autonomo fra il Duecento e il Trecento, in Rivista di storia dell’agricoltura, 19, 1979, 1, p. 73-103 ; 19, 1979, 3, p. 139-162.

31 J.-C. Maire Vigueur, Comuni e signorie... cit., p. 124.

32 Ibid., p. 34.

33 Ibid., p. 34-35.

34 J.-C. Maire Vigueur, Comuni e signorie... cit., p. 242-248.

35 F. Pirani, Fabriano in età comunale. Nascita e affermazione di una città manifatturiera, Firenze, 2003, p. 63-70.

36 V. Villani, Signori e Comuni nel Medioevo marchigiano. I conti di Buscareto, Ancona, 1992 ; Id., Serra de’ Conti. Origine ed evoluzione di un’autonomia comunale. Secoli x-xv, Ostra Vetere, 1995.

37 J.-C. Maire Vigueur, Comuni e signorie... cit., p. 128-129.

38 A. Menchetti, Storia di un comune rurale della Marca di Ancona, Montalboddo oggi Ostra, Iesi, 1913, vol. I, p. 21-70.

39 Sullo spesso sottile distinguo tra consortile di castello e comune rurale cfr. G. Celata, La condizione contadina... cit.

40 G. Luzzatto, Le sottomissioni dei feudatari... cit., p. 361-365. A riguardo del comune di Osimo, oltre agli studi contenuti in Il codice degli statuti osimiani del secolo xiv. Atti del Convegno, a cura di D. Cecchi, Osimo, 1993 si veda ora F. Pirani, Città e società urbana a Osimo tra xiii e xiv secolo, in Proposte e ricerche, 19, 1996, 37, p. 50-77.

41 T. Codignola, La Massa Trabaria, a cura e con introduzione di G. Cherubini, Firenze, 2005, p. 98. A riguardo della Massa Trabaria si veda anche J.-C. Maire Vigueur, Forme minori di organizzazione del territorio nell’Italia dei comuni : i comitatus e altri distretti dello Stato della Chiesa, in G. Allegretti (a cura di), La provincia feretrana (secoli xiv-xix), San Leo, 2000, p. 11-28.

42 J.-C. Maire Vigueur, Comuni e signorie... cit., p. 59.

43 G. Muzzi, Memorie civili ed ecclesiastiche di Città di Castello, Città di Castello, 1844, vol. I, p. 81 ; si veda comunque J.-C. Maire Vigueur, Comuni e signorie... cit., p. 56.

44 G. Pagnani, Terre, vassalli e signori in un documento dell’archivio comunale di Acquacanina nelle Marche della prima metà del secolo xiii, in Atti e memorie della Deputazione di Storia Patria per le Marche, 9, 1975, p. 127-167.

45 G. Cherubini, Il Casentino ai tempi della battaglia di Campaldino, in Id., Fra Tevere, Arno ed Appennino. Valli, comunità, signori, Firenze, 1992, p. 15-37 : p. 35-36.

46 Id., La signoria dei Guidi in Valdambra all’inizio del Duecento, in Id., Fra Tevere, Arno ed Appennino... cit., p. 107-117.

47 G. Luzzatto, Rustici e signori a Fabriano alla fine del xii sec., ora in Id., Dai servi della gleba agli albori del capitalismo... cit., p. 233. Per la presente interpretazione della società fabrianese si veda comunque F. Pirani, Fabriano... cit., p. 110 e segg.

48 J.-C. Maire Vigueur, Comuni e signorie... cit., p. 57.

49 Id., Nobiltà e popolo nei comuni del Lazio meridionale, in Il Lazio meridionale... cit., p. 203-213 : p. 201.

50 J.-C. Maire Vigueur, Comuni e signorie... cit., p. 21.

51 Id., Nobiltà e popolo... cit., p. 209. Si veda comunque anche G. Falco, I comuni della Campagna e della Marittima, in Archivio della Società Romana di Storia Patria, XLII, 1919, p. 537-605 ; XLVII, 1924, p. 117-187 ; XLVIII, 1925, p. 5-94 ; XLIX, 1926, p. 79-140, 467-512 ora in Id., Studi sulla storia del Lazio nel Medioevo, Roma, 1988, vol II., p. 397-680.

52 M. T. Caciorgna, Beni comuni e istituzioni comunali a Sezze : problemi di gestione, in Il Lazio meridionale... cit., p. 187-202 ; a riguardo di Sezze si veda anche Id., Organizzazione del territorio e classi sociali a Sezze, in Archivio della Società Romana di Storia Patria, 104, 1981, p. 53-95.

53 P. Pirillo, I beni comuni nelle campagne fiorentine basso medievali : evidenze documentarie ed ipotesi di ricerca, in I beni comuni nell’Italia comunale : fonti e studi, dans MEFRM, 99, 1987, p. 621-643.

54 A. Barlucchi, Il contado... cit., p. 201-28.

55 G. Taddei, Castiglion Fiorentino fra xiii e xv secolo. Politica, economia e società di un centro minore toscano, Firenze, 2009, p. 270-289.

56 A. Poloni, Comune cittadino e comunità rurali nelle campagne pisane (seconda metà xii-inizio xiv secolo), in Archivio Storico Italiano, 166, 2008, p. 3-51 : p. 12-14.

57 F. Pirani, Fabriano... cit., p. 54-62.

58 Così in A. Barlucchi, Il contado... cit., p. 110 e seg.

59 B. Dini, L’industria tessile italiana nel tardo Medioevo, in S. Gensini (a cura di), Le Italie del tardo Medioevo, Pisa, 1990, p. 321-359 : p. 336-337 ma anche G. Pinto, Produzioni e circuiti mercantili nella Marca centro-meridionale (secc. xiii-inizio xiv), in Fermo e la sua costa. Merci, monete, fiere e porti fra tardo Medioevo e fine dell’età moderna, Grottamare, 2004, II, p. 7-20. A riguardo delle attività economiche di San Severino cfr. M. T. Caciorgna, San Severino Marche alla metà del Trecento. Aspetti dell’economia e della società dai registri notarili, in Istituzioni e società nelle Marche (secc xiv-xv), Ancona, 2000, p. 387-409.

60 Ch. M. De La Roncière, Firenze e le sue campagne nel Trecento. Mercanti, produzione, traffici, Firenze, 2005, p. 137-155.

61 A. Zorzi, L’organizzazione del territorio in area fiorentina tra xiii e xiv sec., in G. Chittolini e D. Willoweit (a cura di), L’organizzazione del territorio in Italia e Germania: secc. xiii-xiv, Bologna, 1994, p. 279-349 : p. 296.

62 A. Poloni, Comune cittadino e comunità rurali... cit., p. 15.

63 A. I. Galletti, Evoluzione dei rapporti di dipendenza nel xiii secolo : il caso dell’affrancazione di Casalina, in Benedectina, 19, 1972, p. 289-317 ; O. Marinelli, L’affrancazione degli « homines » di Casilina nel territorio perugino (1270), in Bollettino della Deputazione di Storia Patria per l’Umbria, 51, 1954, p. 83-109.

64 F. Salvestrini, Proprietà della terra e dinamismo del mercato fondiario nel basso Valdarno superiore (seconda metà dell’xi-prima metà del xiii secolo). Riflessi di una evoluzione politica e sociale, in Lontano dalle città... cit., p. 14-189 : p. 170-171.

65 Sull’organizzazione territoriale del contado senese O. Redon, Lo spazio di una città. Siena e la Toscana meridionale (secoli xiii-xiv), Roma 1999, p. 88-113.

66 Id., Uomini e comunità... cit., p. 98.

67 Ibid., p. 99.

68 Ibid., p. 177-188.

69 G. Celata, La condizione contadina... cit., p. 139-162.

70 A. Barlucchi, Il contado... cit., p. 274 e sgg.

71 O. Redon, Uomini e comunità... cit., p. 182-183.

72 G. Cherubini, Proprietari, contadini e campagne senesi all’inizio del Trecento, in Signori, contadini, borghesi. Ricerche sulla società italiana del basso medioevo, Firenze, 1974, p. 231-311 : p. 289-295.

73 M. G. Nico – P. Bianciardi, L’Umbria tra potere pontificio e autonomie locali : Perugia e Spoleto nella normativa due-trecentesca, in La libertà di decidere... cit., p. 103-130. Per gli statuti di area umbra si faccia riferimento a P. Bianciardi e M. G. Nico Ottaviani (a cura di), Repertorio degli statuti comunali umbri, Spoleto, 1993.

74 A. Zorzi, L’organizzazione... cit., p. 294.

75 A. Poloni, Comune cittadino e comunità rurali... cit., p. 17-18.

76 Ibid., p. 20-38.

77 A. Lanconelli, Autonomie comunali... cit., p. 96.

78 G. Falco, Il comune di Velletri... cit., p. 40.

79 Ibid., p. 26.

80 Ibid., p. 91-98. Si veda comunque anche G. Ermini, La libertà comunale nello stato della Chiesa. Da Innocenzo III all’Albornoz (1198-1367), in Archivio Storico della Società Romana di Storia Patria, 49, 1926, p. 5-126.

81 G. Luzzatto, L’inurbamento delle popolazioni rurali in Italia nei secoli xii e xiii, in Id., Dai servi della gleba agli albori del capitalismo... cit., p. 405-432. A riguardo dei rapporti tra istituzioni municipali e castra comitatini nell’area marchigiana si veda comunque G. Pagnani, Patti tra il comune di Fermo e i nobili del contado nel 1229, in Le Marche nei secoli xii e xiii. Problemi e ricerche, in Studi maceratesi, 6, 1972, p. 111-121.

82 J.-C. Maire Vigueur, Comuni e signorie... cit., p. 126-127.

83 F. Pirani, Fabriano... cit., p. 51-52.

84 J.-C. Maire Vigueur, Comuni e signorie... cit., p. 128-129.

85 F. Pirani, Fabriano... cit., p. 86 si veda comunque anche G. Luzzatto, Le sottomissioni... cit.

86 Si veda la carta e l’elenco riportato in G. M. Varanini, L’organizzazione del territorio in Italia : aspetti e problemi, in S. Collodo e G. Pinto (a cura di), La società medievale, Bologna, 1999, p. 133-176 : p. 138-9.

87 M. Ascheri, Gli statuti di Colle e gli statuti cittadini toscani, in La Toscana ai tempi di Arnolfo... cit., p. 35-47 : p. 41.

88 O. Muzzi, L’organizzazione... cit., p. 23.

89 Tutte le estensioni in A. Zorzi, L’organizzazione... cit., p. 284-285.

90 Oltre a G. Pinto, Vescovo e città... cit., si vedano anche i vari saggi compresi in Istituzioni e società nelle Marche (secc. xiv-xv), Atti del Convegno, Ancona-Camerino, 1-3 ottobre 1998 = Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per le Marche, 103, 1998. A riguardo della diocesi di Camerino e del controllo della civitas su tale territorio cfr. Camerino e il suo territorio fino al tramonto della signoria, Atti del XVIII Convegno di studi storici maceratesi, Camerino, 13-14 novembre 1982, Macerata, 1983.

91 J.-P. Delumeau, Castiglion Aretino dal castrum al comune... cit.; G. Taddei, Castiglion Fiorentino... cit.; G. P. G Sharf, Alla periferia dell’Impero: le strutture del « Regnum » nel contado aretino della prima metà del Duecento, in Società e storia, 109, 2005, p. 459-475. Per il caso di San Miniato, si veda F. Salvestrini, Il nido dell’aquila. San Miniato al Tedesco dai vicari dell’Impero al vicariato fiorentino del Valdarno inferiore (sec. xi-xiv), in A. Malvolti e G. Pinto (a cura di), Il Valdarno inferiore terra di confine nel Medioevo (secoli xi-xv), Atti del Convegno di Studi 30 settembre – 2 ottobre 2005, Firenze, 2008.

92 G. Luzzatto, Le finanze di un castello nel xiii secolo, in Id., Dai servi della gleba agli albori del capitalismo... cit., p. 247-351: p. 257-259.

93 F. Pirani, Fabriano... cit., p. 117-118.

94 G. Falco, I comuni della Campagna e della Marittima... cit., p. 437.

95 M. T. Caciorgna, Beni comuni... cit.

96 L’espressione in Balestracci, Signorie, comunità e città... cit., p. 192.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Gabriele Taddei, « Comuni rurali e centri minori dell’Italia centrale tra xii e xiv sec. », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge, 123-2 | 2011, 319-334.

Référence électronique

Gabriele Taddei, « Comuni rurali e centri minori dell’Italia centrale tra xii e xiv sec. », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge [En ligne], 123-2 | 2011, mis en ligne le 20 février 2013, consulté le 24 juin 2017. URL : http://mefrm.revues.org/624 ; DOI : 10.4000/mefrm.624

Haut de page

Auteur

Gabriele Taddei

Università degli studi di Firenze, gtaddei@inwind.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org