Navigation – Plan du site
L’essor de la rhétorique humaniste : réseaux, modèles et vecteurs / La nascita della retorica umanistica : reti, modelli e vettori / The Rise of Humanist Rhetoric : Networks, Models and Vectors

Scrivere lettere dopo Petrarca : le epistole ‘viscontee’ di Giovanni Manzini

Marco Petoletti

Résumés

La produzione di lettere tra XIV e XV secolo in Italia settentrionale è fortemente influenzata dal magistero di Francesco Petrarca. Le sue epistole furono copiate, insieme ad altri testi, in raccolte destinate a costituire modelli per le cancellerie. Nel contempo alcuni intellettuali, che vissero all’ombra di Petrarca, si premurarono di raccogliere in corpora organizzati la propria produzione epistolare, come per esempio Paolo de Bernardo, Giovanni Conversini e Giovanni Dondi dell’Orologio. Nell’articolo si prendono in considerazione in particolare le lettere di Giovanni Manzini, singolare figura di uomo di armi e letterato : le sue lettere, conservate nel ms. Vat. lat. 11507, autografo, sono particolarmente significative non soltanto per le qualità stilistiche, ma anche perché sono specchio fedele delle tensioni politiche e culturali che percorsero la corte dei Visconti alla fine del secolo XIV. Di alcune di queste lettere, indirizzate a Gian Galeazzo Visconti, al cancelliere Pasquino Capelli e ad altri funzionari viscontei, è fornita l’edizione critica.

Haut de page

Texte intégral

1Quando Remigio Sabbadini, padre della filologia medievale e umanistica, tra XIX e XX secolo, imboccò la strada impervia e allora poco frequentata che lo avrebbe portato a ricostruire il ruolo fondamentale giocato dal nostro umanesimo nella trasmissione della cultura classica, con spirito sensibile e intelligenza pronta si rese conto che la lettura degli epistolari, per lo più allora inediti o confinati a vecchie stampe, avrebbe offerto il grimaldello per scassinare la porta di accesso a un mondo affascinante. Con lavoro instancabile sfogliò manoscritti, molti alla Biblioteca Ambrosiana di Milano, e trascrisse missive : la strada che avrebbe condotto alle Scoperte dei codici greci e latini ne’ secoli XIV e XV e alla Storia e critica dei testi latini procede e si interseca con le edizioni integrali delle lettere di Guarino e dell’Aurispa e con quelle, parziali e affidate a contributi di minore estensione, delle epistole del Panormita e di Pier Candido Decembrio. Negli stessi anni Francesco Novati si impegnò nella monumentale pubblicazione delle lettere private di Coluccio Salutati, che dalla specola della cancelleria fiorentina intrecciò con amici e colleghi una rete fittissima di comunicazioni epistolari.

  • 1 Billanovich 1947, p. 186-192 ; Palma 1974.
  • 2 Parigi, Bibl. nationale de France, lat. 8361 ; vd. Cochin 1901.

2Francesco Petrarca aveva segnato in modo dirompente la cultura del Trecento : con scelta consapevole e geniale, a metà del secolo XIV, abbandonando progetti antiquati come quello dei Rerum memorandarum libri, una summa sulle virtù cardinali, dopo la riscoperta a Verona di parte dell’epistolario ciceroniano nel 1345 aveva stabilito di raccogliere in un corpus organico la propria corrispondenza. Il suo esempio e magistero stilistico influenzarono in maniera decisiva la generazione cui appartenne e quella immediatamente successiva, prima che le nuove e forti esigenze dell’umanesimo portassero a prediligere nuovi modelli. Già gli amici di Petrarca cercarono con devozione di raccogliere le lettere del loro maestro. Così a Firenze il dotto circolo guidato da Boccaccio, gran patrono della gloria petrarchesca, da Francesco Nelli e Lapo da Castiglionchio, curò di preservare i tesori epistolari che il preceptor aveva loro indirizzato1. Addirittura di Francesco Nelli resta un epistolario organizzato, costituito monograficamente da lettere mandate al solo Petrarca2.

  • 3 Rausa 2000, con bibliografia.
  • 4 Lazzarini 1930.
  • 5 Lazzarini 1930, p. 169 ; Rausa 2000, p. 227.

3In Italia settentrionale furono soprattutto alcuni studiosi attivi nella cancelleria di Venezia, Andrea Dandolo e Benintendi Ravagnani, a curare raccolte di lettere petrarchesche che hanno lasciato tracce evidenti nella trasmissione testuale. Pur senza rinunciare ai caratteri della retorica che il loro ufficio imponeva, tentarono di inseguire il modello sovrano nella propria produzione epistolare, che si è conservata in minima parte, trascinata da quelle collezioni petrarchesche, dietro cui è possibile intravedere il circolo studioso attivo a Venezia3. Sotto questo riguardo è preziosa la testimonianza di Paolo de Bernardo, cresciuto culturalmente all’ombra del Ravagnani, giurista e letterato, morto nel 1393. Il suo epistolario, che comprende una trentina di pezzi, è salvato dal ms. Città del Vaticano, Bibl. Apostolica Vaticana, Vat. lat. 5223, straordinaria raccolta di lettere e orazioni, che rimandano quasi tutte all’area veneta. Questo codice fu copiato nel primo decennio del Quattrocento all’ombra di Donato Albanzani, amico di Petrarca e Boccaccio, di cui volse in italiano rispettivamente il De viris illustribus e il De mulieribus claris. Parte poi delle epistole di Paolo de Bernardo, e non è un caso, è consegnata alla così detta raccolta veneziana delle lettere di Petrarca, salvata da un piccolo numero di manoscritti quattrocenteschi, alcuni di area tedesca, dove continuarono ad avere successo modelli che in Italia erano ormai considerati antiquati, con il dilagare della cultura umanistica4. Il de Bernardo, scrivendo a Petrarca nel 1362, gli confida, sulla scorta di una lettera dello stesso suo interlocutore (Fam., X 3, 48), di averlo scelto come testis ymaginarius della propria vita e per questo, trascurando la produzione degli altri uomini dotti, di averne cercato con zelo le opere : « Io ho raccolto come ho potuto cento tue epistole all’incirca, prendendole in diverse parti, da te, talvolta dagli amici, in qualche caso di nascosto, come capita, anche da persone che non conoscevo affatto »5. Alle fondamenta delle miscellanee di epistole stanno sempre persone con nome e cognome che sta a noi, nel limite del possibile, identificare.

  • 6 Casini 1888, p. 313-322. Vd. anche Novati 1890. Per le lettere di Antonio da Romagno : Sabbadini 1 (...)
  • 7 Monti 2015, con attenta ricostruzione della vita e della cultura di Donato Albanzani.

4Proprio il Vat. lat. 5223, cui si è accennato, è sotto quest’aspetto un manoscritto di importanza strategica, collettore di lettere della vecchia e della nuova generazione : scritto nel primo decennio del secolo XV, accoglie infatti, oltre all’epistolario di Paolo de Bernardo, la raccolta di lettere di Antonio di Romagno a Pietro Marcello, vescovo di Ceneda, e un consistente gruppo di epistole dettate da Gasparino Barzizza, che convivono accanto ad altre missive estravaganti che hanno per autori Pier Paolo Vergerio, Giovanni Dondi, Giovanni Conversini, Guarino e altri letterati meno celebri6. È lo zibaldone che riflette gli interessi degli ultimi anni di Donato Albanzani, mentre era a servizio della cancelleria estense di Ferrara, dove ai tempi di Niccolò agì tra l’altro come agente culturale per la formazione della biblioteca estense7.

  • 8 Helbling 1964.

5È significativo anche un altro esempio, che ha per protagonista uno scrittore di poca fama, Niccolò Beccari da Ferrara, fratello del più rinomato poeta Antonio. Un suo manipolo di lettere, indirizzate all’imperatore Carlo IV, presso cui prestò servizio, a un prevosto boemo, Nicola di Riesenburg, e al veronese Gasparo Scuaro de’ Broaspini, altro studioso attivo all’ombra di Petrarca, fu trascritto a Padova nel 1382 da Carlo di Bologna, cappellano del monastero di S. Giustina, in coda a un esemplare del Secretum (Venezia, Bibl. Nazionale Marciana, lat. XIV 127 [4332]), con il titolo di Regule singulares. Il raccoglitore spiegò le sue ragioni nell’explicit, dove ricordò di averle copiate per il loro venustum eloquium e la loro facundia mirabilis8.

6In Italia settentrionale il magistero epistolare petrarchesco passò attraverso complicate raccolte di exempla epistolarum, dove gli antichi modelli della retorica duecentesca furono soppiantati dalla produzione contemporanea di Petrarca, di Coluccio Salutati e di altri minori funzionari. Questi zibaldoni sono stati spesso considerati come opimi depositi di rarità, perché hanno salvato testi che ebbero scarsissima circolazione : la via maestra per comprenderne a fondo la struttura e la finalità passa attraverso la descrizione sistematica e lo studio delle tradizioni testuali dei vari elementi affidati a questi manuali pratici di cancelleria. Tra XIV e XV secolo, prima che l’urgente pressione dell’umanesimo determinasse alcuni cambiamenti di prospettiva e l’abbandono progressivo, anche se non assoluto, dei pur gloriosi modelli trecenteschi o protoquattrocenteschi a favore della nuova produzione epistolare dei più rinomati intellettuali che fecero la gloria di un’epoca – penso soltanto al Panormita o al Filelfo –, fu prodotto un buon numero di raccolte epistolari e ancor più di complesse miscellanee esemplari, deputate a formare il calamo dei letterati attivi nelle cancellerie, reso rovente da una situazione politica in costante fibrillazione.

  • 9 Gargan 2015, con tutta la bibliografia precedente.
  • 10 Per un elenco delle sue epistole : Kohl 1975, p. 357-365. Segnalo le edizioni delle lettere di Con (...)
  • 11 Sabbadini 1924, in part. p. 206-239.

7Non è possibile presentare distesamente tutti gli epistolari dell’epoca, ostacolati dall’abbondanza e ancor più dalla pressoché totale assenza di edizioni. Duole, per esempio, poter soltanto accennare alle lettere di Giovanni Conversini di Ravenna, uno dei più straordinari scrittori attivi fra Tre e Quattrocento con il suo stile personalissimo, anche se non sempre agevole, e la sua eccellente capacità inventiva. Se si esclude l’autobiografico Rationarium vite e poco altro, il Conversini non è ancora stato onorato da un adeguato progetto editoriale (e si spera che presto si ponga rimedio a questa mancanza)9. Di lui resta un’organica raccolta epistolare, allestita su richiesta di papa Innocenzo VIII e copiata dall’amanuense di fiducia, il fiammingo Giacomo Witt, che esemplò altri manoscritti con opere del Conversini, ora a Zagabria (Arhiv, Hrvatska Akademija Znanosti i Umjetnosti, II c 61) : comprende un numero consistente di lettere, quasi novanta, talune di notevole estensione, di cui soltanto una piccola percentuale – si supera di poco la decina – è stata pubblicata10. Le difficoltà del latino e la fallosità del copista, che nasconde sotto la sua elegante littera textualis il veleno di imperfezioni ed errori, non hanno agevolato il passaggio dal codice alla stampa : e ne sapremmo ancora meno, se non fosse stato per la cura di Francesco Novati, che si procurò una copia integrale del testimone di Zagabria, ancora conservata tra le sue carte presso la Società Storica Lombarda (busta 21, fascicolo 97/2), in vista forse di un’edizione, e di Remigio Sabbadini che su quell’apografo lesse la produzione epistolare del Conversini e ne diede conto, da par suo, in un’eccellente monografia11.

  • 12 Belloni 1982 ; Pesenti 1992.
  • 13 Pelucani 2007. Vd. anche Bellemo 1894, in part. p. 287-288.
  • 14 Ferrante 1933-1934 ; Billanovich - Pellegrin 1964 ; Pasquini 1989.
  • 15 La lettera a Gasparo Squaro, fol. 50r-51v, contiene un commento lemmatico a Sen. Ep. 7, 3-5, compo (...)
  • 16 Avesani 2014 ; Petoletti 2015a.
  • 17 Gilbert 1977. La lettera è particolarmente interessante per le proeccupazioni antiquarie del Dondi (...)
  • 18 Delle lettere al funzionario Andreolo Arese mi sono occupato in Petoletti 2015b, con bibliografia.
  • 19 Bueno de Mesquita 1975. Vd. anche Brumana 1990.
  • 20 Venezia, Bibl. Nazionale Marciana, XIV 223 (4340), fol. 68r ; Pelucani 2007, p. 72.

8Attivo tra Veneto e Lombardia, tra la sua Padova e Pavia, Giovanni Dondi dell’Orologio, morto nel 1388, è figura di rilievo nella storia della scienza, per la sua attività di medico e astronomo, e delle lettere, per la sua amicizia con Petrarca, con cui fu in corrispondenza12. Ebbe cura di conservare tra le sue carte, e dunque di consegnare alle generazioni future, l’autografo della Senile XII 1 (ora Padova, Bibl. del Seminario vescovile, 357, fol. 1r-2v), cui rispose con un’appassionata missiva. Un manoscritto modesto in veloce corsiva, oggi conservato a Venezia, Bibl. Nazionale Marciana, XIV 223 (4340), porta molte sue opere in latino e in volgare : pur non essendo stato vergato di sua mano, fu sicuramente riunito a partire dalle carte depositate sul suo scrittoio13. Esso trasmette, ai fol. 47r-67v, un piccolo epistolario che comprende ventotto lettere, la maggior parte delle quali indirizzate agli amici medici ; ma furono suoi corrispondenti Petrarca e altri intellettuali : tra i veneti Lombardo della Seta, ‘editore’ ante litteram di Petrarca14, Gasparo Scuaro de’ Broaspini15, Antonio da Legnago, il gran consigliere veronese morto assassinato nel 1385, che durante il crepuscolo della signoria scaligera ebbe la possibilità di impossessarsi di preziosi codici un tempo custoditi nella Biblioteca Capitolare16 ; tra i lombardi l’agostiniano Guglielmo di Cremona, che fu vescovo di Pavia17, Andreolo Arese, funzionario visconteo attivo tra Lombardia e Francia18, Pasquino Capelli19. Proprio la missiva indirizzata al segretario di Gian Galeazzo è particolarmente indicativa, perché qui il Dondi parla del suo epistolario, al cui allestimento fu indotto dalle insistenze degli amici. Leggiamo dunque le sue parole20 :

Pridie, vir insignis, epistolarum mearum, si modo nomen merentur huiusmodi, seu melius nugarum mearum copiam exigebas, quas pro variis propositis olim ad amicos vel socios destinavi, quarum paucas admodum ex multis ad alterius indutionem paulo prius, sparsis ex cartulis hinc inde retentando, colegi. Unde te illas, immeritas licet, aliquo dignificare concepi – quo in iuditio alte faleris, vir carissime – et unde decipiaris intelligo. Decipit te qui frequenter plurimos etiam providos excecavit amor. At ego illas, mearum rerum sat conscius, parvifeci semper et facio, quippe qui michi novi ad id non esse exercitium nec artificium nec naturam. Addice quod michi iugiter, semper hactenus dessidentibus ab hoc studiis implicito, que animum ab eo actu plurimum abigunt, nichil accuratum, nichil serium, nichil denique nisi inane atque insipidum potuit excidisse. Quoniam tamen illas, quicquid sint, quasi aliquid essent cum instantia flagitabas, e vestigio venit in animum aliquid tibi arrepto calamo qualecumque notare, quo saltem stili sentias ruditatem, si modo stilus est, et ingenii, quod vel nullum est vel exiguum, intelligas levitatem. Substiti autem interim quibusdam occurrentibus et animum trahentibus in diversum.

  • 21 La prima lettera a Petrarca, a fol. 47r del ms. Marciano, è pubblicata in Zardo 1887, p. 279-81 ; (...)

9La sua raccolta, che non sembra strutturata né in ordine cronologico né secondo un’organizzazione tematica, resta ancora per lo più inedita : soltanto le lettere a Petrarca, una delle quali ebbe più ricca circolazione, e poco altro, hanno avuto il privilegio di essere pubblicate21. Il latino non è perfetto, senza troppi cedimenti alle forme della retorica più aulica : le citazioni erudite sono per lo più ricavate dai testi, scientifici e filosofici, che per i suoi doveri d’ufficio il Dondi aveva ben presenti (sono però almeno da segnalare le riprese da Plinio il Vecchio e Vitruvio).

  • 22 Monti 2007.
  • 23 Garbini 1996, p. XLV-XLVIII, 72-76, 78-88, 152-164 ; Pagliari 1999, p. 96 e 133-137 ; Cortesi 2007 (...)
  • 24 Garbini 2007, p. 259-60.
  • 25 Pagliari 1999, p. 96.

10Non sempre però le raccolte epistolari sono illustrate dai nomi di letterati celebri : eppure presentano spesso motivo di interesse. Per esempio, merita qualche parola un piccolo gruppo di lettere conservate in un manoscritto di origine lombarda, complesso e affascinante, l’imponente Milano, Bibl. Ambrosiana, C 141 inf., raccolta di exempla epistolarum, vergata da un’unica mano in gotica cancelleresca nella prima metà del secolo XV : la sezione viscontea è stata attentamente descritta da Carla Maria Monti22. Sono più di duecento i testi accolti in questo formulario di cancelleria. Una sezione, ai fol. 142r-159r, è riservata alla produzione di un gruppo di amici legati al maestro cremonese Folchino Borfoni, attivo alla fine del Trecento23 : si incontrano carmi e missive dello stesso Folchino, del più famoso Moggio Moggi, amico e corrispondente di Petrarca, di Tommaso de Zohannis, del sacerdote Pietro da Sesto (è estravagante, e andrà piuttosto riferito al resto della parte più propriamente viscontea, il dittico costituito da due lettere di Maddalena Scrovegni, rispettivamente alla regina Giovanna d’Angiò e a Pasquino Cappelli). Lo studio di questa piccola collezione permette di chiarire, all’interno di gruppi ristretti di intellettuali, le forme di circolazione di testi epistolari e poetici che potevano costituire oggetto di discussione24. Qui è particolarmente attivo Tommaso de Zohannis, un cremonese, come Folchino e Pietro da Sesto, che fu abbreviatore apostolico tra 1379 e 1391, ai tempi di Urbano VI e Bonifacio IX, ma che almeno nel 1380 ebbe occasione di risiedere nella sua Lombardia, tra Cremona e Brescia25. Durante questa sosta, prima del rientro a Roma, intrecciò con i suoi amici una piccola corrispondenza, in cui per altro manifestò non indifferenti doti stilistiche : il confronto con il latino involuto e pomposo di Folchino, che pure fu maestro rinomato e autore di una grammatica, è tutto a suo vantaggio. Allora chiese a Folchino di mandargli le lettere e le poesie che quest’ultimo e Moggio si erano scambiati, come aveva appreso dal comune amico Pietro da Sesto : tutti questi testi sono copiati nell’Ambr. C 141 inf. In un’altra sua missiva inviò a Folchino, prima di intraprendere il viaggio alla volta di Roma, alcuni suoi versi composti nel 1378 in onore del suo patrono di un tempo, il cardinale Tommaso Tebaldeschi, incaricato da papa Gregorio XI di risolvere i complicati problemi legati alla così detta « guerra degli Otto Santi », mossa dai Fiorentini contro il pontefice. Ancora, nel ringraziare per avere ricevuto le lettere richieste, si lanciò in considerazioni di carattere prosodico per segnalare alcuni presunti errori reperiti nei carmi di Moggio e Folchino : ma, prudenzialmente, non avendo presso di sé i libri adeguati sull’arte della metrica, lasciò la questione in sospeso. Folchino gli rispose con cortesia e riconoscenza e così il colloquio epistolare si incrementò.

  • 26 Per Pietro da Sesto : Pagliari 1999, p. 96 n. 28.
  • 27 Vedrò in futuro di procurare un’edizione integrale di questi testi, alcuni dei quali soltanto sono (...)

11Altrettanto interessanti sono le epistole tra Tommaso de Zohannis e Pietro da Sesto, rettore della chiesa cremonese di S. Silvestro26. Qui si parla di scambi di libri : in particolare Tommaso, che si trovava allora a Brescia, per compensare l’amico dei tanti benefici ricevuti, decise di spedirgli una copia del Liber pastoralis di papa Gregorio Magno, un testo ritenuto adatto alle funzioni rivestite da Pietro : Hunc igitur diligenti cura scrutatum, cum inter nonnulla librorum volumina Brixiensis ecclesie reperissem, complemento diebus XII° gaudente animo et calamo celerante transcripsi et prout scivi et potui transcriptum emendavi ac etiam rubricavi. Pietro, in genere un po’ restio a rispondere, in questo caso ringraziò e a sua volta si premurò di far pervenire all’amico un codice con opere di Petrarca, un’invettiva, forse da identificare con la Contra Gallum, forse con la solenne protesta indirizzata a Giovanni di Caraman (contra magni status hominem, sed nullius scientie), le rubriche risalenti a Donato Albanzani, che accompagnavano il Bucolicum carmen, e i Salmi penitenziali. È di tutta evidenza che questo piccolo carteggio, illustrato dalla presenza di alcune reliquie della produzione del rinomato maestro Moggio, fu raccolto nell’ambiente di Folchino Borfoni e fu poi assorbito nell’orbita di quel grande manuale di cancelleria che è l’Ambr. C 141 inf. Nonostante la poca fama dei suoi protagonisti, la raccolta è preziosa : si parla di amicizia, di poesia, di libri, di viaggi, ma soprattutto si attesta come si potesse formare e conservare una silloge di epistole, per quanto esile27.

  • 28 Falzone 2007.
  • 29 Petoletti 2005.
  • 30 L’autografia del manoscritto è oltretutto confermata dal confronto con una lettera di mano del Man (...)

12Tra le raccolte di lettere che la generazione post-petrarchesca partorì, un posto speciale merita la collezione di un singolare uomo di cultura e di azione, Giovanni Manzini della Motta, che nel corso della sua vita raminga frequentò i potenti e sperimentò i colpi della fortuna28. Nacque a Fivizzano, in Lunigiana, nel 1362 ; seguì sui banchi di scuola le lezioni di Ippolito da Parma, maestro di grammatica, al quale indirizzò alcune affettuose lettere29. Amò i classici latini e tra i moderni soprattutto Francesco Petrarca, noster Petrarcha, ymo nostrissimus, si fas sit dictu, come lo definì in una sua epistola : ne lesse amorosamente i volumi e ne trascrisse excerpta in un suo zibaldone autografo, Città del Vaticano, Bibl. Apostolica Vaticana, Vat. lat. 1150730. Dopo aver militato nei campi di battaglia a servizio di Gian Galeazzo contro Antonio della Scala nel 1387, entrò in relazione con gli ambienti viscontei.

  • 31 Novati 1904 ; Pellegrin 1969, p. 16. Il codice porta a fol. 290r la nota : Io(hannes) legit comple (...)
  • 32 Pellegrin 1955, p. 159 ; Pellegrin 1969, p. 16. A fol. 161r si trova infatti : Explevi legere 1388 (...)
  • 33 Billanovich 1943-1945, p. XXIV ; Pellegrin 1969, p. 16.
  • 34 Albertini Ottolenghi 1991, p. 107.
  • 35 Pellegrin 1969, p. 16.
  • 36 Novati 1888 ; Rizzo 1991.
  • 37 Billanovich 1990, p. 310.

13Nelle vesti di precettore di Melchiorre Capelli, figlio di Pasquino, potentissimo cancelliere visconteo, ebbe l’opportunità di consultare i libri dell’alto funzionario e lasciò traccia delle sue erudite frequentazioni sotto forma di postille in alcuni manoscritti ancora conservati : sicuramente il Par. lat. 8568, con le Familiares di Petrarca, che studiò nel 138831, e il Par. lat. 7877, con la Genealogia deorum gentilium di Giovanni Boccaccio32, appartenuti entrambi a Pasquino Capelli ; forse il Par. lat. 6069T, con i petrarcheschi Rerum memorandarum libri33 ; il Par. lat. 5067 con Egesippo34, e l’Ambr. E 24 inf., con la Naturalis historia di Plinio35. Lasciò sue note di lettura, a quanto pare, anche sul codice di Firenze, Bibl. Laurenziana, 76, 13, con il De officiis e i Paradoxa stoicorum di Cicerone36 ; Giuseppe Billanovich ha riconosciuto la sua mano nel ms. Napoli, Bibl. Nazionale, IV C 11, con il De bello Gallico di Cesare, XI secolo, che appartenne alla biblioteca pavese dei Visconti e degli Sforza37.

  • 38 Franceschini 1974.
  • 39 Novati 1896, p. 327-330.
  • 40 Kristeller 1963-1997, II, p. 349 ; Michelini Tocci 1976, p. 115.

14Quando poi Pasquino cadde in disgrazia, accusato di tradimento, e finì i suoi giorni miseramente rinchiuso nelle segrete del Castello di Pavia, il Manzini passò al servizio di Biordo Michelotti, signore di Perugia, intorno al quale si raccolse una piccola corte studiosa38. Anche il Michelotti finì assassinato, a seguito di una congiura, nel marzo 1398 : allora Coluccio Salutati scrisse al Manzini un’epistola per consolarlo di fronte ai colpi della fortuna39. Gli ultimi anni della sua vita, su cui poco sappiamo, lo portarono a varcare i confini dell’Italia per visitare le terre della Svizzera e della Germania : ne possiamo seguire gli spostamenti grazie alle sottoscrizioni depositate sul ms. Città del Vaticano, Bibl. Apostolica Vaticana, Vat. lat. 14162, altro suo autografo40. Morì sicuramente prima del 1422.

  • 41 Ruysschaert 1959, p. 156-166.
  • 42 Rossi 1933, p. XXX ; Feo 2003, p. 324.
  • 43 Vd. il contributo di Carla Maria Monti in questo volume.
  • 44 Monti 2008, p. 857-858.
  • 45 Miscellanea 1754, p. 115-138 e 173-226 (da qui la lettera a Giovanni Dondi dell’11 luglio 1388 è s (...)

15Di lui resta una complicata raccolta, che comprende più di trenta sue lettere, conservata in autografo nel codice Vat. lat. 11507, dove il Manzini accolse anche altre epistole esemplari uscite dalle cancellerie di Milano e Firenze, carmi propri e altrui, e una piccola collezione di excerpta dai classici (Sallustio, Terenzio, Stazio e Giovenale) e da Petrarca bucolico ed epistolografo41. In una sorta di introduzione alla sua personale raccolta petrarchesca il Manzini confessò che, dopo un’iniziale ostilità, si allontanava malvolentieri dalla lettura voluminum celeberrime recordationis domini Francisci Petrarce, di cui aveva avuto a disposizione gli esemplari appartenuti al Capelli, come l’orso da un favo di miele42. Questo insieme consente di penetrare nel vivo delle relazioni culturali in Lombardia e in Italia alle soglie dell’umanesimo : tra i destinatari si incontrano infatti protagonisti di rilievo del tempo, come per esempio i medici Giovanni Dondi dell’Orologio e Francesco Casini, corrispondenti di Petrarca, i funzionari viscontei Andreasio Cavalcabò, Pasquino Capelli, Antonio Loschi e Rizzardo Villani, il maestro Bartolomeo del Regno, Gian Galeazzo Visconti, i condottieri Spinetta Malaspina e Giacomo del Verme, i fratelli Benedetto e Lorenzo Gambacorta, figli di Pietro signore di Pisa. Per incarico di Pasquino Capelli il Manzini sollecitò il poeta parmense Moggio Moggi a unirsi al coro esultante dei letterati che esaltarono i successi di Gian Galeazzo contro gli Scaligeri e i Carraresi43. Non è compresa nel Vat. lat. 11507 soltanto un’altra sua lettera, indirizzata nel 1391 a Giacomo del Verme in occasione della vittoria contro le milizie di Giovanni II d’Armagnac, trasmessa da una collezione cancelleresca viscontea di cui si conoscono due testimoni : Parigi, Bibl. nationale de France, n. a. lat. 1152, fol. 46v-47r, e Milano, Biblioteca dell’Universià Cattolica del Sacro Cuore, Visconti di Modrone 2, fol. 61v-62r44. Purtroppo l’insieme delle lettere di Manzini è in parte ancora inedito o affidato alle pagine di un libro di metà Settecento, che non si segnala per particolare cura nella trascrizione45.

  • 46 Collino 1907.
  • 47 Ragone 1999.
  • 48 Ed. parziale in Miscellanea 1754, p. 224-225. L’intera lettera a Benedetto Gambacorta è ottimament (...)

16Forse la creazione letteraria più fortunata del Manzini è un frammento di tragedia, che fa del nostro autore uno dei pochi scrittori che frequentarono Melpomene nel Trecento. A ispirarne la composizione fu un episodio recente : la capitolazione di Verona, espugnata dalle truppe di Gian Galeazzo Visconti tra 18 e 19 ottobre 1387. Allora Antonio della Scala si rifugiò in Castelvecchio, ma nella notte successiva fuggì dalla città con la moglie e i figli alla volta di Venezia. Il popolo veronese proclamò Gian Galeazzo proprio signore46. In quella circostanza, come scrisse in una lettera del 13 febbraio 1388 a Benedetto Gambacorta47, il Manzini progettò e cominciò a scrivere una tragedia sulla caduta e la fuga di Antonio della Scala : ne resta solamente un coro, allegato a questa stessa missiva, in cui è descritta la gioia dei Veronesi, liberati dal triste giogo dello Scaligero, insieme alle conseguenti riflessioni sulla volubilità della fortuna con esempi tratti dalla storia antica e recente48. Con ogni probabilità non si tratta dell’unico frammento conservato di un dramma più ampio andato smarrito, ma di un tentativo rimasto allo stadio larvale, limitato a un solo coro, composto ricorrendo non alla metrica di Seneca tragico, ma a quella del De consolatione philosophiae di Boezio : il testo infatti è in trimetri dattilici catalettici con adonio (Boet., Cons., I metr. 2).

17Tutte le lettere raccolte dal Manzini nel Vat. lat. 11507, collocabili cronologicamente nel 1388 o poco dopo, sono strettamente connesse a Gian Galeazzo Visconti, il vincitore degli Scaligeri e il restauratore della prosperità. Nello specifico presentano più di un motivo di interesse proprio le epistole indirizzate o direttamente al signore o ai funzionari che gravitavano intorno al castello di Pavia. Il Manzini scrisse allo stesso Gian Galeazzo (testo I) dopo la morte della madre Bianca di Savoia († 1 dicembre 1387). Più che di una consolatoria tradizionale, la lettera si sviluppa come un vero e proprio panegirico del Visconti, destinato biblicamente a vedere i nemici proni al suo cospetto.

18A Pasquino Capelli scrisse tre epistole : la prima è ancora una volta un solenne elogio di Gian Galeazzo, reparator christianitatis, domicilium virtutum (testo II). La sconfitta nel 1388 di Francesco da Carrara, che affliggeva sotto il suo giogo crudele la nobile Padova, lo rende ancor più illustre e glorioso : « Il nostro principe vittorioso con il suo valore ha cancellato tutte le miserie, ha restituito la libertà, ha sollevato chi era caduto, ha abbattuto la tirannide, ha calcato sotto i suoi piedi la superbia e ha riportato il bene della pace ». Non resta dunque che celebrare con parole tratte dall’Apocalisse le vittorie di chi rinnoverà i fasti di Giulio Cesare e di Alessandro il Grande.

19Invece gli affetti domestici sono protagonisti delle altre due lettere a Pasquino : nella prima il Manzini presenta una favola che gli era stata raccontata da un vecchio (testo III). Gliela aveva riportata alla memoria la vista di un ponte antico e rovinato a Pavia. A Ferrara a seguito di un’inondazione era crollato un ponte, importante via di transito ; per ricostruirlo il governatore della provincia ebbe un’idea : fatto allestire in fretta e furia un passaggio provvisorio sul fiume, comandò a un esattore di riscuotere un soldo per ogni difetto fisico che i passanti presentavano (uno sventurato viandante, afflitto da ogni forma di menomazione, si vede costretto a sborsare un consistente tributo al gabelliere). Forse anche in questo caso potrebbe essere attiva la lezione di Petrarca, che talvolta nelle sue lettere inserì racconti edificanti e fabelle a mo’ di esempio. Ancor più personale è l’altra missiva a Pasquino, in cui si parla dell’iter formativo di Melchiorre Capelli, allievo dello stesso Manzini (testo IV). Se il buon giorno si vede dal mattino – si legge –, sicuramente il piccolo Melchiorre è avviato sulla strada di una brillante carriera.

  • 49 Pedralli 2002, p. 204-226. È da ricordare che a fol. 57r del ms. Milano, Bibl. Ambrosiana, C 212 i (...)
  • 50 Petrucci 2000. In occasione della cerimonia d’incoronazione ducale di Gian Galeazzo Visconti nel 1 (...)
  • 51 Pistarino 1964. Val la pena di ricordare una sua orazione tenuta in occasione della nomina di Piet (...)

20Un magniloquente affresco culturale dei dotti a servizio del signore è affidato alla lettera indirizzata a Rizzardo Villani, giurista e consigliere di Gian Galeazzo Visconti (testo VI). L’amore per la cultura emerge dall’inventario della sua biblioteca che, in base alle disposizioni testamentarie, fu depositata dal fratello Bonifacio il 3 luglio 1405 nel convento agostiniano milanese di S. Marco : la raccolta comprendeva quasi 290 libri49. In quest’epistola il Manzini con toni trionfali descrive i fermenti culturali dell’entourage del Visconti, nutriti dalla linfa della biblioteca del Castello pavese. Lì si potevano incontrare Pietro da Candia, futuro arcivescovo di Milano e in seguito papa « pisano » con il nome di Alessandro V, qui est unicus pagine sacre doctor insignis50, e il genovese Bartolomeo di Iacopo, corrispondente di Petrarca, che gli indirizzò la breve Fam. XXI 4, e di Coluccio Salutati, e possessore di una formidabile biblioteca personale impreziosita dalla presenza di molti e rari classici latini, dotato di ogni scienza et presertim in successione Tulliane facundie, nisi me fallit amor, nulli nostri temporis comparabilis51. I tempi di Cesare Augusto, quando vissero i più eccelsi scrittori di Roma antica, possono dunque ritornare ; non solo le armi, ma anche gli uomini di lettere sono fondamento e tutela dello stato : « Sono costoro per cui i principi e le repubbliche fiorirono. Sono costoro grazie al cui consiglio ogni sovrano governa con giustizia ; sono costoro di cui gli stati hanno più bisogno che della tutela militare, come scrisse con altri Cicerone ». L’elogio è la premessa a una prosastica domanda : favorire presso il signore la richiesta dello zio, Bartolomeo Oradini, di rientrare in patria, da cui era stato scacciato ai tempi delle purghe ordinate dallo spietato Bernabò Visconti. Poco prima infatti il Manzini, aveva indirizzato allo stesso Bartolomeo un’intensa missiva, colma di memorie dantesche e petrarchesche, per ribadire come il male percorra in varie forme il mondo (testo V).

21Lo stile del Manzini, nutrito dalla lettura delle epistole di cancelleria e degli epistolari petrarcheschi, non ha per così dire la sobrietà di quello del suo modello, nonostante la devozione esibita. Molte espressioni di Petrarca sono letteralmente saccheggiate, ora con diretto richiamo all’auctoritas, ora tacitamente. Il gusto per le figure retoriche, per i sostantivi peregrini e in generale per il lessico prezioso segna profondamente il periodare di Manzini epistolografo. Nel suo insieme questa collezione di lettere, per altro copiata dallo stesso autore, come si è visto, costituisce un importante esempio di come si potesse scrivere lettere dopo Petrarca e prima delle rassettature umanistiche.

Appendice

  • 52 Molti degli interventi autografi, per altro, mirano proprio a sanare le imperfezioni nell’uso dell (...)

22Pubblico qui di seguito le sei lettere indirizzate da Giovanni Manzini a Gian Galeazzo (I), Pasquino Capelli (II-IV), Bartolomeo Oradini (V), Rizzardo Villani (VI), cui si è fatto riferimento nel testo, tutte trasmesse dal Vat. lat. 11507. Ho provveduto a sciogliere le abbreviazioni, a introdurre maiuscole/minuscole secondo l’uso moderno e a scandire il testo con una punteggiatura che favorisca la comprensione. Poiché il Vat. lat. 11507 è autografo, come si è detto, e il Manzini ha rivisto in più punti le sue lettere, sono limitatissimi gli emendamenti, registrati nella prima fascia di apparato (non sempre presente). In una seconda fascia ho indicato gli interventi del Manzini sul suo testo (i segni di attenzione a forma di fiorellino sono indicati con un asterisco). Ho mantenuto le caratteristiche ortografiche del codice, comprese le oscillazioni nell’uso delle consonanti semplici e geminate e della cosiddetta regola di Prisciano52. Una terza fascia è deputata a indicare sinteticamente le fonti messe a frutto nell’elaborazione delle lettere.

I. Lettera consolatoria di Giovanni Manzini a Gian Galeazzo Visconti per la morte della madre Bianca di Savoia.

23Ms. : Vat. lat. 11507, fol. 19r-20r.
Ed. : Miscellanea 1754, p. 176-180.

1 Illustri principi Lombardorum domino Galeaz, Virtutum comiti et cetera materni obitus consolatio.
2 Felix nanque predicaris in orbe, sublimissime princeps, nec inmerito ; nam te Deus preposuit gentibus gubernatorem et in brachii tui potencia et dextere tue robore populos sub iusticie regula clementi submisit imperio. 3 Te natura parens prestantiori structura membrorum et decora corporis elegancia gloriosissime predotavit. 4 Te fortuna suis affluenciis copiosum, fame predicatione per exteras nationes procul motas, reges et principes excelsum, victoriosum in prelio, gemmarum preciositate fulgentem, equis et falleris, asturibus, falconibus, canibus de ultimis regionibus barbarorum ab Arabum et Indie presidibus muneratum, suum alumnum fecundius educavit in terra.
5 Habes porro inclitarum urbium, ingentium castellorum, munitarum arcium et edium regiarum preciosissimas possessiones, viridariorum septa et silvas conspicuas ferarum varietate conclusas. 6 Imperitas, heros clarissime, ei valli que in orbe terrarum nullam se opulentiorem, nullam arvis pinguiorem, nullam lacunarum piscinis gratiorem se sentit. 7 Ipsa etenim Lombardia de Europe provinciis pro quantitate quam lustrat fama pinguedinis glebe, structura urbium, incolarum gregibus et virtute, amnium meatibus et rivorum et denique qualibet prestancia et fructuum productura ceteras antecellit. 8 Huic denique dignum principem tuis meritis et virtute voluit Altissimus te preesse, ad maiorum tamen culminum apices reservatum multiplicabilibus incrementis.
9 Nolo preterea illustres et precipuas serenitatis tue dotes negligenti silencio preterire. 10 Tu enim consortia virtutum eminenti fastigio comiteris. 11 Te totum prudentia circumlustrat ; magnanimitatis fortificatione prefulcit iusticia, quod cuique convenit te reddit munificentissimum largitorem ; te temperancia modestie retinaculo propulsorem prebet urgentium voluptatum. 12 Te denique spes optima, te fides orthodoxa et te perfecta caritas consectantur. 13 Ideo bene merito comitem Virtutum te predicant universi. 14 Ad hec eloquentie tam lacteo dulcore auditorum reficis aures et mentes quod dulcissimis tui colloquii pabulis omnes avidissime saturantur.
15 Sed ecce nil potest esse sub sole continua sua totalitate iocondum nec potest dulcissimi mellis nectar absque muscarum mixtione gustari ; nec potest libari dulcedo quam non inficiat aliqua fellea permixtura. 16 Sed qui amplius de ioconditatis participat portione se debet fellicissimum recensere.
17 Hec ideo, serenissime princeps, presenti oratione conscribo, quoniam nequaquam sum dubius quod te multum diebus hisdem carnis teneritudo momordit, tuo congerens cordi gemitus et amaritudinis aculeos, tuis incutiens precordiis meroris spicula dolorosa tuisque propinans oculis scaturientes rivulos lacrimarum, cum scilicet placuit illi Deo, principi omnium creatorum, suas celestes ad arces trahere tuam inclitissimam et dulcissimam genitricem, cuius tante sunt laudes et benemerita divulgata quod longam requirerent prolixitudinem scripturarum. 18 Eam ergo mitissimam et prestantissimam matronarum Ytalie, ymo mundi, ad se fellicissimam traxit Deus melioris vite et felicioris leticie Christi gaudiis mancipandam. 19 Et oro, illustrissime domine, que umquam legitur hera, que auditur matrona tantis gaudiorum cumulis floruisse ? 20 Hec etenim longeva cursum vite satis amplum explevit, linquens post se filium tante dominationis celsitudine preminentem. 21 Vidit ipsa pro maiori sue consolationis augmento ante sui spiritus recessum a corpore post multas magnificencie tue palmas gloriosissimosque triumphos, vidit, inquam, felicem de alma civitate Verone victoriam et tanti tui principatus augmentum. 22 Et quis inficiari presumeret talem matrem felicissimam extitisse et ab huius ergastulo vite abiisse contentam, que talem tamque celsum foret natum post sua funera relictura ? 23 Quemadmodum enim te cernere potuit in dominio magis altum quam ut rex vel imperator vel monarcha unicus sis in orbe ? 24 Sed ad pleniorem leticie sue summam recessit cum inexhausto gaudio de presenti, spem ferens amplissimam de futuro. 25 Quare, celsissime princeps, non plus de eius debes funere profligari quam quod felix et beata decessit gaudiose letari. 26 Nature tamen ordo reposcit ut humaniter lugeatur nec sicci maneant oculi nec eciam diu fluant. 27 Satis igitur mesticia suo iure functa sit, abiciantur luctus et lacrime ! 28 Vides enim quod eternus opifex Deus te magnopere diligit. 29 Abstulit longevam et dulcissimam genitricem, contulit dulcissimum puerum tibi natum. 30 Abiit mulier iam vetusta, infans masculus tributus est. 31 Vento corruit arbor sicca, sed ex firmissimo stipite et radice solida tellus novum pululavit arbustum.
32 Eya ergo, heros solennissime, cognosce et adverte quod es filius Dei dilectus, in quo bene sibi complacuit, quem preposuit populo suo potencia, viribus et decore. 33 Solare, princeps, solare, quia magnificabit Altissimus tronum tuum et preficiet te regnis et urbibus et beatus es et bene tibi erit et sentient gentes colubrum tuum mordentem, si a tua maiestate divertant. 34 Ponat igitur Deus in rachio tuo fortitudinem suam et in vertice tuo virtutes suas, ponat hostes tuos scabellum pedum tuorum et subiciantur tibi fines terre. Iohannes Manzinus.

22 tamque] tamquam ms.

2 Iohannes Manzinus m.s. || nanque corr. ex namque || 7 ante incolarum del. gre- || antecellit corr. ex antecelit || 8 maiorum corr. ex maiorem || 9 Nolo corr. ex Nollo || ante preterire del. preterire || 12 orthodoxa corr. ex orthodosa || 14 eloquentie corr. ex eloquencie || colloquii corr. ex coloquii || 15 Sed ecce-mixtione gustari] * m.d. || inficiat corr. ex inficiet || 16 ioconditatis corr. ex ioconditate || 17 cordi corr. ex corde || 21 felicem corr. ex fellicem || 22 felicissimam corr. ex fellicissimam || 27 Satis igitur-et lacrime] * m.s. || functa corr. ex funta || 28 diligit corr. ex dilligit || 32 filius corr. ex fillius || dilectus corr. ex dillectus || 33 divertant corr. ex divertent

2 in brachii tui potencia : cfr. Is 44, 11 ; 62, 83 || natura parens : Lucan. 10, 238 || 32 quod es filius-complacuit : cfr. Mt 3, 17 ; Mc 1, 11 || 34 in brachio-suam : cfr. Is 44, 11 ; 62, 8 ; ponat-tuorum : cfr. Ps 109, 1


II. Lettera di Giovanni Manzini al cancelliere visconteo Pasquino Capelli con il racconto di una favola che ha per protagonisti un esattore di gabelle e uno storpio che si incontrano su un ponte nel territorio di Ferrara.

24Ms. : Vat. lat. 11507, fol. 34v-35r.
Ed. : Bononi 1978.

1 Insigni ac claro viro Pasquino de Capellis honorando secretario domini Mediolani et cetera.
2 Colende pater et domine, hodie – iam vespere declinabant – secus Ticini fluentum postque Papie menia spaciabar. 3 Ibi scaffas et insolita conspiciens loca, per ripam amnis ferme stadii spacio ambulavi. 4 Vestigia cuiusdam vetusti pontis intueor, qui adhuc lignorum strue confixa fluminis alveo fuisse retrolapsis annorum curriculis demonstratur. 5 Conspicienti igitur pilas pontis suggeritur michi menti fabella, nec forsan veritatis immunis, nec commentis fallacibus incredibilis vel absurda, michi teneris in annis per quendam decentem vetulum recitata.
6 Ruerat – inquit – aquaticis alluvionibus et rapidarum impetu procellarum pons in districtu Ferarie fabricatus, per quem peregrinantium frequens transitus habebatur. 7 Ut autem reparatio pontis esset, datur ordo per presidem provinciam gubernantem quod meantes singuli per pontem lignorum roboribus aliqualiter restauratum pro quolibet sue persone defectu singulum soldum pendant. 8 Pro cuius exactione gabelle positus est exquestor. 9 Notat iste de longinquo prospectu virum clamide circumfultum qui pede dextro claudicans adventabat. 10 Pensat exquestor ratiocinio cordis sui quin solidum pendat accedens. 11 Inficiari non potest. 12 Et ecce iam propinquanti questor occurrit. 12» Pone – inquit – manum crumene et unicum soldum solve ». 13 Cui claudus : « Qua qua quare de, de debeo ? ». 14 Cespitabat etenim lingua balbus. 15 Quod questor advertens ait : « Quin potius dato duos ». 16 Tunc claudus irascens dirrectis oculorum radiis torvo circo prospicit ipsum tacens, capite devibrato. 17 Cognovit confestim exactor eundem de dextro lumine non videre, quia variolarum albuginem patiebatur. 18 Quem retentans per clamidem adidit : « Per Dei fidem et hominum tres prestabis ». 19 Tunc vult ille mendosus et contortus pugno pectori pulsare questorem. 20 Sed manu carens dextra truncho lacerti pugni officio fungebatur. 21 Quem questor videns taliter mutilatum sibi tam temerariis obiectis insurgere cuiusdam fovee volutabro recontrusit. 22 Cuius etiam sinistram conspicit penitus arefactam eique insistens subiectum pedibus pugnis pulsat. 23 Tunc claudicans mitigatus misericordiam imploravit, rogans cur tantum solvere cogeretur. 24 Cui exquestor : « De nostri presidis procedit edicto, pro cuiuscumque menda persona singula singulum soldum solvi ». 25 Cui tunc eiulans claudus inquit : « Hei michi quod ante nescivi ! 26 Poteram nanque unius satisfactor libenti a quatuor soldis multisque pugnis ceni volutabro et itineris remoracione sedulo liberari. 27 Sed sua delicta latentia nemo tegit et cogi debet ut sit pacificus qui suo vitio renuit esse quietus ». 28 Hec ille inquiens mestus abit. 29 Concludo : domine, multi hodie forent claudi, multi orbitate luminis excecati, multi denique vitiorum volutabris involuti, si huiusmodi pontis vel similis reparatio construatur. Iohannes Manzinus.

2 per dominum Iohannem Manzinum m.s. || 4 vetusti pontis trans. ex pontis vetusti || 5 pilas corr. ex pillas || fallacibus corr. ex falacibus || 17 de add. interl. || 25 eiulans corr. ex eiullans || 26 nanque corr. ex namque || 27 Sed sua delicta-esse quietus] * m.d.


III. Lettera di Giovanni Manzini al cancelliere visconteo Pasquino Capelli sui progressi scolastici di Melchiorre Capelli, figlio di Pasquino, che gli era stato affidato come allievo.

25Ms. : Vat. lat. 11507, fol. 57r.

1 Pasquino de Capellis patri honorando.
2 Diei futura serenitas sepius ab ortu clarescentis aurore colligitur, nec secus insignis indoles infantilis virtutum prefiguratur prenuntiatio fururarum et ad hoc non indigne tragedus :

Generosa in ortus semina exurgunt suos.
Sic ille magni parvus armenti comes
primisque nondum cornibus scendens cutem
cervice subito celsus ac fronte arduus
gregem paternum ducit ac pecori imperat.
Que tenera ceso virga de trunco stetit,
per ipsa matri tempore exiguo subit
umbrasque terris reddit et celo nemus.
Sic male relictus igne de magno cinis vires resumit.

263 Itaque nota. Profecto in hoc tuo puerulo, qui recta est et certa tui sanguinis soboles, animadversos habebis tam latentis intentionis et mire motus similes maturorum, quod mirabere congaudendo. 4 Revera magnarum species virium eius in organis propagatur, non dico earum quibus solemus robustos appellare viriles, sed illarum quibus mens magna nec non nobilis predicatur. 5 Quod genus est plurime rationabilitatis capacitas et ea longanimitas, que est vis quedam atque potentia relata ad sapientiam et virtutes. 6 Quibus rebus futurum esse ut hic puer feratius exuberet spem teneo ferme firmam. 7 Iamiam nil preter libros expetit, quibus illico reseratis nescioquid canoris vocibus immurmurat, et si voces articulatas adhuc pronunciare valeret, quod legeret existimo. 8 Ipse quidem curas meas plerunque discussit tanquam magna mee mentis exhilaratio. 9 Est igitur adhibenda sibi cura diligens et ab ipso nutricis lacte iuxta peritissimam Quintiliani sentenciam erit litterarum preceptionibus imbuendus. 10 Nam inquit poeta : « Adeo in teneris assuescere multum est ». 11 Nam uberius et letius doctrinabitur. 12 Subruuntur humi semina, plantantur surculi, arbuscule transferuntur, inseruntur malleoli, et hec oriuntur, radicant et augescunt invisibili quadam interiorique potentia, adhibita tamen extrinsecus diligentia. 13 Quod enim intus peragit nature proprietas, servit extrinsecus medicina et, ut natura beatificetur intrinsecus, doctrina forinsecus ministratur. 14 Stat vero desuper omnicreantis potentia et omnipotentis virtus, qui subsistendi, coalescendi et denique propagandi causas, modos et formas exhibet cuilibet creature, qui universa iustissime, moderatissime et pulcerrime disponit ordinibus nemini patenti iudicio. 15 Ipsius demum salutaris et summa providentia Iohannem nostrum ceterosque natos et omnia tua bona in gratie sue nutu propaget et omnimodam tribuat letitiam sicut glisco. 16 Vale. Iohannes Manzinus de Motta.

2 per Iohannem Manzinum m.s.

2 Sen. Troades 536-545 || 9 cfr. Quint. Inst. 2, 4, 5 || 10 Verg. Georg. 2, 272 (fortasse ex Quint. Inst. 1, 3, 13)


IV. Lettera di Giovanni Manzini al cancelliere visconteo Pasquino Capelli sulle vittorie, le virtù e il glorioso futuro di Gian Galeazzo Visconti.

27Ms. : Vat. lat. 11507, fol. 76r-v.

Ed. : Miscellanea 1754, p. 173-176.
1 Pasquino de Capellis, honorando secretario principis Lombardorum.
2 Principem nostrum gloriosissimum Iohannem Galeaz, Virtutum comitem earumque domicilium, christianitatis reparatorem et imperatorem serenissimum Lombardorum quanto nunc et quam ingenti fastigio summus rerum pater et opifex exaltavit ! 3 Sed quali voce, quibus quoque operationibus aut qua saltem ymaginatione cordiaca gratiarum ad debitas lationes ipsi omnipotenti Deo procumbere debeamus, nec mens ulla potest extimare nec facunda quevis et fertilis sermocinatio propalare. 4 Multas quidem prestantissimas et laudabiles victorias grandiaque beneficia non indigne translatis tempestatibus sue magnificentie contulit ille princeps altissimus. 5 Que omnia in sui laudem nomenque benedictum sese recepisse fassus est. 6 Pre omnibus autem rear presens tropheum superadici, ratio ipsa me cogit, cum excellat omnia mirabilia opera que nostris temporibus contigerunt, ut antiquum et nobile Pattavum, ipsius victorioso cooperante sceptro, dudum sibi sublatam receperit libertatem, sub tuto tante tuitionis imperio pacificam tranquillitatem de cetero possessurum. 7 Quam sevis et quam trucibus modis audiebamus et videbamus miserandos et insontes cives, qualibet humanitate postposita, immanissime lacerari ; hos, usu vivendi intempestive preciso, vario exitiorum genere singultantem deformiter spiritum exalare ; hos, funditus vulsis luminum orbibus, vitam in tenebris tediosam agere ; hos, mutilatis truncotenus manibus, ad nullum amplius vite commodum degere se deflentes ; hos, linguis recisis radicitus, oppressionis sue penas compassionabiliter loqui ; alios plurimos utriusque sexus aut turpiter prostitui aut per alienas dispersos terras gravi exilio profugari.
8 Sed victoriosissimus princeps noster has omnes miserias propria virtute discussit, libertatem restituit, lapsos erexit, tyramnidem prostravit, superbiam conculcavit et pacis commodum letifica nunciatione reduxit. 9 Quo igitur voto vel qua lingua gratiarum debitas actiones Domino nostro Yhesu Christo, a quo « omne datum optimum donumque perfectum », rependere valeamus ? 10 Dicamus iamque canticum Moysi, servi Dei : « Magna et mirabilia opera tua, Domine Deus omnipotens, iuste et vere vie tue, rex seculorum. Quis non timebit te, Domine, et magnificabit nomen tuum ? Quia solus pius es, quoniam omnes gentes venient et adorabunt in conspectu tuo, quoniam iudicia tua manifesta sunt ». 11 Gloria in excelsis, gratia et benedictio Deo nostro in secula seculorum, quia vera et iusta eius iudicia sunt. 12 Accusata enim est inveterata malorum dierum nequicies « perveneruntque peccata eius usque in summum et recordatus est Deus iniquitatum eius ». 13 Regi autem nostro virtuosissimo honor, virtus et victoria et fortitudo potentissima et « corona aurea stellarum duodecim in capite eius », quia est salus magna populorum Dei, « qui habet in manu falcem acutam » et colubrum ante se. 14 Immittat igitur ipsum et falce metat, quia venit hora ut metatur, quia messis arruit quam ipse solus potest colligere. 15 Irrumpat igitur more Cesareo et status orbis reformetur in melius sub tegmine suo. 16 Quam modica enim manu totius orbis sibi Iulius subegit imperium, quam pusillo principio Alexander, rex Macedonum, climata tanta subegit ! 17 Hystorias tibi omnium ipsarum refertissimo allegare supervacuum est. 18 Nulla sit mora tam mirando principio. 19 Non tepeat, quia ad summum pervenire, postquam plus quam prima tenentur, est facile. 20 Sibi non desunt arma, non stipendia neque consilia neque tempus, cum secum habeat Camillos, Fabricios, Regulos, Scipiones, Marios et Catones. 21 O Bononia, que olim matercula dicebaris, hunc advoca presidem regemque tuum et non irrigaberis quotidie tuorum incolarum cruore. 22 Quanta enim latencia odia in te civium mentes rodunt ! Quot redemptiones obscenas singulis annis socialium officinis exbursas ! 23 Hec omnia quantocius cessarent et non Bononia pinguis, sed pinguissima dicereris, si sub huius felicissimo principatu te dares. 24 Domine mi, non ita meritum unquam egit dominus noster quam Bononiam liberare, que non ab uno tyramno, sed a mille canibus devoratur. 25 Unum dicam, quod non ambigo quin breviori tempore de ipsa voti compos extaret quam Patavi fuerit, cum meminerim, ea tempestate quam Bernabos princeps ruit, me, illic studiorum causa degentem, hausisse mille voces optantium sub domini nostri clementiam devenire. 26 Prodeant igitur vexilla eius, quia nil ei resistet, et faciliter poterit ad imperiale fastigium exaltari. 27 Iohannes Manzinus de Motta.

9 donumque] demumque ms.

2 earumque] que add. interl. || 7 sevis corr. ex scevis || 12 peccata corr. ex pecata || 16 pusillo corr. ex pusilo || 21 quotidie corr. ex cotidie || 23 ante felicissimo del. fortissimo || 25 breviori corr. ex breviore || hausisse in ras.

9 omne datum optimum : Iac 1, 17 || 10 Apc 15, 3 || 11 Gloria in excelsis : Lc 2, 14 ; 19, 38 || benedictio-seculorum : Apc 7, 12 || vera-sunt : Apc 16, 7 ; 19, 2 || 12 Apc 18, 5 || 13 corona aurea-capite eius : Apc 12, 1 || qui habet-acutam : Apc 14, 14 || 14 quia venit hora ut metatur : Apc 14, 15 || 26 cfr. Ven. Fort. Carm. 2, 6, 1


V. Lettera di Giovanni Manzini allo zio Bartolomeo Oradini, che non aveva ancora trovato soddisfazione alle sue aspirazioni.

28Ms. : Vat. lat. 11507, fol. 78r-v.

1 Bartholomeo de Oradinis de Carraria avunculo venerando et carissimo.
2 An suspiras an torqueris nunc, pater, alterutrum non deesse tibi iam scio vel utrumque, sed potius utroque te suspicor nunc urgeri. 3 Suspiras enim summo expectationis amarore, que magnis est plena suppliciis, et spe longa deluderis, effectum desiderio non captante. 4 Ah, quantis nunc puto inter rotaris angustias et configeris crucibus misere huius vite. 5 Bene merito igitur causam habes suspirare pariter et torqueri. 6 Hinc enim corporis et nervorum dolore torqueris, illinc animus anxiatur. 7 O misera hominis peregrinatio super humum, in qua non sunt nisi calles pleni vepribus, et inter dumos latent angues et aspides virulente. 8 A dextris et a sinistris pendent precipitia rupium excelsarum subverberantibus profundissimi et procellosi maris fluctibus. 9 Profecto non sumus nisi fumus et is non thuris, non cinamoni, sed obsceni sulphuris et sterquilinii putrientis. 10 Sumus ut igniculus non ut robusti quercus, verum stupe statim deficientis. 11 Sumus velut somnium et illud plenum terroribus et deludentium fantasmatum prestigiis. 12 Nichil denique vita hec est nisi area in qua quotidie trituramus aristas sine pondere nec granum aliquod continentes, in qua nudati propter caloris ardorem percutimur grandinum et ymbrium fusione, quos sevissimus turbo teterrimis conflavit in nubibus. 13 Unde Aldigerius Dantes, fingens se descendere ad infernum, sed tipice huius vite flagella scripturus, exorditur perproprie : « Per me vaditur in urbem dolentiis abundantem. Per me vaditur ad dolores numquam perpetuo desinentes. Per me vaditur deperditas inter gentes », ubi, postquam descendisset lacrimas percipiebat luctus, suspiria, gemitus et altissimos vocum ululantium stridores, planctus horribiles et parabolas dolorosas et manuum ad invicem compulsantium complosuras. 14 Quod elegantissime scripserat ante Maro, dux suus, ut patet in Eneide libro vi° :

Vestibulum ante ipsum primisque in faucibus Orci
luctus et ultrices posuere cubilia cure,
pallentesque habitant morbi tristisque senectus,
et metus et male suada fames ac turpis egestas,
terribiles visu forme, letumque laborque ;
tum consanguineus leti sopor et mala mentis
gaudia mortiferumque adverso in limine bellum,
ferreique Eumenidum thalami et discordia demens
vipereum crinem vittis innexa cruentis.

2915 Quapropter fuere quidam qui dixere quam valde optimum non nasci, proximum quam primum mori. 16 Quare quidam amicus tuus alter hoc anno scribebat : « Nollem re vera umquam natus fore, sed quia natus cuperem primo lucis ingressu lupis proiectum ». 17 Ex quo enim die nati sumus, et discrimina et dolorum aculei, tedia et laquei et labores langoresque innumeri. 18 Ingredimur enim in nemus umbriferum, plenum erroribus perplexisque tramitibus et incertis, in quo solum habitant serpentes, corcodrilli, aspides atque lupi, ursi, canes rabide et denique quelibet truces fere, ubi omnia infructuosa, horribilia et tremenda, ubi tamen apparent alique viriditates herbarum et alique avium cantilene, scilicet inanis et fraudulenta quedam dulcedo rerum pretereuntium demulcens et alliciens peregrinos. 19 Lucis tamen in fine omnia sunt salabrositate repleta, rigiditate squalentia, frondibus denudata. 20 Sed quo me extendo ? Si centum millia linguarum haberem et ferreum gutur et adamantinum pulmonem, non possem omnia mundi huius flagella comprehendere. 21 Est enim tanta et tam perplexa congeries adversorum quod non numeret arsmetricus umquam nec geometra mensuret nec astrologus contempletur. 21 Unde Salamon inquiebat : « Cuncte res difficiles », ubi addidit Petrarca : « Cuncte – inquam – difficiles etiam que perfaciles videantur. Sed inter cuntas res difficiles nulla est difficilior quam vivere et presertim diu, ut probasti et probas et Deo dante longius probabis. Omnis enim athomus, omnis hora et momentum omne novi aliquid fert. Omnis passus suum lubricum suumque offendiculum et suos habet scopulos, quos calcare asperum, vitare difficile est ». 22 Iohannes Manzinus de Motta.

ante
1 Bonum est cum silentio prestolari salutare Domini. Ieremias (Lam 3, 26) || 2 Iohannes Manzinus m.s. || 5 igitur add. interl. || 8 procellosi corr. ex procelosi || 10 igniculus corr. ex ignuculus || 12 teterrimis corr. ex teterimis || 13 Dantes m.d. || lacrimas corr. ex lacrimans || 14 Maro m.d.. || scripserat add. m.s. || 17 et (laquei) add. interl. || 19 Lucis tamen-frondibus denudata] * m.d.. || 21-22 Est enim-res difficiles] * m.s. || 22 Salamon m.s. || Petrarcha m.s. || addidit] adelidit ut vid. ms.

7 latent angues : Verg. Ecl. 3, 93 « latet anguis in herba » || 9 non sumus nisi fumus : cfr. Ps 101, 4 « sicut fumus dies mei » || 13 Dante, Inf. 3, 1-3 || cfr. Dante, Inf. 3, 22-27 || 14 Verg. Aen., 6, 273-281 || 15 cfr. Cic. Tusc. 1, 48, 114 || 20 Verg. Aen. 6, 625-627 ; Georg. 2, 44-46 || 21 cfr. Petrarca, Sen. 6, 2, 8 || 22 Ecl 1, 8 || Petrarca, Sen. 6, 2, 10-11


VI. Lettera di Giovanni Manzini al giurista Rizzardo Villani in lode del ‘circolo culturale’, abitato dallo stesso Rizzardo, da Pietro da Candia e dal genovese Bartolomeo di Iacopo, riunito nella biblioteca del castello di Pavia sotto l’ombra magnanima di Gian Galeazzo, novello Augusto. Infine Giovanni Manzini chiede aiuto al giurista per ottenere che il proprio zio (Bartolomeo Oradini) possa ritornare in patria, da cui era stato allontanato a seguito delle campagne militari di Bernabò Visconti.

30Ms. : Vat. lat. 11507, fol. 80r-81r.
Ed. : Miscellanea 1754, p. 208-213.
1 Rizardo de Villanis laudandissimo legum consulto.

2 Clarissimum splendorem visus intrinseci tibi dedit Altissimus percussitque tibi natura parens tenacissimum recordationis antrum, in quo profundissima sacre et inextimabilis civilis sapientie iamdudum prescripta possessio cohabitat radicata, que sub equitatis pensatur examine, consiliis regulata rectitudinis. 3 Te prudentissimum legum interpretem, iurisconsultum insignem oratoremque facundissimum ille sacer ordo conscriptorum patrum, qui nostri principis intersunt consultationibus, reverenter attendit. 4 In te, pater colende, sedet reverenda canicies stipata studiis laudabilibus iuventutis. 5 Es in sacro numero consultorum principis nostri ut olim in Romano senatu Scevola, tam conformiter ad preposita dans responsum, utque Papinianus, quem divus Iustinianus accutissimi memoravit ingenii. 6 Et quantum putas gaudenter admirer, cum problemata singula, scientie questiones cuiusvis, tam perspicaciter legum discussiones dissolvis, confestim enunciando leges, sic in tue memorationis antro pervigiles et paratas, forsan non promptas et, ut aiunt, illotis manibus numerato non habitas. 7 Ad questionis articulum uter intellectus feminei virilis sit aptior ad suscipiendam litterarum doctrinam et impressionem, pridie tibi in conspicua nostri principis biblioteca obiecte, legum allegationes ydoneas effudisti, cum supervenit ille venerandus antistes de nobili et famosa Crete insula profectus ad illustrandum Ytaliam, ut olim legitur de Saturno, qui sationis frumenti usum ad has oras adduxit, qui est unicus pagine sacre doctor insignis, contra quem non inamena vivis rationibus roborata disputatione leges sacerrimas merito tuebaris. 8 O felicem nostri temporis etatem, si tales aliquot et tam egregios protulisset qualem te legali tulit in scientia, qualem hunc venerabilem presulem in sanctissima theologia, qualem et illum, supra quam vires mei faminis promere quirent, de me bene meritum et laudandum patrem michi et dominum singularem, Bartolameum de Iacobo Ianuensem, tanti scientiarum omnium capacitate prefulctum et presertim in successione Tulliane facundie, nisi me fallit amor, nulli nostri temporis comparabilem, quales quoque alios tam armorum quam scientiarum et legum prestancia renitentes, quos serenissimus noster princeps suis lateribus coadiunxit, ut scripsi pridie cuidam docto viro,

fulgida qui tanquam circumstant sydera regem
consiliisque altis florida corda gerunt
,

31quos omnes ad presens numerare admodum foret prolixum. 9 Et nempe, ut clementissimus est principum, sic sapientissimum fore compertum est, qui utraque duarum rerum, quibus imperatoria maiestas et res publica gubernantur, prestantiores viros et sani consilii secum trahit. 10 Hoc fecisse legimus summos principes Romanorum : ante alios Augustus Cesar Marchum Tulium, Asinium Pollionem, Vallerium Messalam, oratores summos, Virgilium Maronem, Flaccum Oratium, Nasonem, licet postea propter eius incontinentes mores relegatum in Pontum, Varum et Tucam Cremonensem, poetas, Marchum Varonem, ut aiunt doctissimum Romanorum, et Titulivium summum scriptorem hystoriarum legitur habuisse. 11 Adrianus Iulium Celsum, Salvium, Iulianum et Neracium Priscum, peritissimos legum consultores. 12 Anthonius Scevolam, Severus Papinianum, Alexander, qui fuit Romanus imperator, non dico illum Macedum, Domicium Ulpianum Fabiumque Sabinum et Iulium Paulum, qui omnes quales fuerint tu ipse novisti.
13 Hi sunt, pater, quibus principes et res publice floruerunt, hi sunt quibus assidentibus imperator ritissime gubernatur, hi sunt quibus magis res publica indiget quam armorum presidio, ut Cicero disputavit et alii docti viri. 14 Quare dominus noster refluentes altis sensibus viros et sancta virtute pollentes satis superque gloriabitur, si habeat, et hoc suis urbibus et regno fructuosum fuerit. 15 Nam, ut ait Helius Lampridius, « res publica est melior et prope tutior in qua princeps malus est ea in qua amici principis sunt mali, quia unus malus potest a pluribus corrigi, multi autem mali non possunt ab uno quamvis bono ulla ratione superari. 16 Ideo Alexander optimus fuit, quia apud se, licet esset bonus, bonos tenebat, viros sanctos, venerabiles, non malitiosos, non furaces, non fictiosos, non callidos, non ad malum consentientes, non bonorum inimicos, non libidinosos, non crudeles, non circumventores sui, non irrisores, sed sanctos, venerabiles, continentes, religiosos, amantes sui principis et qui de illo nec ipsi riderent nec eum risui esse vellent, qui nichil venderent, nichil mentirentur, nichil fingerent, nonquam deciperent extimationem principis ut se amarent ». 17 Hec ille.
18 Tales ergo Virtutum comes, illustrissimus principum, viros tenet iurisconsultos, theologos et peritissimos alios scientiarum, religiosos et divinos et qui ament Deum et diligant honestatem et equitatis et iusticie respectum semper retineant ante conspectum. 19 Ipse igitur optimus, optimos viros habens in suo venerando virtutum sodalicio, grandis et indeficientis imperii gubernacula possidebit, sub cuius tranquillitate clementie totus orbis serenabitur et florebit.
20 Accedo ad id demum ob quod principaliter et impulsive paternitati scribendum tue conceperam, licet prescripta, que primitus animo stilloque congesserunt sese, longius me traxerint in sermonem. 21 Ecce igitur quod nunc a te queso. 22 Est michi vir probus valde in avunculum, quem semper patris loco tenui et expertus sum. 23 Is iam vergens in senium, qui profecto, dum robusta fuit etas et corporis valitudo ioconda, sese magnis et altis negotiis implicuit, podagrica tam male conquassatur egritudine et aliorum cum senectute venientium morborum gravedine quod quilibet ipsum cernens, si quid pii vel humanitatis haberet, sibi compateretur immense. 24 Ipse ferme circiter annos xx cum non modicis amicis suis, qui vicini fuerant, eiectus de solo natali per alienas exulat terras et urbes ; quem profugum et expulsum fecit ille olim truculentissimus Bernabos ob infandissimas illas partes que quasi urbes Ytalicas funditus obruerunt ad postulamen suorum partialium vicinorum. 25 Hunc etiam meum avunculum ubique insequebatur tyrannus antedictus tanquam pernicissimum hostem. 26 Quare cum supplicet illustri principi nostro magna cum spe, quam in ipso semper habuit, pro restitutione in patriam, unde traxit originem, te queso teque precor, virorum optime, ut pietatis et miserationis intuitu pro senectutis sue morborumque solatio sibi assistas, ipsum iuves et hoc obtestor te per eum quem legibus sacris gestas amorem, per superos omnes et per si qua fides de te michi unquam debeat esse, quatenus suadeas quod gratiam obtineat, ut unde corporis originem sumpsit talamo gaudeat sepulcrali et refectis dirutarum funditus domorum habitaculis natos et amicos sub umbra clementissimi principis reduxisse et linquere glorietur. 27 Deus autem, qui est omnium dator bonorum, adversis illibatam tibi tribuat senectutem, que raro sine magnis venit incommodis et tandem anime quietem det et vitam tribuat sempiternam. 28 Vale. Iohannes Manzinus de Motta.

2 Iohannes Manzinus m.s. || 6 dissolvis corr. ex disolvis || 8 quam corr. ex quem || 10 Augustus Cesar hos secum habuit : Marchum Tullium, Asinium Pollionem, Valerium Messalam, Virgilium, Oratium, Nasonem, Varum, Tuccam, T. Livium, Varronem m.s. || 12 Anthonius Scevolam, Severus Papinianum, Alexander imperator Do(micium) Ulpianum, Fabium Sabinum, Iulium Paulum m.s. || 15 [H]elius Lampridius m.s. || in (qua) add. interl. || quia unus-ratione superari] * m.s. || 16 vellent corr. ex velent || 18 alios corr. ex allios || diligant corr. ex dilligant || 25 tanquam corr. ex tamquam || 26 unquam corr. ex umquam

2 natura parens : Lucan. 10, 238 (cfr. I 3) || 5 Dig. Const. omnem 4 « Et hos tres libros cum acutissimi Papiniani lectione tradendos posuimus » || 6 illotis minibus : Dig. 1.1.2.1 « atque illotis, ut ita dixerim, manibus » || numerato non habitas : cfr. Sen. Contr. 2, 5, 20 ; Quint. Inst. 6, 3, 110 || 7 legitur de Saturno : cfr. Fulg. Mit. 1, 2, 17 || 10 Petr. Sen. 14, 1, 103-104 || 11-12 Petr. Sen. 14, 1, 100 || 15-17 Petr. Sen. 14, 1 69 (SHA, 18, 65, 4-6) || 26 si qua fides : cfr. Lucan. 2, 550 ; 9, 83

Haut de page

Bibliographie

Albertini Ottolenghi 1991 = M. G. Albertini Ottolenghi, La biblioteca dei Visconti e degli Sforza : gli inventari del 1488 e del 1490, in Studi petrarcheschi, n.s., 8, 1991, p. 1-238.

Angeleri 2001 = A. Angeleri, L’epistola ‘Excusatio obiectorum’ a Marsilio Santasofia di Giovanni Conversini, in Maia, 53, 2001, p. 303-351.

Avesani 1976 = R. Avesani, Il preumanesimo veronese, in Storia della cultura veneta. I. Il Trecento, Vicenza, 1976.

Avesani 2014 = R. Avesani, Un documento della cultura veronese nel Vat. lat. 3134 : gli Epigrammata di Antonio da Legnago, in Miscellanea Bibliothecae Apostolicae Vaticanae. XX, Città del Vaticano, 2014 (Studi e testi, 484), p. 47-87.

Bellemo 1894 = V. Bellemo, Jacopo e Giovanni de’ Dondi dall’Orologio. Note critiche con le rime edite e inedite di Giovanni Dondi e altre aggiunte, Chioggia, 1894.

Belloni 1982 = A. Belloni, Giovanni Dondi, Albertino da Salso e le origini dello Studio pavese, in Bollettino della Società Pavese di Storia Patria, 82, 1982, p. 17-47.

Berté - Rizzo 2006 = M. Berté e S. Rizzo, Le Senili mediche, in M. Berté, V. Fera, T. Pesenti (a cura di) Petrarca e la medicina. Atti del Convegno di Capo d’Orlando, 27-28 giugno 2003, Messina, 2006, p. 247-379.

Billanovich 1943-1945 = G. Billanovich (a cura di) F. Petrarca, Rerum memorandarum libri, Firenze, 1943-1945.

Billanovich 1947 = G. Billanovich, Petrarca letterato. Lo scrittoio del Petrarca, Roma, 1947 (Storia e letteratura, 16).

Billanovich 1990 = G. Billanovich, Nella tradizione dei « Commentarii » di Cesare. Roma, Petrarca, i Visconti, in Studi petrarcheschi, n.s., 7, 1990, p. 299-318.

Billanovich 1996 = G. Billanovich, Petrarca e gli storici latini (1974), in Id., Petrarca e il primo umanesimo, Padova, 1996 (Studi sul Petrarca, 25), p. 377-458.

Billanovich - Pellegrin 1964 = G. Billanovich e E. Pellegrin, Una nuova lettera di Lombardo della Seta e la prima fortuna delle opere del Petrarca, in C. Henderson Jr. (a cura di) Classical Mediaeval and Renaissance Studies in Honor of Berthold Louis Ullman, II, Roma, 1964, p. 215-236.

Bononi 1972 = L. J. Bononi (a cura di) Iohannes Manzini, Andriolo de Ochis, Milano, 1972.

Bononi 1974 = L. J. Bononi (a cura di) Iohannes Manzini, Oratio ad beatam Virginem, Castiglione del Terziere, 1974.

Bononi 1976 = L. J. Bononi (a cura di) Iohannes Manzini, Philippo de Valle Hasste amico dilecto, Castiglione del Terziere, 1976.

Bononi 1978 = L. J. Bononi (a cura di) Iohannes Manzini, Insigni ac claro viro Pasquino de Capellis honorando secretario domini Mediolani, Fivizzano, 1978.

Bononi 1978a = L. J. Bononi (a cura di) Iohannes frater tuus Antonio Manzini fratri meo, Castiglione del Terziere, 1978.

Bueno de Mesquita 1975 = D. M. Bueno de Mesquita, Cappelli, Pasquino de’, in Dizionario biografico degli Italiani (= DBI), XVIII, Roma, 1975, p. 727-730.

Brumana 1990 = A. Brumana, Pietro Paolo Capelli. Prime ricerche, in Studi petrarcheschi, n.s., 7, 1990, p. 319-337.

Casarsa - Travan 2011 = L. Casarsa, Giovanni Dondi a Francesco Petrarca : ‘disputatio seu ludus’, e C. Travan, Risposta del dottor Giovanni Dondi, medico, al poeta Francesco Petrarca, in F. Bottari, L. Casarsa, L. Cristante, M. Fernandelli (a cura di) Dignum laude virum. Studi di cultura classica e musica offerti a Franco Serpa, Trieste, 2011, p. 169-192 e 193-204.

Casini 1888 = T. Casini, Notizie e documenti per la storia della poesia italiana nei secoli XIII e XIV. I. Tre nuovi rimatori del Trecento, in Il Propugnatore, n.s., 1/2, 1888, p. 93-116 e 313-366.

Cochin 1901 = E. Cochin, Un amico di Francesco Petrarca. Le lettere del Nelli al Petrarca, Firenze, 1901.

Collino 1907 = G. Collino, La guerra viscontea contro gli Scaligeri, in Archivio Storico Lombardo, s. IV, 7, 34, 1907, p. 105-159.

Cortesi 2007 = M. Cortesi, Libri, memoria e cultura a Cremona (secoli IX-XIV), in G. Andenna e G. Chittolini (a cura di) Storia di Cremona. Il Trecento. Chiesa e cultura (VIII-XIV secolo), Azzano San Paolo (Bergamo), 2007, p. 196-259.

De balneis 1553 = De balneis omnia quae extant…, Venezia, apud Iuntas, 1553.

De Rossi 1888 = G. B. De Rossi, Inscriptiones Christianae Urbis Romae septimo saeculo antiquiores, II/1, Roma, 1888.

Elli 2012-2013 = F. Elli, Nuove ricerche sul cancelliere visconteo Pasquino Capelli, tesi di laurea dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, rel. C.M. Monti, a.a. 2012-2013.

Falzone 2007 = P. Falzone, Manzini, Giovanni, in DBI, LXIX, Roma, 2007, p. 270-273.

Faraone 2006 = G. Faraone, Antonio Loschi e Antonio da Romagno, Messina, 2006.

Faraone 2008 = G. Faraone, Vecchie e nuove lettere dell’umanista feltrino Antonio da Romagno, in P. Pellegrini (a cura di) Momenti del petrarchismo veneto. Cultura volgare e cultura classica tra Feltre e Belluno nei secoli XV-XVI, Roma-Padova, 2008 (Medioevo e Umanesimo, 37), p. 155-175.

Feo 2003 = M. Feo (a cura di) Petrarca nel tempo. Tradizioni lettori e immagini delle opere. Catalogo della mostra Arezzo, Sottochiesa di San Francesco 22 novembre 2003 - 27 gennaio 2004, Pontedera, 2003.

Ferrante 1933-1934 = G. Ferrante, Lombardo della Seta umanista Padovano (?-1390), in Atti del R. Istituto Veneto di scienze, lettere ed arti, 93, 1933-1934, p. 445-487.

Fumagalli 2004 = E. Fumagalli, Una biblioteca che non è fatta per lo studio, in L. Secchi Tarugi (a cura di), L’Europa del libro nell’età dell’Umanesimo, Firenze, 2004, p. 43-59.

Fumi - Lazzareschi 1925 = L. Fumi e E. Lazzareschi (a cura di), Carteggio di Paolo Guinigi 1400-1430, Lucca, 1925.

Garbini 1996 = P. Garbini (a cura di) Moggio Moggi, Carmi ed epistole, Padova, 1996 (Studi sul Petrarca, 24).

Garbini 2007 = P. Garbini, Dai destinatari ai posteri. Le lettere di Moggio Moggi, in A. Manfredi e C. M. Monti (a cura di) L’antiche e le moderne carte. Studi in memoria di Giuseppe Billanovich, Roma-Padova, 2007 (Medioevo e Umanesimo, 112), p. 247-62.

Gargan 2015 = L. Gargan, Un nuovo profilo di Giovanni Conversini da Ravenna, in Petoletti 2015, p. 177-233.

Garibotto 1931 = C. Garibotto, Un amico del Petrarca (Gasparo Squaro dei Broaspini), in Atti e memorie della Accademia di Agricoltura, Scienze e Lettere di Verona, s. V, 7, 1931, p. 169-185.

Gilbert 1977 = N. W. Gilbert, A Letter of Giovanni Dondi dall’Orologio to fra’ Guglielmo Centueri. A Fourteenth-century Episode in the Quarrel of the Ancients and the Moderns, in Viator, 8, 1977, p. 299-346.

Helbling 1964 = H. Helbling, Le lettere di Nicolaus de Beccariis (Niccolò da Ferrara), in Bullettino dell’Istituto storico italiano per il Medio Evo, 76, 1964, p. 241-289.

Kohl 1975 = B. J. Kohl, The works of Giovanni Conversino da Ravenna : A catalogue of manuscripts and editions, in Traditio, 31, 1975, p. 349-367.

Kristeller 1963-1997 = P. O. Kristeller, Iter Italicum, Leida-Londra, 1963-1997, 6 voll. + Cumulative Index.

Kristeller 1985 = P. O. Kristeller, Il Petrarca, l’Umanesimo e la Scolastica a Venezia, in Id., Studies in Renaissance Thought and Letters, II, Roma, 1985 (Storia e letteratura, 166), p. 217-238.

La Penna 2001 = A. La Penna, Poche note supplementari, in Maia, n.s., 53, 2001, p. 350-351.

Lazzarini 1930 = L. Lazzarini, Paolo de Bernardo e i primordi dell’Umanesimo in Venezia, Genève, 1930 (Biblioteca dell’« Archivum Romanicum », 13).

Marconato 2002 = R. Marconato, Antonio Baratella [1385-1448]. Vita, opere e cultura di un umanista padovano, Cittadella, 2002.

Michelini Tocci 1976 = L. Michelini Tocci (a cura di), Quinto centenario della Biblioteca Apostolica Vaticana 1475-1975. Catalogo della mostra, Città del Vaticano, 1976.

Miscellanea 1754 = Miscellanea ex mss. libris bibliothecae collegii Romani Societatis Jesu, [ed. P. Lazzari], I, Romae, 1754.

Monti 2007 = C. M. Monti, Umanesimo visconteo e lettere di cancelleria in codici miscellanei ambrosiani, in M. Ferrari e M. Navoni (a cura di), Nuove ricerche su codici in scrittura latina dell’Ambrosiana, Milano, 2007, p. 153-216.

Monti 2008 = C. M. Monti, Il codice Visconti di Modrone 2, in Aevum, 82, 2008, p. 849-881.

Monti 2015 = C. M. Monti, Il ‘ravennate’ Donato Albanzani amico di Boccaccio e di Petrarca, in Petoletti 2015, p. 115-160.

Morrissey 1992 = T. E. Morrissey, The Humanist and the Franciscan : A Letter of Giovanni Conversino da Ravenna to Peter Philargus of Candia, in Franciscan Studies, 52, 1992, p. 183-189.

Moruzzi 2000 = F. Moruzzi, La polemica anti matrimoniale : l’intervento dell’umanista Giovanni Conversini tra tradizione ed innovazione, in La scuola classica di Cremona, a. 2000, p. 215-278.

Nason 1978 = V. Nason, L’epistola consolatoria a Donato Albanzani in morte del Petrarca di Giovanni Conversini, in Studi urbinati di storia, filosofia, letteratura, n.s. B, 52, 1978, p. 337-350.

Novati 1888 = F. Novati, A proposito d’un preteso autografo boccaccesco, in Giornale storico della letteratura italiana, 11, 1888, p. 290-294.

Novati 1890 = F. Novati, Donato Albanzani alla corte estense, in Archivio storico italiano, s. V, 6, 1890, p. 365-385.

Novati 1890a = F. Novati, Umanisti genovesi del secolo XIV. I. Bartolomeo di Iacopo, in Giornale ligustico, 17, 1890, p. 23-41.

Novati 1903 = F. Novati, recensione di Segarizzi 1903, in Archivio Storico Lombardo, s. III, 39, 1903, p. 222-226.

Novati 1904 = F. Novati, Chi è il postillatore del codice Parigino ?, in Francesco Petrarca e la Lombardia, Milano, 1904, p. 179-192.

Pagliari 1999 = C. Pagliari, Folchino Borfoni, grammatico cremonese del ’300 e il suo commento a Lucano, in Bollettino storico cremonese, n.s., 6, 1999, p. 91-137.

Palma 1974 = M. Palma, La mano di Lapo di Castiglionchio il Vecchio nel Laurenziano S. Croce 26 sin. 10, in Italia medioevale e umanistica, 17, 1974, p. 515-516.

Pasquini 1989 = E. Pasquini, Della Seta, Lombardo, in DBI, XXXVII, Roma, 1989, p. 481-485.

Pedralli 2007 = M. Pedralli, « Novo, grande, coverto e ferrato ». Gli inventari di biblioteca e la cultura a Milano nel Quattrocento, Milano, 2002.

Pellegrin 1955 = E. Pellegrin, La bibliothèque des Visconti et des Sforza ducs de Milan, Parigi, 1955.

Pellegrin 1969 = E. Pellegrin, La bibliothèque des Visconti et des Sforza ducs de Milan. Supplément, Firenze-Parigi, 1969.

Pelucani 2007 = C. Pelucani, Della presunta autografia del codice Marc. Lat. XIV.223 (4340), in Medioevo e Rinascimento, n.s., 21, 2007, p. 55-76.

Pesenti 1992 = T. Pesenti, Dondi dall’Orologio, Giovanni, in DBI, XLI, Roma, 1992, p. 96-104.

Petoletti 2005 = M. Petoletti, Il calamo e la spada : Giovanni Manzini della Motta, uomo d’arme e letterato agli albori dell’umanesimo, in L. Secchi Tarugi (a cura di), Guerra e pace nel pensiero del Rinascimento, Firenze, 2005, p. 61-78.

Petoletti 2009 = M. Petoletti, Il coro tragico di Giovanni Manzini della Motta, in N. Agapiou (a cura di), Anagnorismos. Studi in onore di Hermann Walter per i 75 anni, Anderlecht, 2009, p. 325-348.

Petoletti 2009a = M. Petoletti, Il messale di Gian Galeazzo Visconti per S. Ambrogio (Milano, Archivio Capitolare di S. Ambrogio, M 6), in Aevum, 83, 2009, p. 629-667.

Petoletti 2010 = M. Petoletti, La corte e il focolare. Politica e affetti nell’epistolario di un umanista di fine Trecento : Giovanni Manzini, in L. Secchi Tarugi (a cura di), Vita pubblica e vita privata nel Rinascimento, Firenze, 2010, p. 43-56.

Petoletti 2015 = M. Petoletti (a cura di), Dante e la sua eredità a Ravenna nel Trecento, Ravenna, 2015.

Petoletti 2015a = M. Petoletti, La lettera del veronese Antonio da Legnago a Pietro da Ravenna (1378) e il sepolcro di Dante, in Petoletti 2015, p. 71-86.

Petoletti 2015b = M. Petoletti, Entre France et Italie : circulation de livres à la fin du XIVe siècle, in J.-M. Cauchies, Renaissance bourguignonne et Renaissance italienne : modèles, concurrences, Neuchâtel, 2015, p. 9-22.

Petrucci 2000 = A. Petrucci, Alessandro V, in Enciclopedia dei papi, II, Roma, 2000, p. 610-613.

Pistarino 1964 = G. Pistarino, Bartolomeo di Iacopo, in DBI, VI, Roma, 1964, p. 727-728.

Ragni 1972 = E. Ragni, Broaspini, Gasparo Scauro de’, in DBI, XIV, Roma, 1972, p. 378-381.

Ragone 1999 = F. Ragone, Gambacorta, Benedetto, in DBI, LII, Roma, 1999, p. 3-4.

Rausa 2000 = E. Rausa, Le lettere di Andrea Dandolo, Benintendi Ravagnani e Paolo de Bernardo a Francesco Petrarca, in Studi petrarcheschi, n.s., 13, 2000, p. 151-234.

Rizzo 1991 = S. Rizzo, scheda in M. Feo (a cura di), Codici latini del Petrarca nelle biblioteche fiorentine. Mostra 19 maggio-30 giugno 1991, Firenze, 1991, p. 27-31.

Rossi 1933 = V. Rossi (a cura di), F. Petrarca, Le Familiari, I, Firenze, 1933.

Ruysschaert 1959 = J. Ruysschaert, Bibliotheca Apostolica Vaticana. Codices Vaticani Latini. Codices 11414-11709, Città del Vaticano, 1959.

Ruggio 2011 = L. Ruggio, Repertorio bibliografico del teatro umanistico, Firenze, 2011.

Sabbadini 1915 = R. Sabbadini, Antonio da Romagno e Pietro Marcello, in Nuovo Archivio Veneto, n.s., 30, 1915, p. 207-246.

Sabbadini 1924 = R. Sabbadini, Giovanni da Ravenna insigne figura d’umanista (1343-1408). Da documenti inediti, Como, 1924.

Sáez Guillén 2002 = J. F. Sáez Guillén, Catálogo de manuscritos de la Biblioteca Colombina de Sevilla, Sevilla, 2002.

Santoro 1979 = C. Santoro, La politica finanziaria dei Visconti. Documenti. II. 1385-1412, Gessate, 1979.

Segarizzi 1903 = A. Segarizzi, Il « De pompa ducatus Venetorum » di Andrea Marini, Venezia, 1903.

Segarizzi 1916 = A. Segarizzi, Antonio Baratella e i suoi corrispondenti, Venezia, 1916.

Soldi Rondinini 1977 = G. Soldi Rondinini, Due lettere di Giovanni Manzini de Motta a Spinetta Malaspina, in Libri & documenti, 3/2, 1977, p. 31-38.

Stotz 1982 = P. Stotz, Sonderformen der sapphischen Dichtung. Ein Beitrag zur Erforschung der sapphischen Dichtung des lateinischen Mittelalters, Monaco, 1982.

Thesaurus 1717 = Thesaurus novus anecdotorum, ed. E. Martène et U. Durand, I, Parigi, 1717.

Uguccioni 1998 = M. Uguccioni, A proposito dell’umanista feltrino Antonio da Romagno, in Studi medievali, s. III, 39, 1998, p. 397-447.

Valentini - Zucchetti 1953 = R. Valentini e G. Zucchetti (a cura di), Codice topografico della città di Roma, IV, Roma, 1953 (Fonti per la Storia d’Italia, 91).

Vasoli 1982 = C. Vasoli, Un umanista tra le lettere e le armi : Giovanni Manzini della Motta di Fivizzano, in Nuova rivista storica, 66, 1982, p. 490-510.

Ventura 1987 = L. Ventura, A proposito delle trasmigrazioni del « Menologio di Basilio II » (Codice Vaticano Greco 1613), in Accademie e biblioteche d’Italia, 55, 1987, p. 35-39.

Weiss 1989 = R. Weiss, La scoperta dell’antichità classica nel Rinascimento, Padova, 1989 (Medioevo e Umanesimo, 73).

Zaccaria 1975 = V. Zaccaria, Le epistole e i carmi di Antonio Loschi durante il cancelleriato visconteo, in Atti della Accademia Nazionale dei Lincei. Memorie. Cl. di sc. mor., stor. e filol., s. VIII, 18/5, 1975, p. 369-443.

Zardo 1887 = A. Zardo, Il Petrarca e i Carraresi, Milano, 1887.

Haut de page

Notes

1 Billanovich 1947, p. 186-192 ; Palma 1974.

2 Parigi, Bibl. nationale de France, lat. 8361 ; vd. Cochin 1901.

3 Rausa 2000, con bibliografia.

4 Lazzarini 1930.

5 Lazzarini 1930, p. 169 ; Rausa 2000, p. 227.

6 Casini 1888, p. 313-322. Vd. anche Novati 1890. Per le lettere di Antonio da Romagno : Sabbadini 1915 ; Uguccioni 1998 ; Faraone 2006 ; Faraone 2008.

7 Monti 2015, con attenta ricostruzione della vita e della cultura di Donato Albanzani.

8 Helbling 1964.

9 Gargan 2015, con tutta la bibliografia precedente.

10 Per un elenco delle sue epistole : Kohl 1975, p. 357-365. Segnalo le edizioni delle lettere di Conversini uscite dopo la rassegna bibliografica del Kohl : Nason 1978, a Donato Albanzani (ep. 34) ; Rossi 1988, epistole a Prospero da Genova e a Pietro da Moglio (ep. 26 e 29) ; Morrissey 1992, a Pietro da Candia (ep. 82) ; Moruzzi 2000, a Guglielmo Angelieri da Ravenna (ep. 3) ; Angeleri 2001, a Marsilio Santasofia (ep. 8 ; vd. anche La Penna 2001).

11 Sabbadini 1924, in part. p. 206-239.

12 Belloni 1982 ; Pesenti 1992.

13 Pelucani 2007. Vd. anche Bellemo 1894, in part. p. 287-288.

14 Ferrante 1933-1934 ; Billanovich - Pellegrin 1964 ; Pasquini 1989.

15 La lettera a Gasparo Squaro, fol. 50r-51v, contiene un commento lemmatico a Sen. Ep. 7, 3-5, composto su richiesta dell’interlocutore. Ne riferisco l’inizio, interessante anche per le preoccupazioni filologiche manifestate dal Dondi (rispetto le caratteristiche ortografiche, in particolare gli evidenti problemi nell’uso di consonanti scempie e doppie) : Si nostrum exercentibus habitum agere gratias dignum est, prout Aristotiles scripsit Prime phylosophie libro secundo (Arist. Met. II 1, 993b), plurimas (plurimam in corr. ut vid. ms.) tibi, carissime Gaspar, qui torpentem excitas me, nunc debere confiteor (cofiteor ms.), eo maxime quod gratam michi simulque arduam materiam obtulisti, in qua et ego exitasse me memini, dum illius tui meique humanorumque generaliter amicorum prestantissimi et efficacissimi formatoris Annei ad Lucilium epistolas percurebam. Sed, heu!, non michi tale tantumque ingenium celitus datum est quale quantumque res ipsa quam a me exigis postularet. Nimium de mei qualitate deciperis decipitque te qui fere cunctos decipit amor. Nec michi ad ea que desideras explicari sat temporis superest, quem implicitum asiduis et inevitabilibus cotidiane lectionis curis iandudum, uti arbitror, non ignoras. Nec tamen deponere seu fugere aut modo aliquo declinare quod queris ulla ratione putaveris. Id confestim agrediar et iuxta facultatem exigui mei spiritus qualem sensum ex litera illa, que tibi non sic aperti intelectus aparuit, nec immerito – nempe multa brevitate suspenditur : alias tandem (eandem ms.) discutiones ellicuerim –, brevibus explicabo, si tamen hec premiserim, quod eo in passu, prout in pluribus aliis illius libri (corr. ex libris) locis, litera diversa reperitur pro diversitate librorum. Libros enim nonnulli ad suos coaptantes sensus corigendo corumpunt et hunc pre aliis, propter id quod ad familiarem (corr. ex familiares) scriptus illa facile capientem paucis verbis, que alter nisi cum dificultate non capit, plurimos nodos habet. Quam ob rem literam, prout in meo legitur (ligitur ms.) codice, particulatim aperiam ad sensum quem ego ex ipsa percepi. Per lo Squaro : Garibotto 1931 ; Ragni 1972 ; Avesani 1976, p. 130-131.

16 Avesani 2014 ; Petoletti 2015a.

17 Gilbert 1977. La lettera è particolarmente interessante per le proeccupazioni antiquarie del Dondi, autore di un Iter Romanum (tramandato dallo stesso ms. Venezia, Bibl. Nazionale Marciana, lat. XIV 223 [4340], fol. 45r-46v), che si riallaccia alla tradizione dei Mirabilia urbis Romae, ma è percorso da una nuova attenzione per gli antichi monumenti : De Rossi 1888, p. 329-334 ; Valentini - Zucchetti 1953, p. 65-73 ; Weiss 1989, p. 58-60. In proposito è importante anche la lettera a Paganino da Sala, nel codice Marciano ai fol. 61v-62r, dove si ricorda l’iscrizione incisa sull’arco di Settimio Severo (CIL, VI/1, n° 1033), trascritta anche nell’Iter (Valentini - Zucchetti 1953, p. 71) : Accedebat Ciceronis carmen egregium quod in Offitiorum libro (Cic. Off. 1, 77) aliquando me legisse memineram, huiusmodi scilicet : « Cedant arma toge, concedat laurea lingue », et illa eiusdem eo loco sententia sentientis viri : qui domi rem publicam (pubicam ms.) protegunt et recte gubernant non fore modo armatis militibus preferendos, verum exercituum ducibus, qui feliciter foris gesserunt et rem ipsam publicam armis vel ab externis tutaverunt hostibus vel eius propagaverunt (propagaverint ms.) imperium, nationes exteras subigendo. Quam Ciceronis sententiam inmitatum senatum p(opulum)q(ue) R(omanum) nonnulle testantur pagine, que insculpte marmoribus usque hodie cernuntur in Urbe, quarum aliquas – nec me fallit memoria – legi, in quibus viri insignes domi consiliis illis qui rem foris navaverint in scripture ordine preponuntur. Stat ad pedem Tarpeii collis arcus marmoreus trihumfalis egregius, qui duobus viris insignibus, videlicet Aurelio atque Septimio, inscriptus est, in quo post longam (lungam ms.) seriem aliqua ad propositum in fine leguntur que tene huiusmodi : « Ob rem publicam restitutam imperiumque populi propagatum viris insignibus domi forisque ». Ecce res publica restituta consiliis (consilii ms.) propagationi prefertur imperii et insignes viri domi viris foris insignibus, quamquam proculdubio utrunque sit insigne.

18 Delle lettere al funzionario Andreolo Arese mi sono occupato in Petoletti 2015b, con bibliografia.

19 Bueno de Mesquita 1975. Vd. anche Brumana 1990.

20 Venezia, Bibl. Nazionale Marciana, XIV 223 (4340), fol. 68r ; Pelucani 2007, p. 72.

21 La prima lettera a Petrarca, a fol. 47r del ms. Marciano, è pubblicata in Zardo 1887, p. 279-81 ; Bellemo 1894, p. 293-295 ; la seconda, in risposta alla Senile XII 1, in Bellemo 1894, p. 295-310 ; Kristeller 1985, p. 234-238 (parzialmente) ; Berté - Rizzo 2006, p. 323-337 (ottimamente) ; Casarsa - Travan 2011. Oltre che dal ms. di Venezia, fol. 52v-56r, è trasmessa anche dai seguenti codici : Berlin, Staatsbibl., lat. qu. 508, fol. 60r ; Città del Vaticano, Bibl. Apostolica Vaticana, Vat. lat. 5223, fol. 127r-134r ; Padova, Bibl. del Seminario, 358, fol. 2r-4r (autografo) ; Parigi, Bibl. nationale de France, lat. 8751A, fol. 129v-134v ; Saint-Omer, Bibl. municipale, 327, fol. 84r-87r. Poche altre lettere hanno avuto l’onore di un’edizione : a Giovanni dall’Aquila (Zardo 1887, p. 282-285 ; Bellemo 1894, p. 310-312) ; la prima a Guglielmo Centueri (Gilbert 1977 : è trasmessa anche dal ms. Schlägl, Bibl. des Stiftes, 76) ; a Guido da Bagnolo (Kristeller 1985, p. 233). È da segnalare che l’epistola a fol. 67r-v, indirizzata al medico Iacopino di Angarano, con qualche modifica, è la lettera dedicatoria del De balneis, e come tale è pubblicata in De balneis, 1553, fol. 94r (il De balneis è conservato nei seguenti mss. : Milano, Bibl. Ambrosiana, H 107 sup., fol. 170r-188v ; Padova, Bibl. del Seminario, 358, fol. 16r-29v, autografo ; Sevilla, Bibl. Capitular y Colombina, 7-4-28, fol. 102r-121r, sec. XV, a. 1423). Le lettere ai medici sono state oggetto della tesi di dottorato di Claudio Pelucani (vd. Pelucani 2007, p. 61 n. 24).

22 Monti 2007.

23 Garbini 1996, p. XLV-XLVIII, 72-76, 78-88, 152-164 ; Pagliari 1999, p. 96 e 133-137 ; Cortesi 2007, p. 258-259.

24 Garbini 2007, p. 259-60.

25 Pagliari 1999, p. 96.

26 Per Pietro da Sesto : Pagliari 1999, p. 96 n. 28.

27 Vedrò in futuro di procurare un’edizione integrale di questi testi, alcuni dei quali soltanto sono stati fin qui pubblicati.

28 Falzone 2007.

29 Petoletti 2005.

30 L’autografia del manoscritto è oltretutto confermata dal confronto con una lettera di mano del Manzini custodita all’Archivio di Stato di Lucca nel Carteggio di Paolo Guinigi : Novati 1904, p. 188-189 e tav. VI ; Fumi-Lazzareschi 1925 p. 489, App. n° 122.

31 Novati 1904 ; Pellegrin 1969, p. 16. Il codice porta a fol. 290r la nota : Io(hannes) legit complete 1388, 23 februarii, hora quinta.

32 Pellegrin 1955, p. 159 ; Pellegrin 1969, p. 16. A fol. 161r si trova infatti : Explevi legere 1388, XXI ianuarii, Io(hannes).

33 Billanovich 1943-1945, p. XXIV ; Pellegrin 1969, p. 16.

34 Albertini Ottolenghi 1991, p. 107.

35 Pellegrin 1969, p. 16.

36 Novati 1888 ; Rizzo 1991.

37 Billanovich 1990, p. 310.

38 Franceschini 1974.

39 Novati 1896, p. 327-330.

40 Kristeller 1963-1997, II, p. 349 ; Michelini Tocci 1976, p. 115.

41 Ruysschaert 1959, p. 156-166.

42 Rossi 1933, p. XXX ; Feo 2003, p. 324.

43 Vd. il contributo di Carla Maria Monti in questo volume.

44 Monti 2008, p. 857-858.

45 Miscellanea 1754, p. 115-138 e 173-226 (da qui la lettera a Giovanni Dondi dell’11 luglio 1388 è stata ristampata in Bellemo 1894, p. 313-322). Segnalo le altre edizioni che conosco : Zaccaria 1975, p. 417 (ad Antonio Loschi) ; Soldi Rondinini 1977 (lettere a Spinetta Malaspina) ; Stotz 1982, p. 300, 302, 305-308, 464-472 (lettere a Benedetto Gambacorta, a Giacomo del Verme, a Giovanni Travesi, con la risposta del maestro cremonese) ; Petoletti 2005 (a Ippolito da Parma) ; Petoletti 2009 (lettere a Benedetto Gambacorta) ; Petoletti 2010 (al fratello Antonio e al funzionario visconteo Matteo da Pescia). Sono molto rare le lussuose edizioni di alcune lettere di Giovanni Manzini curate da Loris Jacopo Bononi : Bononi 1972 (al bresciano Andreolo de Ochis) ; Bononi 1976 (a Filippo de Valle) ; Bononi 1978 (a Pasquino Capelli) ; Bononi 1978a (al fratello Antonio), cui si aggiunga Bononi 1974 (preghiera alla Vergine trascritta nel Vat. lat. 11507, fol. 77r). Pubblicherò presto l’edizione integrale delle epistole di Giovanni Manzini.

46 Collino 1907.

47 Ragone 1999.

48 Ed. parziale in Miscellanea 1754, p. 224-225. L’intera lettera a Benedetto Gambacorta è ottimamente pubblicata in Stotz 1982, p. 300, 464-467. Ho riproposto quest’epistola, senza purtroppo conoscere la precedente edizione di Peter Stotz, in Petoletti 2009, p. 340-344 (me ne scuso con l’autore). Vd. anche Ruggio 2011, p. 81-82, con bibliografia.

49 Pedralli 2002, p. 204-226. È da ricordare che a fol. 57r del ms. Milano, Bibl. Ambrosiana, C 212 inf., sec. XIV, che trasmette Palladio, compreso il raro poemetto esametrico sull’innesto, si legge : Spectabilis dominus Rizardus Villanus de Corviniis (che però non ha la forma di una nota di possesso e dunque non è sufficiente ad accreditare il passaggio di questo volume nella biblioteca del Villani : comunque non ne risulta traccia nell’inventario del 1405). Sue orazioni sono nel ms. Casale Monferrato, Seminario Vescovile, II.d.8 (Kristeller 1963-1997, I, p. 41b).

50 Petrucci 2000. In occasione della cerimonia d’incoronazione ducale di Gian Galeazzo Visconti nel 1395 Pietro da Candia scrisse un Sermo in assumptione dignitatis ducalis Iohannis Galeaz prothoducis Mediolani, ancora inedito nel ms. Milano, Bibl. Ambrosiana, B 116 sup., fol. 30r-34v, sec. XV1 (Kristeller 1963-1997, I, p. 327), e parzialmente trasmesso anche dal ms. Sevilla, Bibl. Capitular y Columbina, 5-5-7, fol. 55v-56v, del 1418 (Kristeller 1963-1997, IV, p. 617 ; Sáez Guillén 2002, p. 247-249) : vd. Petoletti 2009, p. 652. Pietro da Candia giunse a Milano per i buoni uffici dello stesso Pasquino Capelli, come risulta da una laudatio Pasquini, in cui si accusano i falsi amici che hanno abbandonato il funzionario caduto in disgrazia, trascritta nel ms. Città del Vaticano, Bibl. Apostolica Vaticana, Pal. lat. 327, da un copista tedesco (si può ora leggere un’edizione ancora provvisoria del testo in Elli 2012-2013, p. 125-129). Questa laudatio, scritta nel 1408 a dieci anni di distanza dalla sventurata morte del cancelliere, è opera dell’ingegno e del calamo di Andrea Marini, autore altresì del piccolo manipolo di lettere custodite nello stesso Vat. Pal. lat. 327, fol. 281r-289v (Petoletti 2015b). Il Marini è un cremonese al servizio di Pasquino, di cui seguì la sorte sfavorevole dopo il 1398 : vd. Santoro 1979, p. 28-30 n° 41, con edizione di un importante documento del 27 dicembre 1386, da lui sottoscritto. È autore anche di una lettera a Roberto di Wittelsbach, Venezia, 6 marzo 1402 (Thesaurus 1717, col. 1695-1699) e del De pompa ducatus Venetorum, parte di un trattato più ampio che non è giunto nella sua interezza, sulle feste allestite in occasione dell’elezione del doge di Venezia (Segarizzi 1903, con la recensione di Novati 1903). Compose inoltre alcune poesie indirizzate al prolifico Antonio Baratella (Marconato 2002) : Segarizzi 1916, p. 116-117, 170-175.

51 Pistarino 1964. Val la pena di ricordare una sua orazione tenuta in occasione della nomina di Pietro da Candia a vescovo di Vicenza il 23 gennaio 1388, copiata nel ms. Ambr. B 116 inf., fol. 23r-26v (Kristeller 1963-1997, I, p. 327). I libri posseduti da Bartolomeo di Iacopo sono elencati nell’inventario della sua eredità (risalente al 1390), pubblicato da Novati 1890a, p. 36-41, ma meritevole di ulteriori cure. Vi compaiono molti e rari classici ; fu proprietario del ms. Milano, Bibl. Ambrosiana, F 138 sup., una portentosa raccolta di storici latini, allestita per le cure di Ludovico di Beringen, il caro Socrate di Petrarca : Billanovich 1996, p. 429-458. La sua biblioteca era illustrata dalla presenza di un martilogium, da identificare con il famosissimo ms. Città del Vaticano, Bibl. Apostolica Vaticana, Vat. gr. 1613, il Menologio di Basilio II, che porta su un foglio di guardia la nota : Iste liber est mei Bartholomei de Iacoppo legum doctoris et civis Ianue (Ventura 1987 ; Fumagalli 2004, p. 49-50).

52 Molti degli interventi autografi, per altro, mirano proprio a sanare le imperfezioni nell’uso delle consonanti semplici e doppie e della regola di Prisciano (ante c, d, t, q, f non est scribenda m sed n) : ma questa revisione, non sempre coerente, non è condotta ad unguem.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Marco Petoletti, « Scrivere lettere dopo Petrarca : le epistole ‘viscontee’ di Giovanni Manzini », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge [En ligne], 128-1 | 2016, mis en ligne le 19 février 2016, consulté le 29 avril 2017. URL : http://mefrm.revues.org/2977 ; DOI : 10.4000/mefrm.2977

Haut de page

Auteur

Marco Petoletti

Università Cattolica del Sacro Cuore - marco.petoletti@unicatt.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org