Navigation – Plan du site
Italians and Eastern Europe in Late Middle Ages. New contributions for an underrated topic

« E s'egli regha arienti o cera » : prime indagini sul commercio della cera a Ragusa (Dubrovnik) fra XV e XVI secolo

Paola Pinelli

Résumés

Il contributo si propone di presentare i primi risultati di una ricerca ancora in corso che ha come obiettivo l'analisi del ruolo del commercio della cera a Ragusa (Dubrovnik) fra XV e XVI secolo. Le fonti utilizzate consistono principalmente nella contabilità della compagnia ragusea dei fratelli Nicola e Luca Caboga (1427-1433), ma anche in una nutrita serie di lettere e libri di conto di operatori toscani, in particolare pratesi e fiorentini, che nel periodo considerato ebbero stretti e continui rapporti con la piazza dalmata. A fianco dei traffici maggiori, che ruotavano attorno all'argento balcanico, ai panni di garbo dei piccoli centri italiani e al grano pugliese, Ragusa ospitò infatti altre rotte commerciali, assai vivaci e profittevoli, che certamente ebbero carattere complementare, ma che furono ampiamente praticate, oltre che dagli uomini d'affari locali, dagli operatori stranieri che affollavano la città, in primo luogo dai mercanti toscani. Tra queste vi fu sicuramente il commercio della cera di ottima qualità che proveniva dalle zone dell'interno balcanico o dai Principati Romeni. Gli uomini d'affari forestieri però non intervennero nella fase dell'approvvigionamento, monopolizzata dagli operatori ragusei, ma si occuparono esclusivamente della collocazione del prodotto nelle città europee.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Pinelli 2013.
  • 2 Pinelli 2005 ; Pinelli 2013.

1Fra il XV e il XVI secolo Ragusa (Dubrovnik) fu impegnata in un vorticoso giro d'affari che combinava l'attività mercantile terrestre nei Balcani e in Levante con quella marittima. Secondo quanto evidenziano gli studi più recenti, sostanzialmente tre furono le merci attorno cui Ragusa costruì la propria fortuna, richiamando l'attenzione di numerosi operatori e compagnie, molte delle quali toscane: argento, grano e panni1. Il perno di questi traffici possiamo però identificarlo con l'argento balcanico, di cui i ragusei monopolizzarono il commercio2. Il metallo prezioso, oltre a soddisfare parzialmente la domanda europea in un periodo di forte carenza collocabile a partire dagli ultimi decenni del XIV secolo, costituì infatti un'importante moneta di scambio. Con l'argento proveniente dalle miniere della Serbia e della Bosnia, gli operatori presenti sulla piazza di San Biagio poterono procurarsi non solo il grano dell'Italia meridionale, di cui la città per le sue caratteristiche geomorfologiche ebbe sempre pressante necessità, ma anche i pannilana di media qualità richiesti in grandi quantità dalle regioni dell'interno, le quali, con lo sviluppo minerario, avevano notevolmente accresciuto la propria importanza come centri di consumo. Si trattava di panni che, anche quando fu avviata la produzione laniera a Ragusa, continuarono ad essere fortemente importati da Venezia e dalle piazze dell'Italia centro settentrionale, in particolare toscane, in primo luogo Prato e Firenze.

  • 3 A proposito del commercio degli schiavi si veda Pinelli 2008 ; per quello del cremisi, Pinelli 2011

2Bisogna però dire che i mercanti ragusei, intravedendo ampie possibilità di profitto in altre merci che arrivavano sulla piazza di Ragusa, divennero attivi protagonisti anche del commercio del rame, del ferro, del piombo, del cuoio, delle pelli, del cremisi, degli schiavi e si dedicarono in maniera particolare al traffico della cera3.


  • 4 Ashtor 1982, p. 316-333 ; Heers 1955, p. 170-173 ; Heyd 1913.
  • 5 Heers 1955, p. 185-187.

3Anche se dal punto di vista storiografico il tema è stato sinora assai poco indagato, dagli studi di ampio respiro sul commercio internazionale nel Medioevo e nella prima Età Moderna condotti da Jacques Heers, Wilhelm Heyd e Eliyahu Ashtor emerge come la cera fosse oggetto di intensi scambi in tutto il Mediterraneo4. Senza voler essere esaustivi, ma semplicemente con l'intenzione di fornire un'idea dell'ordine di grandezza occupato dal traffico della cera, ricordiamo ad esempio come dagli studi di Heers condotti sui carichi di nave presenti nell'archivio del mercante pratese Francesco di Marco Datini emerga che le due galere che componevano il convoglio di Romania trasportassero ogni anno ingenti quantità del prodotto. Nel 1395 esse trasportarono 400 colli di cera, circa 120.000 libbre, per un valore di 10.800 ducati, insieme a quasi 29.000 libbre di pepe e 74.000 libbre di seta, per un valore, rispettivamente, di 4.600 e 170.000 ducati. Anche nel 1396 le due galere trasportarono una imponente quantità di cera, più di 151.000 libbre, per un valore di 13.600 ducati, insieme a 47.600 libbre di seta, per un valore superiore a 109.000 ducati, e 22.200 libbre di indaco che avevano un valore di 5.500 ducati. Nuovamente nel 1404 la cera esercitò un ruolo fondamentale. Sulle due navi ne furono caricate quasi 134.000 libbre per un valore pari a circa 12.000 ducati, insieme a 186.000 ducati di seta e a 15.000 ducati di indaco5.

  • 6 Delumeau 1970, p. 40.
  • 7 Luca 2004, p. 330.
  • 8 Luca 2004, p. 342-343.
  • 9 Moroni 2009, p. 10.
  • 10 Ghezzi 2007, p. 229-281.

4Purtroppo gli studi sul commercio internazionale nel Cinquecento non offrono molte indicazioni sul traffico della cera. Sappiamo solamente che Jean Delumeau, studiando la piazza di Ancona sulla base del « Cartolaro della dogana » del 1551, confessa di essere colpito « dalla importanza della cera ». Secondo i calcoli dello studioso infatti tra il 31 maggio e il 31 agosto di quell'anno furono sbarcate nel porto marchigiano ben 128.122 libbre del prodotto6. Dai più recenti studi di Christian Luca emerge inoltre che fra Quattrocento e Cinquecento la quantità annua di cera importata da Venezia fluttuò tra 1,5 e 2,5 milioni di libbre, raggiungendo spesso anche valori superiori ai 3 milioni7. Nonostante le guerre con l'Impero Ottomano, ancora nel XVII secolo la cera costituì una parte importante dei commerci veneziani. Nel 1619, su un totale di 17.500 colli giunti a Venezia attraverso Spalato, 4.800 contenevano cera ; nel 1671, essi furono ben 6.500 su un totale di 11.000 ; infine nel 1680 furono scaricati nel porto della città lagunare 10.841 colli di cera su un totale di 45.3908. Aggiungiamo come Marco Moroni, studiando un « Ristretto della quantità delle cere estratte da Venezia »del 1686, osservi che solamente in quell'anno furono esportate da Venezia ad Ancona, Pesaro ed altre città italiane quasi 786.000 libbre di cera9. Infine Renato Ghezzi, studiando il ruolo economico del porto di Livorno fra XVI e XVII secolo, evidenzia come tra il 1612 e il 1666 la cera condotta verso la città toscana dalle navi delle marinerie nordiche ascese complessivamente a ben 20.000 quintali, con punte annue di quasi 700 quintali negli anni Quaranta e di oltre 1.300 quintali nei primi anni Sessanta10.

  • 11 Si veda ad esempio Archivio di Stato di Prato (d'ora in avanti ASPo), Ospedale, 6999, 7001-7003 (ex (...)

5La ragione per cui la domanda di cera fu così ampia e continua nel tempo, anche quando, come è noto, i commerci nell'area mediterranea manifestarono una tendenza sostanzialmente negativa, a nostro avviso va individuata nel fatto che si trattava di un prodotto ampiamente e frequentemente utilizzato, dagli usi più svariati, legati non solo alla ritualità religiosa, ma anche alla quotidianità e al mondo dei manufatti artistici. La cera, bianca o gialla, può essere facilmente colorata ed è estremamente malleabile. Per queste sue caratteristiche, oltre ad essere utilizzata per farne candele o ceri a scopo liturgico o per l'illuminazione, veniva usata nelle pratiche scultoree, pittoriche e architettoniche per farne modelli e bozzetti preparatori, ma anche per il calco delle monete o nel processo di fusione delle campane, così come nell'arte funeraria ; è infine comunemente noto come le lettere e i documenti fossero generalmente sigillati con la cera. Non fu inoltre infrequente, a partire dal secondo Cinquecento, il suo utilizzo per farne ex-voto, ma anche medaglie e medaglioni caratterizzati da ritratti o piccoli bassorilievi a sfondo biblico, allegorico o con le storie del Cristo. Scorrendo i numerosi registri di speziali tardomedievali giunti sino a noi, aggiungiamo che la cera fu ampiamente utilizzata anche nella farmacopea e nei processi di impermeabilizzazione11.


  • 12 Kovačević-Koijć 1999.
  • 13 ASPo, Ospedale, 7033 (ex 805), 7028-7030 (ex 2467, 2467bis, 2467ter) ; Archivio dell'Ospedale degli (...)

6All'interno di questo contesto, il nostro saggio si propone di presentare i primi risultati di una ricerca ancora in corso dalla quale emerge il rilevante ruolo che la cera ebbe, a partire dal XV secolo, sul mercato di Ragusa. Le fonti che abbiamo utilizzato consistono principalmente nella contabilità della compagnia ragusea dei fratelli Nicola e Luca Caboga (1427-1433), pubblicata per gran parte nel 1999 dalla storica Desanka Kovačević-Koijć12, ma anche in una nutrita serie di lettere e libri di conto di operatori toscani, in particolare pratesi e fiorentini, che nel periodo considerato ebbero stretti e continui rapporti con la piazza dalmata. In particolare abbiamo preso in considerazione la documentazione appartenuta al mercante pratese Giuliano Marcovaldi, che dal 1419 al 1434 si trasferì a Ragusa agendo sia in nome proprio che come rappresentante di numerosi altri operatori, italiani e locali, nonché i registri di una importante compagnia fiorentina, quella di Francesco e Carlo di Niccolò Cambini, che intrattenne intensi rapporti commerciali con la città di San Biagio intorno alla metà del XV secolo13.


7Tra il febbraio del 1427 e l'agosto del 1432, Nicola e Luca Caboga organizzarono numerosi « viaggi » verso la costa italiana, caricando 333.156 libbre di cera, circa 120 tonnellate, su navi dirette a Venezia, Fermo, Pesaro, Rimini e Fano. Essi inoltre vendettero sulla piazza di Ragusa, a compagnie e singoli operatori, locali e forestieri, più di 143.000 libbre del prodotto, circa 51 tonnellate. In totale i Caboga commerciarono, in poco più di cinque anni, 476.334 libbre di cera, circa 171 tonnellate, per un valore complessivo di più di 40.000 ducati ; il solo valore della cera esportata verso i porti italiani ammontò a più di 28.000 ducati (Tab. 1).

  • 14 Pierucci 2004, p. 47.
  • 15 Pinelli 2005, p. 561.
  • 16 Tucci 1990, p. 160.
  • 17 Homer, Sylla 1995, p. 145-153.

8I Caboga trafficarono anche pelli e piombo, ma soprattutto argento. Nello stesso periodo la compagnia ragusea commerciò, secondo i calcoli di Paola Pierucci, 9.700 libbre del metallo prezioso per un valore complessivo superiore a 93.000 ducati14. Dunque, anche se appare indubitabile la preminenza dell'argento negli interessi commerciali dei Caboga, tuttavia la cera presentò valori estremamente importanti che, a nostro avviso, potrebbero essere spiegati con gli ampi margini di guadagno che offrì lo scambio di questa merce. La cera infatti costò mediamente ai Caboga ducati 7 e ¾ ogni 100 libbre, mentre fu rivenduta ad un prezzo compreso fra ducati 8 ½ e 9 ¼, con un guadagno assai elevato, compreso tra il 10 e il 19%. Il traffico della cera era dunque in grado di offrire profitti spesso avvicinabili a quelli che si potevano ottenere con il commercio dell'argento, i quali si aggiravano mediamente tra il 18 e il 19%15 ; il suo smercio inoltre, così come quello del metallo prezioso, era veloce, « lesto » per dirlo con le parole di Benedetto Cotrugli, e permetteva un rapido rientro dei denari investiti16. Se si escludono i rischiosi prestiti all’aristocrazia e agli Stati belligeranti, si trattava perciò di un guadagno spesso più elevato di quello ottenibile attraverso altre forme d’investimento commerciale o finanziario, che mediamente si aggirava fra il 5 e il 10% e che mostrò, a partire dal XV secolo, una marcata tendenza al ribasso17.

  • 18 Državni Arhiv u Dubrovniku (d'ora in avanti DAD), XXVI, Diversa Notariae, 37, c. 11.
  • 19 DAD, XXVI, Diversa Notariae, 33, c. 113v.

9Da alcune prime indagini che abbiamo condotto nell'archivio di Dubrovnik, emerge l'indicazione di altre compagnie ragusee che assegnarono al commercio della cera un ruolo importante. Sappiamo ad esempio che il 20 dicembre del 1452 Nicola Darsa e Orsatto, figlio del cancelliere della Repubblica Benedetto Schieri, costituirono una compagnia basata sul commercio della cera. Da Arta Orsatto inviava a Nicola, di stanza a Ragusa, cera che veniva scambiata con argento, che a sua volta serviva per acquistare drappi da inviare in Romania. I profitti dell'operazione furono divisi a metà18. Allo stesso modo, nel 1459, Simone Menze e Antonio Caboga si accordarono per formare una compagnia commerciale per otto mesi dotata di un capitale iniziale di 2.300 ducati rappresentato da drappi. Simone si impegnò a vendere in Romania i tessuti in cambio di contanti, ma anche di argento, grano e cera. Anche in questo caso i profitti furono divisi a metà19.

  • 20 Gelcich 1884, p. 71, 81.
  • 21 Nedeljković 1984, p. 207-208, cap. 260, Ordo gabelle geti cere, 30 gennaio 1433.
  • 22 DAD, XIX, Privata, 28/2, c. 1r.
  • 23 DAD, XIX, Privata, 28/1, c. 13r.
  • 24 Nedeljković 1984, p. 207-208, cap. 260, Ordo gabelle geti cere, 30 gennaio 1433.
  • 25 Moroni 2009, p. 11.

10Nicola e Luca Caboga acquistarono soprattutto cera grezza ; la lavorazione del prodotto avveniva a Ragusa, dove l'arte fu assai praticata, anche se i fabbricatori di candele e i cerai non costituirono mai una corporazione autonoma20. Ne è testimonianza il fatto che a Ragusa esistesse una gabella dei « geti e coli »21 ; ma soprattutto ciò è evidente nella contabilità dei fratelli ragusei, in particolar modo nel Giornale, dal quale si desume come la cera fosse acquistata « chruda » e come essa dovesse essere fatta « colare » per farne della « fina »22. Nel Mastro troviamo inoltre un conto molto interessante che ci informa come la compagnia avesse acquistato, sino al 16 dicembre 1426, 17.376 libbre di cera grezza e come essa fosse stata trasformata a Ragusa, nei sei mesi seguenti, sino al 21 giugno 1427, in 15.312 libbre di cera fina, con una perdita di più di 2.000 libbre, pari a quasi il 12%23. A partire dal 1433 sembra però che il getto della cera fosse sempre più praticato direttamente nelle zone di produzione, con evidente scapito della relativa gabella a Ragusa. Fu allora deciso che, da quel momento in poi, la cera già colata che fosse arrivata nella città dalmata, sia per terra che per mare, dovesse pagare 4 grossi per collo (circa 300 libbre)24. In alcuni casi la cera veniva lavorata nelle città italiane, in particolare a Venezia, dove, secondo gli studi di Marco Moroni, alla fine del Cinquecento erano attivi 23 impianti per la produzione di candele o comunque di trasformazione del prodotto ; nel Seicento, secondo lo stesso studioso, si documentano addirittura 30 impianti che lavoravano circa 700 tonnellate di cera l'anno, mentre a metà Settecento le « cerarie » scesero a 19, forse per la concorrenza esercitata dalle cere di qualità inferiore che i genovesi importavano dall'Africa settentrionale e dalla Germania25.

  • 26 Moroni 2009, p. 8.

11Nelle fonti non viene mai indicata la provenienza della cera trattata dai Caboga. Sappiamo tuttavia che in generale i mercanti ragusei si rifornivano di cera prevalentemente nelle regioni dell'interno balcanico, dove avevano maturato una solida esperienza commerciale, e in Romania, cioè nei territori bizantini europei26. Con ogni probabilità perciò anche la compagnia di Nicola e Luca trattò cere con quelle provenienze, dunque di ottima qualità.

  • 27 Carter 1972, p. 367.

12La cera migliore infatti proveniva dalle regioni della Valacchia e della Moldavia, dalla regione di Zagoria in Bulgaria (lungo il Danubio fra Vidin e Rusčuk) e da quella di Dobruja, attualmente situata tra la Romania e la Bulgaria, tra il basso Danubio e il Mar Nero27. Francesco Balducci Pegolotti, autore fra il 1335 e il 1343 della famosissima « Pratica della mercatura », giudicava la cera « zavorra » come la migliore tra le cere di Romania :

  • 28 Evans 1936, p. 43.

Cera zavorra è la migliore cera che discenda in Romania e vale meglio che cera gittata in pani da 11 in 12 carati il cantare ; ed è gialla e colorita più che l'altra ed è netta cera28.

  • 29 Biblioteca Marciana di Venezia, Mss. Gradenigo-Dolfin, Commemoriali 200, vol. IX, cc. 143-145, in V (...)
  • 30 Evans 1936, p. 293.

13Secondo una relazione settecentesca conservata tra i manoscritti Gradenigo-Dolfin della Biblioteca Marciana di Venezia29, di gran bellezza e qualità erano anche le cere bianche provenienti dall'area levantina, in particolare da Costantinopoli, Smirne e Istanbul. Seguivano le cere di Belgrado o provenienti dalla Serbia, l'Albania e alcune isole della Dalmazia, cioè quelle che il Pegolotti indicava come cere « di Rausia », in quanto principalmente commercializzate in quella città30 ; la qualità era più discutibile nel caso delle cere di « Moscovia e Ongaria » o dell'Africa settentrionale ; all'ultimo posto si collocavano le cere di Germania e Italia.

Fig. 1 - Il commercio della cera a Ragusa XV-XVI secolo (da Carter 1972, p. 366).

Fig. 1 - Il commercio della cera a Ragusa XV-XVI secolo (da Carter 1972, p. 366).
  • 31 Gli itinerari che si dispiegavano all'interno dei Balcani si trovano ampiamente esplicitati in Vill (...)
  • 32 Heers 1955, p. 169.
  • 33 Krekić 1961, p. 285, 321, 365, 378, 387, 394.
  • 34 Heers 1955, p. 169.
  • 35 Carter 1972, p. 367.
  • 36 Carter 1972, p. 256.

14La cera proveniente dai Principati Romeni giungeva sul mercato raguseo via terra attraverso le regioni balcaniche, ma anche via mare, attraverso le città levantine31. La linea di Romania, come abbiamo visto, era percorsa regolarmente da due galere che nel Mar Nero effettuavano una specie di cabotaggio toccando i principali mercati, tra cui Caffa, Tana, Trebisonda, Costantinopoli32. In Grecia gli scali più importanti erano Negroponte, Modona, Corfù e in particolare per la cera, secondo quanto documentano ampiamente alcuni studi di Bariša Krekić, Arta33. La cera, così come la seta, veniva però caricata in grandi quantità in ogni porto34. Dopo aver toccato Ragusa e Zara, le navi arrivavano a Venezia. Le cere dei territori della Serbia e della Bosnia provenivano invece soprattutto da Niš, Belgrado, Novi Pazar, Budimlje, Trebinje, Mostar, Nikšić e Podgorica35 e giungevano a Ragusa, oltre che a Narenta e Cattaro, prevalentemente attraverso la via terrestre, anche se, sempre secondo gli studi di Krekić, non era infrequente che prendessero la via di Arta. I più importanti centri di approvvigionamento furono Foča, Goražde e Borač36.

  • 37 Rădvan 2009, p. 493.
  • 38 Kovačević-Kojić 1961, p. 22-23 ; Kovačević-Kojić 1988, p. 65. Per i privilegi concessi ai mercanti (...)

15I fratelli Caboga comperarono la cera a Ragusa dalla compagnia di Giovanni di Ruga e Antonio di Braico, ma anche, piuttosto spesso, a Cattaro da Marino di Drago o da operatori che agivano sulla piazza di Narenta ; non abbiamo notizia che si rifornissero direttamente o avessero propri agenti nelle zone di produzione. In generale però gli studi attestano una massiccia presenza dei mercanti ragusei nei Principati Romeni, in particolare in Valacchia, e come essi vi godessero di ampi privilegi commerciali37. Allo stesso modo gli operatori della città dalmata disponevano di ampio potere economico nelle regioni balcaniche, soprattutto attraverso il controllo della produzione e del commercio dell’argento ; in quelle zone godevano inoltre di una particolare autonomia giudiziaria e avevano la possibilità di utilizzare la propria moneta ed esercitare il culto cattolico38. Anche quando le regioni balcaniche caddero sotto il dominio turco, Ragusa, che aveva intuito precocemente la portata del pericolo e cercato di stabilire un contatto con le autorità, ottenne ampie garanzie per i propri mercanti.

  • 39 Pinelli 2013, p. 11.
  • 40 DAD, XIX, Privata, 28/1, c. 7.
  • 41 Pinelli 2013, p. 7, 30.

16La cera venne inviata dai Caboga soprattutto a Pesaro (Tabb. 1-2) che, come abbiamo già avuto modo di sostenere, costituì insieme a Venezia, per tutto il Quattrocento, uno scalo marittimo preferenziale per i mercanti ragusei e per gli operatori italiani che scommisero su Ragusa39. Nella città marchigiana i Caboga si appoggiarono per la vendita alla compagnia di Bartolomeo Zoppi e Francesco Arduini e a Giovanni Bonagiunta. Anche Rimini fu un porto assai interessato da questo genere di traffici ; qui Nicola e Luca utilizzarono i servizi del raguseo Simone Giorgi, di Ratico di Natale e di Francesco Datto40. Seguivano Fermo e Venezia ; verso quest'ultima i due fratelli esportarono quantità tutto sommato modeste, avvicinabili a quelle destinate a Fano, porto minore delle Marche (21.067 libbre contro 19.454). A Fermo i Caboga si appoggiarono a compagnie locali, quella di ser Niccolaio di Antonio e quella di Pasquale di Luca, oltre che al pesarese Francesco Arduini e al raguseo Matulin Mladinović. A Venezia si occuparono della cera dei Caboga il pratese Niccolao di Bartolomeo, che dai nostri studi risulta ben inserito nell'ambiente raguseo41, e ancora una volta la compagnia pesarese degli Zoppi e degli Arduini, oltre a quella del Bonagiunta. Anche su Fano fu coinvolto il Bonagiunta, insieme ai ragusei Matico e Ostoja.

  • 42 DAD, XIX, Privata, 28/2, c. 19r.
  • 43 Archivio di Stato di Firenze (d'ora in avanti ASFi), Signori, Missive I Cancelleria, 17, c. 115.

17Sulla piazza di Ragusa i Caboga rifornirono di rilevanti quantità di cera soprattutto la compagnia ragusea dei Giorgi, dei Cotrugli, dei Gozze, dei Sorgo, ma anche molti operatori di Cattaro e mercanti italiani di stanza nella città dalmata, come Giovanni di Marco, che nel periodo considerato ne acquistò quasi 8.000 libbre42. Secondo quanto emerge dai documenti toscani che abbiamo consultato, infatti la destinazione finale della cera furono spesso le città italiane dell'interno, in primo luogo Roma, per le evidenti necessità collegate all'ampio uso che la Chiesa faceva di questo prodotto, ma anche Firenze, tanto che, già in una missiva dell'11 giugno 1377, il governo fiorentino chiedeva alla repubblica di Ragusa di non aumentare la gabella sui beni che i propri mercanti acquistavano in quella città, e cioè « cera, cordovani e argento »43.

  • 44 ASPo, Ospedale, 7033 (ex 805), cc. 43r, 45v.
  • 45 Si veda ad esempio ASPo, Ospedale, 7028 (ex 2467), 243 e 245, Manfredonia-Ragusa, Antonio di Giorgi (...)
  • 46 ASPo, Ospedale, 7029 (ex 2467bis), 481, Prato-Ragusa, Michele di Giovannino e compagni a Giuliano d (...)

18Il coinvolgimento degli operatori italiani risulta ad esempio dai libri di conto e dal carteggio del mercante pratese Giuliano Marcovaldi. In particolare si apprende che Giuliano acquistava frequentemente cera presso i mercanti ragusei con lo scopo di inviarla nelle città toscane, in primo luogo Firenze, attraverso Pesaro. Nel porto marchigiano si occuparono della merce e del suo invio a destinazione ancora una volta le compagnie di Giovanni di Antonio Bonagiunta e Gentile Fanuzzi e quella di Francesco Arduini e Bartolomeo Zoppi ; la merce veniva pagata rimettendo lettere di cambio sulla piazza toscana al banco della compagnia di Pierozzo della Luna e di Cosimo dei Medici44. Purtroppo il registro di Giuliano è frammentario e confuso e, allo stesso modo, pur essendosi conservato un corpus epistolare piuttosto consistente, non sono giunte sino a noi tutte le lettere inviate o ricevute dal Marcovaldi. Dunque è impossibile ricostruire le quantità e i valori delle cere commerciate dal mercante pratese. Dai dati disponibili però evinciamo che si trattò di quantità spesso importanti, mai inferiori alle 200 libbre, e che comunque vi fu un forte interesse a commerciare questo prodotto dal momento che quasi sempre nelle lettere veniva riportata, assieme a quella dell'argento, la valutazione di mercato della cera. L'altro elemento che emerge è come questo prodotto fosse spesso utilizzato al posto del metallo prezioso per pagare i carichi di grano acquistati nelle zone dell'Italia meridionale. Giuliano, come agente del mercante e imprenditore piacentino Piero Pantella, influente e importante uomo d'affari nella Ragusa della prima metà del Quattrocento, si recò spesso nelle città costiere pugliesi per acquistare frumento, in particolare a Barletta, Manfredonia e Trani, e utilizzò frequentemente come merce di scambio in quelle fiere la cera importata da Ragusa45. Che comunque la cera costituisse un elemento di interesse per gli operatori italiani che trafficavano con Ragusa emerge in maniera esplicita dalla considerazione che dà il titolo al nostro saggio. Nel 1421 il mercante pratese Michele di Giovannino, scrivendo a Giuliano Marcovaldi, lo invitava a vendere al mercante raguseo Giovanni Gozze alcuni bellissimi panni di lana che gli aveva inviato, precisando che solo « s'egli regha arienti o cera potràgli avere »46.

  • 47 ASFi, Corporazioni Religiose Soppresse dal Governo Francese, 78, 322.
  • 48 AOIFi, Estranei, 12639 (ex 222).

19Anche nelle lettere di metà Quattrocento che il mercante fiorentino Francesco Neroni inviò e ricevette dai propri corrispondenti nella città dalmata troviamo spesso l'indicazione di scambi di cera e informazioni sulla sua valutazione47. La fonte toscana che ci ha offerto maggiori informazioni sul coinvolgimento dei mercanti toscani nel commercio della cera ragusea è stata però la contabilità della compagnia fiorentina di Francesco e Carlo di Niccolò Cambini, operante tra il 1450 e il 1486. In particolare si sono rivelate preziose le Ricordanze segnate L, che raccolgono con continuità i ricordi dell'attività della compagnia fra il 1459 e il 146048. Con riferimento a questo biennio possiamo fornire alcuni dati piuttosto sicuri e significativi.

  • 49 Si veda ad esempio AOFi, Estranei, 12639 (ex 222), c. 69r.

20Innanzitutto va precisato come i Cambini vendessero la cera sul mercato fiorentino esclusivamente per conto di alcuni mercanti ragusei (Tab. 3). In particolare essi esercitarono la vendita su commissione per i ragusei Niccolò di Giovanni, Franco Resti e Dragoe. La cera veniva solitamente traghettata da Ragusa a Pesaro sulla nave del raguseo Goro ed arrivava a Firenze per il tramite della compagnia marchigiana di Niccolaio Carli. Per quanto riguarda la provenienza della cera, nella documentazione si parla generalmente di « cera raugea », anche se alcuni riferimenti sparsi qua e là nella documentazione fanno ritenere che si trattasse di cera balcanica o proveniente dai Principati Romeni: in ogni caso cera di ottima qualità49.

  • 50 AOIFi, Estranei, 12639 (ex 222), cc. 169r, 170r.

21La merce fu venduta dai Cambini soprattutto a compagnie di speziali che operavano a Firenze e che, con ogni probabilità, la utilizzarono per l'esercizio della propria attività. Le compagnie che si rivolsero con maggior frequenza ai Cambini furono quella di Tedaldo di Francesco, speziale all'Agnolo ; quella di Mariotto di Marco, che esercitava alla Palla ; quella dell'erede di Paolo di ser Giovanni, anch'egli speziale all'Agnolo ; quella degli eredi di Bartolomeo di Cambio e quella di Piero di Bartolomeo, speziale al Capello. In un caso, nel giugno del 1459, la cera fu venduta alla « Camera dell'Arme », dunque ad un ente che probabilmente la utilizzò per scopi connessi alla propria funzione pubblica ; infine in due casi la cera fu venduta alla compagnia di un tintore, Serafino Ciaffini, il quale a sua volta, avvalendosi delle capacità e delle competenze dei Cambini, la ricollocò sul mercato cittadino vendendola a degli speziali50. Ciò a nostro avviso è significativo di come anche sulla piazza di Firenze la cera costituisse un ottimo elemento d'investimento che poteva offrire rendimenti elevati.

  • 51 Sull'attività della compagnia dei Cambini si veda Tognetti 1999.

22In totale, dal 16 giugno del 1459 al 18 gennaio del 1460, dunque in circa sette mesi, la compagnia fiorentina collocò sul mercato toscano qualcosa come 4,12 tonnellate di cera ragusea per un valore complessivo di 1.200-1.300 fiorini. Questa cifra, se rappresentò all'incirca il 2% del valore totale degli affari condotti dai Cambini nell'esercizio 1459-1460, costituì però circa il 42% del valore delle merci complessivamente vendute in conto terzi per quell'anno. Dunque la cera di Ragusa ebbe un ruolo sicuramente importante nei commerci su commissione esercitati dalla compagnia ; tuttavia, qualora si tenga presente che i Cambini furono soprattutto attratti dai mercati iberici e levantini e si contraddistinsero per una composizione degli affari assai variegata, che interessava non solo il piano commerciale, ma soprattutto quello finanziario, siamo tentati di affermare che l'interesse rivolto dalla compagnia fiorentina alla cera di Ragusa non fosse assolutamente marginale51.

  • 52 AOIFi, Estranei, 12639 (ex 222), c. 160v.

23Il prezzo di vendita della cera sul mercato fiorentino, così come risulta dalla contabilità dei Cambini, oscillò tra f. 10 s. 15 e f. 11 ogni 100 libbre. Il pagamento avvenne quasi sempre in contanti, anche se talune volte fu prevista la possibilità di un differimento, che comunque non andò oltre il mese. Eppure i valori e le quantità trattate sono piuttosto rilevanti, quasi mai al di sotto dei 20 fiorini e alle 180 libbre. Anche quando, nel novembre del 1459, la compagnia di Giovannozzo di Betto Biliotti acquistò un'ingente partita di cera, più di 5.700 libbre per un importo superiore a 617 fiorini, il pagamento avvenne per oltre il 58% in contanti, mentre il rimanente 42% fu saldato attraverso lo scambio con dieci panni di garbo che avevano un valore di 260 fiorini52. I documenti dei Cambini ci informano infine sulle spese che gravavano sulla vendita della cera ragusea. Le principali consistevano nella vettura, cioè il trasporto, generalmente da Pesaro sino a Firenze e dalla dogana al magazzino, che incideva per f. 1 s. 12 la balla ; nella misura di s. 2 per balla incideva invece il costo della pesatura, mentre il sensale che si occupava della vendita, solitamente il fiorentino Monaldo di Francesco, veniva pagato s. 6 per balla. In totale le spese incidevano per l'1,8-1,9%. A ciò si doveva aggiungere la gabella imposta dalla città toscana, che sembra incidesse per 1/12.


24Le fonti contabili e le lettere, sia ragusee che fiorentine, consultate per questo nostro lavoro, permettono dunque di affermare come il commercio della cera costituisse un elemento importante nella rete degli scambi che faceva perno su Ragusa. Naturalmente si tratta di prime osservazioni che andranno ulteriormente approfondite ma, al di là dei dati quantitativi, alcune annotazioni che emergono dai documenti appaiono estremamente significative. A fianco dei traffici maggiori, che ruotavano attorno all'argento balcanico, ai panni di garbo dei piccoli centri italiani e al grano pugliese, la città dalmata ospitava altre rotte commerciali, assai vivaci e profittevoli, che certamente ebbero carattere complementare, ma che furono ampiamente praticate, oltre che dagli uomini d'affari ragusei, dagli operatori stranieri che affollavano la città, in primo luogo dai mercanti toscani.

25Tra queste, secondo quanto abbiamo indubitabilmente visto analizzando le nostre fonti, sicuramente il commercio della cera di ottima qualità che proveniva dalle zone dell'interno balcanico o dai Principati Romeni. Uno dei motivi che spinse verso questo genere di traffici va probabilmente ricercato nell'ampio margine di guadagno. Come abbiamo visto, il commercio della cera di Ragusa offriva un profitto che, in base ai documenti da noi compulsati, era all'incirca compreso tra il 10 e il 19% ; dunque equiparabile a quello che si poteva ottenere con lo scambio dell'argento, al pari del quale costituiva inoltre un investimento facilmente e velocemente liquidabile.

  • 53 Gelcich 1897, p. 90.
  • 54 Pinelli 2013, p. 10-13.

26I mercanti ragusei, così come era avvenuto per il metallo prezioso, godettero nelle zone di produzione della cera di ampi margini di discrezionalità e di importanti vantaggi economici che permisero loro di monopolizzarne l'approvvigionamento. Al contrario gli operatori stranieri, anche italiani, avvertivano grandi difficoltà di orientamento in quei mercati. L'insicurezza nasceva soprattutto dal fatto che le regioni dell'interno apparivano agli occhi dei mercanti europei come luoghi ancora inesplorati, selvaggi, scarsamente urbanizzati e popolati, pericolosi sotto ogni punto di vista. L'itinerario terrestre che collegava Ragusa con Costantinopoli e che passava attraverso i Balcani si snodava quasi completamente all'interno di un aspro territorio, caratterizzato da strade in cattive condizioni e dalla presenza di montagne impervie dove si potevano fare brutti incontri ed essere vittime di frequenti ruberie53. Ma la difficoltà più rilevante consisteva nell'ignoranza della lingua e della scrittura slava. Per questi motivi essi non intervennero nei mercati di produzione, ma si affiancarono ai mercanti ragusei solo nella fase della commercializzazione, assumendo un ruolo non secondario nella collocazione e nell'esportazione del prodotto. Come abbiamo già visto per l'argento, anche per la cera la ricerca di una strategia volta alla valorizzazione dei rapporti di scambio con l'entroterra costituì per Ragusa una delle preoccupazioni principali. I suoi mercanti scelsero spesso di limitare il proprio raggio d'azione al controllo del traffico via terra verso le regioni dell'interno e verso Costantinopoli e non si diffusero capillarmente nelle piazze europee secondo il modello fiorentino o catalano, ma piuttosto si affidarono alle compagnie italiane, in particolare toscane, per il collocamento del prodotto54.

Tab. 1 - Cera commerciata dalla compagnia ragusea di Nicola e Luca Caboga (febbraio 1427-agosto 1432)

Quantità (in libbre)
« Viaggi » di Fano 19.594
« Viaggi » di Venezia 21.067
« Viaggi » di Fermo 56.995
« Viaggi » di Rimini 92.029
« Viaggi » di Pesaro 143.471
333.156
Vendita sulla piazza di Ragusa a compagnie e singoli operatori, locali e forestieri 143.178
476.334

Tab. 2 - « Viaggi » della compagnia ragusea di Nicola e Luca Caboga in cui fu caricata cera (febbraio 1427-agosto 1432)

Arco temporale Destinazione Numero viaggi Quantità in libbre
22.2.1427-6.10.1427 Fano - -
Fermo 6 28.999
Pesaro 5 22.817
Rimini 1 8.733
Venezia 1 1.900
15.10.1427-24.2.1428 Fano - -
Fermo 1 7.029
Pesaro 2 14.965
Rimini 1 12.100
Venezia 1 4.918
8.5.1428-2.12.1428 Fano - -
Fermo 1 9.478
Pesaro 6 35.715
Rimini 1 10.688
Venezia - -
14.1.1429-30.5.1429 Fano - -
Fermo - -
Pesaro 6 16.119
Rimini 1 6.082
Venezia - -
8.12.1429-18.2.1430 Fano - -
Fermo - -
Pesaro 9 40.074
Rimini - -
Venezia - -
2.6.1430-1.8.1431 Fano - -
Fermo 2 7.165
Pesaro 3 13.781
Rimini 6 58.399
Venezia 1 4.167
20.11.1431-4.8.1432 Fano 2 19.594
Fermo 1 4.324
Pesaro - -
Rimini 3 9.808
Venezia 2 10.082

Tab. 3 – Vendite conto terzi di cera ragusea sul mercato di Firenze della compagnia di Francesco e Carlo di Niccolò Cambini (16 giugno 1459-18 gennaio 1460)

Data Committente Acquirenti a Firenze Quantità acquistata Prezzo di vendita Valore della vendita Metodo pagamento
c. 132v 16.6.1459 Niccolò di Giovanni da Ragusa Eredi di Giovanni Baroncini e compagni, speziali lib. 239 (234 netta) f. 10 s. 15 cento f. 25 s. 3 d. 1
c. 132v 16.6.1459 Niccolò di Giovanni da Ragusa Tedaldo di Francesco e compagni, speziali all'Agnolo lib. 240 (236 netta) f. 10 s. 15 cento
c. 134v 20.6.1459 Franco dei Resti da Ragusa Mariotto di Marco e compagni, speziali alla Palla lib. 438 (431 netta) f. 10 s. 15 cento f. 46 s. 6 d. 8 contanti
c. 134v 20.6.1459 Franco dei Resti da Ragusa Francesco di Francesco e compagni, speziali al Sole in Mercato Vecchio lib. 225 (221,5 netta) f. 10 s. 15 cento f. 23 s. 16 d. 1 contanti
c. 134v 20.6.1459 Franco dei Resti da Ragusa Erede di Paolo di ser Giovanni e compagni, speziali all'Agnolo lib. 222 (218 netta) f. 10 s. 15 cento f. 23 s. 8 d. 8 contanti
c. 134v 21.6.1459 Franco dei Resti da Ragusa Camera dell'Arme lib. 249 (245,5 netta) f. 10 s. 15 cento f. 26 s. 7 d. 9 contanti
c. 135r 27.6.1459 Franco dei Resti da Ragusa Iacopo di Agnolo di Bencivenni, speziale al Ponte Vecchio lib. 433 (425 netta) f. 10 s. 15 cento f. 25 s. 7 d. 4 contanti
c. 135r 27.6.1459 Franco dei Resti da Ragusa Antonio Fagni lib. 240 (236 netta) f. 10 s. 15 cento f. 25 s. 7 d. 4 contanti
c. 137r 4.7.1459 Franco dei Resti da Ragusa Tedaldo di Francesco e compagni, speziali all'Agnolo lib. 239 (234,5 netta) f. 10 s. 15 cento f. 25 s. 4 d. 1 pagamento il 15.8.1459
c. 137v 4.7.1459 Franco dei Resti da Ragusa Domenico di Francesco del maestro Ridolfo e compagni, speziali al Pagone lib. 259 (255 netta) f. 10 s. 15 cento f. 27 s. 8 termine 15 gg.
c. 137v 4.7.1459 Franco dei Resti da Ragusa Mariotto di Marco e compagni, speziali alla Palla lib. 450 (442 netta) f. 10 s. 15 cento f. 47 s. 10 d. 2 contanti
c. 138r 5.7.1459 Franco dei Resti da Ragusa Eredi di Marco di Donato e comagni, speziali al Canto degli Alberti lib. 235 (230 netta) f. 10 s. 15 cento f. 24 s. 14 d. 6 termine 15 gg.
c. 138r 5.7.1459 Franco dei Resti da Ragusa Erede di Paolo di ser Giovanni e compagni, speziali all'Agnolo lib. 203 (199 netta) f. 10 s. 15 cento f. 21 s. 7 d. 10 contanti
c. 138r 6.7.1459 Franco dei Resti da Ragusa Piero di Bartolomeo e compagni, speziali al Capello lib. 230 (226,5 netta) f. 24 s. 6 d. 11 contanti
c. 138v 6.7.1459 Franco dei Resti da Ragusa Antonio di Bartolomeo Palmieri e compagni, speziali al Canto alla Rondine lib. 113,5 (111 netta) f. 10s. 15 cento f. 11 s. 18 d. 8 contanti
c. 138v 6.7.1459 Franco dei Resti da Ragusa Piero e Alesso di Luca e compagni, speziali alle volte di San Pier Maggiore lib. 113,5 (111 netta) f. 11 s. 18 d. 8 contanti
c. 159r 16.11.1459 Dragoe da Ragusa Eredi di Bartolomeo di Cambio e compagni, speziali lib. 216 (211 netta) f. 11 cento f. 23 s. 4 d. 2 contanti
c. 159v 16.11.1459 Dragoe da Ragusa Taddeo di Simone e compagni, speziali al Canto de' Pecori lib. 175 (171 netta) f. 11 cento f. 18 s. 16 d. 2 contanti
c. 160v 20.11.1459 Dragoe da Ragusa Giovannozzo di Betto Biliotti e compagni lib. 5.746 (5.613 netta) f. 11 cento f. 617 s. 8 d.7 10 panni di garbo chiari (f. 260) e contanti
c. 162r 29.11.1459 Niccolò di Giovanni da Ragusa Bernardo di Niccolò di Stefano Porcellini e compagni, speziali al Porcellino lib. 228 (222 netta) f. 11 cento f. 24 s. 8 d. 4 termine 1 mese
c. 163r 5.12.1459 Niccolò di Giovanni da Ragusa Morello di Giovanni e compagni, speziali alla Luna lib. 230 (225 netta) f. 11 cento f. 24 s. 15 termine 1 mese
c. 166r 19.12.1459 Niccolò di Giovanni da Ragusa Piero di Bartolomeo e compagni, speziali al Capello lib. 210 (206 netta) f. 22 s. 13 d. 1 termine 1 mese
c. 166v 4.1.1460 Niccolò di Giovanni da Ragusa Eredi di Paolo di ser Giovanni e compagni, speziali all'Agnolo lib. 229 (224,5 netta) F. 11 cento f. 24 s. 13 d. 10 termine 1 mese
c. 166v 7.1.1460 Niccolò di Giovanni da Ragusa Matteo di Giovanni e compagni, speziali alla Piazzuola dei Medici lib. 198 (195 netta) f. 11 cento f. 21 s. 9 termine 1 mese
c. 169r 15.1.1460 Serafino Ciaffini e compagni, tintori Paolo di Berardo d'Antonio di Donato e compagni, speziali al Canto degli Alberti lib. 211 (207,5 netta) f. 11 cento f. 22 s. 16 d. 5 termine 1 mese
c. 170r 18.1.1460 Serafino Ciaffini e compagni, tintori Eredi di Bartolomeo di Cambio e compagni, speziali lib. 189 (185,5 netta) f. 11 cento f. 20 s. 8 d. 1 termine tutto febbraio
lib. 11.761 (11516,5 netta)
Haut de page

Bibliographie

Ashtor 1982 = E. Ashtor, Storia economica e sociale del vicino Oriente nel Medioevo, Torino, 1982.

Carter 1972 = F. W. Carter, Dubrovnik (Ragusa). A Classic City-state, Londra-New York, 1972.

Delumeau 1970 = J. Delumeau, Un ponte tra Oriente e Occidente: Ancona nel Cinquecento, in Quaderni storici, 13, 1970, p. 26-47.

Evans 1936 = A. Evans (a cura di), Francesco Balducci Pegolotti. La pratica della mercatura, Cambridge Mass., 1936.

Gelcich 1884 = G. Gelcich, Dello sviluppo civile di Ragusa considerato ne' suoi monumenti istorici ed artistici, Ragusa, 1884.

Gelcich 1897 = G. Gelcich (a cura di), Monumenta Ragusina. Libri Reformationum 1301-1336, V, Monumenta spectantia historiam Slavorum Meridionalium, XXIX, Zagabria, 1897.

Ghezzi 2007 = R. Ghezzi, Livorno e il mondo islamico nel XVII secolo. Naviglio e commercio di importazione, Bari, 2007.

Heers 1955 = J. Heers, Il commercio nel Mediterraneo alla fine del secolo XIV e nei primi anni del XV, in Archivio Storico Italiano, 113, 1955, p. 157-209.

Heyd 1913 = W. Heyd, Storia del commercio del Levante nel Medioevo, Torino, 1913.

Homer, Sylla 1995 = S. Homer, R. Sylla, Storia dei tassi d’interesse, Milano-Roma-Bari, 1995.

Kovačević-Kojić 1961 = D. Kovačević-Kojić, Trgovina u srednjovjekovnoj Bosni, Sarajevo, 1961.

Kovačević-Kojić 1988 = D. Kovačević-Kojić, Il commercio raguseo di terraferma nel Medioevo, in A. Di Vittorio (a cura di), Ragusa e il Mediterraneo. Ruolo e funzioni di una Repubblica marinara tra Medioevo ed Età Moderna, Bari, 1990, p. 61-78.

Kovačević-Kojić 1999 = D. Kovačević-Kojić, Account Books of the Caboga (Kabužić) Brothers 1426-1433, Belgrado, 1999.

Krekić 1961 = B. Krekić, Dubrovnik (Raguse) et le Levant au Moyen Âge, Parigi, 1961.

Luca 2004 = C. Luca, L'importazione di merci levantine nella Venezia del Seicento e del primo Settecento: la cera e i pellami proenienti dai Principati Romeni, in C. Luca, G. Masi, A. Piccardi (a cura di), L'Italia e l'Europa Centro-Orientale attraverso i secoli. Miscellanea di studi di storia politico-diplomatica, economica e dei rapporti culturali, Brăila-Venezia, 2004, p. 321-361.

Miklosich 1858 = F. Miklosich (a cura di), Monumenta Serbica spectantia historiam Serbiae, Bosnae, Ragusii, Vienna, 1858.

Moroni 2009 = M. Moroni, Alcune note sulla produzione e sul commercio della cera in area adriatica tra basso Medioevo ed Età Moderna, in Proposte e ricerche, 62, 2009, p. 7-22.

Nedeljković 1984 = B. M. Nedeljković (a cura di), Liber Viridis, Belgrado, 1984.

Pierucci 2004 = P. Pierucci, Il commercio dell'argento tra Ragusa e l'Italia centrale nel XV secolo, in Proposte e ricerche, 52, 2004, p. 28-48.

Pinelli 2005 = P. Pinelli, L’argento di Ragusa, in Storia Economica, 3, 2005, p. 549-573.

Pinelli 2008 = P. Pinelli, From Dubrovnik (Ragusa) to Florence: Observations on the Recruiting of Domestic Servants in the Fifteenth Century, in Dubrovnik Annals, 12, 2008, p. 57-71.

Pinelli 2011 = P. Pinelli, The Florentine Company of Francesco Neroni and Trade with Dubrovnik (Ragusa) in the First Half of the 15th Century, in S. Rudić (a cura di), Spomenica Akademika Sime Ćirković/Homage to Akademician Sima Ćirković, Belgrado, 2011, p. 159-175.

Pinelli 2013 = P. Pinelli, Tra argento grano e panni. Piero Pantella, un operatore italiano nella Ragusa del primo Quattrocento, Firenze, 2013.

Rădvan 2009 = L. Rădvan, On the Medieval Urban Economy in Wallachia, in Analele Ştiinţifice ale Universităţii « Alexandru Ioan Cuza » Iaşi, 56, 2009, p. 489-501.

Tognetti 1999 = S. Tognetti, Il Banco Cambini. Affari e mercati di una compagnia mercantile-bancaria nella Firenze del XV secolo, Firenze, 1999.

Tucci 1990 = U. Tucci (a cura di), Benedetto Cotrugli raguseo. Il libro dell’arte di mercatura, Venezia, 1990.

Villari 1904 = L. Villari, The Republic of Ragusa. An Episode of the Turkish Conquest, Londra, 1904.

Vitale D'Alberton 2005 = R. Vitale D'Alberton, I giardini di cera della Serenissima. Gio. Battista Talamini, un originale ceroplasta nella Venezia del Settecento, in Studi veneziani, 50, 2005, p. 301-338.

Haut de page

Notes

1 Pinelli 2013.

2 Pinelli 2005 ; Pinelli 2013.

3 A proposito del commercio degli schiavi si veda Pinelli 2008 ; per quello del cremisi, Pinelli 2011.

4 Ashtor 1982, p. 316-333 ; Heers 1955, p. 170-173 ; Heyd 1913.

5 Heers 1955, p. 185-187.

6 Delumeau 1970, p. 40.

7 Luca 2004, p. 330.

8 Luca 2004, p. 342-343.

9 Moroni 2009, p. 10.

10 Ghezzi 2007, p. 229-281.

11 Si veda ad esempio Archivio di Stato di Prato (d'ora in avanti ASPo), Ospedale, 6999, 7001-7003 (ex 793, 795, 797).

12 Kovačević-Koijć 1999.

13 ASPo, Ospedale, 7033 (ex 805), 7028-7030 (ex 2467, 2467bis, 2467ter) ; Archivio dell'Ospedale degli Innocenti di Firenze (d'ora in avanti AOIFi), Estranei, 12639 (ex 222).

14 Pierucci 2004, p. 47.

15 Pinelli 2005, p. 561.

16 Tucci 1990, p. 160.

17 Homer, Sylla 1995, p. 145-153.

18 Državni Arhiv u Dubrovniku (d'ora in avanti DAD), XXVI, Diversa Notariae, 37, c. 11.

19 DAD, XXVI, Diversa Notariae, 33, c. 113v.

20 Gelcich 1884, p. 71, 81.

21 Nedeljković 1984, p. 207-208, cap. 260, Ordo gabelle geti cere, 30 gennaio 1433.

22 DAD, XIX, Privata, 28/2, c. 1r.

23 DAD, XIX, Privata, 28/1, c. 13r.

24 Nedeljković 1984, p. 207-208, cap. 260, Ordo gabelle geti cere, 30 gennaio 1433.

25 Moroni 2009, p. 11.

26 Moroni 2009, p. 8.

27 Carter 1972, p. 367.

28 Evans 1936, p. 43.

29 Biblioteca Marciana di Venezia, Mss. Gradenigo-Dolfin, Commemoriali 200, vol. IX, cc. 143-145, in Vitale D'Alberton 2005, p. 313.

30 Evans 1936, p. 293.

31 Gli itinerari che si dispiegavano all'interno dei Balcani si trovano ampiamente esplicitati in Villari 1904, p. 130-141.

32 Heers 1955, p. 169.

33 Krekić 1961, p. 285, 321, 365, 378, 387, 394.

34 Heers 1955, p. 169.

35 Carter 1972, p. 367.

36 Carter 1972, p. 256.

37 Rădvan 2009, p. 493.

38 Kovačević-Kojić 1961, p. 22-23 ; Kovačević-Kojić 1988, p. 65. Per i privilegi concessi ai mercanti ragusei in Serbia e Bosnia a partire dal tardo Trecento si veda in particolare Miklosich 1858.

39 Pinelli 2013, p. 11.

40 DAD, XIX, Privata, 28/1, c. 7.

41 Pinelli 2013, p. 7, 30.

42 DAD, XIX, Privata, 28/2, c. 19r.

43 Archivio di Stato di Firenze (d'ora in avanti ASFi), Signori, Missive I Cancelleria, 17, c. 115.

44 ASPo, Ospedale, 7033 (ex 805), cc. 43r, 45v.

45 Si veda ad esempio ASPo, Ospedale, 7028 (ex 2467), 243 e 245, Manfredonia-Ragusa, Antonio di Giorgio a Giuliano di Marco Marcovaldi, rispettivamente del 27 gennaio 1424 e del 24 febbraio 1424.

46 ASPo, Ospedale, 7029 (ex 2467bis), 481, Prato-Ragusa, Michele di Giovannino e compagni a Giuliano di Marco Marcovaldi, 18 aprile 1421.

47 ASFi, Corporazioni Religiose Soppresse dal Governo Francese, 78, 322.

48 AOIFi, Estranei, 12639 (ex 222).

49 Si veda ad esempio AOFi, Estranei, 12639 (ex 222), c. 69r.

50 AOIFi, Estranei, 12639 (ex 222), cc. 169r, 170r.

51 Sull'attività della compagnia dei Cambini si veda Tognetti 1999.

52 AOIFi, Estranei, 12639 (ex 222), c. 160v.

53 Gelcich 1897, p. 90.

54 Pinelli 2013, p. 10-13.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 - Il commercio della cera a Ragusa XV-XVI secolo (da Carter 1972, p. 366).
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Paola Pinelli, « « E s'egli regha arienti o cera » : prime indagini sul commercio della cera a Ragusa (Dubrovnik) fra XV e XVI secolo », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge [En ligne], 127-2 | 2015, mis en ligne le 17 février 2016, consulté le 28 avril 2017. URL : http://mefrm.revues.org/2722 ; DOI : 10.4000/mefrm.2722

Haut de page

Auteur

Paola Pinelli

Università di Firenze, Dipartimento di Scienze per l'Economia e l'Impresa - paola.pinelli@unifi.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org