Navigation – Plan du site
Codicologie et langage de la norme dans les statuts de la Méditerranée occidentale à la fin du Moyen Âge (XIIe-XVe siècles)

Il codice e i testi. Per una fenomenologia del codice statutario a Pisa fra XIII e XIV secolo

Antonella Ghignoli

Résumés

Fatti paleografici e fatti codicologici sono fenomeni-chiave per la comprensione del codice statutario: le scritture dei notai comunali e la forma del codex rappresentano, d'altra parte, la 'tecnologia' di fatto adottata per conservare e fissare il testo, ma anche per renderlo vivo e vigente, interpretabile ed emendabile. L'articolo presenta una ricognizione di fenomeni peculiari osservabili da questa prospettiva nei tre codici del Breve (cioè lo statuto) del Comune di Pisa dei primi decenni del Trecento. Si tratta dei più antichi codici conservati, immediatamente dopo quello che negli ultimi mesi del 1287 fu realizzato per unire insieme il testo del Breve del Comune e quello del Breve del Popolo, come espressione scritta di una situazione politico-istituzionale del tutto eccezionale sotto il governo di Ugolino della Gherardesca e Nino Visconti.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Per un aggiornamento al 2005, v. Angiolini et al. (ed) 2009. Sulle edizioni di statuti toscani in p (...)
  • 2 I due capitoli sono rispettivamente in Ghignoli 1998a, p. 438, cap. XXII e in Bonaini 1857, p. 410, (...)

1Le ricerche degli ultimi tre decenni sui testi statutari dei comuni cittadini italiani sono state tante e importanti. Le edizioni, pure1. Ogni statuto edito o studiato ha posto problemi peculiari, sia come testo sia come fonte. Anche nelle situazioni più varie, per conservazione archivistica o contesti storici, i nodi più difficili dell'interpretazione sono riconducibili sempre, in un modo o nell'altro, a questioni di datazione. Nella difficoltà di collocare nel tempo un testo statutario sembra coagularsi sempre un rapporto problematico tra il contenuto del testo e il suo portatore materiale, il libro manoscritto, inteso come un complesso di fascicoli legati insieme secondo un determinato progetto, sui quali è stato scritto e impaginato – sempre in ordine a un determinato progetto – un testo. Quale significato assegnare alla prescrizione scritta in un capitolo di statuto portato da un codice sicuramente allestito fra l'ottobre e il novembre dell'anno 1287, in uno dei più importanti comuni toscani e in una situazione politica peculiarissima, che ordina di metter la ghiaia e di lastricare una certa via fra due villaggi del contado e ingiunge di terminare l'opera entro le prossime calende di luglio, se quella prescrizione si trova scritta nello stesso identico modo anche in un altro testo dello statuto portato da un codice allestito 23 anni dopo, nel 13132? La domanda è soltanto in apparenza naïf.

  • 3 Basti qui il rinvio a Caprioli 1981, Caprioli 1989, quindi Caprioli et al. (ed.) 1996.
  • 4 Le linee programmatiche del progetto già in Keller 1988 e alcuni risultati in Keller-Busch (ed.) 19 (...)

2In particolare sono stati due i modi di indagine che hanno affrontato, in maniera diversa e fra gli altri, anche il nodo del tempo nei testi statutari: l'uno, fondato su una operazione complessa di astrazione dal portatore materiale per ragionare solo in senso ecdotico sul testo; l'altro, incentrato invece sul codice in quanto portatore materiale del testo normativo. Il primo si è realizzato nei saggi di Severino Caprioli, culminati con l'edizione critica dello statuto di Perugia del 12793, e ha inteso introdurre nella pratica delle edizioni di fonti storiche i concetti rigorosamente filologici di « testo aperto », « strato », « edizione stratigrafica ». Il secondo, nella serie di studi condotti e promossi da Hagen Keller sulla pratica politica dell'Italia comunale4, ha introdotto il concetto-guida di « Statutencodex », appunto di codice statutario.

  • 5 Caprioli 1981, p. 412-413.
  • 6 Caprioli 1981, p. 415. L'edizione, una volta che si siano individuati tutti gli strati, dovrebbe em (...)

3Trattando il problema del testo statutario da filologo, Caprioli definisce lo statuto cittadino come testo aperto, in quanto testo composto di singoli statuta o capitula periodicamente rivisti, rinnovati, ripubblicati: una scrittura, « che viene tramandata come / con una sorta di procedimento, scandito in atti sì discernibili ma formanti una serie ininterrotta », formanti, in altre parole, una tradizione unitaria. Ognuno di quegli atti definisce uno strato della tradizione « ovvero del testo senz'altro »5, e siccome per i testi aperti la tradizione è unitaria e non meccanica, nessuno strato può esser trattato come originale. Ne consegue il venir meno di tutti quei procedimenti di edizione propri dell'ecdotica dei testi chiusi, e noti anche fuori dagli specialismi filologici perché praticati, più o meno consapevolmente, da editori di fonti storiche documentarie tramandate in più testimoni: stemmatizzazione, identificazione di errori, eliminazioni di copie da copie e via dicendo. Per questo, Caprioli può affermare che la caratteristica più importante di un testo aperto è il fatto che la sua genesi coincida con la sua tradizione, che tradizione testuale e testo non si distinguano e che, pertanto, « edizione di un testo aperto non è ricostruzione dell'originale ma costruzione del testo, isolato in vitro in uno degli strati nei quali ha avuto consistenza »6.

  • 7 Ultrattivo o retroattivo è quel capitolo che contiene disposizioni che travalicano l'annualità (o u (...)

4Questi principi hanno guidato perfettamente l'allestimento dell'edizione dello statuto di Perugia del 1279; su quel caso paiono perfettamente ritagliati. Ma non si può fare a meno di osservare che, sconfinando da quell'occasione filologica, essi inevitabilmente finiscono per delineare, dello statuto in generale, anche il profilo di oggetto storico e, quindi, di fonte storica. E il profilo che ne viene fuori, è quello di un programma annuale della città e di un sistema di norme (o di norme su norme e di provvedimenti) vigente e osservato in quel dato anno, che ogni anno viene riaperto come sistema, e riscritto come testo. Un sistema coerente, proprio nella sua dimensione testuale, poiché prevederebbe attraverso formulazioni particolari anche le eccezioni alla periodicità regolare della sua apertura. Tali formulazioni sarebbero i capitula ultrattivi o retroattivi e quei capitoli che in alcuni testi di statuti – anche in quelli pisani, per esempio – sono definiti capitula precisa7. Si tratta di capitoli che quasi tutte le tradizioni statutarie cittadine conoscono.

5Restano ignorate però molte questioni. Per dirne alcune: se sia stato assunto un modello preesistente di un tale sistema di capitoli ultrattivi, retroattivi e precisa adottato nella scrittura delle norme delle città, ed eventualmente come si sia diffuso; come abbia poi assunto quella fisionomia nei testi statutari che la tradizione (nel senso non filologico ma di Überlieferung storica) ci fa leggere in prodotti abbastanza tardi. Inoltre, una struttura testuale che non può fare a meno di formule che derogano lo scritto e che in quanto scritte sono derogabili, andrebbe indagata in un modo più avvertito, di quanto non sia stato finora fatto, in relazione col suo medium, dal momento che quella del manoscritto in forma di codice non era certo l'unica opzione presente (rotoli e quaterni sciolti o quasi non sono mai scomparsi) e dal momento che il codice, proprio come complesso di fascicoli legati, avrebbe inevitabilmente comportato condizionamenti importanti, e non di natura semplicemente pratica. Mentre, d'altro canto, il codice proprio in quanto libro, avrebbe sollecitato un'entrata in gioco, in qualche modo, della comunità di governo cittadino nel mondo della produzione di cultura scritta, intesa in tutti i suoi più vari aspetti. Tutto ciò, come si vede, riporta al centro delle indagini il codice, e i lumi dell'ecdotica non bastano più.

  • 8 Busch 1991, p. 11; Keller 1988, p. 300.

6L'impulso alla comprensione storica del fenomeno del codice di statuti è venuto proprio, e forte, dalle ricerche di Hagen Keller e dei suoi collaboratori. È grazie ad esse, del resto, che possiamo affermare che la raccolta in codice delle norme cittadine avvenne con ogni probabilità solo nei primi decenni del secolo XIII. I codici pisani che vedremo sono esempi di una storia ormai già lunga. In quelle ricerche è stata còlta inoltre gran parte degli aspetti di complessità che il testo statutario assume proprio in quanto calato nella forma del codice. E si sono aperte le possibilità di comprendere meglio fenomeni di solito risolti nell'idea che questi testi, e queste fonti, siano particolarmente adatti a far cadere i loro scrittori in contraddizione, in errore e a generare disordine nel testo; siano insomma soggetti a fenomeni considerati naturali ancorché patologici, fenomeni comunque astorici che, in definitiva, si subordinano a una lettura del testo statutario da considerarsi di regola lineare e coerente. Focalizzando l'analisi sulla pratica degli Statutencodices, quei fenomeni sono invece spesso emersi come aspetti peculiari del momento della revisione, motore della genesi del testo e del codice statutario. Ed è emerso contestualmente come evidente il fatto che debba essere relativizzata, o forse meglio storicizzata, l'idea che l'apertura di questi testi avvenisse regolarmente. Non è questo che i codici tràditi lasciano dedurre: a Vercelli, Bergamo e Novara l'apertura avveniva in media ogni 22 o 15 anni; a Treviso, ogni 308.

  • 9 Faini 2013, p. 420.

7Con la stessa esigenza di comprendere storicamente il fenomeno dei codici statutari cittadini, Enrico Faini ha di recente affrontato in un ampio saggio il problema delle origini, riesaminando tutti i casi toscani ma allargando lo sguardo anche alle città dell'Italia settentrionale. Egli individua alcuni punti di snodo nell'evoluzione dei testi delle norme cittadine (anni Trenta e Quaranta del secolo XII, anni Venti e Trenta del secolo XIII, metà secolo XIII) e considera certe dinamiche di contrapposizione o allenza tra ceti (professionisti del diritto e primi gruppi dirigenti del Comune) all'origine, in qualche modo, della loro genesi, presentando così ipotesi per spiegare le pratiche della scrittura politica della norma cittadina (dai brevi di metà XII secolo ai codici di metà XIII), ma soprattutto per comprendere storicamente i residui della pratica statutaria dei comuni toscani, elevando a oggetto d'indagine proprio « il disordine nei codici e tra i codici: quei codici che, con una generalizzazione non sempre innocua, definiamo ‘statutari’«9.

  • 10 Blattmann 1994.

8Un aspetto particolare ha senz'altro còlto Marita Blattmann riflettendo sulle revisioni dei testi statutari dell'Italia settentrionale10. La revisione avveniva certamente sulla base di tutti i codici in circolazione, ma spesso soltanto nelle parti ritenute, in quel momento politico, rilevanti; qualche volta cancellando, ma ancor più spesso trasportando in codici nuovi, senza alcun commento, testi interi di capitoli o consistenti loro brani non più vigenti al momento di quella revisione (o già non più vigenti al momento della redazione del codice precedente), ma in sostanza neutri. Del resto, quando un testo giuridico è affidato alla scrittura con lo scopo che essa serva anche a renderlo conoscibile e pubblico e non esclusivamente a conservarlo, una riscrittura diventa necessaria nel caso in cui sopraggiungano decisioni nuove o cambiamenti politici. È un senso, questo, in cui la materialità agisce sul testo scritto. Non è l'unico, però. Può agire anche nella direzione opposta, lasciando che una norma continui a vivere scritta sul libro mentre nella realtà è ormai 'lettera morta'. La materialità – che nel nostro caso è il codice con le sue carte e i suoi fascicoli – può conferire dunque evidenza e peso materiale a un testo che non ha più peso, perché derogato da altre norme scritte altrove o da consuetudini, o perché semplicemente superato da fatti che nessuno ha registrato per iscritto. La materialità nel sistema dei codici di statuti contribuì, secondo Blattmann, a creare una particolare prassi redazionale che esigeva dal lettore contemporaneo di quei testi l'esercizio ordinario, e naturale, della capacità di discernimento e di confronto con la realtà che viveva: di qui, secondo Blattmann, la presenza di tanti casi di capitoli non vigenti e tuttavia ancora trasportati nei codici di statuti.

  • 11 Per avere qualche esempio, e dal codice statutario pisano più antico: Ghignoli 1998a, p. 46, 47, 53 (...)
  • 12 A Pisa dall'esemplare esposto gli ufficiali addetti avrebbero potuto copiare, magari su richiesta d (...)
  • 13 Cfr. Ghignoli 1998a, p. 60, cap. XXII, p. 80, cap. XLIII.

9Anche la lettura, non solo la scrittura, è in effetti contemplata, e dal testo statutario stesso, come fattore di genesi e di trasmissione dei capitoli di norme: è il risvolto della medaglia del codice statutario come portatore materiale del testo. Il lettore di statuti è, d'altra parte, quasi sempre un notaio o un giudice, un lettore esperto, autorizzato o addentro alle cose della città e della sua politica. La lettura pubblica è quasi sempre una lectio e una explanatio che avviene per occasioni e per singoli capitoli, addirittura per loro parti, sempre mediata da una figura autorizzata e rivolta a un pubblico di interessati in quanto vincolati da quel dato provvedimento11. Nella regolamentata disponibilità a esporre il codice in pubblico, incatenato nel palazzo del podestà o del capitano,12 non si esaurisce la realizzazione del concetto di lettura pubblica del testo. Il più vasto pubblico veniva raggiunto con la lettura preconizzata o banniata cavalcando: una lettura gridata agli angoli delle strade, da ufficiali anche in questo caso autorizzati, di un singolo capitolo o comunque di ciò che della norma doveva essere reso noto a tutti in quel momento, e che non veniva certo fatta nella lingua del testo scritto sul codice. A Pisa, veniva fatta nella lingua dei pisani, vulgariter13.

  • 14 E per osservanza a una tradizione internazionale : Zamponi 2007, p. X.

10Constata l'esistenza di un suo peso storico, il codice messo al centro dell'indagine sugli statuti, intesi come testi e come fonti, impone che lo si indaghi anche come oggetto. La codicologia tende a non occuparsi dei libri conservati negli archivi, come i codici dei testi statutari. Benché essi abbiano, e non di rado, delle datazioni, i codici statutari non sono purtroppo inclusi nelle catalogazioni dei manoscritti italiani datati14. Nella struttura materiale del codice – e includo anche la sua decorazione – sta tutta la 'tecnologia' che ha potenziato e valorizzato oppure ha condizionato e snaturato un testo. Per questo, la sua conoscenza non può passare per una descrizione diligente del codice come esso si presenta ora, come è buona norma fare in occasione di edizioni o di studi. Deve passare per una conoscenza archeologica di quello che fu il manoscritto.

  • 15 Sul tema cfr. Ghignoli 2013.

11Ho già fatto cenno alla ineludibile esigenza di includere nelle questioni storiche intorno agli statuti anche domande sui modelli librari che, agli inizi del Duecento, i gruppi dirigenti di certe città potevano scegliere assumere subire reinventare: è un fatto che anche la produzione di libri manoscritti divenne un'attività cui quei gruppi in qualche modo presiedettero. Non sarà pertanto secondario porre la città e il suo gruppo dirigente sotto una luce che cerchi di illuminarne la partecipazione a quel fondamentale motore dell'egemonia rappresentato dalla capacità di produrre cultura scritta, che nella fattispecie può essere limitativo e fuorviante considerare solo pratico-amministrativa. E su questo terreno è da illuminare l'attività dei notai fuori dalle loro apothecae o dalle cancellerie in cui lavoravano come scribae. I codici statutari, specie quelli del secolo XIII e degli inizi del XIV, e sicuramente in Toscana, sono fondamentali per studiare la digrafia orizzontale dei notai comunali, che passano con la stessa maestria da scritture del filone documentario a quelle di tradizione libraria, in un momento fondamentale per la formazione della littera textualis e per la cultura scritta laica in generale: un argomento, che la paleografia tende con qualche rara eccezione a ignorare, considerando 'professionale', dei notai, esclusivamente la loro minuscola di base corsiva15. Mentre proprio questi codici, come vedremo anche nei casi pisani, sono la dimostrazione che la littera textualis può definirsi, nella stessa misura, scrittura 'ufficiale' del notaio quando egli è per ufficio scriba publicus di un Comune.

  • 16 È noto, ma lo ricordiamo, che a Pisa si continuò, nel XIII e nel XIV secolo, a denominare in questo (...)
  • 17 Editi in Bonaini 1854.
  • 18 Si tratta dei codici del’Archivio di Stato di Pisa (ormai abbreviato in ASP), Roncioni, 323 e ASP, (...)

12Una ricognizione ordinata di fenomeni esemplari del rapporto tra codice e testi può essere fatta, per il caso di Pisa, soltanto sui tre codici del testo del breve16 del Comune, tutti di primo Trecento: ASP, Comune, Divisione A, 2; ASP, Comune, Divisione A, 3; ASP, Comune, Divisione A, 417. Per comodità saranno denominati d'ora innanzi, rispettivamente, A2, A3 e A4. Le considerazioni generali che si possono trarre dall'esame di questa trafila potrebbero comunque essere estese, fatte salve le peculiarità dei dettati, ai codici che portano il testo del breve del Popolo, anch'essi trecenteschi18.

  • 19 ASP, Diplomatico, Atti Pubblici, 1163 e ASP, Diplomatico, Roncioni, 1165 gennaio 1: sono editi in B (...)
  • 20 ASP, Diplomatico, Primaziale, 1275 gennaio; edizione in Bonaini 1854, p. 45-33; cfr. Ghignoli 1998a (...)
  • 21 ASP, Comune, Divisione A, 7 e il ms. Roma, Biblioteca del Senato, Statuti 81, ai quali deve essere (...)
  • 22 Edito in Ghignoli 1998a; per la sua composizione in particolare, v. p. LXXIX s.
  • 23 Ghignoli 1998a, p. 564. Nell'edizione non è stata neppure prospettata l'ipotesi che in contentu / c (...)

13Ciò che è conservato del periodo anteriore non è, per un motivo o per un altro, osservabile con gli stessi criteri. Sono infatti tràditi ciascuno su un singolo foglio di pergamena i due testi dei brevi dei consoli degli anni 1162 e 116419. In tradizione stravagante – fuori dal codex – sono anche alcuni capitoli copiati su foglio singolo di pergamena dal testo di un breve in vigore nel 1275, uniche sue indirette attestazioni20. Tràditi su libro ma copia di una selezione di capitoli fatta a uso di ufficiali sono quindi due testi di primo Trecento21. Mentre venne deliberatamente 'chiuso' – proprio impiegando tutte le pratiche redazionali tipiche del testo 'aperto' – il testo statutario trasportato dall'unico codice intero di norme che ci sia pervenuto dal secolo XIII, ovvero il codice ASP, Comune, Divisione A,122. Esso fu espressione dell'eccezionale assetto istituzionale dato a Pisa dal conte Ugolino della Gherardesca che rivestiva la carica di podestà e capitano del Popolo contemporaneamente insieme a Nino Visconti, e per il quale si era ordinato che i brevia comunis et populi pisani fossero sub uno volumine et uno contentu, e che i brevia comunis et populi exemplentur et transcribantur et fiant in uno volumine et uno contestu23.

14Il testo del breve del Comune – anche nell'eccezionale codice ugoliniano, ovviamente per la parte che lo riguarda – ha una struttura di base originaria, sempre mantenuta, suddivisa in quattro parti denominate libri. Nel liber primus, unico a non ricevere un titolo, sono compresi capitoli di carattere generale e di primaria importanza relativi al funzionamento degli organi di governo del Comune. Negli altri la materia è chiara dagli stessi titoli: liber secundus de privilegiis, liber tertius de maleficiis, liber quartus de operibus. Il capitolo finale in assoluto non rientra in nessuna delle quattro partizioni, e si intitola sempre De clavi brevis: esso chiude e rinserra il testo complessivo del breve e con ciò fornisce – è il caso di dire – la sua chiave interpretativa. Vi sono infatti ricordati gli obblighi del podestà nel rispettare e nel far rispettare il tenore delle disposizioni scritte ma anche le deroghe e le licenze di 'lettura' previste di tutto quanto era stato scritto nelle carte precedenti. Tutto questo blocco di testo è preceduto dal rubricario e dal testo degli statuta contra hereticos.

  • 24 La definizione littera textualis – come più avanti littera minuta cursiva – è impiegata nel senso p (...)
  • 25 Cfr. Ghignoli 2013, p. 316-318.
  • 26 Come leggere il dato di una rarefatta tradizione archivistica dei codici di statuti, è indicato ben (...)

15Rubricario, statuta contra hereticos e il testo articolato nei quattro libri chiusi dalla clavis, sono tutti organizzati nello specchio di scrittura predisposto sulla pagina (a una colonna), scritti dal notaio scriba publicus nella migliore littera textualis di cui era capace e nel modulo che più si confaceva24. Una scrittura, che egli aveva appresa con ogni probabilità – almeno a Pisa – ancor prima di aver sviluppato una corsiva da eleggere a propria scrittura professionale, ancor prima cioè di diventare un notaio25. In textualis, e nello specchio della pagina, era sicuramente anche il testo di dichiarazione finale apposto dopo il capitolo de clavi brevis, nel quale era manifestato, dopo i nomi dei sapientes che avevano composto il breve su mandato degli Anziani, anche il nome del notaio scriba, e ovviamente la datazione. Un pendant, insomma, sul versante dei manoscritti comunali, della formula di datazione e/o di sottoscrizione dei coevi manoscritti letterari, definiti per questo datati. Ciò che ho appena descritto sarebbe però il testo, per così dire, di 'grado 0' della sottoscrizione notarile. La tradizione di codici statutari, che è piuttosto rarefatta a Pisa come altrove26, permette di osservare e descrivere soltanto la dichiarazione di 'grado 1', per continuare l'immagine: quella cioè che attesta non la composizione ex novo del testo (di un primo ipotetico breve), ma – seguendo l'organizzazione del textus che abbiamo appena rievocato – la copia di un breve precedente che era stato emendato. Leggiamo questo tipo di dichiarazione finale nel codice A2, dove si trova a c. 140v:

Hoc breve est scriptum et exemplatum ad exemplar brevis Pisani communis correcti et emendati a sapientibus viris Terio Agnelli, Ghele Scaccerio, Noccho Maschionis notario, domino Caccianimico iudice de Vico, Francisco Bugarro, Ceo calthario, Becto Alliata, Andrea Pellarii, Becto Bonaiuti, coram Ciolo Martello, Gagno Leuli, Henrico vinaio de Boctano super his ab Anthianis Pisani Populi electis, existente super his scriba publico cum eis Iohanne Moriconis notario, tempore nobilis viri domini Glutti domini Sensi de Peruçio Pisanorum potestatis, m° ccciii°, indictione quintadecima, tertio kalendas aprilis.

  • 27 I segni di richiamo hanno forme tipiche e ricorrenti tracciate in maniera accurata; è usata anche l (...)

16Al blocco centrale del testo si aggiunge qundi il complesso di testi che l'attività di revisione normativa successivamente genera. Anche di questo secondo blocco è descrivibile una struttura: esso perciò si realizzava probabilmente secondo una prassi instauratasi a un certo punto, e che si è continuato a seguire. Si tratta di un complesso di testi sia registrati intorno al blocco di testo centrale inserito nello specchio di scrittura della pagina – dunque nei margini, inserendo segni di richiamo27 all'interno del testo centrale per legare a quello, nel punto esatto e in maniera inequivoca e certa, il nuovo testo aggiunto sul margine – e sia scritti in coda al testo centrale subito dopo la dichiarazione finale in textualis – dunque nello spazio rimasto eventualmente bianco, inserendosi coerentemente nello specchio di scrittura preordinato, o su eventuali fogli rimasti bianchi dell'ultimo quaternione, sempre rispettando lo specchio di scrittura, o sulle carte di fascicoli aggiunti ad hoc, binioni, ternioni o anche quaternioni – in questo caso osservando tendenzialmente una mise en page coerente con quella del primo blocco.

17I testi costituitivi di questo secondo complesso sono di varia lunghezza, che va da una parola soltanto a molte linee di scrittura, e di duplice specie: o sono testi di norme o sono informazioni sulle operazioni svolte per la loro scrittura (o informazioni per 'leggere' bene la loro scrittura). Anche la distribuzione nei vari spazi è tipica: nei margini della pagina, in corrispondenza dei luoghi del textus scritto nello specchio, si trovano microtesti di additiones o indicazioni di vacationes, riferiti certo al textus ma eventualmente anche a microtesti precedenti; in coda al corpo in textualis si trovano invece sempre e solo i testi di nova capitula. I quali, organizzati, come già detto, entro uno specchio di scrittura coerente con quello del primo blocco, possono essere a loro volta oggetto successivamente di vacationes e additiones registrate sui margini.

18Tutto il complesso di testi aggiunti – siano essi registrati nei margini siano scritti ordinatamente in uno specchio di scrittura in coda – è sempre scritto dal notaio nella sua scrittura 'professionale', ossia in littera minuta cursiva; nei testi dei nova capitula finali è più posata, e si impiegano iniziali maiuscole o altri elementi distintivi per la partizione eventuale del testo. Il doppio registro grafico distribuito in questo modo – textualis nel textus impaginato del primo 'blocco', cursiva sui margini o in coda – è una costante significativa, che ha tutta l'aria di essere strutturale, benché – per fortuna nostra, come vedremo più avanti – essa conosca eccezioni, che confermano però la regola.

19I microtesti aggiunti nei margini intorno al textus e ogni novumcapitulum scritto in corsiva sono sempre chiusi da un signum e con quel dato signum sono sempre realizzati da una sola medesima mano. Ad ogni signum corrisponde una mano di notaio, ad ogni mano di notaio un'operazione unitaria di revisione. Quel signum è una sillaba, per ripetere la definizione che gli viene data nel testo, ed è un segno fondamentale che attesta autenticità: come tale è infatti rilevato nella dichiarazione che chiude ogni operazione di revisione. I tre codici ne portano diverse, ed è facile osservare che si tratta di dichiarazioni palesemente formulari, che con minime variazioni sono composte sempre dagli stessi elementi, a conferma che nella cancelleria comunale si seguiva una redazione regolata. Tali elementi servono a dichiarare: il tipo di revisione realizzato sul testo del codice sotto un dato segno, dichiarato; una datazione politica (nome del podestà); i nomi dei sapientes che hanno revisionato il breve, ovviamente su mandato, e hanno dettato i testi aggiunti; il nome del notaio che li ha scritti; la datazione dell'operazione espressa nella forma valida delle publicationes notarili (anno di incarnazione, indizione, giorno del mese). Leggiamone dunque una, e ancora dal codice A2, a c. 145r:

Correctum et emendatum est hoc breve totum, cum additionibus et vacationibus ut supra scriptum est et novis capitulis additis in hoc brevi cum hoc signo .Al. et ubi est hec sillaba .Al., tempore domini nobilis et sapientis viri domini Alberti de Porta Laudensi de Papia Pisanorum potestatis, per infrascriptos sapientes viros ab Antianis pisani populi electos super corrigendo et emendando brevium communis et populi Pisani – videlicet dominum Gerardum Façelum iuris professorem, Andream Gattum, Nerium Bonacorsi calthularium de Sancta Eufraxia, dominum Iohannem Benigni iudicem, Masinum Aliocti et Iacobum notarium de Marciana, Colum Thomasii, Cecchum de Navacchio, Bectum Manni tabernarium, Iacobum de Favullia, Cionem Rau et Cagnathum pellipparium – et scriptis per Pardum Frenetti notarium cum eis ad predicta electum a suprascriptis Antianis, Dominice incarnationis anno millesimo trecentesimo quinto, indictione secunda, sextodecimo kalendas maii.

  • 28 Tracce che portano lontano da Pisa: intorno a Pardo Frenetti verterà il mio contributo al secondo i (...)

20Ebbene, vi si legge che il notaio responsabile della scrittura di tutti i testi signati con la sillaba Al. sul codice A2, in questo caso, si chiama Pardo – ipocoristico di Leopardo – Frenetti. È un notaio, di cui sarà interessante seguire le tracce28.

  • 29 Ed eventuale decorazione, almeno per il codice A4: v. più avanti, nota 42.

21Dalla generalità della struttura proviamo a scendere alla realtà temporale dei nostri tre codici. Per la loro confezione – allestimento dei fascicoli, trascrizione sulle loro carte del testo in textualis, rubricazione29, legatura dei fascicoli nella serie stabilita dai richiami – non abbiamo che una data relativa. Come manoscritti datati, lo sono per un termine post quem.

22Dall'esempio sopra riportato del testo di A2 a c. 140v – Hoc breve est scriptum et exemplatum [...] – è chiaro che la datazione m° ccciii°, indictione quintadecima, tertio kalendas aprilis (1302 marzo 30, riportata allo stile comune) è quella in cui, al tempo del podestà Ghiotto di Senso da Perugia, si era conclusa l'operazione di correzione ed emendazione sopra il testo di un breve (e quindi di un codice), ad exemplar del quale il nostro A2 venne scritto (scriptum et exemplatum ad exemplar brevis [...] correcti et emendati). A2 quindi sostituì un codice antigrafo, di cui non sappiamo nulla se non che le sue aggiunte e modifiche, con le ultime del 1302 marzo 30, risultavano forse troppo numerose, tanto da rendere necessaria una copia pulita. Ed è per congettura – una buona congettura – che possiamo assumere che la littera textualis del nostro codice A2 sia quella del notaio Giovanni di Moricone: dal testo della dichiarazione, infatti, è esplicito solo il fatto che Giovanni aveva registrato fedelmente, sull'antigrafo di A2, tutte le modifiche volute dai sapientes nominati. E presumibilmente le aveva segnate con il signum-sillaba stabilito allora per quell'antigrafo, e che non aveva più senso esplicitare in questa dichiarazione, che serviva a dichiarare l'identità di A2 come exemplum ad exemplar di quel perduto breve.

  • 30 È un microtesto tipico delle revisioni, di contenuto variabile ma struttura fissa e connotato da qu (...)

23Analogamente, è relativa la datazione degli altri due manoscritti. In A3, l'ultimo capoverso in textualis, a c. 155v, è una dichiarazione nella forma di un Nota quod30 che indica l'autenticità e legittimità di una correzione inserita per Bettum Tricimannide Vico scribam publicum cancellarie su mandato, questa volta, del consilium populi, il 30 luglio 1304, nel capitolo De clavi brevis con un certo segno di richiamo, riprodotto nella dichiarazione. In effetti, a c. 149r, è scritta poco sotto l'ultima linea di scrittura del testo della clavis, con un segno di richiamo che corrisponde a quello descritto nella dichiarazione, una brevissima aggiunta in cursiva, nella quale è quindi osservabile la scrittura propria, professionale, di Betto. Il fatto che la textualis del Nota quod sia identica a quella presente in tutto il manoscritto, prova che quella correzione venne decisa dagli Anziani e venne fatta inserire da Betto, appena terminata la redazione di A2 o mentre egli la si stava per finire.

24Ancor più relativa, la datazione del codice A4, in cui la datazione contenuta negli ultimi righi scritti in textualis, a c. 382r, si riferisce a una revisione effettuata il 1313 agosto 28, sicuramente registrata in corsiva sui margini e in coda al codice antigrafo di A4.

25È invece assoluta la cronologia che si può ricostruire degli interventi autentici di revisione. Essi sono documentati, come abbiamo visto, da tutti i microtesti osservabili sui nostri tre codici, registrati in margine o alla fine in littera minuta cursiva,signati con una certa sillaba, e publicati con le solemnitates stabilite dalla prassi della cancelleria pisana nella dichiarazione del notaio come quella vista più sopra per il codice A2, c. 145r: Correctum et emendatum est hoc breve [...].

26Sono complessivamente dieci: 1302 aprile 21, revisione col segno C.U.; 1304 aprile 16, revisione col segno Al.; 1304 luglio 17, revisione col segno App(ro).; 1304 luglio 30, intervento di integrazione autorizzato da un consilium populi effettuato da Bettum Tricimanni scriba pubblico; 1305 aprile 8, revisione col segno B.; 1306 aprile 13, revisione col segno Ba.; 1307 aprile 9, revisione col segno T.; 1311 luglio 26, revisione col segno Fr.; 1313 agosto 28, revisione col segno H.; 1337 dicembre 3-16, revisione col segno C.

27Questi segni sono, come si vede, costituiti da radicali alfabetici di parole abbreviate per troncamento: i notai li chiamano infatti, come abbiamo visto, sillabae. Sono, nella maggior parte, sigle, ma non sono e non dovevano essere intese come parti del testo: per questo il notaio non impiega il segno abbreviativo consueto – la lineetta soprascritta –, ma costituendo la loro figura impiega il punto che assomma in sé, qui, anche la funzione di point of respect. In un caso però il notaio – è Rainerius de Sancto Concordio – impiega nella figura anche un modo di abbreviatura consueto, scrivendo -p di app. con l'asta inferiore tagliata dal tratto ondulato col significato di p(ro): il signum va letto infatti app(ro).

  • 31 Bonaini 1857, p. VII-IX.
  • 32 Per esempio in Violante 1980, p. 224-225.

28L'idea che queste sigle fossero « per lo più [...] la lettera iniziale del nome del Potestà sotto il quale i correttori o breviaoli eletti dagli anziani ebbero compiuta la riforma » fu già di Francesco Bonaini31. E del resto la chiave per la loro interpretazione è nello stesso dettato delle dichiarazioni che menzionano chiaramente i podestà. Per il momento ricordiamo le seguenti: B. per Brancaleo domini Andalo de Bononia (1305), Ba. per Baldus domini Castellani de Burgo (1306), T. per Tilis Rainerius domini Guidonis de Filippensibus de Urbeveteri (1307); Fr. per Frederigus comes Montis Feltris (1311), C. per Conradus de Rocca Contrada (1337). Ma qual è la genesi, propriamente, e dunque qual è il significato dei signaAl. e App(ro), C.U. e H.? La corrispondenza coi nomi dei podestà intuita da Bonaini e passata così in storiografia32 coglie nel segno, ma grazie un po' anche a circostanze fortunate. Correggerne le imprecisioni e il criterio sostanzialmente sbagliato seguito, permette di aggiungere tessere minime ma non per questo superflue nella ricostruzione della pratica di scrittura seguita dai notai per la composizione di questi libri.

  • 33 Bonaini 1857, p. VII, nota 1.
  • 34 E la cosa deve aver avuto, per questo, un significato se l'operazione di una approbatio viene enunc (...)

29Se certo Al è l'iniziale del podestà Albertus de Porta Laudensi di Pavia (1304), il secondo signum che individua una seconda revisione effettuata sotto quella stessa potestas non è una variante di fantasia: innanzitutto il segno non è « APP » come trascrive Bonaini33, ma app(ro) come abbiamo già spiegato. E la corretta lettura permette immediatamente di riconoscere nel compendio un signum perfettamente riferibile agli approbatores: è con questo termine che in quella seconda revisione sono appellati i sapienti scelti dagli Anziani non solo per correggere ed emendare, ma anche per approvare quel breve34.

  • 35 Come attesta la dichiarazione che in A2 è a c. 142r.

30Inoltre per C.U.: esso non indica il podestà Ciappetinus de Ubertinis, come intese Bonaini che lesse « CU ». Non a caso il notaio pone un punto tra le due lettere. Esse sono la sigla di due autorità distinte: la potestas Ciappetinus de Ubertinis, naturalmente (C.) e il capitaneus del Popolo Ugolinus de Boscareto (U.); è l'autorità di entrambi, infatti, a legittimare la riapertura e riscrittura per revisione su codice del breve35.

31Infine, il signumH. La revisione che contrassegna fu effettuata, certamente, tempore magnifici viri domini Manfredi de Claromonte comitis Mohac (1313 agosto 28) come dichiara il testo su A4 a c. 382r. Esso è tuttavia il signum parlante per l'altissima autorità di cui Manfredi era soltanto vicario a Pisa: sta cioè per Heinricus, per l'imperatore Enrico VII, morto appena quattro giorni prima di quella revisione.

  • 36 Alcuni casi, rievocati nello stesso contesto di problemi, in Ghignoli 2013, p. 326, 329.

32Dunque, osserviamo sui codici statutari pisani un uso tipico di signa in forma di sillaba per indicare l'autenticità della variazione introdotta sotto quel segno nel testo. Un uso gestito dal notaio scriba pubblico del Comune, che nel libro degli statuti trova la sua occasione ufficiale per scrivere, ufficialmente, sia nel modus librario – la littera textualis – sia nel modus corsivo che è proprio, per maggiore tradizione, del suo ambito professionale documentario. Non pare peregrino raccordare allora, su questo piano, la pratica coeva della firma per sigla, semplice o doppia, seguita, sicuramente in Toscana, da certi copisti di manoscritti letterari, che sappiamo essere notai anche se non lo dicono o per i quali si hanno buoni indizi per supporre che lo siano36.

33Del resto, un notaio documentato come copista di testi letterari e che possiamo seguire nel suo officio di scriba publicus anche qui, in questi nostri codici, c'è. È Bindo Guascappa. Bindo – ipocoristico di Ildebrando / Ildebrandino – è il notaio che nella sua elegante e fluente cursiva registra sui margini del codice A2 le revisioni che gli sono dettate dai sapientes al tempo del podestà Brancaleone degli Andalò di Bologna: sono le revisioni signate, come abbiamo visto, dal segno B. Ecco come Bindo nella sua corsiva rende espliciti, secondo regola, nella dichiarazione finale a c. 147v di A2, tutti gli elementi fondamentali dell'operazione:

Correctum et emendatum est hoc breve totum cum additionibus et vacationibus et suprascripta nova capitula facta cum signo B. tempore nobilis [...] per infrascriptos sapientes [...] et scriptis et scripta per Bindum Guascappam notarium cum eis ad predicta electum a suprascriptis antianis, Dominice incarnationis anno millesimo trecentesimo sexto, indictione tertia, sexto idus aprelis.

34A c. 102r di A2 – codice scritto, come abbiamo visto, poco dopo il 30 marzo 1302 in littera textualis verosimilmente dal notaio Giovanni di Moricone – in margine al testo del blocco centrale, c'è una brevissima addictio segnata B. Ita quod fideiussio onnino prestetur – che Bindo scrive in textualis; ripete la cosa in un altro intervento ovviamente signato a c. 108v: sono queste le eccezioni alla regola delle aggiunte sui margini in corsiva, cui si è fatto cenno. Bindo traccia una textualis di modulo piccolo – com'è ovvio, data la sede e la funzione della registrazione – elegante nella stessa misura in cui lo è la sua cursiva: in entrambi i suoi modi scribendi la sua mano è identificabile grazie ad alcune caratteristiche (una lettera-traccia è la sua p).

  • 37 Monaco, Bayerische Staatsbibliothek, cod. hisp. 52.

35Nel codice statutario A2 possiamo quindi farci un'idea della scrittura con la quale Bindo dovette aver copiato quell'opera di Ramon Llull commissionatagli da Princivalle Spinola, quando il nostro notaio era a Genova, prigioniero con gli altri pisani dopo la Meloria. Quel manoscritto non esiste più, ne resta solo una copia tarda, ora conservata a Monaco37. Sulla c. 96r/v del manoscritto di Monaco si legge quella che fu, nel manoscritto genovese, la sottoscrizione di Bindo, e che è suggestivo comparare con quelle presenti nei codici statutari di Pisa:

Hoc opus scriptum et finitum est de mandato nobilis viri domini Presivalli Spinule civis Ianue per Bindum Guascappum pisanum olim in Ianua captivum / nunc vero humanitate eiusdem lumine libertatis gaudentem.

  • 38 L'unico errore del copista è nella terminazione di Guascappu(m), evidente attrazione del precedente (...)
  • 39 Poiché si tratta dell'unica occorrenza di questa formula sui codici statutari, la coincidenza è dav (...)

36Non ci sono errori nella copia del manoscritto monacense: c'è proprio scritto il nome di Bindo Guascappa38. La sottoscrizione è seguita da una formula di benedizione, Sit nomen Domini benedictum in secula, che si ritrova, appena variata, nel nostro codice A3: con Sit benedictum nomen Domini si chiude infatti nel codice il corpo in textualis che, come abbiamo già visto, non ha uno scrittore dichiarato39.

  • 40 Finke 1908, n. 342, p. 514.
  • 41 È il ms. Milano, Biblioteca Ambrosiana, M 76 della Legenda aurea: Cigni 2013. Sui copisti pisani pr (...)

37Quando Bindo registrò le revisioni col signum B., era l'8 aprile del 1305. Due anni dopo, nel mese di giugno 1307 e poi di nuovo alla fine di quell'anno, il nostro Ildebrandinus – Bindo – Guascappa notarius sarebbe andato a Barcellona, ambasciatore del suo Comune presso re Giacomo II. Lo accompagnavano Giovanni Rosso dei Gualandi, miles, e un iuris peritus: Ranieri Sampanti40. Il giudice Ranieri Sampanti era stato uno degli approbatores della revisione statutaria segnata app(ro). del 1305. Anche lui era stato prigioniero dopo la Meloria, e aveva anche lui a Genova, proprio come Bindo, copiato un codice, e non di statuti41.

38Proviamo dunque a generalizzare quanto osservato sulla struttura del testo e sulla distribuzione dei due blocchi di testi negli spazi sulla pagina (specchio di scrittura / margini) e negli spazi sul manoscritto (carte finali vuote dell'ultimo fascicolo o fascicoli aggiunti), individuabili per l'uso dei due opposti modi scribendi (littera textualis / littera cursiva).

39Chiamiamo 'tipo I' il codice scritto tutto in textualis, copia di un codice precedente che portava revisioni; un codice coeso, sia per la corrispondenza fra rubricario e testo sia per l'ordinata distribuzione del testo nei 4 libri: è un tipo rappresentato da A2 al momento della sua origine nel 1302.

40Con 'tipo II' possiamo invece indicare quel codice in cui al corpo centrale in textualis si sia aggiunto coerentemente in cursiva, salvo eccezioni come quella di Bindo, altro testo autentico (emendamenti ai margini, nova capitula in coda): è ciò che accade allo stesso A2 dopo il marzo 1302, quando sotto diversi podestà riceve revisioni nel 1302 aprile 21, nel 1304 aprile 16, 1304 luglio 17, 1304 luglio 30, e nel 1305 aprile 8.

41Di un codice esistente di tipo II, poteva però anche essere fatta la mera copia, conservativa di tutte le revisioni e dei nuovi capitoli aggiunti alla fine nella loro originaria disposizione, cioè fuori dalla cornice dei 4 libri, con tutta la serie delle dichiarazioni autenticatrici. Inquadrabile in questo 'tipo III' è il codice A3 al momento della sua stesura in libraria poco prima o poco dopo il 1304 luglio 30. A3 trasporta in textualis ben 4 revisioni succedutesi nel giro di un anno, dal 1303 al 1304, che furono inserite in scrittura corsiva su un codice perduto che possiamo collocare alla stessa altezza di A2: quest'ultimo continua in effetti a esistere accanto ad A3. Dopodiché anche A3 venne usato come codice di tipo II, venendovi aggiunte in corsiva le revisioni segnate B. del 1305 aprile 8.

  • 42 Sul miniatore estroso di A4, autore delle miniature anche di un breve del Popolo (ASP, Comune, Divi (...)

42Un 'tipo IV' è rappresentato dal codice A4: è copia di un codice in scrittura libraria che trasportava una sola fase di revisione in corsiva di cui è traccia la dichiarazione copiata in textualis. Ma la differenza rispetto al tipo III è che il codice A4 era sopraggiunto, e a non molta distanza di tempo, a un codice che non abbiamo più e che era stato realizzato con lo scopo di rendere leggibile un'ampia revisione. Ne risulta così, anche per A4, l'aspetto e la sostanza di un corpus compatto, in cui tutto il precedente materiale è rifuso e riorganizzato, distribuito nei 4 libri, in capitoli numerati e intitolati; dopo il capitolo finale, è copiata la serie delle dichiarazioni autenticatrici delle revisioni, comunicando così in modo evidente la loro natura autentica e la loro importanza come testo organico al testo statutario. Il codice A4 venne fatto anche decorare.42 Nel 1337, ossia 24 anni dopo, A4 divenne un codice di tipo II.

  • 43 Ghignoli 1998a, p. LVI ss.

43Per concludere, non sappiamo quando sia stata avviata questa pratica che tre soli codici di inizio Trecento sembrano rappresentare, e come si sia consolidata. Sappiamo solo che quando su A2 il notaio Pardo Frenetti inseriva le correzioni col segno Al. – era il 1304 –, il vecchio codice del conte Ugolino del 1287 era là, in cancelleria, e Pardo tentò anche di lavorarci43.

44Di sicuro, l'uso di un codice di tipo II o di tipo III comportava lo svuotamento di senso della presenza del rubricario, sempre trascritto contestualmente al primo blocco di testo in textualis all'inizio del codice, e lo snaturamento della struttura organizzata per materie in 4 libri, scardinata dall'inserzione meccanica di capitoli nuovi in carte finali o su carte di fascicoli aggiunti. Questo particolare induce a riflettere sulle legature che i nostri libri potevano aver ricevuto. Inoltre, conseguenza e segnale dei diversi comportamenti di copia, è la posizione del capitolo « chiave del breve », contenente, come abbiamo visto, disposizioni finali per l'interpretazione di tutto quanto risultava scritto sopra: la clavis tende a risalire dal fondo, e non è mai finale nei codici di tipo III.

45È lecito inoltre immaginare che, almeno su certi esemplari di codici o almeno in determinate fasi della loro vita, il lettore autorizzato fosse via via in grado di identificare subito i nova capitula e il loro argomento, anche se non avevano titolo e rubrica, e proprio per il diverso modus scribendi, per i segni autentici, per la posizione in coda: per una pratica di redazione, insomma, riconoscibile e significante. Torna quindi, nelle considerazioni che saranno da fare, il tema della lettura discreta secondo le ottime intuizioni di Blattmann; ma anche, e forse con più senso nei nostri casi, il tema della creazione, dello sviluppo, dell'adozione o dell'abbandono di un modello specifico di libro per il codice statutario.

46Quando con la revisione del 1305, affidata alla mano di Bindo Guascappa (segnata B.), venne corretto il codice A3, era in cancelleria anche il codice A2 e ricevette in margine lo stesso trattamento: sembrano esser stati considerati entrambi codici vigenti. Quando nel 1337 si corresse con le revisioni in corsiva segnata C. il codice A4, il codice A3 era ancora in circolazione e ricevette le stesse correzioni, pur essendo A4 un codice che aveva riordinato in maniera congruente tutti i testi anteriori, mentre A3 portava cristallizzata, in scrittura del textus, la crescita alluvionale di capitoli nuovi non individuabili nel rubricario, per non parlare delle modifiche incorporate nel blocco centrale non più riconoscibili. L'ultimo revisore li collocò di fatto sullo stesso piano. Quando egli agiva, dalla stesura in libraria del codice A4 erano trascorsi 24 anni. E 35 ne erano ormai passati da quando fu terminata la scrittura in textualis del codice A3.

Haut de page

Notes

1 Per un aggiornamento al 2005, v. Angiolini et al. (ed) 2009. Sulle edizioni di statuti toscani in particolare, v. Raveggi-Tanzini 2001, Raveggi-Tanzini 2009.

2 I due capitoli sono rispettivamente in Ghignoli 1998a, p. 438, cap. XXII e in Bonaini 1857, p. 410, cap. XXI.

3 Basti qui il rinvio a Caprioli 1981, Caprioli 1989, quindi Caprioli et al. (ed.) 1996.

4 Le linee programmatiche del progetto già in Keller 1988 e alcuni risultati in Keller-Busch (ed.) 1991. La storia e soprattutto l'elenco completo degli studi prodotti in quel progettto sono ora consultabili all'indirizzo web : http://www.uni-muenster.de/Geschichte/MittelalterSchriftlichkeit/ [aprile 2014].

5 Caprioli 1981, p. 412-413.

6 Caprioli 1981, p. 415. L'edizione, una volta che si siano individuati tutti gli strati, dovrebbe emergere nella fase considerata, pubblicando anche le differenze tra lo strato considerato e gli altri : non però come varianti (concetto che appartiene all'ecdotica dei testi chiusi coi loro stemmi), ma piuttosto come redazioni plurime : v. Caprioli et al. (ed.) 1996, I, p. XXVIII.

7 Ultrattivo o retroattivo è quel capitolo che contiene disposizioni che travalicano l'annualità (o un periodo determinato e implicito di tempo della vigenza del testo normativo) in opposte direzioni, o per il tipo di prescrizione o per il carattere durevole degli interessi perseguiti. Un capitulum precisum è un capitolo ultrattivo che ha anche, programmaticamente, il potere di prevalere su ogni altra delibera contrastante che esista scritta nel testo. Tali capitoli disciplinano le clausole non obstante e salvo quod, e l'eventuale concorrenza di capitoli derogatori e derogati.

8 Busch 1991, p. 11; Keller 1988, p. 300.

9 Faini 2013, p. 420.

10 Blattmann 1994.

11 Per avere qualche esempio, e dal codice statutario pisano più antico: Ghignoli 1998a, p. 46, 47, 535.

12 A Pisa dall'esemplare esposto gli ufficiali addetti avrebbero potuto copiare, magari su richiesta di enti importanti, alcuni capitoli: ha avuto questa origine la copia su pergamena cui si farà cenno più avanti, a nota 20. Per un esempio, v. ancora, Ghignoli 1998a, p. 71.

13 Cfr. Ghignoli 1998a, p. 60, cap. XXII, p. 80, cap. XLIII.

14 E per osservanza a una tradizione internazionale : Zamponi 2007, p. X.

15 Sul tema cfr. Ghignoli 2013.

16 È noto, ma lo ricordiamo, che a Pisa si continuò, nel XIII e nel XIV secolo, a denominare in questo modo il testo statutario, con lo stesso termine, cioè, con il quale nella primissima fase del Comune si era indicato – a Pisa, come anche Genova e Pistoia – il testo che i magistrati cittadini di allora, i consoli, dovevano giurare ogni anno, con l'inizio del loro ufficio. Quel testo era, com'è altrettanto noto, formulato come un elenco di impegni : l'idea che l'adozione del termine breve per quei testi della metà del secolo XII non sia un caso ma che «riecheggi l’antico concetto di “scrittura seriale” » legato al termine è in Bartoli Langeli 2003, p. 12, nota 22. Quel termine breve non venne però a Pisa semplicemente esteso per denominare una nuova struttura testuale di statuto: nei brevi due- e trecenteschi il tenore dei capitula continua ad essere in prima persona e si continua tendenzialmente a conservare, degli antichi brevi, il lessico (col verbo iurare) e il tempo verbale al futuro.

17 Editi in Bonaini 1854.

18 Si tratta dei codici del’Archivio di Stato di Pisa (ormai abbreviato in ASP), Roncioni, 323 e ASP, Comune, Divisione A, 5 : sono gli unici comparabili, dal momento che il terzo codice conservato per il Breve del Popolo – ASP, Comune, Divisione A, 6 – porta il testo volgarizzato. La loro edizione in Bonaini 1857.

19 ASP, Diplomatico, Atti Pubblici, 1163 e ASP, Diplomatico, Roncioni, 1165 gennaio 1: sono editi in Bonaini 1854, p. 1 ss e 21 ss., e in Banti (ed.) 1996. Anche le poche considerazioni fatte in merito nell'introduzione all'edizione più recente non spiegano la forma di questa tradizione, sulla quale mi ripropongo di tornare in altra sede.

20 ASP, Diplomatico, Primaziale, 1275 gennaio; edizione in Bonaini 1854, p. 45-33; cfr. Ghignoli 1998a, p. LXX e in particolare Ghignoli 2013, p. 320.

21 ASP, Comune, Divisione A, 7 e il ms. Roma, Biblioteca del Senato, Statuti 81, ai quali deve essere aggiunto un frammento databile agli anni 1292-1293: su tutti v. da ultima Ghignoli 1998.

22 Edito in Ghignoli 1998a; per la sua composizione in particolare, v. p. LXXIX s.

23 Ghignoli 1998a, p. 564. Nell'edizione non è stata neppure prospettata l'ipotesi che in contentu / contestu potesse celarsi un lapsus grafico dello scriba (da decidere, peraltro, se nel primo termine o nel secondo) : si è presupposto piuttosto che, con l'impiego dei supini di contineo e di contexo (caratterizzati dall'allitterazione con-), chi dettò avesse inteso esprimere l'aspetto ideologico dell'operazione di metter insieme i due testi (contentu) e quello della realizzazione pratica della loro scrittura (contestu) come aspetti distinti ma legati e conseguenti.

24 La definizione littera textualis – come più avanti littera minuta cursiva – è impiegata nel senso precisato in Casamassima 1988, e preferita qui alla più diffusa definizione di scrittura gotica, e nella fattispecie a quella di « gotichetta » con la quale si è definita proprio la scrittura dei codici statutari pisani : cfr. Petrucci 1994.

25 Cfr. Ghignoli 2013, p. 316-318.

26 Come leggere il dato di una rarefatta tradizione archivistica dei codici di statuti, è indicato bene in Faini 2013, p. 422 s.

27 I segni di richiamo hanno forme tipiche e ricorrenti tracciate in maniera accurata; è usata anche la serie dei segni alfabetici, e una particolare preferenza è per la lettera d tracciata in forma onciale.

28 Tracce che portano lontano da Pisa: intorno a Pardo Frenetti verterà il mio contributo al secondo incontro del progetto « Statuts, écritures et pratiques sociales dans les sociétés de la Méditerranée occidentale à la fin du Moyen Âge (XIIe-XVe siècles) » dedicato al tema « La confection du statut. ‘Auteurs’, structures et rhétorique », previsto nei giorni 26-27 giugno 2014 presso l'École française de Rome.

29 Ed eventuale decorazione, almeno per il codice A4: v. più avanti, nota 42.

30 È un microtesto tipico delle revisioni, di contenuto variabile ma struttura fissa e connotato da questo incipit, che compare già impiegato nel breve del conte Ugolino: cfr. Ghignoli 1998a, p. LXXXII s.

31 Bonaini 1857, p. VII-IX.

32 Per esempio in Violante 1980, p. 224-225.

33 Bonaini 1857, p. VII, nota 1.

34 E la cosa deve aver avuto, per questo, un significato se l'operazione di una approbatio viene enunciata distinta dopo le altre consuete di correzione ed emendazione : Correctum et et emendatum et approbatum est hoc brevem totum cum additionibus [...] cum hoc signo .app(ro). [...] tempore nobilis [...] Pisanorum potestatis [...] per infrascriptos viros approbatores ab antianis [...] (A2, c. 145v).

35 Come attesta la dichiarazione che in A2 è a c. 142r.

36 Alcuni casi, rievocati nello stesso contesto di problemi, in Ghignoli 2013, p. 326, 329.

37 Monaco, Bayerische Staatsbibliothek, cod. hisp. 52.

38 L'unico errore del copista è nella terminazione di Guascappu(m), evidente attrazione del precedente Bindum e richiamo del successivo pisanum. La lezione Guastappum pubblicata in trascrizioni recenti (in Fidora 2008, p. 336 ss; quindi in Cigni 2013, p. 114, nota 17, dove è giudicata erronea del copista) è imputabile solo a lettori disattenti della scrittura bastarda non italiana di tardo Trecento, forse primo Quattrocento, dell'anonimo copista. Il manoscritto è ben ispezionabile nella digitalizzazione del Raimundus-Llullus Institut di Freiburg: <freimore.uni-freiburg.de> [aprile 2014].

39 Poiché si tratta dell'unica occorrenza di questa formula sui codici statutari, la coincidenza è davvero suggestiva; potrebbe renderla significativa un confronto più serrato tra la textualis di Bindo presente su A2 e quella del testo di A3, che purtroppo non mi è stato possibile effettuare in archivio al momento di licenziare questo lavoro. La formula è evidente elaborazione di Ps. 112, 2; un suo impiego particolare è anche nelle scritture del contemporaneo notaio fiorentino Matteo di Biliotto: v. Soffici (in stampa).

40 Finke 1908, n. 342, p. 514.

41 È il ms. Milano, Biblioteca Ambrosiana, M 76 della Legenda aurea: Cigni 2013. Sui copisti pisani prigionieri a Genova, v. Cigni 2006.

42 Sul miniatore estroso di A4, autore delle miniature anche di un breve del Popolo (ASP, Comune, Divisione A, 5) v. Orofino 1988, p. 488 ss. Sia notato qui, di passata, che le grandi iniziali filigranate di A4 sono abbastanza vicine, nel genere, a quelle rilevate in Cigni 2013, fig. 3.

43 Ghignoli 1998a, p. LVI ss.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Antonella Ghignoli, « Il codice e i testi. Per una fenomenologia del codice statutario a Pisa fra XIII e XIV secolo », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge [En ligne], 126-2 | 2014, mis en ligne le 27 août 2014, consulté le 23 mars 2017. URL : http://mefrm.revues.org/2095 ; DOI : 10.4000/mefrm.2095

Haut de page

Auteur

Antonella Ghignoli

Dipartimento di Storia, Culture, Religioni - La Sapienza-Università di Roma - antonella.ghignoli@uniroma1.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org