Navigation – Plan du site
Le monopole de l’alun pontifical à la fin du Moyen Âge

L’allumiera di Monteleo nel territorio di Monterotondo Marittimo

Luisa Dallai

Résumés

Lo scavo dell’allumiera di Monteleo (provincia di Grosseto), avviato nel 2008 dall’Università di Siena, sta apportando significativi elementi di conoscenza al ciclo produttivo dell’allume alunitico. Oltre a fornire preziose indicazioni di carattere tecnico che consentono di verificare quanto noto dai testi tecnici, lo scavo sta facendo emergere una lunga storia del sito, certamente avviata nel corso del XIV secolo, che, attraverso lunghe fasi di pausa, è terminata solo alla metà del XVIII secolo. Lo scavo sta inoltre illuminando una storia tecnologica complessa, che intreccia la stagione di lavorazione dell’alunite a cicli produttivi diversi, orientati alla trasformazione di minerali metallici, e al contempo sta fornendo elementi per comprendere quale fosse l’aspetto dei centri di trasformazione metallurgica presenti nel territorio fra basso Medioevo e prima Età Moderna.

Haut de page

Texte intégral

Le linee del progetto: studio di un distretto minerario, studio di un contesto produttivo

  • 1 Per un’ultima sintesi si veda Bianchi - Bruttini - Dallai 2011, p. 249-282.
  • 2 Bianchi 2010, p. 93-104.
  • 3 Lineamenti generali del progetto e del sito in Dallai et al. 2009, p. 35-56.

1Lo scavo dell’allumiera di Monteleo, avviato dall’Università di Siena (Dipartimento di Scienze Storiche e dei Beni Culturali) nell’autunno del 2008, rappresenta un tassello importante di un ampio progetto multidisciplinare che riguarda l’intera area delle Colline Metallifere grossetane. Di questo progetto, il cui nome « Colline Metallifere » inquadra perfettamente il territorio che ne costituisce l’oggetto di indagine, si sono in altre sedi ampiamente approfondite le finalità scientifiche1. In questo caso ci limiteremo a ricordare che le indagini, tutt’ora corso, sono state avviate nella prima metà degli anni ’90 per impulso di Riccardo Francovich, ed hanno previsto la realizzazione di scavi su siti fortificati, dei quali si sono messi in luce importanti aspetti legati alla gestione del ciclo produttivo del metallo (piombo/argento e rame in particolare), e numerose campagne topografiche estensive2. Queste ultime sono state mirate alla comprensione dei rapporti esistenti fra la rete insediativa e la presenza di risorse del sottosuolo lungo un ampio arco cronologico, con un focus particolare sul periodo di formazione del paesaggio medievale e sulle forme di organizzazione del potere fra Alto e Basso Medioevo. Lo studio del territorio di Monterotondo Marittimo, avviato a partire dall’autunno del 2004, si inscrive perfettamente all’interno di tali linee progettuali : le indagini a campione hanno impegnato una équipe di archeologi dell’Università di Siena, coordinata da chi scrive, fra il 2004 ed il 2008. Al termine di quelle indagini si è proposta una lettura delle tendenze diacroniche del popolamento, e si è posta una particolare attenzione alla ricostruzione dei possibili legami esistenti fra le risorse del sottosuolo, la rete insediativa ed i luoghi di produzione : Monteleo è divenuto, da questo punto di vista, un sito esemplare per la ricerca.3

2Lo scavo è in corso dal 2008; i risultati stanno apportando significativi elementi di conoscenza in relazione ad un ciclo produttivo, quello dell’allume alunitico, che ebbe un impatto decisamente significativo sull’economia occidentale a partire dal basso Medioevo, i cui aspetti tecnici sono però noti ad oggi sostanzialmente attraverso lo studio della trattatistica e della documentazione scritta.

3L’allumiera di Monteleo è localizzata in una delle zone di concentrazione della materia prima, al limite NW del territorio comunale di Monterotondo Marittimo, a ridosso della pianura del Frassine

Fig. 1 - Allumiera di Monteleo: localizzazione degli impianti e dei fronti di cava

Fig. 1 - Allumiera di Monteleo: localizzazione degli impianti e dei fronti di cava
  • 4 Per un approfondimento di carattere documentario si rimanda a Boisseuil - Chareille 2009, p. 9-28; (...)

4Sul sito, già sede di una allumiera fra la fine del XV e la prima metà del XVI secolo, alla metà del XVIII secolo si concentrarono cospicui investimenti da parte della Reggenza lorenese4 ; nel volgere di pochi anni tuttavia l’impianto venne chiuso per mancanza di profitto e non conobbe ulteriori manomissioni o trasformazioni d’uso. Oggi dell’antica vocazione produttiva dell’area restano tracce nella toponomastica locale : sia il « Catasto Leopoldino » del 1821 che il Catasto attuale riportano infatti il toponimo « Allumieracce » riferito ai resti delle strutture produttive che sono ora oggetto dei nostri studi. Il toponimo « Allumiere » indica invece un vicino podere ubicato all’imbocco della pianura del Frassine.

  • 5 Per una rassegna relativa commerci e viabilità in età etrusco-romana si veda Ponta in Dallai et al.(...)
  • 6 La tecnica « SFM » è stata introdotta sul cantiere dal dott. Giulio Poggi, che fa parte del team di (...)

5Il sito scelto per posizionare le strutture produttive è decisamente strategico ; la topografia ha indicato che l’area fu sede di collegamenti viari e commerciali di raccordo fra le colline dell’interno e la costa sin dall’età Etrusca5. Il versante collinare immediatamente soprastante le strutture produttive è stato inoltre coltivato per prelevare la materia prima verosimilmente in più fasi, delle quali rimane ovviamente visibile l’ultima, la più recente, quella che può essere ascritta alle coltivazioni di metà XVIII secolo. Ad una più attenta osservazione tuttavia il fronte di cava mostra segni chiari della presenza di precedenti sfruttamenti in galleria, evidentemente tagliati dalle successive cave a cielo aperto : documentando la cava con la tecnica « Structure From Motion » (SFM), mediante la quale è possibile orientare nello spazio un set di immagini realizzate con una fotocamera non calibrata e generare un modello 3D corredato di texture, tali dettagli risultano evidenziati con chiarezza e possono essere misurati. Sul cantiere di Monteleo questo tipo di documentazione viene affiancata alla più tradizionale documentazione di scavo, ed ha consentito, nello specifico, la documentazione di evidenze non fisicamente raggiungibili e quindi impossibili da misurare, come quelle individuate sulla grande cava di Buca dei Falchi6

Fig. 2 - Cava di Buca dei Falchi. Le tracce di coltivazioni in galleria sono evidenziate su un modello 3D ottenuto con la tecnica «SFM»; realizzazione grafica G. Poggi.

Fig. 2 - Cava di Buca dei Falchi. Le tracce di coltivazioni in galleria sono evidenziate su un modello 3D ottenuto con la tecnica «SFM»; realizzazione grafica G. Poggi.

6In prossimità delle cave le indagini topografiche avviate nel 2004 hanno portato all’individuazione dei resti delle strutture produttive ; si tratta di tre gruppi distinti di fornaci, poste a poche centinaia di metri da un piccolo fosso, il « Risecco », parte anch’esso delle infrastrutture coinvolte nel ciclo produttivo.

  • 7 Si veda Boisseuil 2005, p. 106-107.

7Lo scavo si è concentrato su entrambe le sponde del corso d’acqua, ed ha indagato contesti produttivi riferibili, nella maggior parte dei casi, alla fine del XV-prima metà XVI secolo, ossia alla fase della grande ripresa di attività di cava e lavorazione dell’allume che i documenti attestano su più punti del territorio toscano7.

8Le indagini condotte nell’area produttiva ubicata in prossimità della cava di « Buca dei Falchi » (Area 1000) hanno tuttavia evidenziato la presenza di fasi di occupazioni del pianoro a fini produttivi decisamente più antiche, che possono essere ascritte ad un orizzonte di XIV secolo. Si tratta di murature realizzate con bozze non squadrate di calcare e macigno, litologie presenti nell’area circostante, legate da terra. L'andamento convergente di due delle murature individuate richiama con tutta evidenza la forma di un prefurnio ; l'ipotesi che le strutture murarie possano fare parte di un complesso fusorio più antico è inoltre suggerita dalla presenza di un esteso mucchio di pietre di dimensioni medio-grandi e forma irregolare, molto alterate per la presenza di minerali ma prive di tracce di esposizione al fuoco, forse predisposte per una cottura mai avvenuta e poi utilizzate come inerti nelle fasi di riassetto dell’area successive all’abbandono delle strutture più antiche.

Fig. 3 - Monteleo, Area 1000. In evidenza i resti murari relativi ad impianti produttivi abbandonati nel corso del XIV secolo e l’imponente sistemazione in pietre antistante.

Fig. 3 - Monteleo, Area 1000. In evidenza i resti murari relativi ad impianti produttivi abbandonati nel corso del XIV secolo e l’imponente sistemazione in pietre antistante.
  • 8 Per un raffronto tipologico si veda Thomas 2010, p. 36.

9Sul pianoro che ospitò tali attività produttive, la cui natura al momento rimane da precisare, sia lo scavo che le sistematiche analisi XRF condotte in collaborazione con il Dipartimento di Biotecnologie, Chimica e Farmacia dell’Università di Siena (prof. A. Donati) stanno evidenziando la presenza di ulteriori indicatori produttivi, non pertinenti al ciclo dell’allume, ma legati piuttosto alla lavorazione di minerali metallici (rame in particolare). Si inserisce in questo quadro il significativo rinvenimento di una piccola struttura produttiva orientata secondo un asse NW/SE, totalmente obliterata dalle fornaci rinascimentali, in particolare da prefurnio del Forno 3 che la intercetta in parte. La struttura, attualmente in fase di scavo, è composta da una camera circolare realizzata in laterizi del diametro di m 3 circa, preceduta da un prefurnio strombato, anch’esso in laterizi, conservatosi per la lunghezza di m 1,5 Il rinvenimento di numerosi minutissimi frammenti di rame e di una piccola scoria di colata, oltre ai confronti tipologici, indicano che essa svolse la sua funzione produttiva all’interno del ciclo del rame. Gli stringenti paralleli morfologici e i dati della stratigrafia collocano la fase d’uso della struttura entro il pieno XV secolo8.

Fig. 4 - Monteleo, Area 1000. La piccola struttura fusoria realizzata in laterizio rinvenuta al di sotto delle fornaci rinascimentali.

Fig. 4 - Monteleo, Area 1000. La piccola struttura fusoria realizzata in laterizio rinvenuta al di sotto delle fornaci rinascimentali.

10La presenza di indicatori di produzione legati al ciclo metallurgico del rame, uniti al rinvenimento di un numero assai rilevante di altri indicatori di produzione, questa volta legati ad attività di riduzione e forgiatura dei minerali ferriferi (Area 3000), apre importanti prospettive di studio sul sito, che appare sempre più configurarsi come un centro produttivo versatile, in grado di attrarre iniziative imprenditoriali rivolte a diverse materie prime e legate a congiunture economiche e di mercato differenziate in un lungo periodo, che va dal tardo Medioevo fino a tutta l’Età Modena.

Le risorse naturali del territorio. Rame, piombo/argento ed allume

  • 9 Una rassegna della storia delle attività estrattive nel territorio delle Colline Metallifere grosse (...)
  • 10 Aranguren et al. 2007, p. 79-100 ; Bianchi - Dallai - Guideri 2009, p. 638-642.

11Uno degli aspetti peculiari del progetto « Colline Metallifere » è, come detto, lo studio del rapporto esistente fra insediamento e risorse, con particolare riferimento a quelle del sottosuolo. E’ noto che il territorio delle Colline Metallifere deve il suo nome alla presenza di importanti mineralizzazioni a solfuri misti che hanno reso l’area uno dei principali distretti minerari della Penisola, nel quale le attività estrattive si sono sviluppate per un arco cronologico molto ampio, che dall’Età del Rame giunge sino ai giorni nostri9. Nel comprensorio di cui ci stiamo occupando la coltivazione dei giacimenti è stata realizzata prevalentemente mediante pozzi e gallerie, talvolta molto articolati e profondissimi; ciò denota la presenza di competenze tecniche notevolmente evolute, rintracciabili anche nella complessa gestione dei cicli metallurgici per trasformare i solfuri di rame e piombo/argento in metallo10.

  • 11 Sull’origine dei giacimenti toscani si veda Tanelli 1983, p. 91-110.
  • 12 Cuteri - Mascaro 1995, p. 66-68.
  • 13 Per Rocchette si veda in ultimo Grassi 2013 ; per Cugnano Bianchi et al. 2012, p. 644-649.

12I giacimenti che interessano più da vicino la storia estrattiva e metallurgica di epoca pre-industriale in queste zone sono costituiti da concentrazioni di minerali diversi, in prevalenza galena, blenda e calcopirite, ed hanno generalmente carattere filoniano; le mineralizzazioni, le cui alterazioni sono visibili in molti casi già in superficie, hanno origine idrotermale e si dispongono all’interno di fratture e faglie11. Il territorio di Monterotondo Marittimo, quello di cui ci occupiamo più da vicino, si inscrive pienamente all’interno di questa geografia del minerale ; l’area di Poggio Trifonti, ad esempio, localizzata al margine sud-orientale dello stesso, si caratterizza per la presenza di ricchi giacimenti a solfuri misti, sfruttati sia per la presenza di minerali piombo/argentiferi, che per gli idrossidi ferriferi12. La loro coltivazione è alla base della nascita e dello sviluppo di due importanti siti fortificati, come Rocchette Pannochieschi e Cugnano, il cui studio ha evidenziato le profonde connessioni fra le forme dell’insediamento (e le connesse forme del potere) e la presenza di risorse del sottosuolo sin dal IX secolo13.

  • 14 Si veda Hägermann - Ludwig 1991, p. 21.
  • 15 Rodolico 1938, rub. 84.

13L’esistenza di uno sfruttamento minerario maturo e ben strutturato, capace di rivolgere la propria attenzione ad una molteplicità di risorse, emergere sia dalle indagini sul campo che dai testi scritti. La presenza di processi metallurgici complessi (argento, rame, e piombo in particolare) si evince chiaramente anche dalla lettura delle rubriche del celeberrimo statuto minerario massetano, gli Ordinamenta super arte fossarum rameriae et argenteriae civitatis Massae che costituiscono uno fra i più antichi compendi di leggi minerarie d’Europa. Le norme, il cui nucleo originario è databile all’ultimo venticinquennio del XIII secolo, si occuparono di regolare l’intero ciclo produttivo, dall’estrazione al saggio finale del metallo, e costituirono un modello normativo da cui molte altre leggi minerarie, inclusi i più tardi statuti senesi e pisani, trassero nettamente ispirazione14. Questa testimonianza scritta supporta ciò che l’archeologia ha, dal canto suo, già evidenziato, cioè l’evoluzione di una specifica capacità tecnologica, in grado di gestire una materia prima complessa, i solfuri misti appunto, mediante un ciclo produttivo multifase. Fra le materie prime menzionate dal Codice Minerario figurano anche gli allumi, i quali vengono tuttavia inseriti nelle norme solo in aggiunte più tarde, probabilmente in relazione all’acquisizione da parte del Comune di Massa di aree di particolare concentrazione della risorsa o anche della progressiva importanza economica acquisita da questa materia prima nel corso del XIV secolo.15

  • 16 Thirion-Merle - Cantin 2009, p. 63.

14Nel territorio delle Colline Metallifere le concentrazioni più significative di minerali alluminiferi sono localizzate, al confine fra l’area grossetana, quella volterrana ed il livornese, ed è l’alunite, solfato doppio di alluminio e potassio (KAl3(SO4)2(OH)6), che si rinviene in significative percentuali entro le rocce sedimentarie (scisti argillosi o argille ricche in alluminio e potassio), con l’unica eccezione del giacimento di Montioni, dove l’alunite pura deriva dall’ossidazione delle originarie vene solfatiche in ganga silicea (quarzi)16.

  • 17 Lombardi 1977, p. 2.
  • 18 Fiumi 1943, p. 42 ; una panoramica generale relativa alle acque termali in Dallai – Fineschi – Pont (...)

15In molti casi l’alunite è stata rinvenuta in associazione con depositi di caolino, in zone ove sono presenti sorgenti termali con temperature attorno ai 40-50°17 ; anche nell’area prossima a Monteleo, nella pianura del Frassine, è storicamente attestata l’esistenza di acque termali, delle quali rimane oggi traccia evidente nel toponimo « Bagnaccio », riferito ai ruderi di un edificio probabilmente legato allo sfruttamento delle stesse, e nei resti di una seconda struttura ipogea denominata « Botte » o « Cantina del Re », originariamente una cisterna di raccolta delle acque calde18. Le maggiori concentrazioni di alunite rinvenute nel territorio di Monterotondo Marittimo sono localizzate proprio a ridosso di quest’area pianeggiante, e sono tutt’oggi facilmente riconoscibili poichè ben evidenti sono i segni del loro sfruttamento avvenuto sia in galleria che attraverso grandi cave a cielo aperto.

Gli impieghi dell’allume ed il suo ciclo produttivo alla luce dei dati archeologici

16Per meglio definire la natura funzionale delle emergenze individuate sul sito di Monteleo è utile, a nostro parere, una breve premessa che consenta di inquadrare il prodotto oggetto di questo ciclo produttivo, i suoi principali impieghi e la sua tecnica di produzione.

  • 19 La definizione è in Singer 1948, p. XVII.

17Diciamo innanzi tutto che con il termine allume viene designato un gruppo di materie prime piuttosto eterogenee, accomunate tuttavia da alcune proprietà assai specifiche per le quali esse risultavano utilissime in diversi campi della manifattura e non solo; il termine indica in particolare un solfato doppio di alluminio e potassio o di alluminio ed ammonio, o anche una miscela dei due tipi (Al2 (SO4)3 K2 SO4 24H2O; Al2 (SO4)3 (NH4)2 O4 24H2O)19.

  • 20 Per un approfondimento si veda Cardon, 2003 ; Delamare - Monasse 2005, p. 277-291.
  • 21 Riferimenti in Halleux 2005, p. 11.
  • 22 Un inquadramento della problematica in Finetti 1987, p. 39-41.

18Gli allumi sono noti per essere stati impiegati in farmacia ed alchimia, ma il loro utilizzo maggiormente conosciuto fu legato alla tintoria ; l’allume rappresentava infatti la miglior sostanza mordente conosciuta nell'antichità, la più pregiata, ed il suo impiego era particolarmente ampio, considerato il fatto che, ad eccezione di pochissimi casi, quasi tutti i colori necessitano di un mordente20. Naturalmente le variabili composizionali della materia prima influiscono significativamente sulla qualità del prodotto, rendendolo più o meno idoneo ad un impiego piuttosto che ad un altro ; oltre al largo utilizzo nell’industria tessile, l’allume è noto per l’uso nelle fasi di concia del pellame e, non meno importante, per i suoi impieghi in metallurgia. Questi ultimi sono attestati anche dalle fonti antiche ; Strabone descrive ad esempio il procedimento di purificazione dell'oro che consisteva nella cottura dello stesso in una soluzione alluminosa. L’allume, insieme al vetriolo azzurro (CuSO4·5H2O) e al sale di pietra (KNO3) entrava nella composizione della cosiddetta aqua forte o aqua valens, un composto acido che veniva utilizzato per separare i metalli nobili dagli altri meno preziosi.21 Notissima è inoltre la tecnica dell’arricchimento superficiale delle leghe di argento (ad esempio quelle utilizzate per la monetazione), ottenuta attraverso il bagno della moneta in una soluzione ricca di sali d’allume, una pratica documentata sia in epoca classica che nel Medioevo22.

  • 23 Giumlia - Mair 2005, p. 336-337.

19Esiste infine un impiego dell’allume nelle fasi di lavorazione del ferro, sia in quelle più raffinate di doratura, sia in quelle maggiormente diffuse di forgiatura ; in questo secondo caso l’allume permette di eliminare le ossidazioni superficiali, facilita il contatto metallo/metallo e rende meno problematiche le operazioni di saldatura, limitando il ricorso a temperature troppo elevate che possono « bruciare » il metallo.23

  • 24 La schematizzazione funzionale è in Picon 2005, p. 13.

20L’eterogeneità chimica dei prodotti mordenzanti genericamente compresi sotto il nome di allume si riflette in una terminologia assai articolata conservata dalle fonti scritte, così che la sola classificazione possibile, già proposta da Maurice Picon, distingue gli allumi naturali (cioè quelli sfruttati allo stato nativo), dagli allumi cosiddetti artificiali (ossia quelli derivati da un processo di lavorazione di materie prime quali gli scisti piritici e l’alunite), e questi ultimi da quelli definiti di sintesi, che sono il prodotto di una lavorazione di carattere industriale24. Questa tripartizione a carattere produttivo fornisce contemporaneamente anche un inquadramento cronologico progressivo.

21Mentre il processo di lavorazione degli allumi nativi non necessita di particolari conoscenze metallurgiche poichè basta sottoporre le concrezioni saline a « lisciviazione » in vasche per il tempo necessario alla completa evaporazione della parte liquida per ottenere la formazione di cristalli di minerale già pronti ad essere impiegati, assai diverso è invece il processo di produzione degli allumi artificiali. L’allume contenuto nella roccia alunitica in forma di solfato di potassio e alluminio (KAl3(SO4)2(OH)6) è infatti di per sé praticamente insolubile, ed è solo attraverso un processo di lavorazione noto sin dal Medioevo, che esso può essere reso disponibile all’utilizzo.

  • 25 Agricola 1556, XII ; Biringuccio1540, II, p. 78-81.

22Alla metà del ‘500 le operazioni necessarie per questa trasformazione furono descritte in letteratura sia da Vannoccio Biringuccio che da Giorgio Agricola25, e sono sintetizzabili in quattro passaggi fondamentali : arrostimento, macerazione, lisciviazione e cristallizzazione. L’insieme di questi passaggi aveva luogo in siti destinati all’espletamento dell’intero ciclo produttivo, le « allumiere ». « Allumiera », almeno dal XV secolo in poi, è dunque un termine con cui sinteticamente si indica il luogo ove convergeva una pluralità di funzioni, e per tale ragione da Monteleo possono essere ricavate molte e diverse indicazioni relative ai diversi passaggi del processo produttivo descritto nella trattatistica, così come informazioni sulla pianificazione dei luoghi di trasformazione e sugli spazi destinati alle diverse operazioni.

  • 26 Parziali trascrizioni del manoscritto di Giovani Targioni Tozzetti conservato alla Biblioteca Nazio (...)

23Alla metà del XVIII secolo delle operazioni relative al ciclo produttivo dell’allume alunitico ha lasciato una testimonianza puntualissima lo scienziato e naturalista Giovanni Targioni Tozzetti. Questa descrizione tarda è particolarmente importante ai fini del nostro studio perché corrisponde alla diretta osservazione delle attività che egli potè annotare durante la sua visita all'allumiera di Monteleo avvenuta nel 1745. Tale visita, voluta dal conte de Richecourt per conto della Reggenza Lorenese, si era resa necessaria ai fini di una corretta valutazione economica e produttiva dell’impresa nella quale si erano investite cospicue somme26. Seguendo in parte la descrizione tenteremo dunque di inserire le informazioni di carattere archeologico desunte dallo scavo entro la cornice offerta dalla documentazione storica. La cronologia tarda della descrizione di Targioni costituisce naturalmente un limite chiaro all’interpretazione di resti che sono decisamente più antichi, ma essa fornisce comunque un valido supporto alla contestualizzazione topografica delle emergenze. Dal raffronto fra i dati archeologici, la trattatistica rinascimentale e la descrizione settecentesca appare inoltre evidente come non si rilevino particolari cambiamenti tecnologici nel ciclo produttivo dell’allume alunitico per un arco di tempo piuttosto ampio, e dunque, pur utilizzando il metodo regressivo con grande prudenza, riteniamo che un raffronto strettamente tecnologico e funzionale sia possibile.

24La prima fase di lavorazione del minerale menzionata sia dalla trattatistica che dalla descrizione di Targioni è la « calcinazione ». Essa prevede che si cuocia il minerale di alunite per alcune ore (in genere 12-14 ore), ad una temperatura costante tra i 600° e i 700°, in forni molto simili a fornaci da calce. Quando le condizioni naturali lo permettevano, queste venivano incassate in terrazze ricavate lungo pendenze naturali, in modo da favorire sia le operazioni di carica che il raggiungimento di temperature elevate; dalla « calcinazione » si otteneva un solfato anidro, solubile in acqua.

25A Monteleo questa fase è ben rappresentata da una batteria di quattro fornaci, interamente scavate fra il 2008 ed il 2010, la cui attività è ascrivibile ad un periodo compreso fra la fine del XV e la prima metà del XVI secolo.

Fig. 5 - Monteleo, Area 1000 e 2000. Le quattro fornaci da calcinazione di epoca rinascimentale scavate negli anni 2008-2010

Fig. 5 - Monteleo, Area 1000 e 2000. Le quattro fornaci da calcinazione di epoca rinascimentale scavate negli anni 2008-2010

26Le fornaci, esito di un progetto costruttivo sostanzialmente unitario, sono effettivamente posizionate lungo un pendio ben esposto verso SE, e sono incassate profondamente all’interno di un terrazzamento parzialmente artificiale. Le attività di cantiere connesse all’edificazione dei forni, che modificarono in buona misura la naturale conformazione del pendio, sono risultate ben evidenti grazie allo scavo ; per ottenere uno spazio regolare ed ampio sul quale organizzare questa fase del ciclo produttivo furono infatti messe in atto importanti operazioni di innalzamento e regolarizzazione dei piani d’uso, realizzate tramite l’accumulo di strati di matrice argillosa molto compatti. Questi ultimi ebbero il duplice scopo di obliterare i resti delle strutture produttive più antiche, che lo scavo ha rinvenuto nella stessa area occupata dalle fornaci rinascimentali, e di ampliare notevolmente lo spazio di servizio attorno alle stesse.

27I forni in questione presentano una struttura muraria assai massiccia, realizzata con l’impiego di rocce calcaree e sedimentarie legate da malta. All’interno delle camere si è sufficientemente ben conservata la fodera in laterizi, con evidenti tracce di vetrificazione delle superfici degli stessi, causate dalle alte temperature raggiunte in questa fase del processo produttivo. Per le stesse ragioni sono inoltre riconoscibili parziali restauri delle camere, le cui dimensioni notevoli (mediamente m 2,5 di diametro per circa 3 m di altezza) sono effettivamente comparabili a quelle delle calcare.

28All’interno delle fornaci, proprio come nelle calcare, le pietre venivano disposte in modo da creare alla base uno spazio vuoto, voltato, che fungeva da camera di combustione. Di questa disposizione regolare della carica si sono trovate tracce ben conservate sul fondo del Forno 1, il più settentrionale dei quattro. La presenza di una serie di sistemazioni realizzate in pietre e laterizi legati da terra, da leggere in associazione con lacerti di stratigrafia orizzontale fortemente alterata da fuoco, sono ciò che resta di queste ordinate cariche di materia prima; al di sopra delle stesse il resto del vano della fornace era riempito di altre pietre.

Fig. 6 - Monteleo, Area 1000, forno 1. Sistemazioni in pietre rinvenute sul fondo della fornace).

Fig. 6 - Monteleo, Area 1000, forno 1. Sistemazioni in pietre rinvenute sul fondo della fornace).
  • 27 BNCF, Mss Palatino 1065, c. 91v.
  • 28 Boisseuil - Chareille 2009, p.18.

29Secondo la descrizione di Targioni le pietre della cava di Monteleo furono sottoposte a cotture diversificate, prima di giungere ad un esito soddisfacente, e ciò corrispose ad una cottura veramente breve: « […] solo 5 ore di moderato fuoco […] »27, a differenza di quanto sperimentato a Tolfa, dove ciascuna cottura durava circa 12 ore. Le variabili in gioco in questa fase del processo produttivo erano moltissime : la composizione chimica della pietra doveva essere infatti « interpretata », diciamo così, esclusivamente su base empirica dall’addetto al forno. Il colore del fumo prodotto dalla roccia durante la cottura era indicativo dell’avvenuta calcinazione : una temperatura insufficiente o, al contrario, una cottura a fuoco troppo forte o troppo prolungata avrebbero vanificato l’intero processo e, cosa peggiore, gli esiti di una buona o cattiva calcinazione divenivano evidenti solo dopo molti giorni, quando la pietra, sottoposta alla successiva fase di macerazione, rivelava il suo tenore di allume. E’ per questo che la calcinazione doveva essere affidata a personale esperto ; nella contabilità dell’allumiera cinquecentesca posta nel territorio di Monterotondo Marittimo studiata da Boisseuil, che è probabilmente identificabile con gli impianti localizzati a Monteleo si menziona un unico maestro, Partino dal Sasso; a lui, sempre presente sul sito, viene affidata questa delicata operazione28.

  • 29 BNCF, Mss Palatino 1065, c. 89v.
  • 30 Boisseuil - Chareille 2009, p.19.
  • 31 Biringuccio 1540, II, p. 32.

30Una volta cotte, estratte dalla fornace e selezionate, le pietre venivano portate in un luogo idoneo: « […] Cotta poi che fu la pietra e raffreddata, fu portata nella piazza […] »29; la « piazza » compare anche nella contabilità cinquecentesca già menzionata30 Qui esse venivano bagnate in abbondanza, in modo che si sgretolassero fino a diventare una massa pastosa simile alla calcina; questa operazione, detta « macerazione », corrisponde al secondo passaggio del ciclo produttivo e poteva durare dai 40 ai 60 giorni, a seconda della stagione31. A Monteleo, secondo la descrizione del Targioni, sarebbero bastati invece 20 o 25 giorni per ottenere il medesimo risultato.

31L'acqua, elemento preziosissimo per l’intero ciclo produttivo, giocava un ruolo cruciale specialmente in questa fase: a tal proposito Targioni annota che la piazza di macerazione poteva essere provvista di canalette di regimazione delle acque dalle quali attingere per innaffiare le pietre, oppure dove alloggiare il minerale stesso e irrorarlo di acqua, nei giusti tempi, con un sistema di chiuse. Il minerale era costantemente sorvegliato e bagnato:

  • 32 Trascrizione in Riparbelli 1984, p.70-71.

 […]i piazzaioli stando di sopra di questi vicoletti, in mezzo alla pietra e alle fosse, con certi romaioli di legno nei primi due giorni gettano sopra la pietra acqua in grande abbondanza […] Passati questi due giorni di copiosa acquatura, si seguita a dargliene in quantità minore, ma proporzionatamente due o tre volte al giorno […]la regola giusta è che la pietra deve essere sempre un poco umida, e tal metodo di annaffiata si pratica in mano in mano ad ogni infornaciata […] 32.

32E’ probabile che una piccola porzione della « piazza di macerazione » di cui parla Targioni sia stata intercettata dallo scavo nella zona a ridosso dell’attuale viabilità provinciale (Area 3000). Qui l’indagine ha messo in luce ciò che resta di una vasca con fondo in cocciopesto ed una porzione di piano lastricato con ciottoli di fiume. A ridosso del piano si è inoltre rinvenuto un tratto di canalizzazione con rivestimento in malta idraulica ; sulle due pareti del canale, in posizione simmetrica, sono stati individuati quattro fori accoppiati che potevano essere utilizzate per l’inserimento di pali lignei di chiusura della canalizzazione stessa.

Fig. 7 - Monteleo, Area 3000; canalizzazione e lastricato rinvenuti a ridosso delle fornaci da lisciviazione).

Fig. 7 - Monteleo, Area 3000; canalizzazione e lastricato rinvenuti a ridosso delle fornaci da lisciviazione).

33L’intera Area 3000, quella che individua il regolare pianoro ubicato fra l’attuale viabilità provinciale e la sponda Est del fosso, fu certamente la più idonea ad ospitare le fasi del ciclo produttivo legate all’impiego massiccio dell’acqua; ciò si evince sia dalla descrizione di Targioni che dalle evidenze materiali rinvenute sul sito. L’area, che è chiaramente regolarizzata artificialmente, è infatti in quota con il corso d’acqua, e presenta segni di canalizzazione percettibili al suolo, che la attraversano interamente. Questi sistemi idraulici sono da riferire sia all’impianto settecentesco, sia alla più antica allumiera rinascimentale.

34D’altra parte, come ben dimostrano le localizzazioni di tutti gli impianti di produzione dell’allume che abbiamo potuto rintracciare sul territorio delle Colline Metallifere, la presenza di acque, da regimare opportunamente per ottenere un apporto costante, costituiva un pre-requisito per individuare il sito idoneo ove collocare una allumiera. Questo, oltre che per Monteleo, è vero per le allumiere di Biserno (Campiglia Marittima), del Cavone di Massa Marittima, e di Montioni, tutte collocate a ridosso di corsi d’acqua o sorgenti. Ed anzi la necessità di posizionare gli impianti produttivi vicino a corsi d’acqua compare esplicitamente nelle Riflessioni sopra le Allumiere di Toscana, del Targioni, laddove egli, valutando sia gli aspetti positivi che quelli problematici connessi al possibile rilancio dell’industria dell’allume in Toscana, precisa che la fondamentale necessità di garantire un costante apporto idrico non costituisce un problema :

  • 33 BNCF, Mss Palatino 1065, c. 27v.

« […] poiché nell’allumiere delle quali s’intende parlare, son acque di fonte abbondantissime e che non mancano mai per qualsivoglia seccore; e supponendo anche potessero mancare, non vi è da patire scarsità d’acqua dove si ha vicino un fiume perenne non torrente […] ».33

35Al termine della fase di macerazione la pasta alluminosa doveva essere depurata e poi concentrata per favorirne la cristallizzazione. Questo passaggio, la « lisciviazione », avveniva in fornaci, o meglio « caldaie », realizzate in muratura e provviste di una grande apertura di forma circolare all’interno della quale veniva alloggiato un calderone in rame o bronzo. In alcuni casi al posto di un intero recipiente metallico si poteva utilizzare un semplice fondo in metallo che veniva perfettamente incassato all’interno di una vasca in muratura a forma di imbuto, le cui pareti erano opportunamente rivestite di un solido strato di cocciopesto ; questo è il tipo di caldaia da lisciviazione rinvenuta a Monteleo. La struttura dallo scavo è composta da una vasca a forma di cono, il cui diametro maggiore è di poco superiore ai 3 metri, mentre quello interno, al fondo, è di 1,50 metri ; all’interno della vasca si sono conservate porzioni della fodera in cocciopesto. La caldaia è completata da una sottostante camera di combustione di forma cilindrica.

Fig. 8 - Monteleo, Area 3000; caldaia da lisciviazione.

Fig. 8 - Monteleo, Area 3000; caldaia da lisciviazione.

36L’interpretazione funzionale della struttura come fornace da lisciviazione è sostenuta, oltre che da considerazioni di ordine morfologico-funzionale, anche dal confronto con la descrizione di analoghe strutture contenuta nel testo di Biringuccio :

  • 34 Biringuccio 1540, II, p. 79.

[…] Son le caldere che per ben intendiate fatte di rame battuto, o di bronzo buttato, e appresso di muro come intenderete, di rame o di bronzo è solo il fondo, questo è di grande diametro di braza quatro dolcemente fatto con esso con uno orlo a torno come un piatto di stagno, […] sopra a lorlo di tal fondo si misura in forma piramidale, a modo de una cisterna, venendo sempre alargando, tal che se è in fondo al vacuo è di bracia tre e mezza, in boccha sia bracia 5 in circha, che un puocho più o mancho non fa a caso. Hor questo luocho murato e cosi fatto dentro bracia quatro, sintonicha tutto de un calcestruzzo che tenga a lacqua fatto de belici pesti, di calcina e scaglia di ferro, chiare duova[…] 34

37Dentro questa grande vasca la soluzione satura di minerali ed acqua era lavorata per 24 ore circa, a temperatura di ebollizione (circa 100°). L'operazione era sorvegliata continuamente da due operai che provvedevano ad agitare il composto con lunghi pali di legno e ad aggiungere acqua in caso di bisogno. A Monteleo, su quello che fu l’originario piano di lavoro della caldaia da lisciviazione appena descritta, sono stati individuati quattro fori rivestiti internamente da malta; essi servivano ad alloggiare i lunghi pali appena descritti.

38Targioni afferma che l’operazione di lisciviazione veniva effettuata in un ambiente chiuso, allo scopo di preservare il prodotto in ebollizione : le caldaie erano quindi alloggiate al coperto, in un edificio grande abbastanza da potervi installare almeno due impianti, ed erano previsti anche alcuni locali adiacenti, utilizzati come rimessa per gli attrezzi e riparo per gli operai che supervisionavano la lavorazione. A Monteleo risulta sufficientemente chiaro che la caldaia doveva essere alloggiata all’interno di un lungo edificio rettangolare, del quale sono stati individuati tratti dei perimetrali Ovest e Nord ; anche a Campiglia Marittima si sono conservati i resti dell’edifico a due piani che dovete ospitare gli impianti.

Fig. 9 - Biserno (San Vincenzo); i resti delle strutture murarie relative all’edifico dell’allumiera rinascimentale).

Fig. 9 - Biserno (San Vincenzo); i resti delle strutture murarie relative all’edifico dell’allumiera rinascimentale).
  • 35 Delumeau 1962a, p. 65.

39Una volta terminata l'operazione di lisciviazione e lasciato raffreddare il composto in modo da far depositare gli inerti e le impurità sul fondo, da un rubinetto posto a circa ¾ di distanza dalla sommità della caldaia il liquido scorreva in una grande tinozza di legno, che veniva a sua volta trasportata in un locale adiacente ; qui si trovava il sistema di cassoni realizzati con assi di legno di quercia ove veniva realizzata l’ultima fase del processo produttivo, la « cristallizzazione ». Le casse, collegate fra di loro da una grondaia anch'essa in legno e poste in pendenza, venivano progressivamente riempite di soluzione satura ; la pendenza faceva sì che, al riempimento del primo cassone, il liquido scivolasse in quello successivo e così via, fino a riempire l’intero sistema. Attraverso l'apertura dei fori di scarico collocati sul fondo dei cassoni l'acqua residuale, detta « matrice », poteva essere convogliata in contenitori di legno posti più in basso per un suo ulteriore utilizzo. Qui avveniva una seconda cristallizzazione ; il prodotto che si otteneva era meno puro del precedente, ma ugualmente commerciabile.35

40Nei cassoni la soluzione riposava per un periodo di circa quindici giorni, quello necessario alla cristallizzazione dell'allume che diveniva così prodotto finito; il tempo poteva tuttavia variare a seconda delle condizioni climatiche.

I caratteri dell’allumiera di Monteleo: alcune riflessioni sui luoghi di produzione

  • 36 Singer 1948, p. XVII.

41Secondo Charles Singer è indubbio che, nel periodo compreso fra il XV e la metà del XVII secolo, il commercio dell’allume avesse implicazioni economiche e politiche evidenti, ma è altrettanto chiaro che, « sia prima che dopo tale periodo, il commercio dell’allume (ed, aggiungiamo noi la sua produzione) illustra una ampia varietà di relazioni di carattere internazionale e sociale »36.

  • 37 Guideri 1998, p. 153-157.

42A Monteleo, oltre ad indicazioni riferibili agli aspetti prettamente tecnologici della produzione di allume alunitico, lo scavo sta evidenziando una storia metallurgica complessa ed articolata, che travalica gli aspetti tecnici legati a questo specifico prodotto e ci propone quesiti più ampi, legati in primo luogo alla natura dei luoghi della produzione, oltre che, come ovvio, agli interessi economici degli attori protagonisti di tali iniziative. Se, almeno per gli aspetti legati alla trasformazione dell’alunite, il chiaro legame esistente fra sito produttivo e luogo di estrazione della materia prima non è messo in discussione (Monteleo è una allumiera collocata fisicamente a ridosso delle cave da cui la materia prima venne estratta), le evidenze archeologiche ci parlano anche di un sistema di produzione fortemente specialistico e, al contempo, perfettamente adeguato alla natura non univoca dei giacimenti. Un saper fare che, sin dai tempi degli Ordinamenta, seppe coniugare competenze tecniche raffinate con scelte logistiche e strategiche vincenti, attente a valutare la disponibilità di legname e di infrastrutture e, soprattutto la presenza di acqua. Se già il passaggio dalla produzione metallurgica signorile a quella di epoca comunale era stato marcato, in questo territorio, dalla selezione di luoghi fortemente vincolati alla disponibilità della risorsa idrica37 possiamo affermare che anche gli orizzonti cronologici del Basso Medioevo e della prima Età Moderna fecero di questo aspetto un elemento discriminante per la scelta dei centri di trasformazione delle materie prime.

43A Monteleo l’apporto di acqua era affidato al piccolo torrente « Risecco », che taglia in due lo spazio dell’allumiera, e che venne opportunamente regimato per garantire un apporto adeguato alle diverse fasi di produzione. Dice il Targioni :

  • 38 BNCF, Mss Palatino 1065, c. 178r.

[…]L’acqua con cui si fanno tutte le sopradette operazioni si prende dal torrente Risecco 200 passi sopra la cava per mezzo d’una steccaia. Cammina per una fossa o condotto tortuoso da circa 600 braccia […] e si conduce fino allo stanzone delle casse […] 38.

44La grande disponibilità di legname nell’area circostante completa un quadro di risorse naturali ricco ed articolato.

Fig.10 - Schema raffigurante i rapporti di dipendenza fra l’allumiera e le differenti risorse implicate nel ciclo produttivo).

Fig.10 - Schema raffigurante i rapporti di dipendenza fra l’allumiera e le differenti risorse implicate nel ciclo produttivo).
  • 39 Bianchi - Dallai - Guideri 2009, p. 641; una rassegna delle evidenze archeometallurgiche rivenute n (...)

45La matrice graficizza in estrema sintesi gli aspetti essenziali che caratterizzano i luoghi di trasformazione delle Colline Metallifere a partire dal Basso Medioevo ed il peso da attribuire a ciascuno di essi, che è progressivamente crescente al diminuire della lunghezza dei vettori, nell’ordine : acqua (vicinissima), materia prima (distanze decisamente superiori, soprattutto con la nascita di centri specializzati nella trasformazione della stessa con l’uso di energia idraulica), combustibile e viabilità. Questi aspetti, del tutto evidenti a Monteleo, si ritrovano analoghi anche se si considerano gli altri contesti produttivi legati alla lavorazione dell’allume che abbiamo avuto modo di schedare preliminarmente sul territorio delle Colline Metallifere, e cioè l’allumiera di Biserno (a Campiglia Marittima) e quella del Cavone (a Massa Marittima) ; non sono da meno le localizzazioni di impianti deputati alla trasformazione di minerali metalliferi noti dagli Ordinamenta e dalle ricerche archeologiche, come le fonderie dell’Arialla e quelle di Marsiliana39.

46Analizzando Monteleo ed il suo posizionamento, questi stessi aspetti risultano particolarmente importanti per comprenderne la lunga durata d’uso, che non fu continuità, ma che vide fasi di abbandono e ripresa, in alcuni casi illuminate dalla documentazione storica, in altri rese evidenti solo dagli scavi in corso, e che non fu rivolta esclusivamente alla produzione di allume. In un certo senso Monteleo è paradigmatico per comprendere un modello di sfruttamento delle risorse delle Colline Metallifere che riteniamo peculiare di quest’area, e che è figlio della natura eterogenea dei suoi filoni minerari, oltre che delle caratteristiche dei luoghi.

47Le Colline Metallifere sperimentarono precocemente un sistema estremamente evoluto di gestione e sfruttamento delle proprie risorse, di cui il Codice Minerario massetano, sopra citato, è un buon esempio. La selezione di siti strategici per la trasformazione delle materie prime fa parte di questi caratteri evoluti, assieme ai diversi obiettivi produttivi che furono perseguiti a seconda delle fasi storiche, politiche, economiche, delle convenienze e delle effettive capacità tecniche. A Monteleo perciò si è prodotto certamente allume ma non solo; e tuttavia l’allume dovette giocare un ruolo fondamentale sin dalle origini del sito, a partire dalla sua stessa individuazione come il più idoneo ad ospitare attività di trasformazione della materia prima. Le indagini in corso consentiranno di precisare meglio caratteri e cronologie di una produzione per la quale si stanno finalmente archeologicamente precisando le caratteristiche tecnologiche, e di meglio comprendere la fisionomia dei luoghi deputati a svolgerle, le allumiere.

Haut de page

Notes

1 Per un’ultima sintesi si veda Bianchi - Bruttini - Dallai 2011, p. 249-282.

2 Bianchi 2010, p. 93-104.

3 Lineamenti generali del progetto e del sito in Dallai et al. 2009, p. 35-56.

4 Per un approfondimento di carattere documentario si rimanda a Boisseuil - Chareille 2009, p. 9-28; per una rassegna relativa alla documentazione settecentesca si veda Riparbelli 1984, p. 67-74; per una sintesi archeologica si veda Dallai - Poggi 2012, p. 635-639.

5 Per una rassegna relativa commerci e viabilità in età etrusco-romana si veda Ponta in Dallai et al. 2009, p. 35-40.

6 La tecnica « SFM » è stata introdotta sul cantiere dal dott. Giulio Poggi, che fa parte del team di ricerca ed è autore del modello qui proposto.

7 Si veda Boisseuil 2005, p. 106-107.

8 Per un raffronto tipologico si veda Thomas 2010, p. 36.

9 Una rassegna della storia delle attività estrattive nel territorio delle Colline Metallifere grossetane in Francovich - Preite 2009.

10 Aranguren et al. 2007, p. 79-100 ; Bianchi - Dallai - Guideri 2009, p. 638-642.

11 Sull’origine dei giacimenti toscani si veda Tanelli 1983, p. 91-110.

12 Cuteri - Mascaro 1995, p. 66-68.

13 Per Rocchette si veda in ultimo Grassi 2013 ; per Cugnano Bianchi et al. 2012, p. 644-649.

14 Si veda Hägermann - Ludwig 1991, p. 21.

15 Rodolico 1938, rub. 84.

16 Thirion-Merle - Cantin 2009, p. 63.

17 Lombardi 1977, p. 2.

18 Fiumi 1943, p. 42 ; una panoramica generale relativa alle acque termali in Dallai – Fineschi – Ponta 2009, p. 64-65.

19 La definizione è in Singer 1948, p. XVII.

20 Per un approfondimento si veda Cardon, 2003 ; Delamare - Monasse 2005, p. 277-291.

21 Riferimenti in Halleux 2005, p. 11.

22 Un inquadramento della problematica in Finetti 1987, p. 39-41.

23 Giumlia - Mair 2005, p. 336-337.

24 La schematizzazione funzionale è in Picon 2005, p. 13.

25 Agricola 1556, XII ; Biringuccio1540, II, p. 78-81.

26 Parziali trascrizioni del manoscritto di Giovani Targioni Tozzetti conservato alla Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze (ora BNCF), Mss. Palatino 1065, Sulle allumiere della Toscana, in Riparbelli 1984, p. 65-122.

27 BNCF, Mss Palatino 1065, c. 91v.

28 Boisseuil - Chareille 2009, p.18.

29 BNCF, Mss Palatino 1065, c. 89v.

30 Boisseuil - Chareille 2009, p.19.

31 Biringuccio 1540, II, p. 32.

32 Trascrizione in Riparbelli 1984, p.70-71.

33 BNCF, Mss Palatino 1065, c. 27v.

34 Biringuccio 1540, II, p. 79.

35 Delumeau 1962a, p. 65.

36 Singer 1948, p. XVII.

37 Guideri 1998, p. 153-157.

38 BNCF, Mss Palatino 1065, c. 178r.

39 Bianchi - Dallai - Guideri 2009, p. 641; una rassegna delle evidenze archeometallurgiche rivenute nell’area delle Colline Metallifere grossetane in Francovich - Preite 2009, p. 78-79.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 - Allumiera di Monteleo: localizzazione degli impianti e dei fronti di cava
Titre Fig. 2 - Cava di Buca dei Falchi. Le tracce di coltivazioni in galleria sono evidenziate su un modello 3D ottenuto con la tecnica «SFM»; realizzazione grafica G. Poggi.
Titre Fig. 3 - Monteleo, Area 1000. In evidenza i resti murari relativi ad impianti produttivi abbandonati nel corso del XIV secolo e l’imponente sistemazione in pietre antistante.
Titre Fig. 4 - Monteleo, Area 1000. La piccola struttura fusoria realizzata in laterizio rinvenuta al di sotto delle fornaci rinascimentali.
Titre Fig. 5 - Monteleo, Area 1000 e 2000. Le quattro fornaci da calcinazione di epoca rinascimentale scavate negli anni 2008-2010
Titre Fig. 6 - Monteleo, Area 1000, forno 1. Sistemazioni in pietre rinvenute sul fondo della fornace).
Titre Fig. 7 - Monteleo, Area 3000; canalizzazione e lastricato rinvenuti a ridosso delle fornaci da lisciviazione).
Titre Fig. 8 - Monteleo, Area 3000; caldaia da lisciviazione.
Titre Fig. 9 - Biserno (San Vincenzo); i resti delle strutture murarie relative all’edifico dell’allumiera rinascimentale).
Titre Fig.10 - Schema raffigurante i rapporti di dipendenza fra l’allumiera e le differenti risorse implicate nel ciclo produttivo).
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Luisa Dallai, « L’allumiera di Monteleo nel territorio di Monterotondo Marittimo », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge [En ligne], 126-1 | 2014, mis en ligne le 09 avril 2014, consulté le 21 mai 2017. URL : http://mefrm.revues.org/1962 ; DOI : 10.4000/mefrm.1962

Haut de page

Auteur

Luisa Dallai

Università degli Studi di Siena, Dipartimento di Scienze Storiche e dei Beni Culturali - luisa.dallai@unisi.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org