Navigation – Plan du site
Varia

La presenza greca in area latina e i rapporti tra Oriente e Occidente nell’ultima fase del tardo Antico

Fabio Furciniti

Résumés

In occasione del Concilio del 680-681, la Chiesa di Milano condannò il monotelismo, la dottrina dell’unica volontà nella persona del Cristo, inviando un proprio pronunciamento, costituito da una Suggestio e da una Expositio fidei, direttamente a Costantino IV. Tale documento, redatto dal greco Damiano a nome del metropolita Mansueto, rappresentò il ritorno della sede milanese nei grandi dibattiti che avevano interessato Oriente e Occidente nel tardo antico. La sinodica milanese, considerando gli svariati contesti entro cui si è sviluppata nel tempo la sua circolazione, dall’età carolingia fino all’Inghilterra della Riforma enriciana, oltre ad aver costituito attraverso i secoli medievali un autorevole riferimento dottrinale, fornì, in età moderna, anche una certificazione chiara del ruolo del re nella Chiesa. Sicché, non soltanto la Suggestio e l’Expositio fidei milanesi devono considerarsi a pieno titolo tra le fonti relative al concilio ecumenico di Costantinopoli del 680-681, ma alla loro voce orientale in Occidente, per secoli autorevole testimone di ortodossia, sembra doversi riconoscere una rinnovata attualità a contatto con gli infuocati dibattiti religiosi che nella prima parte del secolo XVI secolo squassarono la Cristianità latina.

Haut de page

Texte intégral

L’ecumene cristiana tra VII e VIII secolo

  • 1 Vedi Conca - Gualandri - Lozza 1993.

1L’età tardo antica è venuta imponendosi negli ultimi decenni all’attenzione di storici e filologi quale fase particolarmente significativa nell’interscambio culturale tra l’area latina e quella greca. Il Convegno dell’Associazione di studi tardoantichi, svoltosi a Milano nel 1990 e dedicato a Politica, cultura e religione nell’Impero romano (secoli IV-VI) tra Oriente e Occidente, attraverso le sue articolate relazioni venne documentando con chiarezza per quell’arco di tempo quanti fili unitari ancora sussistessero, nella vita istituzionale e culturale, tra le due parti dell’ecumene romana. Peraltro, a fronte di tale continuità d’interscambi, proprio in quella sede emerse come le scuole teologiche cristiane, con il loro lessico e le loro categorie concettuali, fossero ormai venute delineando l’area latina e quella greca quali ambiti dottrinali distinti e difficilmente componibili, prefigurando la più generale divaricazione che nei secoli successivi si sarebbe venuta imponendo con sempre maggiore evidenza1.

2Tale fenomeno andrebbe nuovamente riconsiderato partendo dalla figura di Severino Boezio, per poi prendere in esame la documentazione relativa ai secoli VI e VII e segnatamente i testi delle sinodiche che nell’anno 680 l’Occidente inviò a Costantinopoli quale proprio contributo al grande concilio convocato da Costantino IV per la soluzione della questione monotelita.

  • 2 Vedi Leonardi 1981, p. 109-122.
  • 3 Sulla conoscenza della lingua greca in Occidente tra V e VI secolo vedi Courcelle 1948.
  • 4 Opuscula theologica et polemica, PG, 91, col. 136 s. Per una trattazione del fattore linguistico ne (...)
  • 5 Commemoratio eorum quae… acta sunt… in… Martinum papam Romae, per epistolam cujusdam Christianissim (...)

3In effetti, già nel suo intervento al convegno pavese di studi boeziani del 1980, opportunamente ripreso nel 2004 nel volume Medioevo latino, Claudio Leonardi ha mostrato quanto vivace e originale sia stata la partecipazione di Boezio alla vita intellettuale del suo tempo, in una prospettiva che veniva ancora unitariamente abbracciando Antica e Nuova Roma2. Ma se « nel De Trinitate [Boezio] legge Agostino coniugandolo con Aristotele, sia pure l’Aristotele trasmesso dalla tradizione neoplatonica », nel De fide catholica risulta riprendere strettamente il linguaggio ecclesiastico latino, con i limiti di comprensione che erano propri di quest’ultimo in rapporto alle specifiche formulazioni delle scuole teologiche greche3. Del resto, Massimo il Confessore ancora nel 645/646, prima di lasciare Cartagine per Roma, espresse il suo scetticismo sulla possibilità, da parte dei Romani, di tradurre in greco i documenti redatti dalla loro cancelleria4 ; significativamente il pontefice Martino I (649-655), deportato a Costantinopoli, dovette servirsi di un interprete durante il processo5.

4L’ostacolo linguistico parve ritrovare una certa ricomposizione soltanto verso la metà del VII secolo, quando si verificò un superamento della situazione indicata grazie all’immissione in ambito occidentale, segnatamente a Roma (ma pure in altre aree, fino alle trasmarine terre degli Angli), di monaci ed ecclesiastici ellenofoni, che diedero vita nelle Chiese d’insediamento a elaborazioni dottrinali marcatamente legate alla tradizione teologica greca, ma redatte in lingua latina.

I Greci in Occidente e le dispute dottrinali del VII secolo : Damiano, la provincia ecclesiastica milanese e il Concilio costantinopolitano del 680-681

  • 6 ACO, Series II, vol. I. L’editore in una serie di lavori preparatori ha affrontato il problema dell (...)
  • 7 Historia ecclesiastica, IV, 17-18 (15-16).

5Fu in rapporto alla condanna del monotelismo, la dottrina dell’unica volontà presente nella persona del Cristo, che l’operato dei Greci in Occidente si rivelò estremamente significativo. Di straordinario rilievo in tal senso si configura l’opera di Massimo il Confessore e della sua cerchia, opera culminata nella redazione dei cosiddetti Atti della sinodo Lateranense del 6496 o, ancora trent’anni dopo, la figura di Teodoro di Tarso, inviato in Inghilterra al tempo di papa Vitaliano, che presiedette, in qualità di vescovo di Canterbury, una sinodo antimonotelita della Chiesa anglosassone7.

  • 8 Sacrorum conciliorum 1758-98, vol. XI, col. 203 s. L’edizione è poi confluita in : PL, 87, 1261-126 (...)
  • 9 La Sede apostolica si espresse con una Suggestio ed un tomo del pontefice Agatone : ACO, Series II,(...)
  • 10 Historia langobardorum, VI, 4, p. 166.

6All’interno di tale quadro si inserisce la sinodica della Chiesa milanese (composta da due testi : una Suggestio e una Expositio fidei)8, che costituì, oltre alla documentazione sinodale romana9, l’unico pronunciamento autonomo inviato da una sede occidentale direttamente a Costantino IV in occasione del concilio ecumenico del 680-681. La stesura dei due testi milanesi, che segnò il ritorno della sede ambrosiana nei grandi dibattiti dottrinali dell’ecumene cristiana, viene attribuita da Paolo Diacono al greco Damiano10.

  • 11 Nell’epitaffio di Damiano (vedi Panazza 1953, p. 253) si legge : « […] quos sinus enutrit / Liguria (...)
  • 12 Vedi Alzati 1993, p. 123-130.

7La provenienza di Damiano trova riscontri significativi non solo nella notizia offerta dalla Historia Langobardorum e nella pervenuta epigrafe funeraria11, ma anche in un’analisi del documento stesso che, come ha avuto di dimostrare Cesare Alzati, si configura come tipicamente orientale quanto a categorie concettuali, lessico teologico e auctoritates12.

  • 13 Vedi Azzara 2007, p. 209 s.

8Lo stesso Damiano nel 689, allora in qualità di presule della regia Pavia, avrebbe coordinato la sinodo longobarda con cui l’episcopato aquileiese pose fine della scisma dei Tre capitoli. Egli, in tal modo, dopo aver esercitato, quale collaboratore del presule Mansueto un ruolo primario nella stesura del pronunciamento antimonotelita della sede metropolitica (ristabilitasi ormai da alcuni decenni a Milano), diciotto anni dopo circa, in qualità di vescovo della città regia, venne assumendo una posizione chiave nella ricomposizione del più che secolare scisma13.

  • 14 Vedi Sansterre 1980, p. 67-76.
  • 15 Secundum piissimam iussionem a Deo protegendae mansuetudinis uestrae pro oboedientia quam debemus, (...)

9Alla luce di tali elementi, appare del tutto plausibile ammettere che la fondamentale funzione messa in campo da chierici di formazione orientale come Damiano nel Nord Italia e come Teodoro di Tarso in Anglia, non può che essere inquadrata all’interno di un’opera di strutturazione o ricompaginazione (nel caso del Nord Italia) del quadro ecclesiale attuata dalla Sede apostolica in quel periodo. Del resto è stato pienamente messo in luce dagli studi del Sansterre come nella Roma del VII-VIII secolo l’elemento greco avesse raggiunto, in particolare in ambito monastico, un ruolo preminente ed abbia esercitato una leadership culturale ben documentata. Va segnalato, infatti, come nel periodo che intercorre tra il 678 ed il 752 ben undici furono i pontefici di origine siciliana, greca, siriaca e orientale in genere, che si susseguirono sul soglio di Pietro14. Non a caso al tempo delle operazioni propedeutiche alla convocazione del grande Concilio antimonotelita del 680-681 lo stesso Costantino IV nella sacra rivolta a papa Dono richiese espressamente l’invio di una delegazione di monaci in rappresentanza dei monasteri greci dell’Urbe e lo stesso Agatone, il siciliano asceso nel frattempo al soglio di Pietro, scelse di inviare quali rappresentanti dell’episcopato occidentale a Costantinopoli, oltre a Giovanni di Porto, i presuli dell’Italia meridionale Abbondanzio di Tempsa e Giovanni di Reggio Calabria, cui si accompagnavano altri ecclesiastici rappresentanti della Chiesa romana e della sua provincia ecclesiastica, nonché il presbitero ravvennate Teodoro, rappresentante dell’omonimo vescovo15.

10Nella seconda metà del VII secolo furono quindi ecclesiastici di chiara formazione greca, ma perfettamente bilingui, a costituire, per Roma come per Milano, le intellettualità grazie alle quali le sedi episcopali dell’Occidente latino poterono esprimersi, di fronte a Costantinopoli, sulle questioni dottrinali in atto.

  • 16 Sul dibattito in merito alla situazione storico-linguistica dell’Italia meridionale e della Sicilia (...)
  • 17 Vita Wilfridi, VI, p. 247, 1. 24-25. Vedi Colgrave 1927.

11Tale essenziale contributo fu offerto non solo da monaci ed ecclesiastici provenienti dall’Oriente ma anche da qualificati elementi originari dell’Italia meridionale e della Sicilia, ossia da quelle terre greche dell’Occidente su cui Costantinopoli esercitava ancora un controllo diretto16. Del resto la perfetta padronanza del greco come del latino presso l’alto clero romano sarebbe emersa chiaramente ancora ai primi dell’VIII secolo, quando, in occasione della sinodo convocata nel 704 da papa Giovanni VII per dirimere la spinosa questione relativa alla deposizione del britannico Wilfrid di York, i membri romani, pur intervenendo in latino, interruppero più volte le attività per discutere tra loro lungamente in greco, provocando, così, grande sconcerto tra i delegati anglosassoni17. Un’ulteriore espressione del fondamentale ruolo di raccordo tra le due aree del mondo romano esercitato da monaci e religiosi di formazione greca può essere rintracciata, ancora nella metà dell’VIII secolo, nella figura di papa Zaccaria, cui si deve, tra l’altro, la traduzione dei Dialoghi di Gregorio Magno per i monasteri greci di Roma e d’Italia.

12Alla luce di tali significativi elementi appare evidente come nell’ultima fase del tardo antico i Greci d’Oriente e d’Occidente, nel quadro di una ricostituita koiné culturale romano-mediterranea, siano divenuti testimoni e artefici di quell’ultima stagione di unità vissuta tra le due parti dell’ecumene cristiana tra VII e VIII secolo, prima del definitivo tramonto a seguito del graduale indebolimento delle forze imperiali in Italia e a fronte del successivo costituirsi di un Occidente carolingio avente il suo baricentro politico e culturale nelle terre dei Franchi e, dunque, dialetticamente contrapposto a Costantinopoli.

13La sinodica antimonotelita del metropolitica milanese Mansueto, pronunciamento redatto a nome di una Chiesa occidentale, ma scritto da un greco perfettamente bilingue e operante in stretta connessione con la Roma greca dei suoi tempi, si configura come una fonte eccezionale in grado di offrire elementi fondamentali per avviare nuove discussioni in merito a questa fase di singolare rilievo per la storia dell’ecumene cristiana.

14Come attestato dalla fortuna dei due testi (Suggestio ed Expositio fidei), l’importanza di tale documentazione sinodale, frutto prezioso di questa ultima stagione unitaria, dovette essere percepita chiaramente anche nei secoli successivi.

Damiano, la sinodica del 680 e la sua fortuna oltre Manica

  • 18 Vedi Maassen 1870, p. 226 e 349 ; Morin 1905, p. 505-524 ; 511-512 ; Folliet 1975, p. 354-67 ; Zech (...)

15La tradizione manoscritta del documento di Damiano, la cui complessità consente solo alcuni richiami in questa sede, è stata delineata, specie in alcuni significativi aspetti, da grandi studiosi a partire dal XIX secolo e in ultimo ripresa nello straordinario contributo di Klaus Zechiel-Eckes18. Le modalità di trasmissione e gli svariati contesti di diffusione, emersi nelle miei recenti indagini, attestano come la sinodica milanese abbia goduto di una diffusione che, notevole in età carolingia, proseguì, attraverso varie articolazioni e rami, fino al XVI secolo, quando avvenne il definitivo salvataggio all’interno delle grandi edizioni a stampa di atti e testi conciliari, che videro la luce nella prima età moderna.

16Ad oggi i nuovi elementi emersi grazie alle più recenti indagini consentono di riconsiderare e di ampliare quanto già affermato in merito alla fortuna avuta in area britannica dai due testi redatti al tempo del metropolita Mansueto.

La conquista normanna, Lanfranco e la diffusione dei testi di Damiano in Inghilterra

  • 19 Vedi Ferrari 2008, p. 287-288.
  • 20 In L i due testi sinodali milanesi vengono tramandati in un contesto vario, costituito da diversi s (...)
  • 21 Vedi Ker 1964, p. 14-15, 25-33, 47. Sulla figura di Lanfranco vedi Gibson 1971, p. 435-450 e Richar (...)
  • 22 Vedi Ker 19642, p. 160, 162 ; Richards 1988, p. 6-7, 23.

17Già nel 2008 Mirella Ferrari, in suo ricco contributo, aveva individuato nel codice London, British Library, Royal 5. B. VII (d’ora in poi L), la più antica testimonianza insulare della sinodica milanese (con riproduzione di entrambi i testi)19, tramandata in un contesto di autorevoli fonti patristiche20. La studiosa ha posto la redazione del codice in rapporto con il particolare contesto storico determinatosi nel XII secolo in Inghilterra, e segnatamente con quel periodo che vide una notevole attività di espansione delle strutture ecclesiastiche locali, sulla scia dell’opera avviata dagli anni ’70 del secolo precedente da Lanfranco di Pavia, nel ruolo di arcivescovo di Canterbury21. Lanfranco, una volta insediato dai Normanni, dovette dare un impulso notevole alla costruzione della biblioteca annessa alla cattedrale, nel cui catalogo, redatto a partire dal 1124, il codice L venne da subito registrato22.

18In proposito, appare importante provare a stabilire quale sia il legame esistente tra il ramo della tradizione rappresentato da L e la fortuna avuta dal documento nel Continente e quindi provare a ricostruire attraverso quali canali sia avvenuta la trasmissione della Suggestio e dell’Expositio fidei in ambito inglese, così da mettere in luce i contesti di diffusione dei due testi e le connessioni al momento rintracciabili tra il pronunciamento milanese e la storia della Chiesa sull’Isola.

  • 23 Cfr. nota n. 8.
  • 24 Sacrosancta concilia 1667-72, vol. VI, p. 601-606.

19Trovare la giusta collocazione del codice londinese nella tradizione manoscritta appare un’impresa particolarmente insidiosa, soprattutto per il fatto che gran parte delle varianti tramandate da L non trovano conferma in nessun altro testimone. Al riguardo, una serie di indizi significativi ci può venire non tanto da un confronto con i codici superstiti, quanto da una disamina delle più tarde edizioni a stampa. La più recente risale alla monumentale raccolta curata da Gian Domenico Mansi nel XVIII secolo, poi confluita nella Patrologia Latina23, sebbene occorra notare come il testo edito dal vescovo di Lucca riproduca in realtà quanto aveva visto la luce a Parigi nel 1671 ad opera di Philippe Labbe e Gabriel Cossart24.

  • 25 Si tratta di due codici : Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat. Lat. 1347, fol. (...)

20L’ultima edizione è dunque quella del Labbe che, pur riportando come testo base quanto pubblicato nelle edizioni precedenti, corredò il documento con un interessante apparato di note, in cui suggerì alcune varianti sulla base di un imprecisato manoscritto, di cui egli poteva disporre. Grazie a tale sensibilità « filologica », abbiamo la possibilità di intravedere due testimonianze testuali degli scritti sinodali milanesi : da una parte il testo base recepito dal Labbe, ampiamente sovrapponibile a quanto veicolato da alcuni manoscritti d’area francese25, dall’altra quanto da lui suggerito nell’apparato, che si rivela significativo in non pochi punti.

  • 26 Da una disamina, effettuata tramite lo scarno catalogo dei codici presenti nel Collegio e testimoni (...)

21Nella sua Observatio lo studioso gesuita avverte che le postille da lui aggiunte in margine o a fondo pagina riproducono varianti sulla scorta di duo triave foliola in nostra Bibliotheca unde unde comportata non meglio precisati e dunque derivanti da uno o più manoscritti, probabilmente presenti nella biblioteca del collegio gesuitico parigino di Clermont26. Ai fini della nostra indagine è significativo il fatto che molte di queste varianti trovino come testimone proprio il codice londinese L, discendenza diretta da un ramo della tradizione che, ancora attestata nella Parigi del XVII secolo, dovette pervenire nell’Isola direttamente dall’area francese.

  • 27 Vedi Gibson 1989, p. 119 s. Per la conquista normanna vedi De Bouard 1989. Per gli sviluppi success (...)

22Del resto l’innalzamento di Lanfranco di Pavia al rango di arcivescovo di Canterbury (29 agosto 1070), cui fece seguito un notevole mutamento dell’assetto ecclesiastico inglese, si inserisce in una particolare fase storica, in cui maturarono le condizioni per una certa armonizzazione degli usi liturgici e del patrimonio culturale tra i territori posti sulle due sponde della Manica27.

  • 28 Vedi Gibson 1989, p. 106 s. Sulla questione relativa al primato della sede di Canterbury ed allo sc (...)
  • 29 Vedi Gibson 1989, p. 183 s.

23La riorganizzazione dell’arcidiocesi promossa da Lanfranco comportò, infatti, un lucido e organico piano di risistemazione delle istituzioni ecclesiastiche secondo un principio gerarchico, in verità non universalmente condiviso, che riconosceva alla sede di Canterbury il primato tra le sedi inglesi28. In connessione con tale progetto venne ideata una ristrutturazione della antiquata biblioteca della Christ Church cantuariense, che comportò un ampliamento del patrimonio librario29. La biblioteca rispecchiava, infatti, quei limiti che erano stati propri, in primo luogo, della vecchia cattedrale e si caratterizzava per la presenza di un numero di codici limitato e agli occhi del grande Lanfranco assolutamente non qualificato. La povertà della collezione, in parte dovuta al devastante incendio del 1067, esprimeva una scarsa conoscenza della cultura continentale ; inoltre l’assenza di una stabile produzione libraria rendeva tale istituzione ben diversa dalle ricche e aggiornate biblioteche d’area francese e del Continente in genere, già impegnate in notevoli attività di produzione e diffusione dei codici.

  • 30 Per una storia dell’abbazia nel periodo relativo a Lanfranco e Anselmo vedi Porée 1901, p. 30-134.

24Lanfranco, il quale nei decenni successivi al suo arrivo in Normandia aveva reso l’abbazia di Nostra Signora del Bec uno dei più importanti centri intellettuali dell’XI secolo30, a Canterbury si impegnò, forte del suo ruolo, per arricchire e aggiornare la collezione posseduta dalla Christ Church, seguendo quegli interessi culturali e quegli orientamenti biblioteconomici che sarebbero divenuti comuni nel XII secolo.

  • 31 Sullo stile proprio dello scriptorium di Canterbury vedi Dodwell 1954.
  • 32 Vedi Nortier 1966, p. 57-83.
  • 33 Vedi Gibson 1989, p. 99 s. Sul ducato di Normandia vedi Haskins 1981.

25Il nuovo arcivescovo di Canterbury riconobbe da subito la necessità di dotare la Christ Church e le altre sedi suffraganee di idonei e autonomi centri scrittori31, ma l’impossibilità di reperire in Inghilterra antigrafi adeguati spinse Lanfranco a ricercare gli esemplari autorevoli e qualificati che solo il Continente poteva fornire32. Nell’allestimento della nuova collezione l’arcivescovo rivolse la sua attenzione principalmente ai grandi centri benedettini d’area normanna e in particolare all’abbazia del Bec, istituzione in cui aveva trascorso una parte significativa della sua esistenza, rivestendo a partire dal 1045 la carica di priore e assumendo la direzione della scuola monastica, prima di abbandonarla per divenire abate dell’abbazia di S. Stefano a Caen (1063), ultimo ruolo rivestito anteriormente alla partenza per l’Inghilterra33.

  • 34 Vedi Alexander - Kauffmann 1978, p. 35-43 e Dewald 1953.

26Lo splendido salterio carolingio confezionato a Reims e conservato alla Christ Church attesta chiaramente i rapporti intrattenuti da tale biblioteca cantuariense con i centri scrittori francesi già prima dell’Invasione34, ma fu proprio a partire dagli ultimi decenni dell’XI secolo che i rapporti tra Canterbury e gli scriptoria d’area francese dovettero intensificarsi tanto da divenire, come vedremo, sistematici.

27Gli interessi manifestati da Lanfranco nella raccolta di volumi da destinare alla nuova biblioteca, oltre a consentirci di spiegare la presenza di vari codici presso la Christ Church, ci aiutano, sia pure in modo frammentario e indiretto, a capire quale dovette essere l’indirizzo seguito da Lanfranco, alcuni decenni prima, per l’allestimento della collezione del Bec, la cui biblioteca è andata purtroppo dispersa.

  • 35 Anselmo D’Aosta, Lettere, 1.
  • 36 […] De Moralibus Iob mihi (Anselmo) mandastis. […] Ut libros beatorum Ambrosii et Hieronymi habeam, (...)

28Di conseguenza, ricostruire la fisionomia della raccolta messa insieme a Canterbury si connette alla questione più complessa relativa ai manoscritti presenti nel centro benedettino francese negli ultimi decenni dell’XI secolo e concorre a far comprendere quali fossero per Lanfranco gli autori e le opere, la cui presenza in una biblioteca ecclesiastica doveva ritenersi essenziale. In tal senso, prove particolarmente significative ci vengono dalla corrispondenza intrattenuta da Lanfranco stesso con il grande Anselmo d’Aosta, futuro arcivescovo di Canterbury (1093), suo discepolo e amico, divenuto nel 1078 abate del Bec35. L’Epistola XXIII di Anselmo, Ad Lanfrancum Archiepiscopum Cantuariensem, attesta una richiesta da parte dell’antico maestro relativa ad una copia di non meglio specificati testi di Ambrogio e Girolamo e prima ancora dei Moralia in Iob di Gregorio Magno36, testo la cui trascrizione, come documentato dall’Epistola XXV, si rivelò parecchio accidentata.

29Nell’Epistola LXVI si fa menzione di un’ulteriore richiesta, da parte dell’arcivescovo di Canterbury, di invio del codice originale contenente le epistole paoline nella versione commentata dallo stesso Lanfranco.

  • 37 Vedi The Western Manuscripts 1900, p. 540-541; Ker 1964, p. 25-26 e Brooke 1931, p. 59-71.
  • 38 Hunc librum dato precio emptum ego LANFRANCUS archiepiscopus de Beccensi cenobio in anglicam terram (...)

30Le richieste di Lanfranco, tuttavia, non dovettero limitarsi a testi patristici o biblici. La prima collezione di diritto canonico giunta alla biblioteca della Christ Church, ossia il codice B.16.44, pervenuto fino a noi e attualmente conservato presso la Biblioteca del Trinity College di Cambridge37, proveniva proprio dal Bec. Il manoscritto, calligraficamente pregevole, reca una nota di origine, firmata dallo stesso Lanfranco, in cui – con mano diversa da quella del copista – l’arcivescovo dichiara che il volume fu fatto venire per sua volontà dal monastero del Bec per poi essere donato alla Christ Church38.

  • 39 PL, 150, col. 421-441.
  • 40 Vedi Southern 1998, p. 56-62.

31Ma quali potevano essere le opere dei Padri presenti nel monastero benedettino de Le Bec ? In tal senso, una prova, sia pure indiretta, potrebbe venirci, dalle opere dello stesso Lanfranco. Richard W. Southern ha preso in analisi il Liber de corpore et sanguine Domini39, in cui viene confutata e rigettata la teoria proposta da Berengario di Tours in merito al sacramento dell’Eucarestia40. Nel Liber, scritto ai tempi in cui Lanfranco era attivo al Bec, l’autore, secondo un metodo che gli era proprio e in parte derivante dalla sua formazione giuridica, demolisce le affermazioni di Berengario punto per punto, appellandosi rigorosamente e con precisione di rimando all’autorità dei Padri. Nell’opera, infatti, sono numerose le citazioni, sebbene risalgano ad un gruppo ristretto di autorità e ad un numero abbastanza ridotto di opere. I tre quarti delle citazioni provengono, infatti, da Agostino ; delle rimanenti la maggior parte giungono da Ambrogio ; seguono, con un piccolo numero, Gregorio Magno, Leone, Girolamo, oltre ad alcuni riferimenti alla collezione di diritto canonico, allestita da Lanfranco stesso, cui si è già accennato.

32La presenza di citazioni non attesta di per sé l’esistenza al Bec delle opere da cui esse sono tratte ; al riguardo, tuttavia, non si possono trascurare gli elementi messi in luce dal Southern, che ha segnalato la precisione con cui Lanfranco, nel momento in cui inserisce la citazione, indica spesso la collocazione esatta dei passi nelle opere da cui sono tratti, fornendo altresì qualche indicazione sul rapporto tra una citazione e la seguente. Tali elementi concorrono a configurare come altamente probabile la presenza dei volumi in questione nella biblioteca del Bec, dove qualche tempo dopo avrebbe avuto la possibilità di consultarli anche il grande Anselmo.

  • 41 Vedi Southern 1998, p. 59-60.

33Se nel caso dei Moralia in Iob disponiamo, grazie alla richiesta di Lanfranco, di un’indicazione in merito ad un’opera in particolare, più complessa si rivela la questione relativa a quali scritti di Agostino, Ambrogio e Girolamo fossero presenti nella biblioteca dell’abbazia. Grazie alla schedatura dal Southern, constatiamo la presenza di opere venute in contatto con i testi sinodali milanesi : è il caso dei Moralia in Iob di Gregorio Magno, tramandati insieme alla documentazione milanese in un manoscritto d’area francese (Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat. Reg. lat. 849, fol. 224v-228v, secolo X inizio) ; analogamente il De Trinitate risulta associato all’Expositio fidei in un codice bobiense (Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat. Lat. 5755, p. 322-323, sec. XI2) ; mentre le epistole leoniane Quanta fraternitati e In consortium fanno parte, insieme ai due scritti milanesi, della silloge posta in appendice alla Concordia Canonum di Cresconio, opera con cui la Suggestio e l’Expositio fidei milanesi entrano in connessione in ampia parte della tradizione manoscritta41.

34Ma oltre a ciò occorre ricordare che Lanfranco, grande studioso di diritto cresciuto nell’ambito della tradizione pavese, una volta giunto a Canterbury richiese, come s’è detto, anche l’invio di una collezione canonica. Il codice in questione, il già menzionato B.16.44, presenta i Capitula in canones qui dicuntur Apostolorum, nonché la Professio fidei e i Canoni di Nicea. In proposito, va ricordato che i cosiddetti Canones Apostolorum sono tramandati anche da un codice vercellese (Vercelli, Bibl. Capitolare, CLXV, fol. 210r-214r, sec. IX) in cui figura la Suggestio, e che le professioni di fede di Nicea e Costantinopoli, proclamate nell’Actio VI del Concilio di Calcedonia, rientrano tra i documenti conciliari riuniti nella silloge posta in appendice alla già citata Concordia cresconiana.

  • 42 Vedi Ker 19642, p. 160 e Richards 1988, p. 6-7.
  • 43 Vedi Ker 1964, p. 14-15, 25-33, 47 e Richards 1988, p. 3-7.
  • 44 Vedi Southern 1998, p. 331, 436 ; 32, 112, 151-154 ; 438, 378, 440.
  • 45 Vedi Ferrari 2008, p. 288. Per una descrizione del codice vedi James 1903, p. 18 n° 32.

35Sulla base degli elementi fin qui messi in luce, appaiono dunque plausibili molteplici canali di diffusione dei testi milanesi oltremanica. Di fatto a Rochester, sede suffraganea di Canterbury, si decise la riproduzione di una raccolta di opere patristiche nel cui contesto trovarono una propria qualificata collocazione anche gli scritti sinodali milanesi42. Negli anni cui risale la redazione del codice L, ossia i primi decenni del XII secolo, la sede di Rochester conosceva un importante momento di espansione, attestato dalle attività connesse con la costruzione della biblioteca43. In proposito, non è da escludere che l’allestimento della nuova collezione poté avvenire, come nel documentato caso della Christ Church, anche attraverso l’arrivo di codici direttamente dall’area normanna. In tal senso, un legame diretto tra Rochester e l’abbazia del Bec appare ben documentato in quegli stessi decenni del XII secolo, quando ben tre monaci beccensi (Ernosto, Gundulfo e Rodolfo D’Escures), legati alla tradizione di Lanfranco, si avvicendarono nella carica di vescovo della sede inglese44. Tuttavia, un elemento significativo sembrerebbe collocare la genesi della raccolta riprodotta a Rochester proprio a Canterbury. Si tratta di un’indicazione fornita dal catalogo della Christ Church di Canterbury stilato al tempo del priore H(enricus de Estria) (1284-1331) attestante l’esistenza di un volume, purtroppo non pervenuto, dal contenuto identico a quello prodotto a Rochester e testimone, quindi, anche del documento milanese45.

  • 46 Per l’Inghilterra prenormanna vedi Finberg 1977.
  • 47 Durham, Biblioteca della Cattedrale, B.II.10 (Le Lettere di Girolamo) e B.IV.24 (Le costituzioni la (...)

36Nel grandioso piano di ristrutturazione della vita ecclesiastica insulare promosso da Lanfranco rientrò anche un riordino dei vertici ecclesiastici, che lo portò a sostituire le gerarchie anglo-sassoni con monaci di sua fiducia provenienti dall’area francese : ne derivò nel giro di pochi decenni una generalizzata supremazia normanna sui monasteri, sulle grandi abbazie e in generale sulle strutture ecclesiastiche dell’Anglia46. Questo piano comportò anche una globale riconfigurazione del patrimonio librario, tradottasi, oltre che nell’allestimento della nuova biblioteca a Canterbury, nel fornire indicazioni precise sulla costituzione delle nuove collezioni librarie in fase di allestimento nelle altre sedi ecclesiastiche inglesi. Tale fenomeno è testimoniato dal fatto che molti dei volumi introdotti da Lanfranco a Canterbury si trovano tuttora anche a Durham, Exeter, Rochester, e in altre biblioteche inglesi47.

L’epistola sinodale di Damiano nell’Inghilterra della Riforma enriciana

37Per quanto riguarda la fortuna dei testi di Mansueto nell’Isola, abbiamo prova di una diffusione dei due scritti anche in un’epoca successiva al XII secolo. È il caso relativo all’importante ritrovamento del tardo codice Cambridge, Parker Library, 156, risalente al XV-XVI (d’ora in poi C), che, rinvenuto durante le mie recenti ricerche, porta a tre il numero di esemplari attualmente censiti in area inglese.

38La straordinaria consonanza tra C e quanto veicolato da L, quest’ultimo, come è lecito supporre, strettamente connesso con il codice menzionato nel catalogo della Christ Church, lasciano ricondurre l’introduzione del documento milanese sull’Isola ad un unico archetipo, giunto probabilmente all’epoca di Lanfranco.

  • 48 Vedi Antiquarii de rebus britannicis 1770, vol. VI.
  • 49 L’atto di resa è datato al 27 maggio del trentesimo anno di regno di Enrico VIII.

39Nel caso di C, non disponiamo di prove certe attestanti la sua genesi ; il quadro si complica ulteriormente a causa della straordinaria complessità del manoscritto, suddiviso in sette libelli formati probabilmente da pagine provenienti da codici diversi. Tuttavia, i fogli testimoni del documento milanese parrebbero fornire un indizio significativo. Al foglio 63r, al di sopra della titolatura che introduce il documento (Epistola incompleta Mansueti Mediolanensis episcopi ad Constantinum imperatorem), lo scriba, in una pessima mano che contraddistingue l’intero testo, ha apposto la seguente indicazione : script. Fratris Iohannis Henffeld monachi. L’identificazione di tale copista appare, ovviamente, difficile, sebbene una mia indagine condotta in tal senso abbia rinvenuto un riferimento significativo in un catalogo antiquario pubblicato nel 177048. In una sezione dedicata alle « mitred abbeys », l’autore fornisce varie notizie in rapporto all’abbazia benedettina di San Martino a Battle, centro monastico fondato da Guglielmo il conquistatore in prossimità del luogo in cui avvenne la decisiva battaglia di Hasting (1066), circostanza cui si lega il nome dell’ente benedettino (De Bello). Dopo una serie di notizie riguardanti la storia dell’ente ed un elenco degli abati che si susseguirono dalla fondazione fino al 1538 (anno della soppressione), viene fornita la lista dei monaci che, insieme all’ultimo abate, sottoscrissero un « instrument of surrender »49, vedendosi riconosciuto il diritto ad una pensione. Tra i nomi che compongono tale lista figura, senza alcuna posizione di rilievo, un certo Iohannes Henfeld, individuato dall’Atto quale beneficiario di un vitalizio corrispondente a dieci marchi. Nel caso in cui il copista del tardo esemplare C coincida con il monaco benedettino che ai tempi di Enrico VIII visse in prima persona la dissoluzione dell’abbazia di Battle, disporremmo di elementi significativi per collocare la redazione del suddetto codice, o comunque dei fogli in cui è presente il documento milanese, in un contesto storico-ecclesiastico molto preciso e dottrinalmente significativo.

  • 50 Vedi Antiquarii de rebus britannicis 1770, vol. VI, p. 178. Vedi anche Southern 1998, p. 393-396.

40La consonanza tra il codice C e quello prodotto a Rochester testimonia come, ancora nel XVI secolo, fosse attiva una circolazione del documento milanese secondo la versione introdotta a Canterbury ai tempi di Lanfranco e diffusasi successivamente nei grandi centri ecclesiastici come Rochester. Occorre notare tuttavia che, nel caso di Battle, si trattò di un monastero eretto ex novo sul finire dell’XI secolo, in cui dovette prodursi negli stessi anni un notevole impegno nella costruzione e allestimento della nuova biblioteca, concepita secondo le indicazioni di Canterbury, ma modellata sulle collezioni librarie dei grandi centri benedettini del Continente e soprattutto su quelle presenti nella vicina Normandia. Da qui l’esigenza di prendere in considerazione anche l’instaurarsi di possibili legami diretti tra la nuova abbazia, forte della prerogativa derivante dalla condizione di monastero nullius dioecesis, e la ricca e fornita biblioteca del cenobio beccense. In tal senso, va segnalato come nel 1107 sia stato elevato alla carica di abate di Battle, per un periodo di diciassette anni, un certo Rodolfo, monaco giunto in Inghilterra da Caen al seguito di Lanfranco e originario proprio del Bec50.

  • 51 Vedi Youings 1971 e Wright 1949-53, p. 208-237.
  • 52 Vedi Brook 1962.
  • 53 Vedi James 1899; Dickings 1972-6, p. 19-34; Graham 2006, p. 322-41; Page 1993.

41Nel XVI secolo lo sconvolgimento prodottosi per effetto della politica di Enrico VIII portò ad una traumatica dissoluzione degli enti ecclesiastici e dei loro beni, con una conseguente nefasta dispersione delle grandi biblioteche monastiche, tra cui quella di Battle51. Fu grazie all’arcivescovo Matthiew Parker, figura di spicco nella fondazione del pensiero teologico anglicano, grande studioso e bibliofilo52, che molti volumi provenienti dalle grandi biblioteche ecclesiastiche furono messi in salvo, scampando il pericolo della dispersione53. Successivamente, i volumi raccolti confluirono in un vasto fondo donato dallo stesso Parker alla Biblioteca del Corpus Christi College di Cambridge, dove sono conservati tuttora e dove figura anche l’esemplare C.

42In conclusione, anche alla luce dei dati testuali, il ramo inglese rappresentato da L e C deriverebbe da un'unica tradizione, non altrimenti attestata, cui parrebbero altresì connettersi direttamente i duo triave foliola, che, ancora superstiti ai tempi del Labbe, furono utilizzati dallo studioso gesuita per corredare il testo base dell’edizione a stampa. Quindi le profonde congruenze tra le versioni della sinodica milanese riportate da L e C potrebbero anche spiegarsi con il fatto che entrambi abbiano attinto a tradizioni continentali giunte nell’Isola e non solo con una semplice discendenza.

43Da tali dati emerge chiaramente come, in un quadro sia pure parziale e ricostruito soltanto sulla base dei pochi ma significativi elementi fin qui enunciati, il documento milanese abbia goduto di una fortuna duratura anche in area britannica e soprattutto come la sua diffusione paia costellare come una fonte autorevole e preziosa i momenti più significativi per la storia ecclesiastica e dottrinale dell’Isola.

44Tale è il caso del codice L e del manoscritto di contenuto affine oggi perduto ma presente a Canterbury all’inizio del XIII secolo, ossia in un momento di « rifondazione » della Chiesa cattolica sull’Isola, al tempo in cui da una parte si assistette allo smantellamento delle preesistenti strutture ecclesiastiche anglosassoni e all’instaurarsi di una nuova gerarchizzazione, in verità aspramente combattuta, che riconosceva alla sede cantuariense il primato sulle isole britanniche.

  • 54 […] Amplissimus princeps zelo orthodoxae fidei animatus, congregauit sanctum concilium .318. sancto (...)

45Un’ulteriore prova della diffusione del pronunciamento di Damiano in area inglese e della piena ortodossia che veniva ad esso riconosciuta può essere scorta nel Doctrinale antiquitatum fidei Ecclesiae Catholicae adversus Wiclefisas et Hussitas del carmelitano Thomas Netter o Waldensis c. 1375 – 2 novembre 1430), professore di teologia ad Oxford, che fu presente ai Concili di Pisa e di Costanza e rivestì il ruolo di ambasciatore, per conto di Enrico V d’Inghilterra, presso il re Polonia, il Gran duca di Lituania e il Gran maestro dell’ordine dei Templari. Nell’opera, pubblicata postuma, l’autore, a difesa dell’ortodossia cattolica contro le pretese dei Lollardi, cita un passo tratto dalla Suggestio milanese relativo alla condanna dell’arianesimo avvenuta nel Concilio di Nicea54.

46Infine, nell’età della Riforma il documento milanese veniva ancora tramandato presso l’Abbazia di Battle, se il frater Iohannes Henffeld monachus poté copiarlo nel fascicolo confluito nel codice C.

  • 55 Sul richiamo all’esperienza tardo antica vedi Alzati 1992, p. 23-39.

47Va osservato come nella Suggestio milanese la posizione che viene riconosciuta all’imperatore nella Chiesa, e così il ruolo di custode e garante tributato al monarca, si riveli pienamente giustificativo rispetto a quanto Enrico VIII, anche prima dell’Atto di supremazia del 1534, andava rivendicando nei confronti della Sede romana. Le pretese nazionali di Enrico VIII miravano a collocare il re in una sorta di ideale continuità con quanto era avvenuto nei primi secoli dell’era cristiana, allorquando figure come Costantino il grande e Teodosio avevano attivamente operato quali vertici del popolo cristiano55. Inoltre, lo stesso manoscritto fu salvato, come visto, proprio da Matthiew Parker, uno dei padri nobili del pensiero anglicano.

48In tale prospettiva, la Suggestio del greco Damiano, grazie al pieno riconoscimento tributato al monarca, individuato quale protettore e difensore della Ecclesia, forniva elementi particolarmente efficaci, che legittimavano in pieno l’operato del re ed anzi sembravano affidargli la missione terrena di intervenire direttamente nella vita ecclesiastica vista in ogni sua manifestazione.

49La sinodica milanese, lascito estremo della presenza greca in Occidente nell’ultima fase del tardo antico, considerando gli svariati contesti entro cui si è sviluppata nel tempo la sua circolazione, dall’età carolingia fino all’Inghilterra della Riforma enriciana, oltre ad aver costituito attraverso i secoli medievali un autorevole riferimento dottrinale poté, dunque, fornire, in età moderna, anche una certificazione chiara del ruolo del re nella Chiesa.

50Sicché, non soltanto la Suggestio e l’Expositio fidei milanesi devono considerarsi a pieno titolo tra le fonti relative al concilio ecumenico di Costantinopoli del 680-681, ma alla loro voce orientale in Occidente, per secoli autorevole testimone di ortodossia, sembra doversi riconoscere una rinnovata attualità a contatto con gli infuocati dibattiti religiosi che nella prima parte del secolo XVI secolo squassarono la Cristianità latina.

Haut de page

Bibliographie

Sources et bibliographie

ACO = Acta Conciliorum Oecumenicorum, Series II, ed. R. Riedinger, Berlino, 1984 s.

Alexander - Kauffmann 1978 = J. J. G. Alexander, M. Kauffmann (ed.), English Illuminated MSS 700-1500 (catalogo della mostra), Bruxelles, 1978.

Alzati 1992 = C. Alzati (ed.), L’Anglicanesimo. Dalla Chiesa d’Inghilterra alla Comunione Anglicana, Genova, 1992.

Alzati 1993 = C. Alzati, Appendice : La sinodica di Mansueto all’imperatore Costantino IV. Osservazione in margine, in Ambrosiana Ecclesia, Studi su la Chiesa milanese e l’ecumene cristiana fra tarda antichità e medioevo, in Archivio Ambrosiano, LXV, Milano, 1993.

Anselmo D’Aosta, Lettere, 1 = Anselmo D’Aosta, Lettere, 1. Priore e Abate del Bec, a cura di I. Biffi-C. Marelli, traduzione di A. Granata, Milano, 1988.

Antiquarii de rebus britannicis 1770 = J. Lelandi, Antiquarii de rebus britannicis collectanea, II, vol. VI, Londra, 1770, p. 177-180.

Azzara 2007 = C. Azzara, Il regno longobardo in Italia e i Tre Capitoli, in C. Chazelle, C. Cubitt (ed.), The Crisis of the Oikoumene : The Three Chapters and the Failed Quest for Unity in the Sixth-Century Mediterranean, Turnhout, 2007 (Studies in the Early Middle Ages, 14).

Brook 1962 = V. J. K. Brook, A Life of Archbishop Parker, Oxford, 1962.

Brooke 1931 = Z. N. Brooke, The English Church and the Papacy, Cambridge, 1931.

Catalogue of Western Manuscripts 1921 = British Museum, Catalogue of Western Manuscripts in the old Royal and King’s collections, ed. G. F. Warner, J. P. Gilson, I, Londra, 1921.

Catalogus 1764 = Catalogus manuscriptorum codicum Collegii Claromontani quem excipit catalogus mss.rum Domus professae Parisiensis Collegii claromontani, Parigi, Saugrain, Leclerc, 1764.

Colgrave 1927 = B. Colgrave, The life of Bishop Wilfrid by Eddius Stephanus, Cambridge, 1927.

Conca - Gualandri - Lozza 1993 = F. Conca, I. Gualandri, G. Lozza (ed.), Politica, cultura e religione nell’Impero romano (secoli IV-VI) tra Oriente e Occidente. Atti del Secondo Convegno dell’Associazione di Studi Tardoantichi, Milano, 11-13 ottobre 1990, Napoli, 1993.

Conte 1989 = P. Conte, Il sinodo Lateranense dell’ottobre 649, Città del Vaticano, 1989.

Conte 1977 = P. Conte, Il significato del primato papale nei padri del VI concilio ecumenico, in Archivum historiae pontificiae, 15, 1977.

Courcelle 1948 = P. Courcelle, Les Lettres grecques en Occident. De Macrobe à Cassiodore, Parigi, 1948.

DBI 1986 = B. Bavant, Damiano, santo, in Dizionario biografico degli Italiani, XXXII, Roma, 1986.

De Bouard 1989 = M. De Bouard, Guglielmo il Conquistatore, Roma, 1989.

Dewald 1953 = E. T. Dewald, The Illustrations of the Utrecht Psalter, tavola LXXXIV (Salmo 91 A.V.), Princeton, 1953.

Dickings 1972-6 = B. Dickings, The making of the Parker Library, in Transactions of the Cambridge Bibliographical Society, 6, 1972-6, p. 19-34.

Doctrinale antiquitatum fidei, t. II, f. 4 = Thomas Waldensis, Doctrinale antiquitatum fidei Ecclesiae Catholicae, t. II, f. 4, Venetiis, 1571.

Dodwell 1954 = C. R. Dodwell, The Canterbury school of Illumination, Cambridge, 1954.

Ferrari 2008 = M. Ferrari, Il nome di Mansueto arcivescovo di Milano (c. 672-681), in Aevum, 82-2, 2008.

Finberg 1977 = H. P. R. Finberg, The Formation of England (550-1042), Londra, 1977.

Folliet 1975 = G. Folliet, Expositio de secreto gloriosae Incarnationis D.N.I.C. Histoire dun texte attribué à saint Augustin, in Corona gratiarum, Miscellanea patristica, historica et liturgica Eligio Dekkers OSB, I, Bruges, 1975.

Gatti 1987 = M. L. Gatti [introduzione di G. Reale], Massimo il Confessore. Saggio di bibliografia generale ragionata e contributi per una ricostruzione del suo pensiero metafisico e religioso, Milano, 1987.

Gavinelli 2007 = S. Gavinelli, Testi agiografici e collezioni canoniche in età carolingia attraverso codici dell'Ambrosiana, in Nuove ricerche su codici in scrittura latina dell’Ambrosiana. Atti del Convegno, Milano, 6-7 ottobre 2005, Milano, 2007 (Biblioteca erudita, 31).

Gibson 1971 = M. T. Gibson, Lanfranc’s notes on Patristic texts, in Journal of Theological Studies, n. s. 22, 1971.

Gibson 1989 = M. Gibson, Lanfranco, da Pavia, al Bec a Canterbury, Milano, 1989.

Graham 2006 = T. Graham, Matthew Parker's manuscripts : an Elizabethan library and its use, in E. Leedham-Green, T. Webber (ed.), The Cambridge History of Libraries in Britain and Ireland, Volume 1 : To 1640, Cambridge, 2006.

Haskins 1981 = C. H. Haskins, Norman Institutions, rist. New York, 1981.

Historia ecclesiastica = Beda, Historia ecclesiastica gentis anglorum, IV, 17-18 (15-16), ed. B. Col Grave, R. A. B. Mynors, Oxford, 1972 [1a ed. 1969], p. 384-390.

Historia langobardorum = Paolus Diaconus, Historia langobardorum, VI, 4, ed. L. Bethmann, G. Waitz, Hannover, 1878 (MGH, Script. Rer. Langob. et Italic., saec. VI-IX).

James 1899 = M. R. James, The Sources of Archbishop Parker's Collection of MSS at Corpus Christi College, Cambridge, 1899.

James 1903 = M. R. James, The ancient libraries of Canterbury and Dover, Cambridge, 1903.

Ker 1964 = N. R. Ker, English manuscripts in the century after the Norman conquest, Oxford, 1964, p. 14-15, 25-33, 47.

Ker 19642 = N.R. Ker, Medieval libraries of Great Britain. A list of surviving books, Londra, 19642.

Leonardi 1981 = C. Leonardi, La controversia trinitaria nell’epoca e nell’opera di Boezio, in L. Orbetello (ed.), Atti del Convegno internazionale di studi boeziani. Pavia, 5-8 ottobre 1980, Roma, 1981 ; ripreso in Boezio e la controversa trinitaria, in Medioevo latino. La cultura dell’Europa cristiana, Firenze, 2004 (Millennio Medievale, XL ; Strumenti e studi, n. s., II), p. 49-82.

Le Patourel 1976 = J. Le Patourel, The Norman Empire, Oxford, 1976.

Maassen 1870 = F. Maassen, Geschichte der Quellen und der Literatur des canonischen Rechts, I, Graz, 1870.

Magna Grecia e Tradizione Classica 1978 = Magna Grecia e Tradizione Classica, Atti del XVII convegno di studi sulla Magna Grecia. Taranto, 9-14 ottobre 1977, Napoli, 1978.

MGH = Monumenta Germaniae Historica, Hannover-Lipsia-Berlino 1826-1992, (AA = Auctores Antiquissimi ; Epp. = Epistolae ; Poetae = Poetae latini medii aevi ; LL = Leges ; SS = Scriptores ; SS RR Germ. = Scriptores rerum Germanicarum in usum scholarum separatim editi ; SS RR Merov. = Scriptores rerum Merovingicarum ; SS RR Langob. et Ital. = Scriptores rerum Langobardicarum et Italicarum saec. VI-IX).

Mai 1852 = A. Mai, Nova Patrum Bibliotheca, I, Roma, 1852, p. 462-464.

Morin 1905 = G. Morin, Textes inédits relatifs au symbole et à la vie Chrétienne, in Revue bénédectine, 22, 1905).

Nortier 1966 = G. Nortier, Les Bibliothèques médiévales des abbayes bénédictines de Normadie, Caen, 1966.

Opuscula theologica et polemica = S. Maximi Confessoris Opuscula theologica et polemica, in PG, 91, col. 136.

Page 1993 = R. I. Page, Matthew Parker and his Books, Kalamazoo, 1993.

Panazza 1953 = G. Panazza, Lapidi e sculture paleocristiane e pre-romaniche di Pavia, in Arte del primo millennio, Atti del II Convegno per lo studio dell’arte dell’alto medioevo (Pavia settembre 1950), Torino, 1953.

PG = J. P.Migne, Patrologiae cursus completus, Series Graeca, Parigi, 1857-1866.

PL = J. P.Migne, Patrologiae cursus completus, Series Latina, Parigi, 1844-1890.

Porée 1901 = A. Porée, Histoire de l’abbaye du Bec, I, Évreux, 1901.

Richards 1988 = M. P. Richards, Texts and their traditions in the medieval library of Rochester Cathedral Priory, in Transactions of the American Philosophical Society, 78-3, 1988, p IX.

Riedinger 1979 = R. Riedinger, Die Präsenz und Subskriptionslisten des VI. Oekumenischen Konzils (680-81) und der Papyrus Vind. G.3, Monaco, 1979.

Sacrorum conciliorum 1758-98 = Sacrorum conciliorum nova et amplissima collectio ... Joannes Dominicus Mansi ... edidit, continuata et ... absoluta curantibus Joanne Baptista Martin ... et Ludovico Petit, 31 voll., Florentiae et Venetiis, 1758-98.

Sacrosancta concilia 1667-72 = Philippus Labbeus, Sacrosancta concilia ad regiam editionem exacta, Lutetiae Parisiorum, impensis Societatis typographicae librorum ecclesiasticorum iussu regis constitutae, 1667-72. Per il testo milanese : vol. VI, p. 601-606.

Sansterre 1980 = J. M. Sansterre, Le moines grecs et orientaux à Rome aux époques bizantine et carolingienne, Bruxelles, 1980.

Southern 1998 = R. W. Southern, Anselmo D’Aosta, Ritratto su sfondo, Milano, 1998.

The Western Manuscripts 1900 = The Western Manuscripts in the Library of Trinity College, ed. M. R. James, Cambridge, 1900, I, n. 405, p. 540-541.

Vita Wilfridi = Eddius Stephanus, Vita Wilfridi, ed. W. Levison, Hannover, 1913 (MGH, Script. rer. Mer., VI), p. 247, 1. 24-25.

Wright 1949-53 = C. E. Wright, The dispersal of the monastic libraries and the beginning of Anglo-Saxon studies, in Transactions of the Cambridge Bibliographical Society, 1, 1949-53.

Youings 1971 = J. Youings, The Dissolution of the Monasteries, Londra-New York, 1971.

Zechiel-Eckes 1992 = K. Zechiel-Eckes, Die Concordia Canonum des Cresconius. Studien und Edition, Francoforte, 1992 (Freiburg Beiträge zur mittelalterliche Geschichte, 5).

Haut de page

Notes

1 Vedi Conca - Gualandri - Lozza 1993.

2 Vedi Leonardi 1981, p. 109-122.

3 Sulla conoscenza della lingua greca in Occidente tra V e VI secolo vedi Courcelle 1948.

4 Opuscula theologica et polemica, PG, 91, col. 136 s. Per una trattazione del fattore linguistico nel quadro dei rapporti tra Oriente e Occidente vedi Sansterre 1980, p. 62-76. Sulla figura di Massimo il Confessore vedi Gatti 1987.

5 Commemoratio eorum quae… acta sunt… in… Martinum papam Romae, per epistolam cujusdam Christianissimi, directam his qui sunt in Occidente, seu Romae, et in Africa, orthodoxis Patribus (traduzione di Anastasio Bibliotecario) : PL, 87, col. 114 D = PL, 129, col. 504 D.

6 ACO, Series II, vol. I. L’editore in una serie di lavori preparatori ha affrontato il problema della storicità degli Atti, che, redatti in greco e poi tradotti in latino per darne lettura nel palazzo lateranense davanti al papa e ai vescovi riuniti, rappresenterebbero un raffinato prodotto di propaganda teologica e non la testimonianza immediata di un fatto storico. Vedi Conte 1989, p. 36-38.

7 Historia ecclesiastica, IV, 17-18 (15-16).

8 Sacrorum conciliorum 1758-98, vol. XI, col. 203 s. L’edizione è poi confluita in : PL, 87, 1261-1267. Va segnalato che il testo dell’Expositio fidei compare nella Patrologia Latina anche in una versione anonima e tronca (PL, 13, 651-654) nel volume che riproduce la Nova Patrum Biblioteca di Angelo Mai (Mai 1852, p. 462-464).

9 La Sede apostolica si espresse con una Suggestio ed un tomo del pontefice Agatone : ACO, Series II, vol. II, I, p. 123-159 e p. 52-121.

10 Historia langobardorum, VI, 4, p. 166.

11 Nell’epitaffio di Damiano (vedi Panazza 1953, p. 253) si legge : « […] quos sinus enutrit / Liguriae et gignunt quos Athenea rurat […] ». Su Damiano, vedi DBI 1986, p. 339-343.

12 Vedi Alzati 1993, p. 123-130.

13 Vedi Azzara 2007, p. 209 s.

14 Vedi Sansterre 1980, p. 67-76.

15 Secundum piissimam iussionem a Deo protegendae mansuetudinis uestrae pro oboedientia quam debemus, non pro confidentia eorum scientiae quos dirigimus, presentes confamulos nostros Abundantium, Iohannem et Iohannem, reuerentissimos fratres nostros episcopos, Theodorum et Georgium, dilectissimos filios nostros presbiteros, cum dilectissimo filio nostro Iohanne diacono et Constantino, subdiacono sanctae huius spiritalis matris apostolicae sedis, nec non et Theodorum presbiterum, legatum sanctae Rauennatis ecclesiae, et religiosos seruos Dei monachos cum supplici cordis deuotione curauimus demandare : ACO, Series II. vol. II, I, p. 56.4-12, p. 57.4-11. Vedi Conte 1977, p. 7-111. Per una trattazione delle liste di sottoscrizione apposte al concilio del 680-681, vedi Riedinger 1979.

16 Sul dibattito in merito alla situazione storico-linguistica dell’Italia meridionale e della Sicilia dalla Magna Grecia alla dominazione romana e bizantina vedi Magna Grecia e Tradizione Classica 1978.

17 Vita Wilfridi, VI, p. 247, 1. 24-25. Vedi Colgrave 1927.

18 Vedi Maassen 1870, p. 226 e 349 ; Morin 1905, p. 505-524 ; 511-512 ; Folliet 1975, p. 354-67 ; Zechiel-Eckes 1992, p. 86, 118, 319, 322, 324, 326, 333, 339-40, 343, 345, 353 ; Gavinelli 2007, p. 66-67.

19 Vedi Ferrari 2008, p. 287-288.

20 In L i due testi sinodali milanesi vengono tramandati in un contesto vario, costituito da diversi scritti di natura disciplinare e dottrinale attribuiti al venerabile Beda, a s. Ambrogio e a s. Agostino, oltre al De Spiritu Sancto di Didimo, testo riportato nella traduzione di s. Gerolamo. Vedi Catalogue of Western Manuscripts 1921, p. 102.

21 Vedi Ker 1964, p. 14-15, 25-33, 47. Sulla figura di Lanfranco vedi Gibson 1971, p. 435-450 e Richards 1988, p. 3-4.

22 Vedi Ker 19642, p. 160, 162 ; Richards 1988, p. 6-7, 23.

23 Cfr. nota n. 8.

24 Sacrosancta concilia 1667-72, vol. VI, p. 601-606.

25 Si tratta di due codici : Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat. Lat. 1347, fol. 69v-72v, sec. IX, Reims e Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat. Reg. lat. 849, fol. 224v-228v, sec. X inizio.

26 Da una disamina, effettuata tramite lo scarno catalogo dei codici presenti nel Collegio e testimoni di opere entrate in connessione con la sinodica di Mansueto (Vedi Catalogus 1764), è emerso come almeno cinque degli esemplari ivi custoditi potessero essere testimoni anche del documento milanese. Tra questi, tre codici (568, 570 e 573), risalenti al IX secolo, tramandano una non meglio specificata Collectio Canonum, mentre due manoscritti (il 566 dell’VIII/IX secolo ed il 571 del IX) risultano testimoni della Concordia canonum di Cresconio, opera con cui il documento milanese si lega in ampia parte della tradizione manoscritta. Tuttavia, tra i testimoni dell’opera cresconiana allineati dallo Zechiel-Eckes (vedi Zechiel-Eckes 1996, II, p. 313-314), soltanto il codice Berlin, Deutsche Staatsbibliothek, Phil. 1748, redatto nella Borgogna meridionale tra l’VIII e il IX secolo, risulta provenire dalla collezione, purtroppo dispersa, custodita presso il Collegio parigino in cui operò il Labbe. Tale antico codice berlinese corrisponde al claromontano 566 e si limita alla sola Concordia cresconiana, non risultando, dunque, tra i testimoni della sinodica di Mansueto.

27 Vedi Gibson 1989, p. 119 s. Per la conquista normanna vedi De Bouard 1989. Per gli sviluppi successivi vedi Le Patourel 1976.

28 Vedi Gibson 1989, p. 106 s. Sulla questione relativa al primato della sede di Canterbury ed allo scontro con l’arcivescovo di York, i cui effetti si protrassero fino alla consacrazione di Anselmo vedi Southern 1998, p. 349 s.

29 Vedi Gibson 1989, p. 183 s.

30 Per una storia dell’abbazia nel periodo relativo a Lanfranco e Anselmo vedi Porée 1901, p. 30-134.

31 Sullo stile proprio dello scriptorium di Canterbury vedi Dodwell 1954.

32 Vedi Nortier 1966, p. 57-83.

33 Vedi Gibson 1989, p. 99 s. Sul ducato di Normandia vedi Haskins 1981.

34 Vedi Alexander - Kauffmann 1978, p. 35-43 e Dewald 1953.

35 Anselmo D’Aosta, Lettere, 1.

36 […] De Moralibus Iob mihi (Anselmo) mandastis. […] Ut libros beatorum Ambrosii et Hieronymi habeam, ad hoc quod iussistis laboravi et laboro […] : Anselmo D’Aosta, Lettera 23, p. 156-159.

37 Vedi The Western Manuscripts 1900, p. 540-541; Ker 1964, p. 25-26 e Brooke 1931, p. 59-71.

38 Hunc librum dato precio emptum ego LANFRANCUS archiepiscopus de Beccensi cenobio in anglicam terram deferri feci et ecclesie Christi dedi. Siquis eum de iure prefate ecclesie abstulerit, anathema sit : vedi The Western Manuscripts 1900, p. 541.

39 PL, 150, col. 421-441.

40 Vedi Southern 1998, p. 56-62.

41 Vedi Southern 1998, p. 59-60.

42 Vedi Ker 19642, p. 160 e Richards 1988, p. 6-7.

43 Vedi Ker 1964, p. 14-15, 25-33, 47 e Richards 1988, p. 3-7.

44 Vedi Southern 1998, p. 331, 436 ; 32, 112, 151-154 ; 438, 378, 440.

45 Vedi Ferrari 2008, p. 288. Per una descrizione del codice vedi James 1903, p. 18 n° 32.

46 Per l’Inghilterra prenormanna vedi Finberg 1977.

47 Durham, Biblioteca della Cattedrale, B.II.10 (Le Lettere di Girolamo) e B.IV.24 (Le costituzioni lanfranchiane) vedi Gibson 1989, p. 186.

48 Vedi Antiquarii de rebus britannicis 1770, vol. VI.

49 L’atto di resa è datato al 27 maggio del trentesimo anno di regno di Enrico VIII.

50 Vedi Antiquarii de rebus britannicis 1770, vol. VI, p. 178. Vedi anche Southern 1998, p. 393-396.

51 Vedi Youings 1971 e Wright 1949-53, p. 208-237.

52 Vedi Brook 1962.

53 Vedi James 1899; Dickings 1972-6, p. 19-34; Graham 2006, p. 322-41; Page 1993.

54 […] Amplissimus princeps zelo orthodoxae fidei animatus, congregauit sanctum concilium .318. sanctorum patrum in Nicea urbe Bithyniae, in qua sancta synodo nefandae sectae serpentinam malitiam una cum authore suo Ario in perpetuum fecit damnari, etaeterna animadversione percelli […]: Doctrinale antiquitatum fidei t. II, f. 4.

55 Sul richiamo all’esperienza tardo antica vedi Alzati 1992, p. 23-39.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Fabio Furciniti, « La presenza greca in area latina e i rapporti tra Oriente e Occidente nell’ultima fase del tardo Antico », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge [En ligne], 124-1 | 2012, mis en ligne le 19 décembre 2012, consulté le 22 mai 2017. URL : http://mefrm.revues.org/175 ; DOI : 10.4000/mefrm.175

Haut de page

Auteur

Fabio Furciniti

Dottore di ricerca in Storia medievale, Università Cattolica di Milano - fabiofurciniti[at]hotmail.com

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org