Navigation – Plan du site
Viaggiare a Roma tra la fine del Medio Evo e l’inizio dell’età moderna

Gli Etiopi a Roma nel Quattrocento : ambasciatori politici, negoziatori religiosi o pellegrini ?

Benjamin Weber

Résumés

Viaggiatori etiopici erano abbastanza comuni a Roma nel Quattrocento. Le fonti sono raramente sufficienti per uno studio preciso e definitivo della loro origine e dei loro scopi, ma permettono di intravedere la varietà dei motivi di un tal viaggio. Si veniva dall’Etiopia a Roma per ragioni politiche (discutere di un’alleanza militare), religiose (trattare dell’unione delle chiese) o come semplice pellegrino (visitare basiliche e reliquie). Ma ogni viaggiatore portava informazioni inedite sul suo paese ed era l’occasione per un incontro tra il centro della Cristianità e i suo più estremi confini : acquistava quindi un’importanza ben superiore al suo status reale per concretizzare l’universalismo della città papale.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Il percorso è descritto dettagliatamente in vari itinerari del Quattrocento e degli inizi del Cinqu (...)
  • 2 In epoca medievale l’Etiopia era raramente distinta dalla Nubia, si considerava perciò confinante a (...)

1L’Etiopia medievale era situata a più di quattromilacinquecento chilometri da Roma in linea d’aria, più di cinquemilacinquecento seguendo la strada tradizionale attraverso il mar Rosso, il Nilo, Alessandria e Venezia1. Considerando le difficoltà di tutti viaggi medievali e la presenza spesso ostile dei Mamelucchi in Egitto, appare evidente che gli Etiopi non furono mai numerosi nella capitale del Cristianesimo latino. Sarebbe però sbagliato affermare che l’Etiopia fosse ignota ai papi, o che nessun Etiope abbia mai intrapreso il viaggio verso Roma. L’Etiopia era un regno cristiano dal quarto secolo e aveva mantenuto legami con i cristiani d’Oriente, con Bisanzio, Gerusalemme e Alessandria, anche dopo la conquista dell’Egitto da parte dei musulmani e la relativa chiusura del Mar Rosso ai mercanti cristiani. Con la creazione dei regni franchi in Oriente nel XII secolo, le relazioni, dirette o indirette, tra l’Occidente e l’Etiopia si moltiplicarono. Questo regno fu presto considerato di grande interesse per il papato : da una parte la sua posizione geografica ne faceva un alleato ideale per la crociata2, dall’altra l’esistenza stessa di un regno cristiano in una terra così remota marcava l’estensione del potere dei papi.

  • 3 Beckingham 1996, Richard 1960.
  • 4 Beckingham 1989.
  • 5 La maggior parte di questi documenti sono stati elencati in Lefevre 1946 senza, purtroppo, analizza (...)
  • 6 Richard 1977, p. 259, menziona alcuni indiani (provenienti dall’attuale India) a Roma nel Quattroce (...)

2La lettera di Alessandro III, diretta a Iohannes, rex Indorum, nel 1177 potrebbe essere il primo tentativo di contatto diretto tra un papa e il re d’Etiopia, il negus. Nel 1245, poi, l’Etiopia fu considerata una terra di missione, e fu inclusa nelle varie bolle Cum ora undicesima che descrivevano i confini del mondo da cristianizzare. Durante i due secoli successivi, il papato fece grandi sforzi per inviare missionari e lettere ai re d’Etiopia, ma non ci sono prove di alcun contatto diretto3. La notizia di un’ambasciata etiope giunta ad Avignone per incontrare Clemente V nel 1306, anche se probabile, rimane un’ipotesi basata su fonti molto posteriori4. Le prime notizie certe sulle relazioni dirette tra papi ed Etiopi risalgono quindi al Quattrocento. Bolle, salvacondotti, conti della Camera Apostolica o cronache contemporanee fanno menzione di un gran numero di Etiopi presenti a Roma o alla corte pontificia5. Purtroppo questi documenti, spesso isolati, offrono pochissime informazioni. La maggior parte degli Etiopi a Roma sono citati in un solo testo, a volte un semplice salvacondotto, che non presenta altro che un nome. Pochi sono rintracciabili in altri documenti europei (di Venezia, Borgogna, Aragona...) e nessuno è documentato da fonti etiopiche. La confusione tra India ed Etiopia, comune fin dall’Antichità classica, complica ancora di più il compito dello storico. In questo lavoro ho considerato come Etiopi quei personaggi indicati nei documenti pontifici come Indiani o Homini natione Indi. L’importanza politica e religiosa del regno dei Negus nel Quattrocento rende verosimile questa ipotesi, ma non si può escludere che alcuni di essi venissero dalla penisola indiana o in generale dalle zone tra l’Etiopia e l’attuale India6. Alcuni documenti pontifici forniscono tuttavia informazioni sulla provenienza e sulla destinazione di questi viaggiatori, sugli scopi del loro viaggio, sui contatti che ebbero con i papi o sulle loro attività a Roma. Ciò ci permette di intravedere le ragioni che spinsero alcuni Etiopi ad intraprendere un viaggio così lungo. Più che un elenco di tutti gli Etiopi venuti a Roma nel Quattrocento, che non potrebbe essere né completo né definitivo, quest’articolo intende proporre alcune riflessioni sui possibili motivi di un viaggio dall’Etiopia a Roma alla fine del Medioevo.

Contatti politici e progetti militari

  • 7 Thomassy 1842, Marinescu 1994, p. 18, Garretson 1993.

3Durante la quinta crociata (1217-1221), l’Occidente aveva raccolto, presso i cristiani copti d’Egitto, informazioni sulla presenza di un regno cristiano a monte del Nilo, e aveva sognato di intraprendere con esso una guerra comune contro il nemico musulmano. Queste speranze erano ancora vive nel Quattrocento. Nel 1427 Alfonso V il Magnanimo, re d’Aragona, ricevette a Valencia due Etiopi, alla presenza del legato pontificio, il cardinale di Foix, e discusse con loro dell’alleanza militare contro i Mamelucchi. I due ambasciatori affermarono di voler visitare il papa a Roma, ma nessun documento ci informa se lo fecero veramente7.

  • 8 De Witte, 1956, Marinescu 1994, p. 198-200.
  • 9 Archivo Segreto Vaticano ( =ASV), Reg. Vat. 445, ff. 124r-124v (salvacondotto), 172r-174v (lettera) (...)

4In risposta alle lettere del re d’Aragona, nel 1450 il negus Zär’ä Ya’eqob inviò a Napoli tre rappresentanti, i quali fecero sosta a Roma. Michele, monaco di Santa Maria di Gualbert nel deserto egiziano, e Abou Omar al-Zendi, un « moro », erano guidati da Pietro Rombolo da Messina, un italiano che aveva vissuto in Etiopia per vari anni. Sfortunatamente, nessun documento ci informa del loro colloquio con il papa Niccolò V ; è probabile che siano state trattate questioni militari, ma con certezza sappiamo solo che i delegati etiopi assistettero alla canonizzazione di Bernardino da Siena nella basilica di San Pietro. Partirono poi per Napoli, dove Alfonso V fece loro nuove promesse di aiuto militare e tornarono in Etiopia passando per Costantinopoli e Trebisonda8. Questo itinerario indica la volontà degli ambasciatori di evitare l’Egitto, dove nel 1427 alcuni inviati aragonesi erano stati arrestati dai Mamelucchi che temevano un’alleanza tra Occidente ed Etiopia. Lo scopo di questa missione era dunque chiaramente, anche se non unicamente, militare. La difficoltà delle potenze occidentali di unirsi contro i musulmani, la distanza che le separava dell’Etiopia e la minaccia, molto più concreta, degli Ottomani in Europa, impedirono che i suddetti progetti fossero portati a termine, ma i contatti politici non cessarono. Negli ultimi mesi del 1456, due Etiopi dell’ordine di Sant’Antonio, il prete Paulo e il diacono Teodoro, erano a Roma. Non conosciamo il motivo del loro viaggio, ma Callisto III accordò loro un salvacondotto e affidò loro una lettera per Zär’ä Ya’eqob nella quale chiedeva aiuto militare contro i Musulmani9.

  • 10 Ho studiato i problemi di quest’ambasciata con più dettagli in Weber 2012.
  • 11 Ghinzoni 1889.
  • 12 Paride de Grassis, Tractatus de Oratoribus Romane Curie, Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat. Lat. (...)
  • 13 Raineri, 2003, n° 8. Il mese precedente, il papa aveva annunciato al vicario dell’Osservanza france (...)

5L’ambasciata del 1481, pur essendo meglio documentata, presenta problemi d’interpretazione simili10. Secondo l’ambasciatore milanese a Roma, il Negus Iskender, incoronato nel 1468, avrebbe voluto fare confermare il suo potere da un ecclesiastico di Gerusalemme, « secundo el loro costume »11. Giunti nella città santa, i suoi inviati sarebbero entrati in contatto con il guardiano francescano del convento del Monte Sion. Quest’ultimo, considerando la loro fede eretica, avrebbe loro consigliato di recarsi a Roma per chiedere direttamente al papa di incoronare il re d’Etiopia. Siamo certi che nel novembre 1481, sei Etiopi entrarono a Roma, guidati da un importante ecclesiastico, Antonio, e accompagnati da Giovanni Bocchi da Imola, un italiano al servizio del papa che aveva vissuto in Etiopia. Furono ricevuti in concistoro segreto da Sisto IV e vennero interrogati sulla situazione religiosa, militare e politica del loro paese. Rimasero a Roma per sei mesi, alloggiati prima a Castel Sant’Angelo, poi nel nuovo ospedale di Santo Spirito in Sassia. Furono onorati come ambasciatori imperiali, mangiarono alla tavola del papa, cantarono la messa con i cardinali e discussero di teologia con Fra’ Roberto da Lecce12. Secondo il racconto dell’ambasciatore milanese, il cardinale di Rouen, Guillaume d’Estouteville, decano del collegio cardinalizio, ricordó che altri etiopi erano venuti già al tempo del concilio di Firenze, che Eugenio IV aveva tentato di convertirli alla fede cattolica senza riuscirvi, ma che valeva la pena provare di nuovo, nel caso potessero essere utili per combattere il Turco. Prima della loro partenza nel maggio del 1482, Sisto IV scrisse una lettera al Negus, rievocando la possibilità d’inviare in Etiopia un importante ecclesiastico (presulem) con una corona e una spada per la sua cerimonia di incoronazione13. Antonio, tuttavia, non tornò in Etiopia : secondo il custode del convento francescano in Terra Santa, che lo denunciò due anni dopo, rimase a Gerusalemme spendendo per sé i soldi mandati dal papa al Negus. Anche il papa era stato colpito di alcuni dubbi, ma gli ambasciatori erano stati onorati lo stesso : era più importante rendere manifesta la venuta degli Etiopi a Roma, il loro omaggio e la richiesta di un riconoscimento pontificio per l’investitura del loro re piuttosto che interrogarsi sull’autenticità dell’ambasciata. Non sembra verosimile che il Negus Eskender abbia ordinato ai suoi oratori di sottomettersi al papa e di promettergli un tributo. Resta comunque di difficile interpretazione quale ruolo giocarono in questo incontro la verità e le bugie, la propaganda pontificia, l’invenzione di testimoni (in particolare l’oratore milanese e Paride de Grassis, maestro delle cerimonie del papa e principale testimone di questi eventi) e le incomprensioni reciproche. Forse Antonio e i suoi compagni erano impostori e non avevano nessun legame con il Negus, forse erano stati veramente inviati dal re di Etiopia, ma andarono ben oltre il loro mandato per far piacere al papa, forse furono le nostre fonti che esagerarono la descrizione della sottomissione degli Etiopi per aumentare il prestigio papale. In ogni caso, il papa lasciava credere (forse lo credeva lui stesso) che il re d’Etiopia accettasse il suo primato, che il suo potere di capo della Chiesa fosse riconosciuto anche nella lontanissima Africa. Ma, come aveva ricordato il cardinale d’Estouteville, la realtà della situazione religiosa era molto più complessa, e i papi lo sapevano bene.

Unione delle Chiese e unità della Cristianità

  • 14 ASV, Reg. Vat. 352, f. 21v, pubblicato in Lefevre 1946 e in Smith 1969, p. 377, n. 1.
  • 15 Ibid., p. 376-377.

6Nel gennaio 1418, tre Etiopi - Pietro, Bartolomeo e Antonio - ricevettero un salvacondotto dall’amministrazione pontificia per tornare in Etiopia dopo aver passato vari mesi nella regione di Costanza14. L’umanista Pier Paolo Vergerio conferma la presenza di Etiopi al concilio ecumenico, precisando che non facevano parte di un’ambasciata ufficiale, ma erano semplici viaggiatori (quidam privatim)15. I tre uomini avevano comunque assistito al concilio, forse per portarne notizia in Etiopia. Il loro viaggio fino in Svizzera manifesta l’interesse degli Etiopi per la cristianità occidentale e la loro volontà di entrare in contatto con le autorità religiose latine. Fu anche un’occasione per la Chiesa romana di ottenere notizie sulla situazione religiosa dell’Etiopia, della quale si sapeva poco. Le stesse attitudini e volontà si riscontrano nel caso della delegazione etiope al concilio di Firenze, sulla quale la documentazione è molto più abbondante.

  • 16 Presbytero Iohanni Regi, ac imperatori Ethiopie Illustri. Pubblicata in Hofmann, 1950 n° 38-40. L’o (...)
  • 17 Charissimo in Christo filio Thome, imperatore indorum illustri ; à Charissimo filio presbytero Ioha (...)
  • 18 Cerulli 1933 A, Cerulli 1933 B, Gill, 1964, p. 289-294, Tedeschi 1989, Baum, 2001, p. 175-187, Webe (...)
  • 19 Flavio Biondo racconta di queste conversazioni, delle quali fu segretario : Nogara 1927 p. 19-26.

7Nell’intento di unire tutti i cristiani sotto il dominio della Chiesa di Roma, Eugenio IV aveva inviato nel 1438, una lettera al « Carissimo in Cristo re prete Giovanni e illustre imperatore dell’Etiopia16 ». Il tentativo fu rinnovato dopo l’unione con i Greci, nell’agosto 1439, con l’invio di Alberto di Sarteano, munito di lettere credenziali pontificie, presso « Thomaso imperatore degli Indi » e « prete Giovanni imperatore d’Etiopia »17. Alberto non andò mai in Etiopia, ma tornò a Roma accompagnato da due delegazioni. La prima, costituta da Copti d’Egitto, era stata mandata dal patriarca d’Alessandria. L’altra era invece composta di Etiopi, delegati di Nicodemo, abate del monastero etiope di Gerusalemme, ed era guidata da Pietro Diacono. Secondo le fonti, il numero totale dei delegati varia tra otto e quaranta : sbarcarono ad Ancona, passarono per Perugia e Cortona, per arrivare a Firenze il 26 agosto 144118. I Copti dichiararono subito la loro volontà di aderire all’unione. Il decreto fu firmato il 4 febbraio 1442. Gli Etiopi, invece, si limitarono ad affermare che non costituivano un’ambasciata ufficiale dal Negus o dalla Chiesa etiopica e non avevano quindi alcun mandato per trattare dell’unione con il papa. Il papa e i padri conciliari li ricevettero comunque nella chiesa di Santa Maria Novella il primo settembre 1442, due giorni dopo i Copti. Fu chiesto loro se erano disposti all’unione : affermarono che la volontà del loro re e di tutto il popolo etiope era di avvicinarsi da Roma, ma che solo il Negus poteva trattarne con il papa. Furono interrogati sulla potenza militare dell’Etiopia : risposero che era grandissima e che il re combatteva spesso contro musulmani ed ebrei19. L’interesse del concilio per gli Etiopi non aveva dunque solo scopi religiosi e la speranza di un’alleanza militare era ancora presente.

  • 20 Carusi 1904, p. 156, col. 2.

8La questione della sottomissione dell’Etiopia all’autorità romana fu anche discussa con l’ambasciata del 1481. Il cronista Gherardo da Volterra ne fece il motivo principale della venuta degli Etiopi a Roma. Secondo lui, i delegati non erano mandati dal re, ma dal suo “secretarius” che voleva unirsi alla chiesa romana e diffondere il rito latino nel suo dominio20. Tutti i viaggi tra Roma e l’Etiopia avevano quindi scopi molteplici e complessi. Discussioni politiche erano sempre strettamente legate a questioni religiose e le trattative per l’unione si facevano sempre con la speranza d’una cooperazione militare. Il viaggio verso l’Italia non si intraprendeva quindi per un motivo solo, e neanche si viaggiava soltanto per motivi ufficiali. Un gran numero di fonti testimoniano l’importanza delle reliquie e della visita delle chiese romane per gli Etiopi venuti a visitare il papa. Il pellegrinaggio a Roma sembra aver goduto di grande popolarità nel Quattrocento, fino in Africa.

Pellegrinaggi

  • 21 Cerulli 1943, p. 1-19.
  • 22 Iorga 1889, s. 1, p. 159.
  • 23 Santiago di Compostela sembra aver goduto di una popolarità simile, pur essendo ancora più lontana (...)
  • 24 De longinquius Ethiopie partibus innumerabilibus periculis et laboribus se exponens ad visitanda Ap (...)
  • 25 Fratribus negris de Etiopia […] Limina beatorum apostolorum Petri et Pauli et alia limina alme urbi (...)
  • 26 Ibid. (febbraio 1466) e ibid. f. 233r (aprile 1466).
  • 27 ASV, Reg. Vat. 610, f. 279v-280v
  • 28 ASV, Reg. Vat. 634, f. 200v-201v, pubblicato in Lefevre 1946.

9Le più antiche testimonianze della presenza etiopica a Gerusalemme risalgono al XII secolo, ma è molto probabile che in Etiopia la pratica del viaggio in Terra Santa fosse più antica21. La presenza etiope si rafforzò durante le crociate e il viaggio a Gerusalemme diventò abbastanza comune in epoca tardomedievale. Nel Quattrocento, anche l’Occidente diventò una meta di pellegrinaggio per gli Etiopi. Nel novembre 1407, cinque Etiopi (« homini d’India », dice la cronaca di Bologna) rimasero un mese a Bologna : uno di loro celebrò la messa in piazza, « dixem molto devotamente e no s’entendem soe liegire, né soa litera, ma molte cosse s’entendem, zoè Jhesus Christus, etiamdio Amen e Alleluia, e multi profeti e apostoli che menzonam, e fievan miser Domindio como nui »22. Erano devotissimi, conclude il cronista, e volevano giungere a Sant’ Antonio (di Padova verosimilmente), Santiago di Compostela e Roma. L’apertura all’Occidente permise agli Etiopi di includere nel loro orizzonte tutte le grandi mete di pellegrinaggio : il prestigio di Roma ne risultò rafforzato23. Nel 1431, il prete etiope Tommaso giunse a Roma « dalla lontana Etiopia, esponendose a innumerabili pericoli e difficoltà, per visitare i sepolcri degli apostoli »24. Nel gennaio 1466, il diacono Simeone e il monaco Sermis, dell’ordine di Sant’Antonio, « fratelli negri d’Etiopia », vennero a Roma per « visitare il sepolcro degli apostoli Pietro e Paulo e altri sepolcri della Città » con l’intenzione di recarsi « a diverse regioni del mondo per visitare diversi sepolcri di santi »25. Lo stesso salvacondotto fu concesso un mese dopo ad « due altri indi » e un altro simile in aprile a cinque indi26. Lazzaro, Basilio, Lazzaro (sic) e Tommaso arrivarono a Roma nel giugno 1480 « dalle lontanissime regioni d’Etiopia », per « visitare i sepolcri dei santi Pietro e Paulo e la Sancta Sede apostolica, con grande devozione e reverenza »27. Il viaggio di Luca, Giovanni, Abraham e Pietro è descritto con la stessa frase in una bolla dell’agosto 148328. La ripetizione di formule identiche, la ricopiatura di lettere, rende l’interpretazione di questi documenti delicata. Erano veramente venuti a Roma per visitare la basilica di San Pietro, questi Etiopi, o ricevano privilegi copiati dai formulari classici della cancelleria pontificia ? La venuta di pellegrini etiopici a Roma era comunque sufficientemente comune per applicare queste formule alla maggior parte degli Etiopi presenti nella città.

  • 29 Questo viaggio è l’unico, nel Quattrocento, ad essere documentato da fonti etiopiche, occidentali e (...)
  • 30 Zanutto 1904, p. 37, Baum 2001, p. 158-174.
  • 31 ASV, Reg. Vat. 360, f. 120v, pubblicata in Raynaldus 1643, ad annum 1441, §2 ; Iorga, 1889, S. 2, p (...)
  • 32 Cerone 1902, in particolare p. 71.
  • 33 Videlicet de reliquiis SS Petri et Pauli apostolrum, de reliquii san Iohannis Batiste, de bracchio (...)
  • 34 ASV, Reg. Vat. 374, f. 89r-89v.
  • 35 Mercati 1939, p. 12-13.
  • 36 ASV, Cam. Ap., Div. Cam. 20, f. 203r.
  • 37 Duabus pauperibus indianis, ASV, Cam. Ap., Intr. et Ex. 461, f. 81v.
  • 38 ASV, Reg. Vat. 673, f. 495v-496r.

10La ricerca di reliquie, per contemplarle o portarle in Etiopia, in effetti compare, spesso nei documenti come motivo dei viaggi dall’Etiopia all’Occidente. L’ambasceria che raggiunse Venezia nel 1402 era mandata dal negus Dawit per chiedere al Doge alcuni frammenti della Santa Croce, per proteggere il suo regno africano29. Tre Etiopi vennero a Roma nel 1404 per “avere le indulgenze e le assoluzioni da pena e da colpa per tutti quelli che combattono contro gl’infideli, per quelli che ammazzano i giudei, e per aver pure le reliquie di quei Santi che sono a Roma” secondo la testimonianza di Candido da Cividale30. La ricerca di un’indulgenza di crociata fu, senza dubbio, un’invenzione dell’autore, ma l’interesse verso le reliquie è molto più probabile. Gli inviati etiopici al concilio di Firenze ammirarono a Roma il velo di santa Veronica a San Pietro e le reliquie di san Giovanni a San Lorenzo in Damaso31. Gli ambasciatori etiopici a Napoli nel 1450 ricevettero un reliquiario d’argento32. Calisto III regalò a Zär’ä Ya’eqob, tramite Paulo e Teodoro, un gran numero di reliquie, « cioè delle reliquie degli apostoli santi Pietro e Paulo, delle reliquie di san Giovanni Battista, il braccio di san Andrea apostolo, delle reliquie de san Iacopo Zebadeo apostolo, del legno della croce nella quale fu sospeso san Pietro apostolo »33. Molto probabilmente, la maggior parte degli Etiopi presenti a Roma nel Quattrocento sui quali non sappiamo nulla, vennero nella città dei papi come semplici pellegrini. Teodorico, « diacono d’India », fu accolto a Roma nel 143634. Un monaco passò per Roma nel 1438, raccomandato da Antonio Camaldolese, e visitò alcuni monasteri35. Tommaso ed Ezechiele ricevettero un salvacondotto per il viaggio da Firenze a Roma nel novembre di 144236. Dieci fiorini furono offerti a « due poveri indiani » nel maggio 146537. Andrea Pietro, « indiano » visitò Domenico delle Rovere, nipote del papa Sisto IV, nel 148138.

  • 39 Vestimenta et nonnulle pecunie, ASV, Cam. Ap., Div. Cam. 32, f. 217r-217v, 233r.
  • 40 ASV, Cam. Ap., Intr. et Ex. 409, f. 60v, 66r, 67r, 70r, 73r.

11La presenza di questi semplici pellegrini nella documentazione pontificia indica l’interesse che questi viaggiatori suscitavano nella curia Romana. I papi promisero quaranta giorni d’indulgenza a chi avesse aiutato Tommaso nel 1431, cento giorni d’indulgenza a chi avesse alloggiato Teodorico nel 1436 e tre anni a chi avesse pagato il viaggio di ritorno di Andrea Pietro nel 1481. Tutti gli Etiopi presenti a Roma nel 1466 ricevettero « vestiti e alcuni soldi » da Paolo II39. La delegazione etiopica al concilio di Firenze, pur non essendo un’ambasciata ufficiale, fu nutrita e vestita dalla Camera Apostolica, come tutte le altre delegazioni orientali40. I papi distribuirono numerosissimi salvacondotti ai viaggiatori etiopici, promettendo loro l’aiuto dagli ufficiali pontifici. Questi appoggi erano abbastanza comuni da parte dell’amministrazione pontificia ma nel caso dei viaggiatori etiopici sembrano addirittura sistematici. La scarsità degli Etiopi a Roma e l’importanza militare, politica, religiosa e simbolica, accordata all’Etiopia dal papato, fecero considerare ogni Etiope come un personaggio degno di grande considerazione. La distinzione tra ambasciatori politici, inviati per l’unione o pellegrini, usata in questo studio per motivi di chiarezza, si rivela quindi molto artificiale. Nessuno intraprendeva un viaggio del genere per un motivo solo. Anche i più semplici viaggiatori potevano portare informazioni sulla situazione religiosa o militare del loro paese, portare al loro ritorno una lettera per chiedere l’unione o un’alleanza e diventare così ambasciatori quasi ufficiali. I papi avevano interesse a sopravvalutare la dignità di questi viaggiatori, per aumentare il loro proprio potere. L’ambiguità sullo scopo di questi viaggi e lo statuto reale degli Etiopi a Roma proviene della scarsità delle fonti e dall’incomprensione tra Etiopi e Latini. Ma era anche volontariamente mantenuta, sia dagli Etiopi stessi, per approfittare di un’accoglienza ufficiale a Roma, sia dai papi, per ostentare a tutti le loro relazioni con il Negus, erede del mitico Prete Giovanni.

12Le relazioni tra Etiopia e Roma nel Quattrocento furono quindi frequenti ma rimasero sempre eccezionali, occasione di scambio d’informazioni politiche, strategiche e religiose. Ulteriori ricerche sarebbero necessarie per confermare o precisare il destino individuale di questi uomini. Un confronto attento con documenti arabi, copti ed etiopici permetterebbe forse di capire meglio il contesto di queste relazioni, se non la situazione di ciascuna ambasceria. Aspettando questi lavori, dobbiamo considerare la maggior parte delle informazioni del presente studio come ipotesi. Alcuni di questi viaggiatori non erano, senza dubbio, Etiopi ma Nubiani, Egiziani o Indiani. Ma il gran numero di Etiopi menzionati presso i papi non lascia dubbio. Roma era divenuta, nel Quattrocento, una meta abbastanza comune per i viaggiatori etiopici : ci venivano per motivi religiosi o politici, vi discutevano di alleanze militare o d’unione delle Chiese, vi visitavano le basiliche e ne riportavano reliquie. Nonostante la distanza, le difficoltà del viaggio, l’ostilità dei Mamelucchi e i problemi di comprensione, gli Etiopi agirono, insomma, in maniera simile agli altri cristiani. L’unica categoria di viaggiatori etiopici che non incontriamo a Roma sono i mercanti. Durante il Quattrocento gli scambi commerciali con l’Africa orientale rimasero in mano ai musulmani, con poche apparizioni di commercianti italiani, soprattutto veneziani o genovesi. La circumnavigazione dell’Africa alla fine del secolo, e la conseguente penetrazione nell’Oceano Indiano da parte dei Portoghesi completò l’integrazione dell’Etiopia nell’Orbis Christianus.

Haut de page

Bibliographie

Baum 2001, W. Baum, Äthiopien und der Westen im Mittelalter, Klagenfurt, 2001.

Beckingham 1996 = Ch. F. Beckingham, The Achievments of Prester John, in id., B. Hamilton (a cura di), Prester John, the Mongols and the Ten Lost Tribes, Aldershot, 1996, p. 1-22.

Beckingham 1989 = Ch. F. Beckingham, An Ethiopian Embassy to Europe, ca. 1310, in Journal of Semitic Studies, 14, 1989, p. 337-346.

Cerulli 1933A = E. Cerulli, L’Etiopia del secolo 15 in nuovi documenti storici, in Africa Italiana, 2 1933, p. 57-112.

Cerulli 1933 B = E. Cerulli, Eugenio IV e gli Etiopi al concilio di Firenze nel 1441, in Rendiconti della reale academia nazionale dei lincei. Classe di scienze morali, storiche e filologiche, S. 6, 9, 1933, p. 347-368.

Cerulli 1943 = E. Cerulli, Etiopi in Palestina Storia della comunità etiopica di Gerusalemme, Roma, 1943.

Cerone 1902 = F. Cerone, La politica orientale di Alfonso di Aragona, in Archivio storico per le province napoletane, 27, 1902, p. 1-93.

Crawford 1958 = O. G. S. Crawford Ethiopian Itineraries, circa 1400-1524, Cambridge, 1958.

Garretson 1993 = P. Garretson, A note on Relations between Ethiopia and the Kingdom of Aragon in the Fifteenth Century, in Rassegna di studi etiopici, 37, 1993, p. 37-44.

Ghinzoni 1889 = P. Ghinzoni, Un’ambasciata del Prete Gianni a Roma nel 1481, in Archivio Storico Lombardo, 6, 1889, p. 145-154.

Gill 1964 = J. Gill, Le concile de Florence, Roma-Parigi-Tournai-New York, 1964.

Heldman 1990 = M. E. Heldman, A Chalice from Venice for Emperor Dawit of Ethiopia, in Bulletin of the School of Oriental and African Studies, 53-3, 1990, p. 442-445.

Hofmann 1950 = G. Hofmann, Epistolae Pontificiae ad concilium florentinum spectantes, Roma, 1950.

Hünterman 1929 = U. Hüntermann, Bullarium franciscanum continens constitutiones epistolas diplomata romanorum pontificium Eugenii IV et Nicolai V ad tres ordines SPN Francisci spectantia, 1431-1455, Firenze, 1929.

Iorga 1889 = N. Iorga, Notes et extraits pour servir à l’histoire des croisades au XV siècle, Parigi, 1899.

Iorga 1910 = N. Iorga, Cenni sulle relazioni tra l’Abissinia e l’Europa cattolica nei secoli XIV-XV, con un itinerario inedito del secolo XV, in Centenario della nascità di Michele Amari, vol. 1, Palermo 1910, p. 139-150.

Carusi 1904 = E. Carusi, Il diario romano di Jacopo Gherardi da Volaterra, dal VII settembre MCCCCLXXIX al XII agosto MCCCCLXXXIV, in Murartori, Rerum Italicarum scriptores, 23-3, Città di Castello, 1904.

Lefevre 1945 = R. Lefevre, Giovanni Brocchi da Imola e i suoi viaggi in Etiopia, in Annali Lateranensi, 9, 1945, p. 407-444.

Lefevre 1946 = R. Lefevre, Documenti pontifici sui rapporti con l’Etiopia nei secoli XV e XVI, in Rassegna di studi etiopici, 5, 1946, p. 17-41.

Marinescu 1994 = C. Marinescu, La politique orientale d’Alphonse V d’Aragon, roi de Naples, Barcellona, 1994.

Mercati 1939 = G. Mercati, Ultimo contributi alla storia degli Umanisti, vol. 1, Traversariana, Città del Vaticano, 1939 (Studi e testi, 90-91).

Nogara 1927 = B. Nogara (a cura di), Historiarum ab inclinatione Romanorum, 2, §32-47, in Studi inediti et rari di Flavio Biondo, Roma, 1927 (Studi e testi, 48).

Pou y Marti 1939 A = F. Pou Y Marti, Bullarium franciscanum continens constitutiones epistolas diplomata romanorum pontificium Calixti III, Pii II et Pauli II ad tres ordines SPN Francisci spectantia 1455-1471, Firenze, 1939.

Pou y Marti 1939 B = Bullarium franciscanum continens constitutiones epistolas diplomata romani pontificis Sixti IV ad tres ordines SPN Francisci spectantia 1471-1484, Firenze, 1939.

Raineri 1999 = O. Raineri, I doni della Serenissima al re Davide I d’Etiopia, MS Raineri 43 della Vaticana, in Orientalia Christiana Periodica, 65, 1999, p. 363-448.

Raineri 2003 = O. Raineri, Lettere tra i pontefici romani e i principi Etiopici (secoli XII-XX), Città del Vaticano, 2003.

Raynaldus 1643 = O. Raynaldus, Annales ecclesiastici ab anno MCXCVIII ubi desinit Cardinalis Baronius auctore Odorico Raynaldo accedunt, Cologna, 1643.

Richard 1960 = J. Richard, Les premiers missionnaires latins en Éthiopie (XIIe-XIVe siècle), in Atti del convegno internazionale di studi etiopici, (Roma, 2-4 aprile 1959), Roma, 1960, p. 323-329.

Richard 1977 = J. Richard, La papauté et les missions d’Orient au Moyen Âge, Roma, 1977 (Collection de l’École française de Rome, 33).

Santoni 1974 = P. Santoni, Alberto de Sarteano, observant et humaniste envoyé pontifical à Jérusalem et au Caire, in Mélanges de l’École française de Rome, 1, 1974, p. 165-211.

Smith 1969 = L. Smith (a cura di), Epistolario di Pier Paolo Vergerio, Roma, 1969.

Tedeschi 1989 = S. Tedeschi, Etiopi e Copti al concilio di Firenze, in Annuarium Historiae Conciliorum, 21-2, 1989, p. 380-407.

Thomassy 1842 = R. Thomassy, De Guillaume Filastre, considéré comme géographe à propos d’un manuscrit de la géographie de Ptolémée, in Bulletin de la société de Géographie, s. II, 17, 1842, p. 144-155.

de Witte 1956 = Ch.-M. de Witte, Une ambassade éthiopienne à Rome en 1450, in Orientalia Christiana Periodica, 22, 1956, p. 286-298.

Weber 2010 = B. Weber, La bulle Cantate Domino (4 février 1442) et les enjeux éthiopiens du concile de Florence, in Mélanges de l’École française de Rome. Moyen Âge, 122-2, 2010, p. 441-449.

Weber 2012 = B. Weber, Vrais et faux Éthiopiens au XVe siècle en Occident ? Du bon usage des connexions, in Annales d’Éthiopie 27, 2012, p. 107-126.

Zanutto 1904 = L. Zanutto, Il pontefice Bonifazio IX, Udine, 1904.

Haut de page

Notes

1 Il percorso è descritto dettagliatamente in vari itinerari del Quattrocento e degli inizi del Cinquecento : Iorga, 1910, Crawford 1958. Alcuni indizi sembrano indicare, tuttavia, che l’antico tragitto attraverso la Persia e il golfo Persico non era del tutto abbandonato nel Quattrocento.

2 In epoca medievale l’Etiopia era raramente distinta dalla Nubia, si considerava perciò confinante al Nord con l’Egitto.

3 Beckingham 1996, Richard 1960.

4 Beckingham 1989.

5 La maggior parte di questi documenti sono stati elencati in Lefevre 1946 senza, purtroppo, analizzarli. Baum 2001 ricorda i principali contatti pero senza però menzionare le fonti.

6 Richard 1977, p. 259, menziona alcuni indiani (provenienti dall’attuale India) a Roma nel Quattrocento.

7 Thomassy 1842, Marinescu 1994, p. 18, Garretson 1993.

8 De Witte, 1956, Marinescu 1994, p. 198-200.

9 Archivo Segreto Vaticano ( =ASV), Reg. Vat. 445, ff. 124r-124v (salvacondotto), 172r-174v (lettera). La lettera al Negus è stata pubblicata in Raynaldus 1643, ad annum 1456, §45, in Pou y Marti 1939 A, n° 225 e in Raineri 2003, n° 7.

10 Ho studiato i problemi di quest’ambasciata con più dettagli in Weber 2012.

11 Ghinzoni 1889.

12 Paride de Grassis, Tractatus de Oratoribus Romane Curie, Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat. Lat. 12270, ff. 88r-91v, Lefevre, 1945, Ghinzoni 1889.

13 Raineri, 2003, n° 8. Il mese precedente, il papa aveva annunciato al vicario dell’Osservanza francescana in Italia la sua volontà di mandare sei frati in Etiopia : Pou y Marti 1939 B, n° 1568.

14 ASV, Reg. Vat. 352, f. 21v, pubblicato in Lefevre 1946 e in Smith 1969, p. 377, n. 1.

15 Ibid., p. 376-377.

16 Presbytero Iohanni Regi, ac imperatori Ethiopie Illustri. Pubblicata in Hofmann, 1950 n° 38-40. L’originale della lettera è conservato a Ferrara, il che dimostra che la lettera non fu mai inviata.

17 Charissimo in Christo filio Thome, imperatore indorum illustri ; à Charissimo filio presbytero Iohanni, imperatori Ethiopium illustri, Hüntermann n° 444 e Hofmann 1950, n° 209. Vedi anche Santoni 1974.

18 Cerulli 1933 A, Cerulli 1933 B, Gill, 1964, p. 289-294, Tedeschi 1989, Baum, 2001, p. 175-187, Weber 2010.

19 Flavio Biondo racconta di queste conversazioni, delle quali fu segretario : Nogara 1927 p. 19-26.

20 Carusi 1904, p. 156, col. 2.

21 Cerulli 1943, p. 1-19.

22 Iorga 1889, s. 1, p. 159.

23 Santiago di Compostela sembra aver goduto di una popolarità simile, pur essendo ancora più lontana (Si veda il caso dei cinque Etiopi sbarcati a Napoli nel 1430 in Marinescu, 1994, p. 24-25).

24 De longinquius Ethiopie partibus innumerabilibus periculis et laboribus se exponens ad visitanda Apostolorum limina ASV, Reg. Vat. 370, ff. 32r-32v, pubblicato in Lefevre 1946.

25 Fratribus negris de Etiopia […] Limina beatorum apostolorum Petri et Pauli et alia limina alme urbis visitarunt [...] Per nonnullas mundi partes ad visitandum nonnulla limina sanctorum, ASV, Cam. Ap., Div. Cam. 32, f. 217r-217v.

26 Ibid. (febbraio 1466) e ibid. f. 233r (aprile 1466).

27 ASV, Reg. Vat. 610, f. 279v-280v

28 ASV, Reg. Vat. 634, f. 200v-201v, pubblicato in Lefevre 1946.

29 Questo viaggio è l’unico, nel Quattrocento, ad essere documentato da fonti etiopiche, occidentali e copte : Heldman 1990, Raineri 1999, Baum 2001, p. 158-174.

30 Zanutto 1904, p. 37, Baum 2001, p. 158-174.

31 ASV, Reg. Vat. 360, f. 120v, pubblicata in Raynaldus 1643, ad annum 1441, §2 ; Iorga, 1889, S. 2, p. 385.

32 Cerone 1902, in particolare p. 71.

33 Videlicet de reliquiis SS Petri et Pauli apostolrum, de reliquii san Iohannis Batiste, de bracchio san Andree Apostoli, de reliquiis san Iacobi Zebedaei apostoli, de ligno crucis, in qua suspensus fuit beatus Petrus apostolus. Lettera citata nella nota 9.

34 ASV, Reg. Vat. 374, f. 89r-89v.

35 Mercati 1939, p. 12-13.

36 ASV, Cam. Ap., Div. Cam. 20, f. 203r.

37 Duabus pauperibus indianis, ASV, Cam. Ap., Intr. et Ex. 461, f. 81v.

38 ASV, Reg. Vat. 673, f. 495v-496r.

39 Vestimenta et nonnulle pecunie, ASV, Cam. Ap., Div. Cam. 32, f. 217r-217v, 233r.

40 ASV, Cam. Ap., Intr. et Ex. 409, f. 60v, 66r, 67r, 70r, 73r.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Benjamin Weber, « Gli Etiopi a Roma nel Quattrocento : ambasciatori politici, negoziatori religiosi o pellegrini ? », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge [En ligne], 125-1 | 2013, mis en ligne le 01 octobre 2013, consulté le 28 avril 2017. URL : http://mefrm.revues.org/1036 ; DOI : 10.4000/mefrm.1036

Haut de page

Auteur

Benjamin Weber

Università di Toulouse II Le Mirail, benjamin-weber@laposte.net

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • Revues.org